Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
giradischi che passione - Pagina 3
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

giradischi che passione


Davide78
Member
Member

Numero di messaggi : 87
Data d'iscrizione : 07.02.19

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da Davide78 Ven Gen 24 2020, 10:22

Ciao a tutti ho trovato diversi thorens in vendita sia 160 che 125 poi mi sono chiesto sicuramente sono macchine validissime però si parla sempre di circa 40 anni di usura ne vale la pena? Se puntassi sul nuovo per non incombere in problemi vari. ora mi dite che è una bestemmia ma un bel thecnics 1500
O il 1200 mk7 voi che dite ho letto che ne parlano un gran bene esperienze? La versione gr costa molto di più e non so se li vale  cmq rispetto al mio project debut carbon sb dc avrei dei miglioramenti
ogiad
ogiad
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 226
Data d'iscrizione : 12.05.10

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da ogiad Ven Gen 24 2020, 10:38

Ho solo visto il 1500, non ascoltato, mi sembra abbia una costruzione economica per il prezzo a cui sono venduti … tra l'altro era a fianco ad uno dei cloni del 1200, un Audio-Technica 140 … da 300 euro e non è che mi risultasse molto diverso… poi non so magari la differenza sta nei dettagli. Avresti un buon miglioramento a partire dal tuo. Comunque sono buone macchine sia i Technics che gli Audio Technica (questi ultimi hanno una progettazione praticamente identica o quasi ma usano materiali più economici in alcune parti, ma se dovessi scegliere prenderei un Audio Technica mi sembra abbiano prezzi più consoni a quello che offrono).


_________________
Casse: Sonus Faber Liuto Tower Amplificatore: Advance Paris A7 Giradischi: Thorens td 150 + Audio Technica OC9XEB MC Cavi di potenza: Sommer Cable Elephant, connettori WireWorld Cavi di segnale:  Sommer Cable Spirit, connettori Monster Cable Cavi elettrici: Schermati autocostruiti
JacksonPollock
JacksonPollock
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 3393
Data d'iscrizione : 25.08.17
Età : 99
Località : Località

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da JacksonPollock Ven Gen 24 2020, 11:09

Il Technics 1500C l'ho visto e toccato, non ha una costruzione economica...
Piatto e parte superiore del telaio sono tutti in alluminio pressofuso e anche il braccio è in lega metallica.
Oltretutto dispone già di tutte le regolazioni del caso VTA incluso e pesi aggiuntivi.
Solo la parte inferiore del telaio è in una resina termoplastica.

850/900 Euro mi sembrano un prezzo estremamente congruo...
Gli altri ti danno tavolette di bachelite e truciolato per cifre analoghe.

Si tratta di una trazione diretta, quindi il suono è più "materico" e scolpito rispetto ad una cinghia o un flottante (come i Thorens).
Come giradischi plug&play oggi secondo me nettamente superiore al pari prezzo P3 (e nemmeno di poco).

Ha come contro il fatto che non è personalizzabile... Nasce e muore così.
Non credo si possa cambiare il braccio. Include un pre phono MM che può essere escluso.

Se vuoi fare un salto netto e andare nella direzione della scalabilità futura con buon margine voglia a girarci intorno...
1000 Euro non bastano...


Ultima modifica di JacksonPollock il Ven Gen 24 2020, 11:28 - modificato 2 volte.
ogiad
ogiad
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 226
Data d'iscrizione : 12.05.10

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da ogiad Ven Gen 24 2020, 11:23

Il Technics 1500C non ha una costruzione economica...

Mi sono espresso magari male, l'audio tecnica che costa 350 euro e ritengo un giradischi economico (ma ha una buona costruzione non lo nego) … a fianco non era molto diverso… l'unica differenza ad occhio era la parte superiore del telaio che invece di essere di alluminio era di una lega diversa (ma l'ho capito solo perché me la detto il rivenditore)… non so, alla "sorda" 700 euro di differenza non ce li vedo… poi magari il motore e braccio lo pongono su un altro livello.


Ultima modifica di ogiad il Ven Gen 24 2020, 11:33 - modificato 1 volta.


_________________
Casse: Sonus Faber Liuto Tower Amplificatore: Advance Paris A7 Giradischi: Thorens td 150 + Audio Technica OC9XEB MC Cavi di potenza: Sommer Cable Elephant, connettori WireWorld Cavi di segnale:  Sommer Cable Spirit, connettori Monster Cable Cavi elettrici: Schermati autocostruiti
JacksonPollock
JacksonPollock
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 3393
Data d'iscrizione : 25.08.17
Età : 99
Località : Località

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da JacksonPollock Ven Gen 24 2020, 11:28

@ogiad ha scritto:

L'audio tecnica che costa 350 euro e ritengo un giradischi economico … a fianco non era molto diverso… l'unica differenza ad occhio era la parte superiore del telaio che invece di essere di alluminio era di una lega diversa (ma l'ho capito solo perché me la detto il rivenditore)… non so, alla "sorda" 700 euro di differenza non ce li vedo… poi magari il motore e braccio lo pongono su un altro livello.

