Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Elettroniche e gruppo di continuità
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

Elettroniche e gruppo di continuità

Zantor
Zantor
Member
Member

Numero di messaggi : 47
Data d'iscrizione : 22.08.19
Età : 51
Località : Provincia di Pesaro

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da Zantor il Dom Set 01 2019, 12:24

Buona Domenica a tutti.
Da una ventina d'anni, ho l'abitudine di tenere tutti gli apparecchi elettronici di casa sotto gruppo di continuità. Posso garantirvi che l'investimento iniziale si è ampiamente ripagato salvando parecchi apparecchi dalle tempeste elettriche che 2/3 volte l'anno si scatenano da queste parti.
Anche l'ampli/dac l'ho collegato all'uscita di un APC da 1 kWatt. Per quanto è nelle mie capacità comprendere, il gruppo interviene con la sua batteria tampone in caso di sovra/sotto tensione e in caso di black-out. Per il 99,9% del tempo dovrebbe risultare trasparenti agli apparecchi collegati. Quando interviene, lo fa generando un'onda realmente sinusoidale (non pseudo).
Ora, ad occhio mi sembra una buona idea tenerci collegato anche l'hi-fi, ma qualcuno di voi è a conoscenza di controindicazioni ad una simile pratica?
Non intendo nel senso di rovinare gli apparecchi (quello no), ma riguardo la qualità della corrente che arriva.


_________________
Sator Arepo Tenet Opera Rotas
carloc
carloc
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 20920
Data d'iscrizione : 27.07.11
Località : Busto Arsizio (Motociclista)

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da carloc il Dom Set 01 2019, 12:39

Chi meglio di te può dare una risposta? Fai la prova ed ascolta con e senza il gruppo di continuità.

Carlo


_________________
Rem tene verba sequentur

https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t3-regolamento

https://www.instagram.com/ilgazeboaudiofilo/?hl=it

https://www.facebook.com/gazeboaudiofilo/
Zantor
Zantor
Member
Member

Numero di messaggi : 47
Data d'iscrizione : 22.08.19
Età : 51
Località : Provincia di Pesaro

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da Zantor il Dom Set 01 2019, 15:10

@carloc ha scritto:Chi meglio di te può dare una risposta? Fai la prova ed ascolta con e senza il gruppo di continuità.

Carlo

Metterò nella lista anche questa appena avrò finito il rodaggio. Non che abbia tutta questa esperienza nelle orecchie, ma vedremo...


_________________
Sator Arepo Tenet Opera Rotas
carloc
carloc
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 20920
Data d'iscrizione : 27.07.11
Località : Busto Arsizio (Motociclista)

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da carloc il Dom Set 01 2019, 16:11

@Zantor ha scritto:

Metterò nella lista anche questa appena avrò finito il rodaggio. Non che abbia tutta questa esperienza nelle orecchie, ma vedremo...
Se ci fossero differenze eclatanti te ne accorgeresti. Provaci.


_________________
Rem tene verba sequentur

https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t3-regolamento

https://www.instagram.com/ilgazeboaudiofilo/?hl=it

https://www.facebook.com/gazeboaudiofilo/
Carlito
Carlito
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 271
Data d'iscrizione : 24.04.10
Età : 50
Località : Calabria

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da Carlito il Lun Set 16 2019, 20:30

Tecnicamente, il neutro passante di un UPS a doppia conversione con forma d'onda a sinusoide pura, e neutro passante, farebbe la differenza audiofila.

Spiego in parole spicciole: gli UPS si suddividono in 3 fasce.

1- economici, 40 euro da escludere a priori, forma d'onda seghettata

2- ibridi con AVR, dove il filtro AVR interviene sempre per smussare eventuali variazioni di tensione sul carico, anche senza black-out elettrico. 60-100 euro, un compromesso per i PC. forma d'onda pseudo sinusoide.

3- a doppia conversione con forma d'onda sinusoide pura. 300 euro. La tensione è livellata sempre e proviene da batteria, quindi costante e pulita.

3a- doppia conversione con neutro passante, le polarità del neutro e fase, rimangono in uscita sul carico, cosi' come l'enel fornisce la rete, ma stabile e perfettamente pulita. 600 euro.

Partendo dal fatto che la spina di alimentazione (IEC) ha un verso preciso per il neutro, ed è abbastanza facile individuare la giusta connessione elettrica, per un orecchio abituato a questo, va da se' che mantenere il neutro passante ha i suoi innegabili vantaggi.

Come rendersi conto ? Semplice, il suono è in fase quando il neutro è correttamente connesso. Ovvero quando la fase dei 220V è in "fase" con le alimentazioni dei vari apparecchi audio, dalla sorgente al finale.

