Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
E facciamola
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

E facciamola

grazianux
grazianux
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1564
Data d'iscrizione : 11.12.11
Età : 47

E facciamola Empty E facciamola

Messaggio Da grazianux il Ven Giu 05 2020, 12:21

E facciamola la nostra classifica.
Chi se ne frega degli impianti, solo 5 modelli e il perché (io ho scelto solo fra quelle che ho posseduto, ma nulla vieta di fare diversamente)

La mia.

1) Pioneer Master 1,
Cuffia dalla costruzione davvero no compromise (finalizzata al progetto) e con un driver dalle prestazioni e tecnologia esagerate.  Non semplicissima da abbinare.

2) Ultrasone edition 5 limited.
Costruzione e materiali funzionali quanto esclusivi, la cuffia più equilibrata mai ascoltata, impossibile farla suonare meno che bene.

3) Sennheiser HD 800
Driver e progetto sensazionale, che si presta a mille abbinamenti con altrettanti risultati diversi. Per certi versi ancora il riferimento per il resto della produzione mondiale.

4) Hifiman Ananda.
Una edition 5 in scala minore, cuffia dal rapporto p/q sensazionale.

5) Audeze lcd3f.
Impossibile non innamorarsene per tanti motivi, tra i quali una gamma media epocale. Peccato per ergonomia e peso.
drum bass
drum bass
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 234
Data d'iscrizione : 03.05.19
Località : Roma

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da drum bass il Ven Giu 05 2020, 12:36

Per quello che ho e ho sentito:

1) ZMF Auteur

2) Sennehiser HD800s

3) Focal Clear

4) Audeze LCD-X
BandAlex
BandAlex
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 264
Data d'iscrizione : 15.09.10
Età : 56
Località : ROMA

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da BandAlex il Ven Giu 05 2020, 22:28

Io sono costretto a fare due liste: la prima per la simpatia, la seconda per la resa sonora.

Dal momento che la simpatia è un sentimento difficilmente spiegabile, spesso irrazionale, ritengo questa la mia lista più importante.

Infatti, mentre la qualità sonora (o la sua pochezza) può essere messa in discussione e persino confutata da chiunque abbia un impianto diverso dal tuo, la lista della simpatia è una lista inattaccabile e, come direbbe qualcuno che ci legge dall'alto, insindacabile.

E poi la simpatia è qualcosa che in un attimo può scemare, e quindi di solito le cose legate ad essa sono più fresche.

Lista simpatia:

1) Audio Technica ATH-ADX5000

Il semplice fatto che sia giapponese, di progetto e di fatto, la pone già su un livello top.
Il telaio del baffle integrato al trasduttore, tale da aumentare la rigidità ed eliminare l'uso di viti e collanti, e la membrana rivestita di tungsteno, la rendono una cuffia dalle caratteristiche spaziali se confrontata con la produzione della concorrenza. Una cuffia che nasce con un progetto preciso in mente, dove nulla è lasciato al caso, e che va presa per quello che è. E' un valore assoluto: nella costruzione, nella presentazione, nella capacità di far sognare chi la desidera. Inoltre è bella, leggera, comoda e piacevole da toccare.

2) Pioneer SE Master 1

Pure lei giapponese. Costruita con la stessa filosofia della ADX5000, punta tutto sulla qualità dei materiali e l'assemblaggio. Meno raffinata della ADX5000 nella realizzazione del gruppo driver+telaio e per questo motivo meno estrema ma più concreta. Ma di sicuro non priva di elementi salienti come la membrana di alluminio rivestito in ceramica.

3) Ultrasone Edition 15

Un salto quantico, si direbbe. Ricordatevi che questa è la lista simpatia.
Comoda solo a guardarla. Se appaga l'udito come appaga la vista, qui è poco importante. E' bella, e traspira comodità e rilassatezza solo a guardarla. Vagamente anni '70, ma più tecnologica e senza essere troppo kitsch.

Lista sonora:

Per forza di cose qui ci sono solo le cuffie che ho ascoltato e che conosco bene.

