Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
RP2000 V8 "The legacy concept amplifier" - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Share

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7712
    Data d'iscrizione : 2010-04-23

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  biscottino on Sat Oct 01, 2011 5:10 pm

    Lo Zio wrote:
    biscottino wrote:Dobbiamo giudicare un ampli dal suono e criticarlo, se è il caso, solo dopo l'ascolto...non mi venite a dire che siamo diventati tutti progettisti di elettroniche e che abbiamo le capacità di valutare un progetto da quello che ci si mette dentro senza neanche ascoltarlo?

    Sal.
    Salvatore, per il bene che ti voglio: questo è l' unico mercato in cui gli operatori sono così vezzosi che manco Wanda Osiris quando scendeva la scala.

    Ogni limite ha sempre una pazienza.

    Scusa ZIo, ma chi ha parlato di operatori, io ho parlato di forumer che criticano a prescindere l'uso di un alimentazione piuttosto che un altra, di quello che ha scritto il signor Stor m'importa ben poco.

    Sal.

    Lo Zio
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 369
    Data d'iscrizione : 2010-04-29

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Lo Zio on Sun Oct 02, 2011 8:09 pm

    biscottino wrote:
    Scusa ZIo, ma chi ha parlato di operatori, io ho parlato di forumer che criticano a prescindere l'uso di un alimentazione piuttosto che un altra, di quello che ha scritto il signor Stor m'importa ben poco.

    Sal.

    Caro Salvatore,
    rispetto, ma non condivido, la tua posizione.
    Il punto più dolente di questo settore è la mancanza di circolazione delle informazioni. Ci diciamo molte più cose nei nostri contatti personali di quanti non ne scriviamo pubblicamente. C'è la preoccupazione di rovinare la rivendita a un amico. Il terrore di disturbare buoni rapporti con un costruttore, un distributore o un importatore. L' ansia di essere tagliati fuori dal giro giusto: quello che dà accessi privilegiati e trattamenti di favore.

    Questa tolleranza ha prodotto l' acquitrinio: listini ballerini, vendite e acquisti paralleli, nessuna notizia su cosa ci sia dentro un prodotto, come è costruito, la concezione progettuale che lo informa.

    L' amico Arnaldo ha poco sopra sostenuto la bontà delle alimentazioni a commutazione. E' un argomento: so che altri nutrono pareri diversi. Credo meriterebbe una discussione appropriata: specie da parte di chi ci mette a fianco una bancata di doppi triodi trattati criogenicamente in un apparecchio che promette paradisi acustici.

    Ci sono aspetti basilari della circuitazione e costruzione di un' elettronica che dovrebbe essere normale trovare nelle pagine che lo propongono. Si passa da eccentrici a formulare timide domande a riguardo, con il rischio di essere considerati anche importuni.

    Io non so se la persona che si è prodotta in uno spettacolo così penoso stia attraversando un momento di difficoltà personale o abbia deciso di irridere il suo pubblico una volta esaurito il mercato locale.

    So tuttavia che un simile atteggiamento è reso possibile da una comprensione così larga di tanta parte di noi da rasentare l' ignavia.

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7712
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  biscottino on Sun Oct 02, 2011 8:33 pm

    Lo Zio wrote:
    Questa tolleranza ha prodotto l' acquitrinio: listini ballerini, vendite e acquisti paralleli, nessuna notizia su cosa ci sia dentro un prodotto, come è costruito, la concezione progettuale che lo informa.
    La tolleranza ha ben poco a che fare con l'acquitrinio, che c'è sempre stato, mi risulta che ci sono negozianti accomodanti che praticano ottimi sconti e pagamenti dilazionati, io stesso ho preso le ZUAudio nuove con un buono sconto, una ottima permuta ed un comodo pagamento.
    Che tali pratiche le fa Rudistor, Tektron o MHZ, non ci vedo nessun problema, chi poi vuole acquistare tramite il sito, faccia pure, non determina certo questo la serietà di un prodotto e di un costruttore...io stesso sono stato piu' volte interpellato da probsabili acquirenti,sulla possibilità di eventuali sconti dei prodotti MHZ, e ho piu' volte glissato l'argomento dirottando l'acquirente al rapporto diretto col produttore.
    Poi, visto che ormai le cose vermanete originali sono poche, non ci vedo nulla di male a tenere "nascoste" alcune soluzioni progettuali, lo stesso MHZ che progetta i suoi trafo, non avrebbe nessun interesse a pubblicizzare le sue soluzioni sugli avvolgimenti.
    Informare si, ma il giusto...Nelson Pass ha imparato dai suoi sbagli fatti in passato e oggi, se vuoi acquistare un Firstwatt, che è stato sempre un prodotto diy, oggi lo puoi acquistare direttamente da lui, e di questi apparecchi Pass non metterà mai piu' gli schemi in rete come invece prima capitava con i vecchi Pass...per la serie "à'ccà nisciuno è fesso"!!

