Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Share

    hr
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 557
    Data d'iscrizione : 2010-01-26

    Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  hr on Mon Dec 26, 2011 1:45 am

    Ciao a TUTTI.
    Eccomi qui a raccontarVi di due ascolti, uno che risulta l’ennesima conferma negativa dopo 5/6 audizioni degli stessi oggetti assecondati da diversi partner acustici, e di un altro che definire un bellissimo ascolto e’ molto riduttivo. Entrambe le audizioni sono avvenute in quel di Tokyo, (Japan) il 23 Dicembre 2011.

    Il primo sistema era cosi’ allestito:

    Ampli integrato Luxman 509u
    Lettore cd/sacd Luxman D-08
    Diffusori ProAc D38R
    Filtro di rete Accuphase
    Cavi di segnale, Potenza ed alimentazione Acrolink
    Sala: 4x6 mt
    Acustica: Curata con dei Tube Traps

    L’ascolto avviene con i miei dischi preferiti, software di riferimento assoluto sia artisticamente che tecnicamente che varia dal jazz acustico e contemporaneo, musica classica, musica italiana, rock e new age. Dalle prime note si comprende subito che vi e’ una netta mancanza di dinamica sopratutto nelle frequenze inferiori ed una falsa estensione accentuata dal medio-basso con una gobba (quelli che tanti idiofili chiamano naturale e che nella realta’ non esiste); la gamma bassa e’ poco modulata/smorzata e soprattutto con una coda lunga chilometri. La gamma media superiore era un po avanti nella prospettiva, conseguenza di un’enfasi in una banda di frequenza dove si incrociano il medio ed il tw. Questa gamma di enfasi nel medio superiore ed alto inferiore faceva notare mancanza di dettaglio e nello stesso tempo tendeva a snellire i colori tonali degli strumenti che dovevano avere un’energia rilevante in questa banda di frequenza. La presentazione di medi ed alti risultava senza coerenza e l’acuto, oltre a mancare di estensione, restituiva un suono acido ed algido nello stesso tempo. Con i toni dei pedali d’organo si percepivano chiaramente queste mancanze ed avendo posseduto per tanti anni le ProAc D38 posso affermare con mera certezza che questi diffusori riproducono tutto con la massima fedelta’ e linearita’ e che non sono loro i responsabili di una prestazione cosi negativa; anzi direi che nel tempo ho riscontrato gli stessi difetti con altri diffusori (spendor sp100r, magneplanar 1.7, b&w 803d) e le medesime elettroniche. I violini che suonavano nei loro registri piu’ bassi risultavano alterati da code ed accentuate eufonie; gli strumenti tipo il sassofono suonavano poveri di armoniche e tendevano a suonare sottili, piuttosto che densamente e naturalmente colorati. La chitarra acustica riprodotta, dalla pochissima risoluzione, enfatizzava l’attacco delle corde piu’ che la calda risonanza del corpo dello strumento. A livello tonale questi strumenti ricchi di energia in questa banda di frequenza erano spostati molto in avanti. La grana e’ grossa, il dettaglio e’ scarso (tanti dettagli delle registrazioni non sono udibili), la velocita’ nei transienti, sopratutto quelli ad alta frequenza, avevano poco impatto e forza; nei pieni orchestrali si percepivano con facilita’ le grosse limitazioni di questi parametri associati da chiara compressione. Rilevo che queste caratteristiche oltre ad allontanarsi dalla neutralita’ assoluta risultavano alle mie orecchie sgradevoli ed affaticanti, sinonimo di poca delicatezza e risoluzione. Il soundstage risultava scuro con sovrapposizione degli strumenti; poco trasparente con i vari solisti e strumenti dalle dimensioni piccole e schiacciati verticalmente. Nel complesso la prestazione di questo set-up mi ricorda una esperienza di ascolto recente molto deludente, come avere una rosa (ProAc D38/R) piena di spine (il resto). Mi rendo conto che descrivere un suono non e’ per nulla facile, ma spesso non riusciamo a farlo perche’ esiste una visione molto limitata e ristretta. Bisogna aprire gli occhi, orecchie e cercare di scoprire delle realta’ sonore, simili a quelle descritte, che definire "scarse" potrebbe gia’ essere tanto. Senza possedere una discreta conoscenza di come gli strumenti acustici suonino nella realta’ sara’ un compito piuttosto arduo (direi impossibile) descrivere i suoni con correttezza e competenza!! Pero’ c’e’ sempre l’iodiofilo ambiguo di turno, munito dalla lingua biforcuta, incompetente, al 99,9 % non in grado di riconoscere il suono di un violino da una viola, o quello prodotto da un contrabasso nelle ottave piu’ alte da quello di un violoncello, che si sveglia la mattina ed inizia a fantasticare/blaterare sui vari forum nazionali lodando un brutto anatroccolo che non diventera’ mai un bellissimo cigno!! Che brutta realta’!!