1) HE1000

C'è poco da dire, è la cuffia/riferimento. Almeno per me che non possiedo la creme de la creme delle cuffie che sono uscite dopo, ad un prezzo doppio o anche più alto. Dovrei odiare Fang, per gli errori che ha commesso e gli orrori che ha prodotto subito dopo. Le sue decisioni dettate esclusivamente dal portafoglio (il suo) e che hanno svilito i modelli del suo catalogo già prodotti. In breve, si rammentano: la Susvara spacciata come l'evoluzione della HE6 ma ad un costo lunare, la HE1000 V2 (sfornata dopo pochi mesi) e poi la HE1000 SE, cuffie senza alcun senso se non quello di spillare ulteriori soldi ai clienti. La (scarsa) qualità dei materiali e l'assemblaggio approssimativo, con l'intento preciso di risparmiare, ma con il prezzo da giapponese di lusso, l'high-end dei poveri pagato una follia. Ebbene, dicevo, dovrei odiare Fang per tutto questo, ma ogni volta che ascolto con la HE1000 mi rendo conto di avere un gioiello di rara qualità sonora. Tra l'altro, ora è davvero una rarità, la versione V1. Complice il Dott. Fang, che l'ha tolta dalla produzione dopo pochi mesi, sostituita dalla V2, ora è quasi introvabile, così come sono introvabili i pads originali. Naturalmente, fiutando l'aria, me ne sono procurato una coppia di ricambio dei pads originali appena in tempo, prima che sparissero dalla circolazione. I pads nuovi (gli "ultrapads")  NON sono un sostituto accettabile.

2) DT880 PRO 250 Ohm

Un altro riferimento. Sempre per me, ovviamente (ricordate che questa è la lista della resa sonora, passibile di obiezioni e contestazioni). E' esattamente il contrario della HE1000: costruita con razionalità, è robusta, comoda e fatta per durare. Con alle spalle qualche decina di anni di evoluzione, è completamente rinnovabile comprando i ricambi: pads, trasduttori, coppe, e anche il cavo, se si può usare un saldatore. E per gli standard odierni è considerata economica, ma i 200 euro che servono per averla non sono poi così pochi, se si riflette su quanto dovrebbe costare una cuffia da grande produzione industriale, dove ogni elemento è razionalizzato al massimo e tutto è rivolto al massimo rapporto qualità/costo. Con una DT880 PRO avete tutto quello che serve: fedeltà timbrica, piacevolezza di ascolto, comodità, e la certezza di un prodotto costruito da un grande marchio che non molla fregature. Del resto, se questa cuffia ha resistito tutti questi anni, un motivo deve esserci. Tutto il resto, nei dintorni di questa fascia di prezzo e fino a 600 euro, è solo fuffa e fumo negli occhi. Se proprio volete esagerare, passate ad una T1.

3) ATH-900X

Semplicemente grandiosa nel restituire la spazialità e una gamma media fuori dal comune. E' talmente "fuori", che non è paragonabile a nessuna cuffia di quelle che ho. Leggera, costruita benissimo ma difettata by design, è una cuffia che va corretta, equalizzata, ma che così facendo prende il volo e fa bye bye persino alla prima in classifica. E' una cuffia spericolata, vitale e dinamica. E' come doveva essere la ADX5000, senza i suoi orpelli e la valigetta di pelle. Progetto giapponese, assemblaggio in Cina.

4) ATH-R70X

Dopo averne distrutto un esemplare per mia incompetenza nell'eseguire mod strampalati, ne ho comprata un'altra. Dovrei fare un corso dal sig. Ricci.
Una giapponese dedicata al mondo del professionale, onesta, ben costruita, leggera e comoda. I suoi 470 Ohm spaventano, ma sono del tutto innocui. Anche il dodocool ce la fa. La sua timbrica dolce, per nulla affaticante, e il fatto di essere "piccola" rispetto alle altre cuffie desktop, la rendono la compagna ideale per tutte le occasioni in cui non ci si trova di fronte al solito impianto. E poi è giapponese, progetto e costruzione (la mia, ma alcune sono made in Taiwan).