Non sono nemmeno lontanamente paragonabili.
zulele
zulele
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1465
Data d'iscrizione : 08.07.14

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da zulele Ven Gen 24 2020, 14:33

braccio e motore del 1500 mi pare siano gli stessi del 1200; adoro l'Audio Technica per rapporto q/p, ma credo che il braccio non sia gran che; è anche bruttarelloo e plasticoso, a occhio.
con tutto ciò, resta un giradischi che consiglio praticamente sempre a chi voglia un oggetto ben suonante a basso prezzo; non ho mai sentito suonare il 1500, quindi non so fare un confronto, ma a occhio mi pare abbia materiali e finiture migliori.


_________________
Naim CDX2+XP5XS - analogico: Rega RP8 con RB808 + Lyra Delos / Denon DP1200 + Ortofon Vivo Blue/Audio Technica AT-F7/Nagaoka MP110 - prephono Rega IOS e iFi iPhono 2 - Bluesound Node 2i - Accuphase E-360 - diffusori ProAc Response 1.5 - cavetteria: Accuphase, Tellurium, S&M
Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9190
Data d'iscrizione : 15.07.09
Località : Pisa

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da Luca58 Ven Gen 24 2020, 15:24

@martin logan ha scritto:Caspita ... io sento con bracci tradizionali e per curiosità ho  preso un Revox con il braccio tangenziale.
Capisco che non saranno materiali eccelsi, ma non ho mai sentito, a orecchio, una marcata differenza tra i due sistemi.
Men che meno ho colto sensibili differenze tra i primi solchi e quelli più interni - quando il sistema è a punto ... suona.
Mi è chiaro che il "sistema" Thorens TD-150 non può rivaleggiare con il "sistema" Linn LP12 / Linn Akito e che (forse) il Linatrack Revox non sarà a livello di un Clearaudio o di un Eminent Tech.
Con questo non voglio sottacere la superiorità del sistema tangenziale né sminuire chi lo ha scelto (piacciono molto anche a me), ma se ci fossero differenze così marcate i bracci a lettura radiale sarebbero scomparsi da tempo. Invece vediamo un sacco di giradischi - anche modelli recenti top level - che ancora li impiegano.
Tutto può essere ... forse è il mio udito, o il mio sistema a valle, a non essere così raffinato da farmi cogliere queste differenze. giradischi che passione - Pagina 3 285880 giradischi che passione - Pagina 3 285880 giradischi che passione - Pagina 3 285880
In effetti quello che  si sente dipende dalla capacita' dell'impianto di rivelarlo e dal tipo di orecchio che si possiede.

Il fatto che si usino i bracci imperniati nonostante il fatto che non leggano i solchi non usando il criterio col quale sono incisi e' dovuto al fatto che un tangenziale decente costa parecchio; nel caso dell'ET2, ad esempio, c'e' poi il fatto che e' necessaria una pompa di qualita' per formare il cuscino d'aria, con serbatoio e filtri.... So che gli amanti del braccio imperniato citano spesso il fatto che il fuoco e'/sembra essere superiore rispetto a quelli tangenziali. Secondo me dipende da come rende l'impianto perche' il tangenziale, che mette in evidenza l'incisione in modo naturale, non compensa niente (al pari dei pannelli elettrostatici).

Comunque mi e' sempre stato detto che l'ET2 ha la qualita' minima che dovrebbe avere un tangenziale, sotto e' meglio non impegnarsi.


Ultima modifica di Luca58 il Ven Gen 24 2020, 16:00 - modificato 3 volte.


_________________
Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.
Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9190
Data d'iscrizione : 15.07.09
Località : Pisa

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da Luca58 Ven Gen 24 2020, 15:27

@JacksonPollock ha scritto:

Capisco quello che intendi. 
Molto è imputabile alla testina e relativa regolazione, ma dipende anche da quanto "estrema" è la stampa...
Molte edizioni arrivavano a metterti le tracce a ridosso della copertina pur di farle entrare tutte.
I produttori seri fanno l'LP doppio in questi casi.

L'allineamento e il taglio del diamante possono livellare molto il problema fino a farlo scomparire.
Con gli shibata e (ancor meglio) con i micro linear si svolta.

Ma se hai trovato la quadra con il tangenziale amen..
Per curiosità... Che tangenziale hai?

