Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident

Bertox
Bertox
Member
Member

Numero di messaggi : 65
Data d'iscrizione : 18.05.20
Località : Firenze

MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident Empty MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident

Messaggio Da Bertox Mar Mag 04 2021, 01:09

1) ERIC DOLPHY, Memorial Album, Prestige PR 7335, 1965 (Mono)

Qui trovate le foto della copia: stessa etichetta, stesso run out con VAN GELDER 'stamped'  

https://www.discogs.com/it/Eric-Dolphy-Booker-Little-Memorial-Album-Recorded-Live-At-The-Five-Spot/release/2822811

nel caso non appaia come link è la prima delle 31 versioni attualmente inserite

2)  ERIC DOLPHY, Memorial Album, Prestige PRST 7335, 1965 (Stereo)

Qui trovate quelle delle mia copia, stesso run out; sia VAN GELDER sia STEREO sono 'stamped'

https://www.discogs.com/it/Eric-Dolphy-Booker-Little-Memorial-Album-Recorded-Live-At-The-Five-Spot-/release/4481174

si tratta della terza edizione nella lista di discogs. E' interessante notare che questa mia copia stereo, AL CONTRARIO della mia mono, ha un vinile più pesante con il 'deep groove'.



Si tratta del terzo LP, in questo caso pubblicato nel 1965, che riproduce quanto registrato al Five Spot di New York nel luglio del 1961 da Rudy Van Gelder per la Prestige Records. Sono regitrazioni di altissimo livello da un punto di vista audiofilo e musicale ma, al contrario di tanti altri titoli curati in quegli anni da RVG, non sono stati riproposti dalle varie etichette “audiofile” a causa, credo, del contenuto musicale abbastanza ostico: si tratta di quel jazz d’avanguardia, ancora legato, per quanto riguarda la sezione ritmica, agli stilemi dell’hard bop della seconda metà dei ’50 ma che vede i due fiati in generale, e Dolphy in particolare, impegnati a esplorare i confini della tonalità nella progressione armonica, non disdegnando affatto suoni dissonanti.

Insomma, Eric Dolphy non è per tutti e quindi questo e gli altri due Lp (Eric Dolphy at The Five Spot, voll. 1, 1961 & 2, 1963) quasi sicuramente non potranno bissare il successo audiofilo dei due ‘Riverside’ live di Bill Evans (‘Sunday at The Village Vanguard’, 1961 & ‘Waltz for Debbie’, 1962) registrati anch'essi nel 1961 e, immagino, nelle case di tanti gazebini.

Avevo già la prima emissione in Stereo e pochi giorni fa mi è stato “proposto” il suo fratellino in versione Mono.
Io preferisco usare  ‘prima emissione’ o ‘prima edizione’ in luogo di ‘prima stampa’ e mai come nel caso di Lp come questi, editi da piccole case discografiche la distinzione è necessaria. Il perché è presto detto. Il binomio Prestige/RVG non prevedeva l’uso di codici raffinati, in grado di distinguere nella produzione dei vinili, Laquer disc, Metal Mother e Stamper, rispettivamente il primo, il quarto e il quinto e ultimo step necessario per passare dal master alla...padella da torturare coi nostri chiodini.

Qui come nei Blue Note, noi possiamo risalire con relativa facilità alla prima emissione grazie ai cambiamenti che queste Label praticavano sull’etichetta del disco: in questo caso, noi sappiamo che la Prestige nel periodo 1964-1971 - corrispondente ai numeri di catalogo 7265 - 7857 - ha utilizzato la  Blue Trident Label, quella che vedete nelle foto, mentre per quanto riguarda il Run out Rudy Van Gelder si limitava a firmare.
Forse la più importante fonte su questa materia per quanto riguarda i dischi di musica jazz è 'londonjazzcollector', un sito gestito da un collezionista audiofilo che è in continua evoluzione, essendo diventato una sorta di banca dati mondiale. Qui trovate la 'label guide' della Prestige

https://londonjazzcollector.wordpress.com/record-labels-guide/prestige/4-prestige/


In questo caso, possiamo confrontare due ‘prime edizioni’ e, siccome siamo già nel 1965, sappiamo che l’edizione mono, se ha preceduto la versione stereo, lo ha fatto per un intervallo di tempo trascurabile: discogs riporta il 1965 come anno d’avvio per entrambe le edizioni e pochi mesi non credo possano influire sulla qualità del nastro master.