_________________
Alex
www.giardinoelettronico.com
lalosna
lalosna
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1869
Data d'iscrizione : 19.08.12
Età : 58
Località : Cit Türin

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da lalosna il Ven Giu 05 2020, 22:50

- Raal Sr1
- Hifiman He1000 se
- Sennheiser Hd800s
- Denon 7200


Ultima modifica di lalosna il Sab Giu 06 2020, 09:28, modificato 1 volta


_________________
Cerèa...
Edmond
Edmond
Sordologo

Numero di messaggi : 10845
Data d'iscrizione : 17.04.10
Località : Brescia

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da Edmond il Ven Giu 05 2020, 23:40

Non poteva essere altro che Nessie a fare questa proposta di classifica... Robe da matti!!!
Non sono in grado di ricordare tutte le cuffie ascoltate in 45 anni... Però, visto che giochiamo...:

1. Abyss 1266 Phi: cuffia straordinaria, la più completa che io abbia mai ascoltato. Un disastro la ricerca della posizione corretta per chi tiene la capa tanta, ma da paura;

2. RAAL: non è una cuffia, non è un sistema di altoparlanti, non ho ancora capito cosa sia, ma suona, se ben amplificata, in maniera sconvolgente;

3. Stax 009/Jade II: non posso dividerle, fantastiche entrambe, ma richiedono amplificazioni tarate in maniera differente. La Jade II, con l'ampli giusto, è il più grande affare della storia, senza dubbio;

5. HE1000 rigorosamente prima serie: cuffia eccellente, anche se non linearissima, puoi tenerla in testa per ore senza alcun fastidio, Diventa splendida se collegata ai morsetti diffusori di un signor integrato.


_________________
Giorgio


E facciamola Firma12


Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid
Barone Birra
Barone Birra
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 779
Data d'iscrizione : 11.05.18

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da Barone Birra il Ven Giu 05 2020, 23:50

1) ZMF Vérité
Sembrerà l'uovo di colombo, ma per iniziare a far suonare bene una cuffia bisogna partire dalle medie frequenze, e farle ricche, naturali, presenti, definite. Se ci metti anche una cassa armonica in legno ancora meglio. Più piacevole da ascoltare di cuffie ugualmente tecniche, più tecnica di cuffie ugualmente piacevoli.

2) Focal Utopia
Altro esempio di cuffia che fa della neutralità la sua bandiera e della medie il suo fulcro, sottolineato dal fatto di trovarti sotto il naso del cantante, con contezza radiografica dell'ambiente circostante. Curiosamente, rispetto alla ZMF che sottolinea meglio il primo piano, la Focal ti fa badare di più ai dettagli dello sfondo.

3) ZMF Vérité Closed
Non l'ho neanche sentita (insomma è un bandalexiano voto per "simpatia"), ma il fatto che diverse persone che hanno un modello finiscano per prendere anche l'altra versione della Vérité, è indicativo del fatto che se ti piace quella sound signature è un complemento logico. Si scambia un po' di ambienza e neutralità con maggiore impatto e presenza.

4) Abyss 1266
E' la cuffia delle P, potenza, precisione e personalità, il suo progetto senza compromessi di presentazione acustica è anche il suo limite principale, perché richiede dedizione e atteggiamento come se stessi ascoltando coi diffusori, perdendo parte delle prerogative cuffiofile di facilità e disimpegno nell'utilizzo. Inoltre medie meno esaltanti rispetto agli aggeggi citati in precedenza.

5) Final D8000
Altra magnetoplanare dalle grandi qualità e prerogative, estensione e assenza di buchi o picchi. Rispetto alla Abyss, forse è anche più esplosiva grazie alla sua impostazione più "ravvicinata", il petardo che lì esplode a tre metri, qui ti scoppia in mezzo ai piedi. Ha dei bassi scultorei, controllati e che scendono senza fine, forse per quel marchingegno dell'air damping.


_________________
Ascoltofoni:
ZMF Vérité LTD / Focal Utopia / Final D8000 / Sony Z1R / Sennheiser HD800 / Grado GH3 / Audeze iSine 10
Bryston BHA-1 / IFI Pro iCAN / Feliks-Audio Euforia
Benchmark DAC3 HGC / Roksan Caspian M2 / A&K Kann / Denon DVD 2200 / Micromega Stage 4
Cairn 4808 Upgraded / Wadia A102 / Sonus Faber Concertino
ducaconte1981
ducaconte1981
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 112
Data d'iscrizione : 22.04.19

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da ducaconte1981 il Sab Giu 06 2020, 08:53

la mia lista comprende si cuffie che ho e cuffie che ho ascoltato,e che prima o poi riusciró ad averle...

1) He1000se,l'ho ascoltata un paio di volte e quelle due volte mi hanno fatto capire che forse in casa hifiman è il vero riferimento di questo marchio.Comodità ai massimi livelli(posseggo l'ananda),ha una grana che secondo me poche cuffie al mondo possono tenere il confronto.