    Passiamo al secondo sistema (FANTASTICO) cosi’ allestito:

    Finale di potenza Balabo BP-1 MK-II
    Preamplificatore Balabo BC-1-MK-II
    Lettore cd Nagra CDC
    Diffusori Peak Consult
    Filtro di rete Accuphase
    Cavi di segnale, Potenza ed alimentazione Acrolink
    Sala: 4.50x6 mt
    Acustica: Curata con dei Tube Traps

    Il suono e’ estremamente autorevole, compatto e corretto nel rispettare le proporzioni dei solisti ed orchestra. Tutti i generi musicali suonano molto bene e questo e’ un gran pregio che trova la sua massima espressione nella riproduzione naturale delle voci e degli strumenti acustici. La gamma bassa si presenta materica, profonda, intelleggibilmente articolata, controllata e priva di rigonfiamento. La gamma media e’ ricca di armoniche,concreta, rifinita, raffinatissima, naturale, avvolgente e fluida. Gli acuti sono nitidi, amalgati con le frequenze medie ed assolutamente mai affaticanti. L’escursione dinamica e’ eccelente e non mostra mai alcun limite di cedimento. I transienti risultano drammaticamente veloci. Nei pieni orchestrali non si avvertono incertezze e la spinta energetica, affidata al poderoso finale Balabo, consente uno spettacolo reale di ascolto. Anche a livelli elevati di ascolto non risulta nessuna compressione di suono o riduzioni fisiche del soundstage. Il timbro naturale del pianoforte viene rispettato nella sua materica compostezza, sfoderando una resa ottimale alle ottave basse e rigorosa coesione di elevato ritmo nei registri e negli accordi. Le voci maschili e femminili sono naturali e vivide e quindi dal giusto colore tonale. La grana e’ assente, il silenzio tra le note e’ la pulizia sono incredibili, la propensione al dettaglio e alla sfumatura sono associati da una trasparenza di altissimo livello. La tridimensionalita’ del palcoscenico virtuale risulta correttamente proporzionata nel 3d. La profondita’e’ ottima. Gli strumenti al interno del 3d sono stabili, focalizzati, contornati da un’ariosita’ naturale e fisicamente espolivi (quando serve) e cio’ rende agevole riconoscere l’intervento degli stessi. Eccellente la microdinamica e macrodinamica. Nella sua completezza tale sistema mi ha trasmesso un ascolto che rende molto "reali" gli esecutori. Sparisce in pratica quella sensazione di musica riprodotta. Uno sistema di indubbia ed indiscussa qualita’, soprattutto per la raffinatezza della riproduzione del messaggio musicale. Uno dei miei migliori ascolti in assoluto che e’ in grado di produrre risultati di suono impressionanti. Complimenti!!

    Osaka, 26 Dicembre 2011


    _________________
    Ciao & Enjoy the Music!
    Rocco

    "Ich denke nur Musik - J. Brahms"

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5392
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  Rudino on Mon Dec 26, 2011 10:40 am

    Ahi ahi ahi....
    Prevedo scintille....


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  ema49 on Mon Dec 26, 2011 10:53 am

    hr wrote:Ciao a TUTTI.
    Eccomi qui a raccontarVi di due ascolti, uno che risulta l’ennesima conferma negativa dopo 5/6 audizioni degli stessi oggetti assecondati da diversi partner acustici, e di un altro che definire un bellissimo ascolto e’ molto riduttivo. Entrambe le audizioni sono avvenute in quel di Tokyo, (Japan) il 23 Dicembre 2011.