Insomma, possiamo solo ascoltare, valutare queste due copie senza azzardare giudizi definitivi o, peggio, tentare generalizzazioni sulla superiorità sonica dell’una tecnica di riproduzione sull’altra.
Ho ascoltato i due dischi tre volte in altrettante session, variando l’ordine d’ascolto. Devo dire che la valutazione della prima seduta è stata contermata dalle successive.

Il Mono entra di diritto nella categoria dei ‘grandi mono’: la finestra davanti all’ascoltatore è ampia e si concretizza in un’esplosione di suono davanti alla mia Poang. L’impatto, prima ancora dell’escursione dinamica, che è comunque notevolissima, è l’elemento decisivo che colpisce chi ascolta.
La conseguenza psico acustica, almeno per me, è la sensazione dell’ascolto dal vivo, in questo caso quello in un piccolo club, in posizione molto vicina ai musicisti.

La sua banda passante è notevole: il contrabbasso è presente ed è  sufficientemente percepibile anche durante i soli dei fiati; il che è un risultato eccellente vista e considerata la ripresa dal vivo. Non escludo che questo sia il risultato della “mano” del tecnico del suono in fase di missaggio.
Quello che voglio dire è che, molto spesso, dal vivo, in un club, la possibilità di “seguire” le linee del contrabbasso è preclusa da molti fattori e, in primis dalla mano del batterista.
Qui, per fortuna, Ed Blackwell suona con grande intelligenza e prestando attenzione a chi gli sta intorno. Suona, come si usa dire, “in controllo” il che non impedisce a noi ascoltatori di apprezzare la veridicità del charleston e dei piatti: l’estensione in alto è ben presente.
Le migliori registrazioni a stato solido possono dare qualcosa in più? Senz’altro, ma ciò che si perde qui in termini di estensione lo si guadagna in termini di ricchezza armonica, sempre ihmo e sempre forse, ecc., ecc.
E la gamma media? Qui siamo a cavallo! Segnalo, per farla breve una presa di suono strepitosa del piano di Mal Waldrom sia per correttezza timbrica sia per resa dinamica, il che è notizia particolarmente gradita tenendo conto dell’uso sempre generoso che Waldrom fa del pedale di risonanza nel suo pianismo fatto d’iterazioni con l’uso di accordi con entrambi le mani. Insomma, Mal Waldrom registrato male, “impasterebbe” il suono alla grande. In questo caso siamo agli antipodi e il piano, forse risulta il ‘primus inter pares’ dove i pari sono il sax alto o il clarinetto basso di Dolphy e la tromba di Booker Little.
Come ne escono i fiati? ‘Veri’, mi verrebbe da dire, e con questo credo d’aver pagato il tributo doveroso al binomio RGV/Prestige.
Innanzitutto, sono realistici nei volumi di suono. Nel brano in side A, forse il più ostico dei due, quello che in copertina è indicato come ‘Number Eight’ ma sull’etichetta di trasforma in ‘Potsa Lotsa’, Eric Dolphy suona il sax alto e lo suona ‘as usual’: palette dinamica che varia dal mezzo-forte al fortissimo con quel suono pieno ma allo stesso tempo mai rotondo, al contrario tendente al tagliente e quindi, per molti ascoltatori, al lancinante. Il volume di suono che questo mono ci restituiice è impressionante e dà in qualche modo un’idea di cosa doveva arrivare alle orecchie degli astanti accorsi al Five Spot quella sera.
La tromba di Booker Little non è in grado di sostenere questo tipo di contronto “atletico”, sposta meno aria e questo il mono lo rende magnificamente.
Magnifica è anche la resa timbrica dei due strumenti; ho già accennato al sax alto di Dolphy, resta da dire del bellissimo, per me, timbro pastoso e scuro di Little che si combina benissimo col ‘quel’ contralto, a dimostrazione dell’intelligenza artistica di Eric Dolphy nello scegliere i musicisti.