Per le potenze in gioco, con 700 euro si prende un gruppo UPS serio da 1,5 KW di potenza, che a regime puo' essere usato già al 20% della potenza massima, per rendere al 94% nel migliore dei modi, fino a pieno carico.
Per es.: https://www.eprice.it/UPS-per-Server-LEGRAND-UPS-WHAD-ONLINE-HE-1-5-KVA-310162/d-10741213

Le cui specifiche sono: https://ups.legrand.com/it/prodotti/whad-he-e-whad
e qui un po' di scienza: [url=http://www.formazioneoic.it/sites/default/files/materiali/RIELLO UPS_Presentazione Meeting OIC.pdf]http://www.formazioneoic.it/sites/default/files/materiali/RIELLO%20UPS_Presentazione%20Meeting%20OIC.pdf[/url]

Il fatto che sia classificato come un VFI-SS-111, significa che è onda pura, senza perdite verso carichi non lineari, ovvero il massimo della sicurezza in monofase, ed il massimo in campo audiofilo.

E qui la brochure: https://ups.legrand.com/media/document/Brochure_WHAD_HE.pdf

Unico neo, le ventole di raffreddamento, 40 DB di rumore, ma se installato in cabinet all'ingresso di casa, poco male, posso servire la linea dedicata all'impianto audio.
Roba da maniaci, ma garantisco che ho provato l'ascolto sulla serie da 6KW, con bypass attivato (senza UPS) e con bypass disattivato (tensione da batteria), non vi erano differenze.
Ma era un UPS da 8.000 euro, dedicato ad un datacenter, diciamo che mi sono divertito a verificare le differenze, da maniaco audiofilo incallito. E pure sordo !  Elettroniche e gruppo di continuità 775355

E dopo tutta questa prefazione, se l'interesse è proteggere l'elettronica da extra tensioni da maltempo, direi di andare sul doppia conversione, oppure su un serio Line Interactive con AVR sempre in funzione, ad onda sinusoidale. APC, dipende dal modello, fa buoni prodotti.
Altrimenti il Nicky S della Legrand da 3KVA, che a pieno carico è 1,8 Kw, è già più abbordabile. Doppio Line interactive, con AVR boost e buck.

E qui si capisce bene quando scegliere online doppia conversione e quando scegliere line interactive: https://www.apc.com/salestools/JSII-5YQSBR/JSII-5YQSBR_R0_IT.pdf
Buona lettura!


_________________
Carlo
Cyrus dAd3, DAC moduleQ, batteria virtuale PSX-R - Sony DCP-D11 Pro bil.
Aeron A160 rivalvolato Mullard CV2493, partitore Nelson Pass - Beta22 3mode
Denon D5000 - Beyerdynamic DT880Pro bal. - AKG K340 bal.
passato: HD800, Pro900, ATH-A950ltd, ATH-W1000, HD650, K701, K271 Studio.
Zantor
Zantor
Member
Member

Numero di messaggi : 47
Data d'iscrizione : 22.08.19
Età : 51
Località : Provincia di Pesaro

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da Zantor il Mar Set 17 2019, 16:37

@Carlito ha scritto:Tecnicamente, il neutro passante di un UPS a doppia conversione con forma d'onda a sinusoide pura, e neutro passante, farebbe la differenza audiofila.

...
WOW!
Avevo lanciato il sasso proprio nella speranza di ricevere questo genere di informazioni, ma non speravo in così tanto  applausi
Grazie per il tuo tempo e il tuo impegno.


_________________
Sator Arepo Tenet Opera Rotas
Carlito
Carlito
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 271
Data d'iscrizione : 24.04.10
Età : 50
Località : Calabria

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da Carlito il Mar Set 17 2019, 21:44

E' un piacere, esserti stato di aiuto, nel mio piccolo.
Quando c'è passione, si smuovono le montagne, che prodotto è il tuo APC ?


_________________
Carlo
Cyrus dAd3, DAC moduleQ, batteria virtuale PSX-R - Sony DCP-D11 Pro bil.
Aeron A160 rivalvolato Mullard CV2493, partitore Nelson Pass - Beta22 3mode
Denon D5000 - Beyerdynamic DT880Pro bal. - AKG K340 bal.
passato: HD800, Pro900, ATH-A950ltd, ATH-W1000, HD650, K701, K271 Studio.
Zantor
Zantor
Member
Member

Numero di messaggi : 47
Data d'iscrizione : 22.08.19
Età : 51
Località : Provincia di Pesaro

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da Zantor il Mar Set 17 2019, 22:25

@Carlito ha scritto:... che prodotto è il tuo APC ?
Smart UPS 1500va line interactive. Se ho capito bene dovrebbe essere un doppia conversione, ma senza il neutro passante.


_________________
Sator Arepo Tenet Opera Rotas
Carlito
Carlito
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 271
Data d'iscrizione : 24.04.10
Età : 50
Località : Calabria

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da Carlito il Mer Set 18 2019, 23:07

Il tuo APC è un line interactive, ovvero ha un filtro di rete AVR (automatic Voltage Regulation) che interviene sempre per cercare di riportare i valori della tensione di uscita ai nominali 230 Volt. Cerca di riportarli, ma se un fulmine passa dall'enel, arriva al carico. L'AVR ha tempi di intervento di millisecondi, tanto basta.
Il neutro normalmente viene riportato in uscita al carico, se presente la rete 230 Volt, per via del filtro AVR.
Se manca la rete 230 Volt, o i valori vanno fuori portata, passa a batteria, e solo in questo caso il neutro non c'è, essendoci un trasformatore che eleva la tensione. Poco male.
Sono secondi o pochi minuti, non secoli. L'ascolto per pochi secondi o minuti, non è poi cosi' importante senza neutro passante.