    Il primo sistema era cosi’ allestito:

    Ampli integrato Luxman 509u
    Lettore cd/sacd Luxman D-08
    Diffusori ProAc D38R
    Filtro di rete Accuphase
    Cavi di segnale, Potenza ed alimentazione Acrolink
    Sala: 4x6 mt
    Acustica: Curata con dei Tube Traps

    L’ascolto avviene con i miei dischi preferiti, software di riferimento assoluto sia artisticamente che tecnicamente che varia dal jazz acustico e contemporaneo, musica classica, musica italiana, rock e new age. Dalle prime note si comprende subito che vi e’ una netta mancanza di dinamica sopratutto nelle frequenze inferiori ed una falsa estensione accentuata dal medio-basso con una gobba (quelli che tanti idiofili chiamano naturale e che nella realta’ non esiste); la gamma bassa e’ poco modulata/smorzata e soprattutto con una coda lunga chilometri. La gamma media superiore era un po avanti nella prospettiva, conseguenza di un’enfasi in una banda di frequenza dove si incrociano il medio ed il tw. Questa gamma di enfasi nel medio superiore ed alto inferiore faceva notare mancanza di dettaglio e nello stesso tempo tendeva a snellire i colori tonali degli strumenti che dovevano avere un’energia rilevante in questa banda di frequenza. La presentazione di medi ed alti risultava senza coerenza e l’acuto, oltre a mancare di estensione, restituiva un suono acido ed algido nello stesso tempo. Con i toni dei pedali d’organo si percepivano chiaramente queste mancanze ed avendo posseduto per tanti anni le ProAc D38 posso affermare con mera certezza che questi diffusori riproducono tutto con la massima fedelta’ e linearita’ e che non sono loro i responsabili di una prestazione cosi negativa; anzi direi che nel tempo ho riscontrato gli stessi difetti con altri diffusori (spendor sp100r, magneplanar 1.7, b&w 803d) e le medesime elettroniche. I violini che suonavano nei loro registri piu’ bassi risultavano alterati da code ed accentuate eufonie; gli strumenti tipo il sassofono suonavano poveri di armoniche e tendevano a suonare sottili, piuttosto che densamente e naturalmente colorati. La chitarra acustica riprodotta, dalla pochissima risoluzione, enfatizzava l’attacco delle corde piu’ che la calda risonanza del corpo dello strumento. A livello tonale questi strumenti ricchi di energia in questa banda di frequenza erano spostati molto in avanti. La grana e’ grossa, il dettaglio e’ scarso (tanti dettagli delle registrazioni non sono udibili), la velocita’ nei transienti, sopratutto quelli ad alta frequenza, avevano poco impatto e forza; nei pieni orchestrali si percepivano con facilita’ le grosse limitazioni di questi parametri associati da chiara compressione. Rilevo che queste caratteristiche oltre ad allontanarsi dalla neutralita’ assoluta risultavano alle mie orecchie sgradevoli ed affaticanti, sinonimo di poca delicatezza e risoluzione. Il soundstage risultava scuro con sovrapposizione degli strumenti; poco trasparente con i vari solisti e strumenti dalle dimensioni piccole e schiacciati verticalmente. Nel complesso la prestazione di questo set-up mi ricorda una esperienza di ascolto recente molto deludente, come avere una rosa (ProAc D38/R) piena di spine (il resto). Mi rendo conto che descrivere un suono non e’ per nulla facile, ma spesso non riusciamo a farlo perche’ esiste una visione molto limitata e ristretta. Bisogna aprire gli occhi, orecchie e cercare di scoprire delle realta’ sonore, simili a quelle descritte, che definire "scarse" potrebbe gia’ essere tanto. Senza possedere una discreta conoscenza di come gli strumenti acustici suonino nella realta’ sara’ un compito piuttosto arduo (direi impossibile) descrivere i suoni con correttezza e competenza!! Pero’ c’e’ sempre l’iodiofilo ambiguo di turno, munito dalla lingua biforcuta, incompetente, al 99,9 % non in grado di riconoscere il suono di un violino da una viola, o quello prodotto da un contrabasso nelle ottave piu’ alte da quello di un violoncello, che si sveglia la mattina ed inizia a fantasticare/blaterare sui vari forum nazionali lodando un brutto anatroccolo che non diventera’ mai un bellissimo cigno!! Che brutta realta’!!


    mamma mia.. santa ..ma sei sicuro che non ci fosse in corso uno dei tanti terremoti.. Laughing


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5721
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  phaeton on Mon Dec 26, 2011 11:00 am

    Rudino wrote:Ahi ahi ahi....
    Prevedo scintille....

    basterebbe non leggere/rispondere, o no?.... e' una tristezza leggere thread che magari potevano essere interessanti (le epserienze di ascolto di alto livello sono sempre interessanti) che degenerano in bambinesche ripicche personali per motivi che definire futili e' fare un complimento....

    azz, ma mi accorgo che in questo modo anch'io sto alimentando il thread... chiedo venia.... passo e chiudo....