Cosa succede passando all’ascolto stereofonico?
Naturalmente, intendendo con  ‘stereo’, il significato usuale di ‘spaziale’ favorito dalla tecnica adottata sul finire degli anni cinquanta. Lo dico perché, se pensiamo all’altro significato della parola greca ‘stereo, ovvero ‘solido’,  allora è difficile non definire ‘stereo’ il suono degli strumenti del mono appena ascoltato…

Ebbene, questa copia stereo, suona magnificamente, molto meglio delle decine di ristampe audiophile di jazz che ho posseduto/ascoltato in tutti questi anni, porta in dote i benefici di una spazialità che permette una dislocazione da destra a sinistra dei musicisti sul minuscolo palco del Five Spot (le foto di quella serata chiariscono che parlare di ‘profondità’ della scena sarebbe fuori luogo); ma non è allo stesso livello.
Siamo a livelli d’assoluta eccellenza, il mio precedente voto, che confermo, parla di un 89/100, ma…qualcosa manca in termini di realismo timbrico, di resa degli armonici, di dinamica: c’è meno suono, ergo, c’è meno musica.
E di questo ne prendiamo contezza subito, prima che il quintetto cominci a suonare ‘Number eight/Potsa Lotsa’: i musicisti salgono sul palco, Dolphy controlla che l’ancia e lo strumento siano a posto con una scala discendente: la nota risuona sul mono, dando conto del riverbero del locale, con una modalità e temporalità che nella mia copia stereo non è presente con lo stesso grado di chiarezza.

Quanto seguirà confermerà questa prima impressione.
La distanza fra il ‘volume di suono’ del contralto di Dolphy e la tromba di Booker Little si riduce, il carattere lancinante del sax si stempera un pochino, la cordiera sul rullante di Eddie Blackwell è meno realistica, l’intelligibilità delle linee del contrabbasso di Richard Davis è minore e via di questo passo.
La perdita di suono è piccola ma è, a casa mia, chiaramente percepibile.
L’ascolto in stereofonia compensa? In parte, sì. La larghezza del palco è un valore aggiunto e da me apprezzata, per es. nel “dialogo” fra Waldrom e Blackwell, sempre in ‘Number Eight', durante l’assolo di piano.
Blackwell cambia ogni otto battute la figurazione ritmica con cui accompagna Waldrom, e in questo modo aggiunge variazione alla tipica “fissità” del pianista. La distanza fra i due - Waldrom è all’estrema sinistra, Blackwell al centro - aiuta a cogliere questo particolare, uno dei tanti che ha reso questo quintetto e queste registrazioni un punto di riferimento per gli appassionati di jazz degli anni sessanta.

In conclusione? Come detto all'inizio, non ci sono vere e proprie conclusioni, se non confermare la bontà del binomio RVG/Prestige e consigliare di ascoltare le prime emissioni Blue Trident Prestige, se ne avete l’opportunità.

Per quanto riguarda, la relativa inferiorità della mia copia stereo, che un altro appassionato potrebbe comunque preferire alla copia mono, confido che altri gazebini abbiano in casa altre copie “sorelle” della mia e ci sia in futuro la possibilità di ascolti comparati. Io, quasi sicuramente, non sono sul mercato per una seconda copia stereo ma sarei curioso di sapere se "tutte le altre" hanno quel qualcosa in meno da me riscontrato.

Buoni ascolti.
zulele
zulele
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1469
Data d'iscrizione : 08.07.14

MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident Empty Re: MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident

Messaggio Da zulele Mar Mag 04 2021, 21:16

Commenti che conquistano anche uno come me, che non frequento il jazz.
Un thread così è la perfetta sintesi fra amore per la musica e passione per la sua riproduzione, sostenuta da cultura e gusto. Un paradigma. Un sincero: grazie !


