Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Influenza della capacità sulla risposta in frequenza
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

Influenza della capacità sulla risposta in frequenza

pepe57
pepe57
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 5094
Data d'iscrizione : 11.06.09
Età : 60
Località : Milano

Influenza della capacità sulla risposta in frequenza Empty Influenza della capacità sulla risposta in frequenza

Messaggio Da pepe57 il Sab Giu 22 2019, 14:20

Prendo anche qui spunto da un  intervento in un altro 3D.

Come avrete notato si parla spesso di Capacità riferendosi alle testine, in genere MM (anche se in realtà è un argomento che riguarda anche chi usa trasformatori con testine MC) ma anche MI, MP e qualche altra tipologia, ormai raramente usata.
La gran parte delle case che producono testine MM indicano di solito un valore di capacità da abbinare ai loro prodotti e di solito non succede mai con testine MC.
Questo perché si cerca di allontanare dalla banda udibile sia il picco di risonanza che la successiva caduta della risposta in frequenza in frequenza che ne deriva.
Per calcolare a quale frequenza (e poi per deduzione il picco di risonanza che le precede) la nostra risposta comincerà a scendere (a 6dB/ottava esiste una semplice formula.
1.000.000.000.000 : 6,28 : C : R = frequenza a -3dB
Dove C = Capacità totale post fonte (in questo caso la testina)
R= Impedenza interna della fonte
Chiaramente con impedenze interne molto basse (dell' ordine di pochi Ohm fino a circa 100, tipo alcune Grado che sono verso i 30/45 Ohm interni) si è sempre fuori da una banda udibile
Per fare un esempio un po' estremo:
se avessimo un cavo phono (che arriva dal braccio) lungo 3 metri e con capacità di 550pF  ed una resistenza interna di 100 Ohm della testina avremmo una attenuazione di 3dB a:
1.000.000.000.000: 6,28 = 159.236.000.000
550 x 3 = 1650
159.236.000.000 : 1650 = 96.500.000
96.500.000 : 100 = 965.000 Hertz.
Quindi una frequenza del tutto non udibile e immaginando un picco di risonanza a 2 ottave sotto lo avremmo a centrato a circa 240.000 Hertz (e che inizierebbe a circa 120.000) per cui fuori largamente dalla banda da noi udibile.

Ma se questo succedesse con una testina con impedenza interna (tipo la Ortofon 2M Black citata) di 1700 Ohm..
il nostro calcolo diverrebbe 
1.000.000.000.000 : 6,28 = 159.236.000.000
159.236.000.000 : 1650 = 96.500.000   (e fino a qui tutto è uguale)
96.500.000 : 1700 = 56.800 frequenza a -3dB
ma con un picco di risonanza che si posizionerebbe a 14.000 Hertz e ben udibile (inizierebbe attorno ai 7000 Hertz).
Beninteso basta ridurre il cavo ad un solo metro e triplichiamo la Frequenza e la posizione del Picco in modo di portarlo fuori dalla banda udibile.
Ma in casi dove la testina (o il trasformatore in caso di MC) uscissero con impedenze molto più alte (tipo le MP di Nagaoka che sono attorno ai 5000 Ohm), allora oltre a ridurre la lunghezza del cavo sarà buona cosa utilizzare un cavo di capacità la più bassa possibile per tenere questo picco (e caduta in frequenza) fuori dal' udibile.

Le testine MC invece, se collegate direttamente ad un stadio phono attivo, non risentono mai di questo problema in quanto la loro impedenza interna è bassissima (a volte anche di 1 Ohm... e mai superiore ai 50/60 per quanto ne so io).

sunny sunny sunny

PS: avevo scordato che il picco, in dipendenza di diversi fattori può essere anche importante (nell' ordine > di 15 dB)


_________________
Chi si accontenta gode
Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
QFLG@

Banzai Milano

    La data/ora di oggi è Mer Lug 17 2019, 20:22