    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  ema49 on Mon Dec 26, 2011 11:15 am

    phaeton wrote:

    basterebbe non leggere/rispondere, o no?.... e' una tristezza leggere thread che magari potevano essere interessanti (le epserienze di ascolto di alto livello sono sempre interessanti) che degenerano in bambinesche ripicche personali per motivi che definire futili e' fare un complimento....

    azz, ma mi accorgo che in questo modo anch'io sto alimentando il thread... chiedo venia.... passo e chiudo....



    o scherzarci sopra...una risata li seppellirà.. Laughing Laughing Laughing


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  matley on Mon Dec 26, 2011 11:31 am

    ema49 wrote:

    o scherzarci sopra...una risata li seppellirà.. Laughing Laughing Laughing


    seppellire...
    mmhh...ottima idea direi.. Laughing Laughing Laughing Laughing

    'ngiorno barbuto..


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    criMan
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1198
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 43
    Località : Velletri (Roma)

    Grazie per l'esperienza...

    Post  criMan on Mon Dec 26, 2011 11:35 am

    Ma se vieni a casa mia ... scappi dopo il primo CD santa



    _________________
    Il mio impiantino hifi: ampli Harman/Kardon 990 - diffusori Indiana Line Diva 655 - sorgenti Onix Sacd15 , Pioneer BDP 170 , PS3

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  ema49 on Mon Dec 26, 2011 11:46 am

    matley wrote:
    'ngiorno barbuto..

    'ngiorno...


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  matley on Mon Dec 26, 2011 11:53 am

    azz...il Natale non LO ha cambiato una beata minkia...

    ... devil devil devil devil devil


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  ema49 on Mon Dec 26, 2011 11:58 am



    ..e sapessi cosa ti sto preparando per capodanno...
    non te lo immagini neppure.. Laughing Laughing


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  matley on Mon Dec 26, 2011 11:59 am

    ovvia...
    abbiamo stemperato l'ambiente...speriamo bene... affraid affraid affraid affraid affraid affraid


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5721
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  phaeton on Mon Dec 26, 2011 12:13 pm

    applausi applausi applausi applausi
    questo si che e' un forum!!!!!!!!! SIETE GRANDISSIMI!!!!!!!!!

    tanto su queste cose solo ridere si puo' cheers cheers cheers cheers

    appropo', ma in Jap oltre ai condizionatori di rete non dovrebbero avere anche i giroscopi per stabilizzare contro i terremoti? affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid



    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6716
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  piroGallo on Mon Dec 26, 2011 12:19 pm

    hr wrote:Ciao a TUTTI.
    Eccomi qui a raccontarVi di due ascolti, uno che risulta l’ennesima conferma negativa dopo 5/6 audizioni degli stessi oggetti assecondati da diversi partner acustici, e di un altro che definire un bellissimo ascolto e’ molto riduttivo.
    Vedi, caro hr, il tuo racconto avrebbe potuto essere un interessante resoconto comparato di due sistemi molto diversi e, in quanto tale, utile al forum ed ai suoi frequentatori.
    Avrebbe potuto, ma non è stato.
    Perchè il tuo racconto è inquinato.
    Inquinato dalla polemica; dall'astio, dal rancore verso qualcuno, sua esso singolo o categoria.
    Ed allora sappi, caro hr, che di valore per chi legge, il tuo racconto proprio non ne ha; perchè l'inquinamento lo rende sospetto, poco credibile. E poco importa se in esso c'è del vero; l'intorbidimento che hai voluto creare crea diffidenza e difficoltà a credere alle verità che esprime, se ve ne sono.
    Hai perso una buona occasione per rendere un buon servizio al forum.
    E lo hai fatto per amor di polemica, perchè hai voluto invelenire il racconto accontentandoti di scrivere solo per esibizionismo e per colpire qualcuno.
    E queste cose te le dico, bada bene, da semplice forumer quale sono. Infastidito dal tempo che ho perso credendo di leggere cose interessanti e limpide.

    E pazienza se la maggioranza avrebbe voluto soprassedere. Non siamo tutti uguali, per fortuna.