    Lo Zio wrote:
    L' amico Arnaldo ha poco sopra sostenuto la bontà delle alimentazioni a commutazione. E' un argomento: so che altri nutrono diversi pareri. Credo meriterebbe una discussione appropriata: specie da parte di chi ci mette a fianco una bancata di doppi triodi trattati criogenicamente in un apparecchio che promette paradisi acustici.
    A memoria non ricordo nessun progetto di amplificatore per cuffie o altra elettronica a firma di Arnaldo, tantomeno non c'è ne alcuna a firma dello ZIo o di Biscottino...a parlare siamo tutti buoni, ma in tanti sono capaci di fare tante letture e ottime deduzione, ma in quanto a pratica, come siamo messi?
    Quanti apparecchi abbiamo provato e quali riferimenti possiamo avere?
    Possiamo discutere quanto vogliamo, ma se non mettiamo il jack cuffia nell'ampli e "ascoltiamo", abbiamo ben poco di concreto a parer mio.
    Per quello che riguarda il personaggio in oggetto, ognuno è fatto a modo suo, non sono tutti santi angel !

    Sal.

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Edmond on Sun Oct 02, 2011 10:49 pm

    Fantastici questi thread sulla Rudistor!!!!!!!!!!!!!!!!!!! affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    Prendo atto della cancellazione della produzione in Italia di apparecchi di cui in pochi, dal punto di vista sonico, sentiranno la mancanza.......


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31492
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Massimo on Sun Oct 02, 2011 10:52 pm

    Ben tornato a casa, il viaggio tutto bene? sunny
    scusate l'OT


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Edmond on Sun Oct 02, 2011 11:02 pm

    [MODE OT ON]
    Tutto bene, carissimo, a parte l'ora di coda a Firenze..........
    [MODE OT OFF]


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    Ospite
    Guest

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Ospite on Mon Oct 03, 2011 8:50 am

    Amuro_Rey wrote:
    scrondo wrote:
    Amuro_Rey wrote:Belli ma io continuo a pensare che i prodotti Rudistor hanno prezzi a dir poco folli santa santa santa

    anche il prezzo di certa roba fatta da un cantinaro con zero rivendibilità futura è spesso folle!
    ft ft

    quelle persone/ditte che invece si comportano bene, non vanno a blaterare sui forum e non si legano al recensore di turno... sono smplicemente "non prese in considerazine"!


    OOOOOOO maronna e ke mai ho detto ?
    Per me costano troppo, tutto quà, non ho mica detto che suonano male, anzi probabilmente (non li ho mai sentiti) suonano in modo sublime, ma lo ripeto per me, per le mie tasche per quello che io considero un buon amplificatore hanno prezzi folli, e ke sei er paladino dei Rudistor affraid affraid


    siamo alle solite... vuoi montarte un caso?
    io ti ho solo risposto mica ti ho mandato a quel paese!
    cerca di non vedere fantasmi dove non sono...