I bracci tangenziali sono più costosi da progettare e hanno comunque le loro rogne... Una su tutte: l'imberlamento dei vinili.
Ricordo ancora quando mettevano la sigaretta sotto al vinile per mostrare che il braccio non perdeva il solco... Prova a farlo con un tangenziale. giradischi che passione - Pagina 3 939343
Io ho posseduto due ET2. Il problema del tracciamento del braccio imperniato e' compensato ma ovviamente non risolto perche' non puoi compensare l'errore di lettura in tutto il disco.

Non so cosa sia "l'imberlamento dei vinili".


_________________
Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.
Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9190
Data d'iscrizione : 15.07.09
Località : Pisa

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da Luca58 Ven Gen 24 2020, 15:53

@heartbreaker ha scritto:
 E non poche. Dallo Shreve-Rabco ai Goldmund-Lurnè agli Eminent Technology( e cloni) ai Triquartz( oggi Clearaudio) il problema di tracciatura dal solco esterno a quello interno è stato parzialmente risolto al costo di compromessi e "nuovi difetti".
Il fatto che i vinili siano incisi secondo una spirale rotonda  in lettura crea comunque una forza centripeta(skating) che nel braccio imperniato viene contrastata a livello della articolazione del braccio, mentre nel tangenziale viene "subita" dal cantilever e dalla  sua sospensione viscoelastica, mancando per definizione nel tangenziale la regolazione dell'antiskating. Inoltre se si vuole far muovere il braccio, sia attivamente che passivamente, si deve per forza avere un minimo di "gioco" a livello della articolazione( con un bel compromesso sulla rigidità), altrimenti il braccio non "scorre". Tutto questo si traduce in rotazioni dello stilo sull'asse cartesiano Y con conseguenti alterazioni del tracciamento dal primo all'ultimo solco nel caso di testine convenzionali. Con le Decca e le Ikeda la situazione può migliorare.
Mah, con l'ET2 non ho mai avuto il minimo problema, ma proprio nemmeno un po'. 

A me risultava che l'altro problema che citi nel tangenziale non esistesse; non essendo particolarmente appassionato della parte tecnica, nel dubbio, sono andato a ricontrollare banalmente su Wikipedia e ho letto che riporta la stessa cosa: "L'antiskating è un dispositivo meccanico (a molla o piccolo contrappeso) o magnetico applicato al braccio di lettura di un giradischi con la funzione di contrastare l'azione dalla forza d'attrito radente sviluppata tra puntina e disco in vinile che ha una componente perpendicolare al braccio di lettura e che tende a spingerlo verso il centro del piatto.
È costituito essenzialmente da un meccanismo che permette di applicare una piccolissima forza, regolabile a seconda della massa del braccio e della testina di lettura, la quale controbilancia la spinta sul braccio di lettura che tende ad andare verso l'interno del disco. Da considerare che nei bracci a traslazione tangenziale questo fenomeno è assente. La difficoltà di progettazione dell'antiskating risiede nell'uniformità di intervento del meccanismo su tutto l'arco di lavoro del braccio di lettura."


C'e' inoltre il dato di fatto che lo stilo nei tangenziali e' sempre nella posizione corretta rispetto al solco; se il sistema lo permette le compensazioni si sentono, o almeno io le sento e faccio scelte di conseguenza.


Comunque non mi sembra il caso di iniziare una guerra di religione giradischi che passione - Pagina 3 650957 , chi apprezza i pregi dei bracci imperniati usi quelli imperniati e chi non puo'  fare a meno dei bracci tangenziali usi quelli tangenziali...Laughing


_________________
Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.
carbonizer
carbonizer
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 375
Data d'iscrizione : 20.04.17

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da carbonizer Ven Gen 24 2020, 16:51

@Davide78 ha scritto:Ciao a tutti ho trovato diversi thorens in vendita sia 160 che 125 poi mi sono chiesto sicuramente sono macchine validissime però si parla sempre di circa 40 anni di usura ne vale la pena? Se puntassi sul nuovo per non incombere in problemi vari. ora mi dite che è una bestemmia ma un bel thecnics 1500
O il 1200 mk7 voi che dite ho letto che ne parlano un gran bene esperienze? La versione gr costa molto di più e non so se li vale  cmq rispetto al mio project debut carbon sb dc avrei dei miglioramenti


La tua considerazione mi pare saggia.
Premesso che IMHO qualunque cosa prendi sarà meglio del Debut, allora anche il Technics ci sta.
Poi sarà che a me non piacciono (fatte le dovute pochissime e rare eccezioni che però intuisco non rientrino nel tuo budget) il mio dire è di orientarti verso qualcosa di più musicale ed audiofilo e meno broadcast/disco, poi tutti i gusti son gusti e su questo non si discute.
Eviterei i tangenziali per motivi di budget, anche se pure loro perfetti non sono, la coperta è sempre troppo corta, i tangenziali risolvono dei problemi ma ne hanno altri, idem i direct drive vs cinghia, niente è perfetto.