Se fosse un doppia conversione, allora la rete 230 Volt viene riportata tramite converter AC/DC nei Volt Batteria (24-36-48 volt dipende), per poi essere riconvertita nuovamente da DC in AC nei 230 Volt.
Questo è il significato del doppia conversione, AC/DC ---> batteria --> DC/AC.  Forma d'onda in uscita priva da interferenze e molto stabile. Si usa per apparati critical.

Poi se non c'è il trasformatore di elevazione in 230 VOLT, ma una circuiteria particolare, allora il neutro è anche passante in modo nativo sempre, sia con rete 230 Volt, che senza rete 230V.
Per es. una caldaia evoluta ha bisogno del neutro passante, per funzionare, e se abiti in zone dove l'enel gioca cattivi scherzi, è quasi d'obbligo usare un UPS On-line (doppia conversione) col neutro passante, per preservare 3.000 euro di capitale. O fosse anche 1.000 di impianto audio.

Direi, che se la tua zona non è critica, allora il tuo APC va più che bene. Se manca la luce o è ballerina, protegge l'elettronica, e direi che se fulmini e saette si faranno sentire, è il caso di staccare il carico, a prescindere.

Se poi l'enel ti fa arrivare la 380 (successo) un doppia conversione, invece, ti salva il fegato.


_________________
Carlo
Cyrus dAd3, DAC moduleQ, batteria virtuale PSX-R - Sony DCP-D11 Pro bil.
Aeron A160 rivalvolato Mullard CV2493, partitore Nelson Pass - Beta22 3mode
Denon D5000 - Beyerdynamic DT880Pro bal. - AKG K340 bal.
passato: HD800, Pro900, ATH-A950ltd, ATH-W1000, HD650, K701, K271 Studio.
Zantor
Zantor
Member
Member

Numero di messaggi : 47
Data d'iscrizione : 22.08.19
Età : 51
Località : Provincia di Pesaro

Elettroniche e gruppo di continuità Empty Re: Elettroniche e gruppo di continuità

Messaggio Da Zantor il Gio Set 19 2019, 16:59

@Carlito ha scritto:Il tuo APC è un line interactive, ovvero ha un filtro di rete AVR (automatic Voltage Regulation) che interviene sempre per cercare di riportare i valori della tensione di uscita ai nominali 230 Volt. Cerca di riportarli, ma se un fulmine passa dall'enel, arriva al carico. L'AVR ha tempi di intervento di millisecondi, tanto basta.
Il neutro normalmente viene riportato in uscita al carico, se presente la rete 230 Volt, per via del filtro AVR.
Se manca la rete 230 Volt, o i valori vanno fuori portata, passa a batteria, e solo in questo caso il neutro non c'è, essendoci un trasformatore che eleva la tensione. Poco male.
Sono secondi o pochi minuti, non secoli. L'ascolto per pochi secondi o minuti, non è poi cosi' importante senza neutro passante.

Se fosse un doppia conversione, allora la rete 230 Volt viene riportata tramite converter AC/DC nei Volt Batteria (24-36-48 volt dipende), per poi essere riconvertita nuovamente da DC in AC nei 230 Volt.
Questo è il significato del doppia conversione, AC/DC ---> batteria --> DC/AC.  Forma d'onda in uscita priva da interferenze e molto stabile. Si usa per apparati critical.

Poi se non c'è il trasformatore di elevazione in 230 VOLT, ma una circuiteria particolare, allora il neutro è anche passante in modo nativo sempre, sia con rete 230 Volt, che senza rete 230V.
Per es. una caldaia evoluta ha bisogno del neutro passante, per funzionare, e se abiti in zone dove l'enel gioca cattivi scherzi, è quasi d'obbligo usare un UPS On-line (doppia conversione) col neutro passante, per preservare 3.000 euro di capitale. O fosse anche 1.000 di impianto audio.

Direi, che se la tua zona non è critica, allora il tuo APC va più che bene. Se manca la luce o è ballerina, protegge l'elettronica, e direi che se fulmini e saette si faranno sentire, è il caso di staccare il carico, a prescindere.

Se poi l'enel ti fa arrivare la 380 (successo) un doppia conversione, invece, ti salva il fegato.
Ok, avevo proprio capito male.
Adesso mi è più chiaro. Un doppia conversione fornisce sempre corrente pura perché eroga sempre dalla batteria e, oltre a migliorare la qualità del carico, fa da scudo a qualsiasi sovraccarico, anche mortale. Mentre il mio interviene solo per correggere sovra/sotto tensioni gestibili e in caso di back out. Ai fini dell'ascolto è al 99,9% trasparente, ma protegge anche meno.
Grazie ancora.


_________________
Sator Arepo Tenet Opera Rotas

    La data/ora di oggi è Mer Nov 25 2020, 08:23