    Ospite
    Guest

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Ospite on Mon Oct 03, 2011 8:56 am

    biscottino wrote:
    scrondo wrote:
    il mio tektron avrebbe lo stesso fascino se al posto della rettificatrice ci fosse un ponte diodi?
    direi proprio di no!
    Dipende, una apparecchio deve suonare, non deve essere affascinante...le donne si, che devono essere affascinanti, ma la rettificatrice n'dove gliela metti?? affraid
    PEr la cronaca, non riusciresti mai a mettere una rettificatrice al PACE che lavora a 1000v. , per cui c'è un "normalissimo" ponte di diodi, ma l'ampli suona lo stesso.


    scrondo wrote:
    se progettate bene le alimentazioni sono tutte valide con i loro pro e contro....
    certo che con le case sempre più piccole... una super alimentazione switching è da considerarsi più consona di quella tradizionale.... per il problema disturbi, c'è sempre il rimedio... e se tutte le alimentazioni sono fatte bene il rimedio nemmeno serve!
    Anni fa presi il Raptor di Ray Samuel, ed era progettato con alimentazione switching, mai avuto un problema con ronzii e/o rumori di fondo, e francamente non mi sono mai interessato a come accidenti era fatta l'alimentazione.
    Stesso dicasi per il piccolo MHZ a stadio solido, alimentato con uno switching da pc, problemi 0, ronzii e rumori 0, affidabilità 10.
    Dobbiamo giudicare un ampli dal suono e criticarlo, se è il caso, solo dopo l'ascolto...non mi venite a dire che siamo diventati tutti progettisti di elettroniche e che abbiamo le capacità di valutare un progetto da quello che ci si mette dentro senza neanche ascoltarlo?

    Sal.

    me pare che io non ho detto questo!
    sul fronte raddrizzatrice... me pare che diciamo la stessa cosa... se puoi la metti... altrementi no!
    il fascino è una componente importantissima in un apparecchio audio, se non lo ammetti.... menti a te stesso...

    Ospite
    Guest

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Ospite on Mon Oct 03, 2011 9:24 am

    io non so voi... ma a me sarebbe piaciuto disquisire, seppur in maniera teorica o fino a dove si può arrivare cercando di capire, a proposito della scelta di utilizzare un certo tipo di alimentazione invece di un'altro!
    per le lotte intestine non so cosa dire... se non ... ogniuno ha le sue preferenze.

    ecco, nonostante io abbia un ampli di stile direi... vecchio... non temo nuove esperienze su alimentazioni o stadi di uscita, sono solito pensare (nel lavoro soprattutto) che a problema corrisponde soluzione!

    ao! linn cd 12... usava una alimentazione SMPS! direi che tanto schifo non faceva e il prezzo nemmeno era basso!

    Matboscolo
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 69
    Data d'iscrizione : 2010-09-24
    Località : Sottomarina (VE)

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Matboscolo on Mon Oct 03, 2011 11:42 am

    http://www.videohifi.com/forum/topic.asp?ARCHIVE=&TOPIC_ID=182824


    _________________
    Matteo Boscolo

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Edmond on Mon Oct 03, 2011 11:55 am

    Uno spaccato di vita quotidiana, non c'è che dire.......... santa santa santa


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    Lo Zio
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 369
    Data d'iscrizione : 2010-04-29

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Lo Zio on Tue Oct 04, 2011 5:47 pm

    scrondo wrote:
    ao! linn cd 12... usava una alimentazione SMPS! direi che tanto schifo non faceva e il prezzo nemmeno era basso!

    Caro Arnaldo,
    sei fonte di continue sorprese. Eccepivi la mancanza di ingresso digitale in un lettore cd/sacd da 770 E. di listino, peraltro considerato ottimo, e ritieni degno di nota uno di blasonati acchiappapolli da più di ventimila.
    Misteri della fede.

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7712
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  biscottino on Tue Oct 04, 2011 7:45 pm

    Lo Zio wrote:
    e ritieni degno di nota uno di blasonati acchiappapolli da più di ventimila.
    Misteri della fede.


    Su cosa basi questa tua affermazione?
    Hai mai avuto modo di ascoltarlo?

    Sal


    Last edited by biscottino on Tue Oct 04, 2011 9:07 pm; edited 1 time in total

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8717
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Edmond on Tue Oct 04, 2011 8:01 pm

    Guido, in questo caso posso dirti, per averlo ascoltato spesso e bene da Nik, che il Linn CD-12 era ed è un signor lettore.........