_________________
io c'ho llo sterio e tu?   giradischi che passione - Pagina 3 650957


"Science is like sex: Sometimes, something useful comes out - but that's not the reason we are doing it."

JacksonPollock
JacksonPollock
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 3393
Data d'iscrizione : 25.08.17
Età : 99
Località : Località

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da JacksonPollock Ven Gen 24 2020, 17:42

@Luca58 ha scritto:
Non so cosa sia "l'imberlamento dei vinili".

giradischi che passione - Pagina 3 Lib45warp


Questo è un esempio volutamente "esagerato" dell'imberlamento.

Quando eravamo ragazzacci un mio amico megaricco aveva un lineare super tecnologico (non ricordo di quale marca, credo BeO o Sony).
Avevo un botto di 45giri super sbiellati come quello sopra, il mio Philips sgangherato dell'epoca li leggeva, con il suo proprio non c'era verso.

Riguardo all'antiskating, quello che non esiste sui lineari (o meglio che è molto contenuto, prossimo allo zero) è il fenomeno di distorsione e sbilanciamento indotto dall'attrito radente. Ma l'attrito esiste eccome altrimenti non ci sarebbe trascinamento laterale del braccio lineare e quello comunque si scarica sul cantilever.
Franz84
Franz84
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 663
Data d'iscrizione : 23.02.18
Località : Roma

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da Franz84 Ven Gen 24 2020, 18:32

Per rispondere alla domanda iniziale del ns amico, il vinile quale sorgente analogica è esponenzialmente più musicale, lineare, naturale e quindi superiore al cd. Questa estate ci fu una discussione proprio su tale argomento nel forum 🤣🤣 è chiaro che un cdp da 5k suoni meglio di un gira da 200 euro con testina modesta. Ma un gira di medio livello, anche vintage, BEN ABBINATO MECCANICAMENTE AD UNA DEGNA TESTINA, surclassa anche cdp da 10k. Il 1500C citato è un più che ottimo gira, che nulla ha a che vedere con i modesti audiotechnica, cloni economici del vecchio 1200 mk5/6. Faccio fatica a capire il preconcetto verso queste grandi macchine. Io da possessore del 1200G posso solo dire che molti cinghia del costo anche triplo non raggiungono quelle prestazioni. Sono macchine da musica, altro che disco e Dj. Cmq se vuoi godere i tuoi vinili ben potresti prendere il 1500C e montarci su ad esempio una Nagaoka mp500, per evitare il surplus di spesa di una mc in termini di stadio phono adeguato, sut, per pre ecc.


_________________
Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Accuphase DC 330 - Accuphase DP101 -Accuphase P500 - Technics SL 1200G - Thorens TD 125 Mk2 - Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - Fidelity Research XG5 - XF1 L - Zyx ccp1 - Uesugi UBROS 5 Low -  ProAC 140 MK 2 - Cablaggio AIRTECH
pepe57
pepe57
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 5321
Data d'iscrizione : 11.06.09
Età : 62
Località : Milano

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da pepe57 Ven Gen 24 2020, 20:19