2)Ananda,la posseggo tutt'ora,sicuramwnte non avrà i materiali della he1000 ma ha la stessa comodità e come suono è meno raffinata della sorella maggiore,ma è una cuffia sensazionale,un grande palcoscenico,tanta raffinatezza è una cuffia abbastanza lineare ma che tende al dettaglio,non fastdiisa sulle alte e medi incridibili,un basso presente,articolato e ben dettagliato,i suoi 1000€ di listino sembrano pochi quando l'ascolti!(da riequilibrare leggermente per colpa del cavo di serie che è penoso)

3)HD580 precision,altra cuffia che posseggo,della serie reference le ho ascoltate tutte e questa a parer mio è la piu equilibrata,il medio alto di senny è indistinguibile,una cuffia che con una giusta valvola e sul mondo del jazz o della classica ci va a nozze,non estremamente difficile da pilotare,la comodità è incredibile come tutte le senny,unica pecca avrei fatto i padiglioni leggermente piùgrandi.

4)Focal elear,la piccola di casa francese,cosa dire focal è entrata nel mondo cuffie in modo abbastanza pesante,la elear è la piccolina,quella con il suono più piacione,abbastanza calda,non affaticante e grande misicalità,qualsiasi traccia viene riprodotta nn viene penalizzata come molte cuffie fanno di solito,ottimo basso,medio pieno e nn invadente e gamma alta precisa,abbastanza cristallina ma mai affaticante,la dote più bella di casa focal è la qualità costruttiva che forse la maggior parte dei brands di dimenticano e poi la comodità...non esiste cuffia piu comoda di questa,infatti più in là passeró alla clear come sostituta.

5)DT880 black edition,allora questa ciffia secondo la beyerdynamic è uguale alla dt880 pro,non vero sono diverse,forse per driver(ma nn credo) o forse per qualcosa all'interno del
padiglione,fatto sta che è una cuffia incredibile,comodità è il suo punto di forza visto che l'azienda tedesca fa cuffie da lavoro quindi cuffie che vengono indossate per molte ore,a livello sonoro è stata una sorpresa perchè ha una mudicalità incredibile,è una cuffia che si prende sotto i 200€ ma è quella cuffia che una volta comprata non ti rivendi piu,anche se 250 ohm è di facile pilotaggio visto che comunque è 100 mw di potenza,la consiglio vivamente.

Avrei anche una sesta cuffia,una audeze ma sto aspettanto di ascoktare bene la lcd3...


_________________
Insta 1221audiolab
mail: 1221audiolab@gmail.com
supertrichi
supertrichi
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 342
Data d'iscrizione : 24.11.10
Età : 59
Località : Motta di Livenza

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da supertrichi il Sab Giu 06 2020, 17:21

1) Audeze LCD 3F
Per un rochettaro come il sottoscritto sentire la gamma bassa così estesa e precisa è una goduria.
Plus: Un ascolto emozionante
Minus: Comodissima ma pesantuccia

2) HIFIMAN HE6
La linearità è la qualità principe di questa cuffia.
Plus: Tutte gli strumenti al loro posto
Minus: Una centrale elettrica per muoverle

3) Sennheiser HD800
Al posto di una elettrostatica per avere un bel palcoscenico ed un dettaglio sul medio alto
Plus: Un headstage molto coinvolgente anche se esagerato in alcuni casi
Minus: Quel famoso picco a  6 KHz che ho limitato con il resonator ma, nonostante ciò, rimane una cuffia freddina

4) Denon D5000
Sempre per alimentare il rochettaro che è in me. Per certi aspetti la versione chiusa della Audeze
Plus: Cuffia comodissima, con un'ottima dinamica
Minus: Gamma media leggermente arretrata

5) Grado SR 80
Un pezzo di storia dal rapporto q/p inarrivabile. Suono gradevolissimo mid centrico.
Plus: L'unica ascoltabile d'estate
Minus: Una delle cuffie più scomode della storia ( per la mia testa )


_________________
Saluti
Pasquale
remasters
remasters
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 884
Data d'iscrizione : 12.08.15
Età : 49
Località : PALERMO

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da remasters il Sab Giu 06 2020, 17:58