    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    biscottino
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7712
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 45
    Località : Gragnano (Napoli)

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  biscottino on Tue Oct 04, 2011 9:10 pm

    Edmond wrote:Guido, in questo caso posso dirti, per averlo ascoltato spesso e bene da Nik, che il Linn CD-12 era ed è un signor lettore.........

    Insieme a Nagra e PAthos Endorphine, i migliori lettori cd integrati ascoltati di sempre...ma forse lo Zio è di avviso diverso e mi piacerebbe sapere come, quando e perchè?

    Sal.

    Ospite
    Guest

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Ospite on Wed Oct 05, 2011 8:06 am

    Lo Zio wrote:

    Caro Arnaldo,
    sei fonte di continue sorprese. Eccepivi la mancanza di ingresso digitale in un lettore cd/sacd da 770 E. di listino, peraltro considerato ottimo, e ritieni degno di nota uno di blasonati acchiappapolli da più di ventimila.
    Misteri della fede.

    ho mostrato semplicemente un prodotto costosissimo ma con alimentazione smps!
    il lettore Pioneer è fondamentalmente sballato per il pubblico a cui si riferiva... ma era ottimamente suonante... è chiaro che tu non solo non hai letto bene la mia recensione ma cerchi di stravolgerla a tuo piacimento per attaccarmi.
    vedi caro .... io sono solito disquisire delle cose non delle persone... cosa ben diversa da molti di voi che poveri di argomenti.... vi buttate sull'offesa!!
    non ti vedo menzionare il progetto RAC, non ti vedo menzionare la mia trasparenza... ti vedo solo a fare le pulci ad una recensione che purtroppo hai anche letto male!

    rifletti meglio... fa un favore a te stesso e a chi deve per der tempo a leggere le accuse sballate che fai!

    Lo Zio
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 369
    Data d'iscrizione : 2010-04-29

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Lo Zio on Wed Oct 05, 2011 12:39 pm

    Gentili amici,
    vi ringrazio per le vostre obiezioni. Credo che il discorso vada svolto dall' inizio e probabilmente tocchi differenze di accostamento a questo settore non piccole e del tutto legittime.
    Io non ho ascoltato il CD-player Linn 12 e non mi permetto di giudicarne il suono. Conosco l' esperienza e la proibità degli amici Edmond e Salvatore e, per quel che mi riguarda, il loro parere vale da solo una garanzia.

    Dove si situa allora la nostra discordanza? Io credo che un oggetto hi-fi non consista solamente in ciò di immateriale che vi estraiamo, "il suono", ma anche della concretezza materiale e intellettuale ivi contenuta.

    Non diffido del parere degli amici, dal cui confronto cerco di imparare: ma so che l' attribuzione di valore in campo estetico, specie nel suo versante empiricamente percettivo, è quanto di più indecidibile e soggettivo, quindi incomunicabile e intersoggettivamente non oggettivabile. Questo non inficia l' utilità dei pareri di ascolto, di cui come è noto sono ghiotto, ma ne determina la giusta cautela del loro uso, nella consapevolezza di una miriade di variabili che possono determinare l' ascolto di ciascuno.

    Ciò che invece è maggiormente oggettivabile è l' insieme delle soluzioni, progettuali e costruttive, implementate, con un occhio alla storia dello sviluppo industriale. Esso è andato, per scelta delle grandi aziende, che prevedono, determinano e informano il mercato, nella direzione della semplicità di utilizzo, della riduzione dei costi, della leggerezza degli apparati, del risparmio termico, della riduzione di spazio.

    Pertanto, mentre è giustificabile un aumento di costo di soluzioni progettuali e costruttive che consapevolmente si muovono in direzione opposta, nella riscoperta, carica di fascino, di un mondo passato, esso diventa fortemente sospetto quando implementa le situazioni individuate dalla tecnica per abbattere i costi, diminuire i volumi, aumentare l' efficienza energetica.