@heartbreaker ha scritto:
 E non poche. Dallo Shreve-Rabco ai Goldmund-Lurnè agli Eminent Technology( e cloni) ai Triquartz( oggi Clearaudio) il problema di tracciatura dal solco esterno a quello interno è stato parzialmente risolto al costo di compromessi e "nuovi difetti".
Il fatto che i vinili siano incisi secondo una spirale rotonda  in lettura crea comunque una forza centripeta(skating) che nel braccio imperniato viene contrastata a livello della articolazione del braccio, mentre nel tangenziale viene "subita" dal cantilever e dalla  sua sospensione viscoelastica, mancando per definizione nel tangenziale la regolazione dell'antiskating. Inoltre se si vuole far muovere il braccio, sia attivamente che passivamente, si deve per forza avere un minimo di "gioco" a livello della articolazione( con un bel compromesso sulla rigidità), altrimenti il braccio non "scorre". Tutto questo si traduce in rotazioni dello stilo sull'asse cartesiano Y con conseguenti alterazioni del tracciamento dal primo all'ultimo solco nel caso di testine convenzionali. Con le Decca e le Ikeda la situazione può migliorare.
No.
sunny sunny sunny  
l' effetto del pattinamento (skating) non è prodotto dalla forza centripeta in quanto è la forza che subisce un corpo che si muove circolarmente/curvilineo (ad esempio se tu sei su una di quelle giostre che gira e ti muovi in cerchio con questa senti la forza centrifuga che ti spinge verso l' esterno e la centripeta, data dalla parete posteriore che ti tiene lì, che ti schiaccia per tenerti fermo).
La testa ed il braccio sono fermi rispetto al disco che gira.
Il pattinamento del braccio imperniato è dovuto al semplice fatto che la puntina sul disco viene trascinata in una direzione (forza di azione) lungo un vettore che ha direzione diversa dai 180° da quella di reazione (il braccio). Per questa ragione scomponendo questo vettore in due vedrai che si crea un vettore di forza verso l' interno del disco.
Nel braccio tangenziale invece, il vettore di  forza di azione (prodotto dalla testina) è esattamente contrastato in direzione opposta (a 180°) dal braccio (quindi dal vettore di reazione) su cui è montata "dritta" la testina. 
Perciò non può soffrire (a meno che sia montato da cani) di pattinamento e non dovrà subire forze di contrasto da meccanismi compensatori che ne riducono le conseguenze negative.
I problemi del tangenziale sono (salvo rarissime eccezioni, tipo il Lourné/Goldmund) di tutti' altra natura.
Per prima cosa la grossa differenza fra le masse (verticale ed orizzontale) in gioco che invece nell' imperniato, di solito, sono identiche.
Per seconda cosa, la loro sensibilità che se non è buona, porta ad un problema di tracciamento (di solito, ma non sempre, con cuscinetti ad aria è ottima, migliore del miglior imperniato).
Per terza cosa, la loro bassa sopportazione delle decentrature del disco causate dal movimento costante dx/sx che possono portare (specie con certe alte masse tipo ET) ad un logorio importante delle sospensioni della testina (invece un imperniato avrà, proprio causa/merito del pattinamento una costante forza laterale che non passerà mai dal punto zero).

Per quanto riguarda le tolleranze, oggettivamente il problema non si pone. Bracci meccanici su cuscinetti (tipo Clearaudio) sono cortissimi, bracci ad aria, lunghi o corti che siano, se la giocano in micron (e questo può portare piuttosto al problema di scorrevolezza in caso di piccoli residui tipo polvere), bracci lunghi imperniati su carrelli motorizzati (tipo PL o Goldmund) sono imperniati per cui al massimo se a cuscinetti (ma non mi risulta che ne esistano a cuscinetti su carrello) avrebbero il problema (ben più evidente) del chiacchiericcio dei cuscinetti per di più (instabile nel tempo) tipico degli imperniati su cuscinetti.

Per il fatto che i tangenziali (beninteso poi dipende dal tipo di tangenziale, diciamo da che tipo di "sospensioni"), soffrano di più le ondulazioni del disco è abbastanza evidente il perché.
Come affrontare a una certa velocità (anche a parità di sospensioni) una gobba/marciapiede/dislivello a ruote dritte oppure girate e con un' auto dal passo corto o lungo.
Chiaro che in un circuito tortuoso, con fondo non disastrato, il passo lungo che viaggia con ruote obbligatoriamente curvate da una parte è molto più lento di un mezzo a passo corto che (sempre a parità di fondo) gira a ruote libere di seguire il tracciato.

sunny sunny sunny


_________________
Chi si accontenta gode
Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
QFLG@

Banzai Milano
Ivanhoe
Ivanhoe
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 4262
Data d'iscrizione : 30.10.12
Località : Terre piatte

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da Ivanhoe Sab Gen 25 2020, 07:48

Io ho un SL-10 con la sua MC310 e non ha alcun problema, anzi suona tutti i dischi senza mai una indecisione che invece il 1200 ha con dischi imberlati.
 Mi trovo piu' spesso ad usare il 1200 perche' e' piu' 'figo' e mi piace guardare il disco che gira, ha poco a che fare con il suono.. sunny


_________________
¯_(ツ)_/¯   ¯_(ツ)_/¯ ¯_(ツ)_/¯  ¯_(ツ)_/¯    ¯_(ツ)_/¯
martin logan
martin logan
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 703
Data d'iscrizione : 18.11.17
Località : Pavia

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da martin logan Sab Gen 25 2020, 10:55

Mah ... a parte i 5 anni passati in negozio ad assemblare e disfare impianti di pregio (parlo di Conrad J. - Krell - Mark Levinson, Halcro, Lexicon, A.R., Revel, Sonus Faber, B&W, Thiel, Jadis, Martin Logan, Magneplanar, Primaire, più qualche decina di altri marchi + commerciali). Questo mi ha fatto capire che prestazioni attendere da un impianto. Credo di non avere difficoltà a individuare pregi e difetti (secondo il mio sentire - ovvio), né ad esprimere con termini lessicali le relative impressioni, visto che lavoro (anche) nell'editoria da 10 anni in un settore molto tecnico. Non è HIFI, comunque ho pubblicato qualche centinaio di articoli / test senza ricevere grosse critiche dagli addetti ai lavori.
Quindi comprendo (anche) le dinamiche editoriali che stanno dietro a certe recensioni giradischi che passione - Pagina 3 775355 giradischi che passione - Pagina 3 775355 giradischi che passione - Pagina 3 4057548525 giradischi che passione - Pagina 3 4057548525