    _________________
    Gianni

     

    "L'uomo che non ha la musica nel cuore ed è insensibile ai melodiosi accordi
    è adatto a tradimenti, inganni e rapine; i moti del suo animo sono spenti come la notte,
    e i suoi appetiti sono tenebrosi come l'Erebo: non fidarti di lui."
    (William Shakespeare, Il mercante di Venezia)

    "Meno muggiti e più ruggiti"
    (Autocitazione)

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5721
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  phaeton on Mon Dec 26, 2011 12:42 pm

    piroGallo wrote:
    Vedi, caro hr, il tuo racconto avrebbe potuto essere un interessante resoconto comparato di due sistemi molto diversi e, in quanto tale, utile al forum ed ai suoi frequentatori
    ..................
    E pazienza se la maggioranza avrebbe voluto soprassedere. Non siamo tutti uguali, per fortuna.

    Piro, avevo deciso di non intervenire nel thread (che ho letto solo perche' non ero loggato, avendo da tempo settato la blacklist) pero' visto il clima civile provo a fare un appunto. chi scrive lo fa con cognizione di causa, chi legge lo fa con intelligenza: cio' premesso, pare del tutto evidente che il resoconto di ascolto e' solo una scusa per dire altro.... ok perfetto, e qual e' il problema? chi lo ha letto avra' capito che e' falso proprio perche' "inquinato" come giustamente dici tu, e al massimo avra' perso 10min.... basta passare oltre (e magari settare la blacklist come ho fatto io).... perche' rispondere? rispondendo nel merito si da solo "ufficialita'" al thread..... io la penso cosi', e penso che non sia utile rispondere a post falsi....


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    spiritolibero66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 366
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 50
    Località : Civitavecchia

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  spiritolibero66 on Mon Dec 26, 2011 12:51 pm

    Io sono un ignorante, un superficiale...e lo so.Ascolto musica, tutto qui.
    Ma quanta saccenza e presunzione leggo...
    Oggi ho ascoltato un vecchio disco della PFM con un catena audio da, forse, 1000 euro e...mi ha tremato l'anima!

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6716
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  piroGallo on Mon Dec 26, 2011 1:00 pm

    phaeton wrote:.... basta passare oltre (e magari settare la blacklist come ho fatto io).... perche' rispondere? rispondendo nel merito si da solo "ufficialita'" al thread..... io la penso cosi', e penso che non sia utile rispondere a post falsi....
    Si, ti capisco e con la ragione concordo con te.
    E' che a volte non c'è a portata di mano qualche presidio medico per farsi passare il prurito alle mani. Che ci vuoi fare...
    La saggezza a volte non basta da sola, ci vuole anche la capacità di saperla esercitare.


    _________________
    Gianni

     

    "L'uomo che non ha la musica nel cuore ed è insensibile ai melodiosi accordi
    è adatto a tradimenti, inganni e rapine; i moti del suo animo sono spenti come la notte,
    e i suoi appetiti sono tenebrosi come l'Erebo: non fidarti di lui."
    (William Shakespeare, Il mercante di Venezia)

    "Meno muggiti e più ruggiti"
    (Autocitazione)

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  ema49 on Mon Dec 26, 2011 1:09 pm

    piroGallo wrote:
    E' che a volte non c'è a portata di mano qualche presidio medico per farsi passare il prurito...

    Farganesse sciroppo, un cucchiaio x3/die, prima dei pasti..


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5721
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  phaeton on Mon Dec 26, 2011 1:34 pm

    ema49 wrote:

    Farganesse sciroppo, un cucchiaio x3/die, prima dei pasti..

    affraid affraid affraid affraid affraid affraid

    dotto', la mi dica, e per quel mio fastidioso prurito alle 'recchie che mi consiglia?
    cosa?
    come dice?
    dovrei togliere le fette di prosciutto 'muffito???????? ma fanno tanto pandant!!!!

    affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    phaeton
    Moderatore suonologo
    Moderatore suonologo

    Numero di messaggi : 5721
    Data d'iscrizione : 2010-08-27

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  phaeton on Mon Dec 26, 2011 1:46 pm

    piroGallo wrote:............
    La saggezza a volte non basta da sola, ci vuole anche la capacità di saperla esercitare.

    da oggi chiamatemi suonologo - aka buddha il saggio - aka giacobbe il paziente

    affraid affraid affraid


    _________________
    Knowledge is based on Experience, Everything else is just Information

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  ema49 on Mon Dec 26, 2011 1:58 pm

    phaeton wrote:

    da oggi chiamatemi suonologo - aka buddha il saggio - aka giacobbe il paziente

    affraid affraid affraid

    akaciertu, che fai, babbii? (Fiorello, imitazione di Camilleri,trad: eh, certo, che fai, scherzi?)