1) Focal Utopia
Se non ben amplificata si sente ma non suona. Altrimenti è uno spettacolo, dettaglio, estensione e timbrica raffinatissima
2) Hifiman 1000 V1 
Concordo con quanto riportato sopra; costruita come una cinese suona come una giapponese
3) ZMF Aeolus
La cuffia per rilassarsi. Si potrebbe non desiderare altro: equilibrio totale 
4) Sennheiser 800
Il primo amore. Me ne frego della presunta mancanza di bassi; con valvolari e OTL suona come una cuffia da 5000€ e con la classica non ce n è ancora per nessuno
5) Audeze X
Venduta solo perché pesante. La ZMF dei tempi passati, mi piacerebbe risentirla con i miei ampli attuali
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1026
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da Buranello64 il Dom Giu 07 2020, 09:13

1. Audeze LCD X
    La cuffia da suono più naturale che abbia mai ascoltato

2- Audeze iSINE 10
    Non raggiunge le prestazioni della LCD X ma la tallona da vicino.
    Anche collegaa brutalmente a uno smartphone entri nel mondo della
     vera Hi-Fi

3. McIntosh MHP 1000
    Una vera cuffia monitor, non le scappa nulla

4. Sennheiser HD 202
    Costava (ormai non la producono più) poco meno o poco più di 
    30€
    suonava davvero molto ma molto bene. 

5  AKG 240 PRO
    La cuffia della mia giovinezza, quando non ti importava dove la 
    collegavi,come erano i bassi, il dettaglio, la qualità del cavo.  
    Collegavi... accendevi... ti godevi la musica
grazianux
grazianux
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1564
Data d'iscrizione : 11.12.11
Età : 47

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da grazianux il Dom Giu 07 2020, 11:50

Beh, sino ad ora, su dieci utenti, abbiamo pochi modelli che si ripetono e soprattutto 10 primi posti diversi, se servisse una ulteriore testimonianza di quanto sia tutto soggettivo anche e soprattutto di fronte a prodotti eccellenti.
montanari
montanari
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9991
Data d'iscrizione : 06.04.11
Età : 40
Località : Morciano di R. - vespista

E facciamola Empty Re: E facciamola

Messaggio Da montanari il Dom Giu 07 2020, 12:25

ok, ci provo

1. Focal Utopia: suono per me quasi perfetto, ok non ha i bassi da botta in testa, ma sono molto corretti e risolvo con un lowshelf da +4db su roon dai 60hz, si manda con tutto che per me ora e' un plus non da poco, se solo suonasse un po piu larga e fosse un pelo piu leggera sarebbe la cuffia perfetta (..forse la abyss diana phi?)

2. He1000 v2: comodissima, serve una centrale per mandarla a dovere ma si risolve con poca spesa, basta un kelvin labs the integrated, o un classe D se piace un altro tipo di sonorita'.provare per credere! a lungo andare gli alti diventano un po troppo soft e la cuffia troppo morbida, qualita' costruttiva scadente

3. Audeze LCD3, sweet spot della audeze. medio liquido fantastico, basso, o meglio medio basso da pelle d oca, limitata da delle alte che dire attuffate e' poco e dal peso ok solo per chi ha il collo di tyson. purtroppo anche questa si rompe

4. fostex th900: suona piu larga dell utopia! basso assurdo, migliore ascoltato per elettronica e hip hop. alti dettagliati medie un po indietro. cuffia molto divertente e non corretta, perfetta come seconda cuffia  e limitata a pochi specifici generi, dove pero vince su tutte le altre

5. sony z1r: suona piu scura della th900, meno estrema, molto comoda e ben costruita, piu universale della fostex ma per jazz e cantautorato si trova secondo me di meglio a meno

fuori dalla lista: stax 009 ascoltata piu volte con gli amplificatori giusti puo andare diretta a primo posto per chi ascolta classica e jazz, meno universale della utopia su cui ci si puo ascoltare anche rock ed elettronica, ma suona piu larga e con lo stesso livello di dettaglio se non meglio. fa le pernacchie..
lcd X peggior audeze per i miei gusti, perde quella liquidita dei medi per farsi monitor ma con il miglior punch delle lcd
lcd4, molto bella ma considero la he1000 superiore
etc etc


_________________
alè:
le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    La data/ora di oggi è Gio Ago 13 2020, 17:02