Comunque, nonostante tale background, forse ha ragione Carlo dicendo che sono diventato sordo giradischi che passione - Pagina 3 316341 giradischi che passione - Pagina 3 316341 giradischi che passione - Pagina 3 316341
martin logan
martin logan
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 703
Data d'iscrizione : 18.11.17
Località : Pavia

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da martin logan Sab Gen 25 2020, 11:17

giradischi che passione - Pagina 3 Img_0013
giradischi che passione - Pagina 3 Img_0012
giradischi che passione - Pagina 3 Img_0011
Veniamo al tema della discussione aperta sui giradischi ... leggo del Tech 1500 giradischi che passione - Pagina 3 650957  Lupus in fabula giradischi che passione - Pagina 3 650957 
Posso dire la mia ??? Uno di tali apparecchi era destinato al macello. Coperchio mezzo fuso - nel senso che ci avevano appoggiato sopra una caffettiera bollente giradischi che passione - Pagina 3 75961  e qualche segno dell'età sul "mobile" che è in pressofusione - credo una lega di alluminio o roba del genere. Sotto c'è avvitato in coperchio in pura plastica con nervature - alla fine NON è una costruzione economica, anzi. Lo porto a casa salvandolo dalla discarica ... butto il coperchio (irrecuperabile), lo apro e pulisco dentro e fuori. Motore e piatto sono molto belli, ma gira solo a 45 rpm devil devil devil
Oltre ai due pomelli esterni, sulla sinistra, di regolazione della V. ci sono due trimmer - ben visibili sotto al motore (2 fori attraverso i quali si vedono).
Inizio con qualche goccia di riattivatore, detto anche giradischi che passione - Pagina 3 174409  WD40 giradischi che passione - Pagina 3 174409    Laughing Laughing Laughing  e dopo un po' il piatto ricomincia a girare anche sulla V minore; faccio una taratura sommaria, poi una + fine con lo strobo e i controlli esterni, chiudo il tutto ed è OK - funziona. Lo provo sull'impianto e anche la Stanton suona - non è una cosa magica ma riproduce, traccia benino, non gracchia e non sibila. Non avendo più spazio per altri giradischi il Tech. 1500 è finito lontano, per due soldi (dopo un annuncio su un noto sito internet mi hanno chiamato in tre).
Ne avevo visti altri, non molti, messi meglio esteticamente e dotati di coperchio: intorno a 300 euro.
Credo quello sia il suo valore, forse qualcosa in più ma dipenderà dalla testina in dotazione. Allego foto, ciao a tutti.
carloc
carloc
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 23437
Data d'iscrizione : 27.07.11
Località : Busto Arsizio (Motociclista)

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da carloc Sab Gen 25 2020, 11:40

@martin logan ha scritto:
Comunque, nonostante tale background, forse ha ragione Carlo dicendo che sono diventato sordo giradischi che passione - Pagina 3 316341 giradischi che passione - Pagina 3 316341 giradischi che passione - Pagina 3 316341
 Capita a tutti, prima o poi   giradischi che passione - Pagina 3 775355


_________________
Rem tene verba sequentur

https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t3-regolamento

https://www.instagram.com/ilgazeboaudiofilo/?hl=it

https://www.facebook.com/gazeboaudiofilo/
Davide78
Davide78
Member
Member

Numero di messaggi : 87
Data d'iscrizione : 07.02.19
Età : 42

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da Davide78 Lun Gen 27 2020, 12:01

Ho le foto del thorens 125 sembra tenuto molto bene mi ha chiesto 900 euro secondo me è esagerato voi che dite? È ovvio che poi lo provo di persona giradischi che passione - Pagina 3 Img-2011
giradischi che passione - Pagina 3 Img-2010
zulele
zulele
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1465
Data d'iscrizione : 08.07.14

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da zulele Lun Gen 27 2020, 12:35

@Davide78: il braccio mi pare il Thorens originale del TD125: in tal caso, il gira di per sè viene spesso venduto fra 400 e 500€, braccio compreso. si tratta di capire quanto costi la Grado installata e dare poi un giusto valore alla cappa (che pare nuova) e allo stato di conservazione, che sembra effettivamente buono. però 900€ mi sembrerebbe... da discutere, ecco.