    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  Testini Ugo on Mon Dec 26, 2011 3:12 pm

    spiritolibero66 wrote:Io sono un ignorante, un superficiale...e lo so.Ascolto musica, tutto qui.
    Ma quanta saccenza e presunzione leggo...
    Oggi ho ascoltato un vecchio disco della PFM con un catena audio da, forse, 1000 euro e...mi ha tremato l'anima!

    Troppo attento alla musica e poco audiofilo, Forum sbagliato, detto sinceramente, senza critiche e condividendo ciò che hai scritto; ma qui ed adesso, la passione che brucia di più è per la catena, non tanto per ciò che riproduce.


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  Testini Ugo on Mon Dec 26, 2011 3:18 pm

    piroGallo wrote:
    Vedi, caro hr, il tuo racconto avrebbe potuto essere un interessante resoconto comparato di due sistemi molto diversi e, in quanto tale, utile al forum ed ai suoi frequentatori.
    Avrebbe potuto, ma non è stato.
    Perchè il tuo racconto è inquinato.
    Inquinato dalla polemica; dall'astio, dal rancore verso qualcuno, sua esso singolo o categoria.
    Ed allora sappi, caro hr, che di valore per chi legge, il tuo racconto proprio non ne ha; perchè l'inquinamento lo rende sospetto, poco credibile. E poco importa se in esso c'è del vero; l'intorbidimento che hai voluto creare crea diffidenza e difficoltà a credere alle verità che esprime, se ve ne sono.
    Hai perso una buona occasione per rendere un buon servizio al forum.
    E lo hai fatto per amor di polemica, perchè hai voluto invelenire il racconto accontentandoti di scrivere solo per esibizionismo e per colpire qualcuno.
    E queste cose te le dico, bada bene, da semplice forumer quale sono. Infastidito dal tempo che ho perso credendo di leggere cose interessanti e limpide.

    E pazienza se la maggioranza avrebbe voluto soprassedere. Non siamo tutti uguali, per fortuna.

    A me personalmente ha reso un gran servizio questo post, perchè mi ha fatto conoscere sia una nuova marca di amplificazioni che di diffusori, però forse non importata in Italia; e poi lasciamo un pò di margine di dubbio per cui il post, non che la prova d'ascolto, non fosse per forza "viziata" e finalizzata a screditare qualcuno o qualcosa...in effetti però il pregresso non giova, però...siamo pur sempre in democrazia audiofila.... o no?


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  Geronimo on Mon Dec 26, 2011 3:20 pm

    Testini Ugo wrote:

    Troppo attento alla musica e poco audiofilo, Forum sbagliato, detto sinceramente, senza critiche e condividendo ciò che hai scritto; ma qui ed adesso, la passione che brucia di più è per la catena, non tanto per ciò che riproduce.

    Il Gazebo è pieno di musicofili che hanno completa cittadinanza come gli audiofili. Il problema è che mentre i primi sono più riservati, sono i secondi ad avere più visibilità perchè più casinari


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    spiritolibero66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 366
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 50
    Località : Civitavecchia

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  spiritolibero66 on Mon Dec 26, 2011 3:21 pm

    Testini Ugo wrote:

    Troppo attento alla musica e poco audiofilo, Forum sbagliato, detto sinceramente, senza critiche e condividendo ciò che hai scritto; ma qui ed adesso, la passione che brucia di più è per la catena, non tanto per ciò che riproduce.

    Ma anche in me c'è passione(anche tanta aggiungerei)per le elettroniche delle nostre catene audio...cosciente però che sono "il mezzo" per raggiungere "il fine"...
    la musica!

    Testini Ugo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2592
    Data d'iscrizione : 2011-03-17
    Età : 37
    Località : Mestre-Venezia

    Re: Listening Sessions - Tokyo 23/12/2011

    Post  Testini Ugo on Mon Dec 26, 2011 3:23 pm

    Geronimo wrote:

    Il Gazebo è pieno di musicofili che hanno completa cittadinanza come gli audiofili. Il problema è che mentre i primi sono più riservati, sono i secondi ad avere più visibilità perchè più casinari

    applausi


    _________________
    Per primo credo al mio orecchio sugli accordi iniziali di:"You And Your Friend" da "On Every Street" 1991 Dire Straits e molto dopo ai grafici, alle publicità, ai mostri sacri dell'audio...Tutto Qui. Firmato il Guretto Deragliante. Ogni mio post, pensiero o parola è solo opera mia, in regime di SM (IMHO). Collaboratore Consound http://www.consound.it/

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 7:32 pm