Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
contro la logica del DRM ovvero sulla legge delle grandi masse
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    contro la logica del DRM ovvero sulla legge delle grandi masse

    Share

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    contro la logica del DRM ovvero sulla legge delle grandi masse

    Post  piroGallo on Mon Dec 19, 2011 9:33 am

    La musica e, in generale le forme culturali di qualsiasi natura, non possono essere compresse entro perimetri condizionati da semplici parametri economici, perché la sua fruizione è un diritto inalienabile del genere umano.

    Ne consegue che qualsiasi battaglia venga intrapresa per conservare diritti acquisiti sulla base delle leggi del profitto, diritti che, beninteso devono essere riconosciuti a chiunque intraprenda e investa risorse per ricavarne benefici conseguenti alle regole della domanda e dell'offerta, nel caso della produzione musicale sono inesorabilmente destinate a diventare battaglie di retroguardia con esiti fallimentari.

    Questo non significa che chi produce musica non debba essere retribuito, tuttaltro.
    Significa solo che le logiche produttive devono adeguarsi a due potenti fenomeni che faranno cambiare, volenti o nolenti, lo scenario attuale: il desiderio universale di fruizione di emozioni e la tecnologia informatica (o tecnologia tout court).

    Nel caso specifico l'evoluzione è stata innescata dalla capacità di scaricare e utilizzare musica dalla rete, contrapposta alla politica miope delle major.

    Ne tengano conto i moralisti (falsi o autentici) che pontificano sull'illegalità della libera fruizione di musica presente in rete distribuendo patenti di onorabilità in base a quanti soldi vengono spesi per acquistare la musica.

    Ci sono altri modi per liberare risorse a favore di coloro che producono musica e di coloro che vorrebbero liberarsi dalla sgradevole etichetta di "pirati". Un esempio? Eccolo:

    http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=16497

    Questa è la direzione che sarà ineluttabilmente seguita sulla spinta delle masse desiderose di fruire delle emozioni che la cultura sa offrire.

    Ed ecco un esempio di battaglia destinata alla sconfitta:

    http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=16489

    Se, in questa visione, i produttori di apparecchi riproduttivi di qualità, sapranno inserirsi, il futuro dell'hifi sarà più roseo del previsto.


    _________________
    Gianni

     

    "L'uomo che non ha la musica nel cuore ed è insensibile ai melodiosi accordi
    è adatto a tradimenti, inganni e rapine; i moti del suo animo sono spenti come la notte,
    e i suoi appetiti sono tenebrosi come l'Erebo: non fidarti di lui."
    (William Shakespeare, Il mercante di Venezia)

    "Meno muggiti e più ruggiti"
    (Autocitazione)

      Current date/time is Wed Dec 07, 2016 11:14 pm