@martin logan: credo che qui si parlasse però del 1500 di recente produzione, non di quello 'storico', anche se non so di quanto sia cambiato

PS: abbastanza spesso sento di questi ritrovamenti di oggetti hifi in discarica, cassonetto, nel cestino della spazzatura sotto casa, nella cantina della zia del cognato del fidanzato della nipote... l'altro giorno mi è stato raccontato di uno SME3009 NOS imballato trovato a un mercatino delle pulci a 60 (sessanta !!!) euro....
mi sono messo a scrutare nell'immondizia, ma mai che a me sia capitato niente del genere; in compenso, qualcuno mi ha allungato qualche monetina.


_________________
Naim CDX2+XP5XS - analogico: Rega RP8 con RB808 + Lyra Delos / Denon DP1200 + Ortofon Vivo Blue/Audio Technica AT-F7/Nagaoka MP110 - prephono Rega IOS e iFi iPhono 2 - Bluesound Node 2i - Accuphase E-360 - diffusori ProAc Response 1.5 - cavetteria: Accuphase, Tellurium, S&M
carloc
carloc
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 23437
Data d'iscrizione : 27.07.11
Località : Busto Arsizio (Motociclista)

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da carloc Lun Gen 27 2020, 13:05

Non mitizzerei il 3009...certo è che per 60 euro un pensierino si può fare...magari valutando anche quale delle innumerevoli versioni del braccio si tratti.


_________________
Rem tene verba sequentur

https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t3-regolamento

https://www.instagram.com/ilgazeboaudiofilo/?hl=it

https://www.facebook.com/gazeboaudiofilo/
Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9190
Data d'iscrizione : 15.07.09
Località : Pisa

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da Luca58 Lun Gen 27 2020, 13:15

@JacksonPollock ha scritto:Questo è un esempio volutamente "esagerato" dell'imberlamento.

Quando eravamo ragazzacci un mio amico megaricco aveva un lineare super tecnologico (non ricordo di quale marca, credo BeO o Sony).
Avevo un botto di 45giri super sbiellati come quello sopra, il mio Philips sgangherato dell'epoca li leggeva, con il suo proprio non c'era verso.
Non mi viene in mente niente per giustificare la cosa, forse il tuo Philips aveva lo stilo caricato con un peso abbastanza alto o c'e'ra un problema con lo stilo dell'altro. Io non ho mai tentato di ascoltare dischi cosi' disastrati, anche solo per il timore di scassare qualcosa, ma dischi ragionevolmente ondulati venivano letti regolarmente. Il Merrill Heirloom sui cui era montato il tangenziale aveva anche un secondo clamp esterno abbastanza pesante che un po' aiutava, ma questo era in piu'.


_________________
Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.
zulele
zulele
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1465
Data d'iscrizione : 08.07.14

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da zulele Lun Gen 27 2020, 14:17

@carloc ha scritto:Non mitizzerei il 3009...certo è che per 60 euro un pensierino si può fare...magari valutando anche quale delle innumerevoli versioni del braccio si tratti.

be', comunque sia, dubito che si trovi comunemente a 60 euro ancora nell'imballaggio originale sigillato; penso sia in ogni caso un affare.


_________________
Naim CDX2+XP5XS - analogico: Rega RP8 con RB808 + Lyra Delos / Denon DP1200 + Ortofon Vivo Blue/Audio Technica AT-F7/Nagaoka MP110 - prephono Rega IOS e iFi iPhono 2 - Bluesound Node 2i - Accuphase E-360 - diffusori ProAc Response 1.5 - cavetteria: Accuphase, Tellurium, S&M
carloc
carloc
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 23437
Data d'iscrizione : 27.07.11
Località : Busto Arsizio (Motociclista)

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da carloc Lun Gen 27 2020, 14:22

@zulele ha scritto:

be', comunque sia, dubito che si trovi comunemente a 60 euro ancora nell'imballaggio originale sigillato; penso sia in ogni caso un affare.
 Ovviamente!