    Per fare un esempio banale: posso capire i costi esorbitanti di un amplificatore a valvole SE, qualora impieghi materiali e curatele di prima qualità, non li concepisco per uno stato solido di pari potenza e superiore efficienza energetica, soprattutto quando adotta le soluzioni che consentono maggiori risparmi (le quali, come noto, vanno ricercate soprattutto nella parte alimentatrice).

    Capisco il prezzo esorbitante di un monumento meccanico come il Naim 555 (alimentazione separata di grandi dimensioni, meccanica di lettura sospesa a molle che ricalca quella di un giradischi), trovo assurdo quello di un apparechio così dimesso nella sua presentazione come il Linn 12, che non mi pare abbia dalla sua il vanto di soluzioni originali proprietarie, come invece il succitato Nagra, che dichiara l' uso di filtri digitali di propria ed esclusiva concezione (è un evento assai raro: i filtri digitali sono pochi e venduti alle diverse aziende che li inseriscono nei loro lettori, . Le sorgenti digitali non sono altro, nella più parte dei casi, che un assemblaggio ragionato dei componenti correnti in quel dato momento). Il Nagra costa molto: ciononostante il suo prezzo è la metà di quello del Linn12.

    Per questo il rilievo dell' amico Arnaldo, di cui non capisco il dispetto in una conversazione che si vorrebbe amena e forse anche istruttiva, non ha valore alcuno. Perché fa del prezzo ciò che conferisce valore invece di esserne il risultato.

    Ospite
    Guest

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  Ospite on Wed Oct 05, 2011 2:34 pm

    Lo Zio wrote:Per questo il rilievo dell' amico Arnaldo, di cui non capisco il dispetto in una conversazione che si vorrebbe amena e forse anche istruttiva, non ha valore alcuno. Perché fa del prezzo ciò che conferisce valore invece di esserne il risultato.

    continui a non leggere bene!
    ti ho fatto notare che interpreti male il mio scritto!
    provo di nuovo... scandalizzarsi per l'utilizzo di un alimentatore smps su un apparecchio costoso come il v8 dovrebbe far riflettere poichè su altri cone il cd12 non ci si è scandalizzati ma addirittura si è titolato.... il migliore cdp al mondo!

    per me tante volte ci si scandalizza inutilmente... o perchè si ha qualche sassolino nella scarpa!

    per gli ampli SE...Domanda: quella è una tua opinione basata su cosa?

    scsami caro ... ma non comprendo come possa esserci un legame con la mia critica rivolta al Pioneer!

    PS: almeno io i Pioneer li ho avuti a casa per provarli e li ho anche aperti e studiati sotto tutti i punti di vista, oltre che ascoltati!

    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21547
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: RP2000 V8 "The legacy concept amplifier"

    Post  pluto on Wed Oct 05, 2011 2:35 pm

    Zio, mi permetto

    credo tu abbia una percezione sbagliata del Linn CD 12 e questo spiega il tuo commento. E' esattamente il contrario.

    Il Linn che ho avuto x 3 settimane in casa e che poi non ho preso xchè volevo anche il SACD è uno straordinario lettore CD e la sua costruzione meccanica non teme rivali. é scavato dal pieno di un blocco unico con un costo spropositato di partenza. Grande importanza venne data proprio al problema oscillazioni, vibrazioni etc. I materiali sono tutti di primordine e personalmente lo preferisco ancora ai lettori successivi di casa Linn
    Sull'estetica è difficile discutere xchè rientriamo nel soggettivo - personalmente la apprezzavo molto. Ma l'aspetto minimalista era fortemente voluto, mentre il retro era semplicemente superbo.

    Inoltre posso assicurare che l'impressione tattile non temeva il confronto con il 2 telai Mark Levinson top di gamma (anch'esso costruito come una corazzata (l'ho avuto e quindi credo di poter dire la mia con una qualche ragione).

    Comunque ogni opinione è rispettabile, ma credo che se tu l'avessi avuto x un paio di gg, avresti sicuramente rivisto la tua opinione

    Ciao
    Gian

      Current date/time is Fri Dec 09, 2016 1:01 am