_________________
Rem tene verba sequentur

https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t3-regolamento

https://www.instagram.com/ilgazeboaudiofilo/?hl=it

https://www.facebook.com/gazeboaudiofilo/
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7910
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 66
Località : Milano

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da RockOnlyRare Lun Gen 27 2020, 14:44

@Franz84 ha scritto:Per rispondere alla domanda iniziale del ns amico, il vinile quale sorgente analogica è esponenzialmente più musicale, lineare, naturale e quindi superiore al cd. Questa estate ci fu una discussione proprio su tale argomento nel forum 🤣🤣 è chiaro che un cdp da 5k suoni meglio di un gira da 200 euro con testina modesta. Ma un gira di medio livello, anche vintage, BEN ABBINATO MECCANICAMENTE AD UNA DEGNA TESTINA, surclassa anche cdp da 10k. Il 1500C citato è un più che ottimo gira, che nulla ha a che vedere con i modesti audiotechnica, cloni economici del vecchio 1200 mk5/6. Faccio fatica a capire il preconcetto verso queste grandi macchine. Io da possessore del 1200G posso solo dire che molti cinghia del costo anche triplo non raggiungono quelle prestazioni. Sono macchine da musica, altro che disco e Dj.  Cmq se vuoi godere i tuoi vinili ben potresti prendere il 1500C e montarci su ad esempio una Nagaoka mp500, per evitare il surplus di spesa di una mc in termini di stadio phono adeguato, sut, per pre ecc.

Non condivido totalmente la tua asserzione sul fatto che "Ma un gira di medio livello, anche vintage, BEN ABBINATO MECCANICAMENTE AD UNA DEGNA TESTINA, surclassa anche cdp da 10k."


Personalmente ho un project 9.1 con una ortophon 2m black , che penso rientrino ampiamente in questa asserzione, però di recente, avendo sostituito il finale (vintage di circa 40 anni fa) con uno recentissimo, se si parla di incisioni di "pari grado", non c'è affatto questa differenza rispetto al cd perché la coppia meccanica + dac del mio impianto supera qualitativamente il livello di quella analogica. Aspetto che il nuovo finale ha evidenziato con una certa evidenza e che non nascondo mi abbia un po' sorpreso. In pratica nel cambio di aplificazione la sezione digitale è "cresciuta" in modo esponenziale rispetto a quella analogica che non ha guadagnato più di tanto, segno che già la precedente amplificazione ne estraeva la massima potenzialità ma così non era per la catena digitale (va considerato che a fine anni 70 il digitale non esisteva ancora , per cui non è poi così strano che ampli vintage diano il meglio con l'analogico e "soffrano" di più con il digitale).




In sostanza per "ristabilire" la differenza a favore del vinile, che c'è non mi si fraintenda, servirebbe un upgrade perlomeno della coppia testina + pre phono che ad oggi IMHO è un po' inferiore al resto della catena.


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7910
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 66
Località : Milano

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da RockOnlyRare Lun Gen 27 2020, 14:49

@zulele ha scritto:@Davide78: il braccio mi pare il Thorens originale del TD125: in tal caso, il gira di per sè viene spesso venduto fra 400 e 500€, braccio compreso. si tratta di capire quanto costi la Grado installata e dare poi un giusto valore alla cappa (che pare nuova) e allo stato di conservazione, che sembra effettivamente buono. però 900€ mi sembrerebbe... da discutere, ecco.

@martin logan: credo che qui si parlasse però del 1500 di recente produzione, non di quello 'storico', anche se non so di quanto sia cambiato

PS: abbastanza spesso sento di questi ritrovamenti di oggetti hifi in discarica, cassonetto, nel cestino della spazzatura sotto casa, nella cantina della zia del cognato del fidanzato della nipote... l'altro giorno mi è stato raccontato di uno SME3009 NOS imballato trovato a un mercatino delle pulci a 60 (sessanta !!!) euro....
mi sono messo a scrutare nell'immondizia, ma mai che a me sia capitato niente del genere; in compenso, qualcuno mi ha allungato qualche monetina.

Purtroppo molti appassionati di vinile ed hi-fi hanno età che li portano a lasciarci per sempre, ed assai spesso gli eredi, trovandosi di fronte impianti vintage, vinili etc etc non trovano di meglio che chiamare un rigattiere e far sparire tutto magari pagandolo pure per svuotare appartamenti garage cantine etc....

Inutile dire che poi a costoro si rivolgono i vari negozianti collezionisti etc etc che fanno spesso e volentieri l'affare della vita.


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
zulele
zulele
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1465
Data d'iscrizione : 08.07.14

giradischi che passione - Pagina 3 Empty Re: giradischi che passione

Messaggio Da zulele Lun Gen 27 2020, 15:20

vero, certo che oggi ai tempi di internet dovrebbe essere facile capire se quello strano scatolone argentato con tutti quei manopolozzi vale 5€, 50 o 500....


_________________
Naim CDX2+XP5XS - analogico: Rega RP8 con RB808 + Lyra Delos / Denon DP1200 + Ortofon Vivo Blue/Audio Technica AT-F7/Nagaoka MP110 - prephono Rega IOS e iFi iPhono 2 - Bluesound Node 2i - Accuphase E-360 - diffusori ProAc Response 1.5 - cavetteria: Accuphase, Tellurium, S&M

    La data/ora di oggi è Dom Apr 18 2021, 05:40