_________________
Naim CDX2+XP5XS - analogico: Rega RP8 con RB808 + Lyra Delos / Denon DP1200 + Ortofon Vivo Blue/Audio Technica AT-F7/Nagaoka MP110 - prephono Rega IOS e iFi iPhono 2 - Bluesound Node 2i - Accuphase E-360 - diffusori ProAc Response 1.5 - cavetteria: Accuphase, Tellurium, S&M
Franz84
Franz84
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 701
Data d'iscrizione : 23.02.18
Località : Roma

MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident Empty Re: MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident

Messaggio Da Franz84 Mer Mag 05 2021, 18:28

Bertox,
ritengo corrette le tue impressioni di ascolto, a parità di qualità di stampa, la versione mono di un disco che per di più nasceva mono dovrebbe essere superiore, perché la definizione è maggiore nel solco del disco mono rispetto al disco stereo. I volponi giapponesi corrono dietro alle stampe mono di qualità, e molti ampli Jap avevano il tasto mono, accuphase lo ha tuttora.
Hai fatto questi ascolti con una testina stereo od una testina mono? Consiglio caldamente una testina mono, le differenze a favore del disco mono dovrebbero acuirsi ..


_________________
Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Accuphase DC 330 - Accuphase DP101 -Accuphase P500 - Technics SL 1200G - Thorens TD 125 Mk2 - Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - Fidelity Research XG5 - XF1 L - Zyx ccp1 - Uesugi UBROS 5 Low -  ProAC 140 MK 2 - Cablaggio AIRTECH
Bertox
Bertox
Member
Member

Numero di messaggi : 65
Data d'iscrizione : 18.05.20
Località : Firenze

MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident Empty Re: MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident

Messaggio Da Bertox Gio Mag 06 2021, 01:25

@zulele

Grazie. Non so quale musica frequenti.
Classica? Sto ascoltando in questi giorni un mono Deutsche Grammophon che mi ha lasciato sbalordito: P. Tschaikowsky, Symphonie N.4, diretta da J. Mrawinskij alla testa della "sua" Leningrader Philarmonie. Vi è un livello di definizione timbrica e di escursione dinamica che raramente ho percepito nelle migliori registrazioni stereo della mia discoteca. Certo, manca nel terzo movimento, il celeberrimo 'Scherzo: Pizzicato ostinato', quell'effetto 'movimento da destra a manca e viceversa' dove le varie sezioni degli archi si passano il testimone e che rivaluta una buona registrazione stereo.
Se invece la parola magica è rock, ti avverto: le stampe mono di tanti classici sono rare e costosissime.

@Franz84

Ho ascoltato le due copie con la mia testina stereo: Linn Akiva. Il commutatore mono/stereo del mio pre è rimasto sempre su stereo. In passato, ho provato a mettere in mono il sistema ascoltando dischi mono ma il risultato mi è sempre apparso inferiore, ragion per cui ormai ho smesso di farlo. Però dopo il tuo post, per scrupolo, ho riascoltato la copia mono “giocando” con lo switch mono/stereo.

Mono su mono: il suono tende leggermente a chiudersi in alto, i piatti della batteria rimangono un pò più indietro.
Però, è bene precisare che il mio è un commutatore a cinque posizioni, in uso negli Audio Research degli anni ’80 e, credo, “eredità” dei preamp. Marantz e McIntosh: mono, reverse, stereo, left, right, in questo preciso ordine . Insomma, la posizione ‘stereo’ è quella centrale ed è, forse, la meno “trafficata”: lascio la parola agli esperti; e comunque, ripeto, a scanso di equivoci: non ho mai avuto una testina mono.

Franz84
Franz84
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 701
Data d'iscrizione : 23.02.18
Località : Roma

MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident Empty Re: MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident

Messaggio Da Franz84 Ven Mag 07 2021, 12:40

Il mio Accuphase migliora drasticamente la prestazione con i dischi ed i cd in mono attivando il tasto mono, soprattutto in termini di silenzio e migliore messa a fuoco dell'immagine. Anche lì suppongo dipenda dalla qualità della singola macchina ... certo una testina mono farebbe la differenza, pirma o poi ne prenderò una ..


_________________
Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Accuphase DC 330 - Accuphase DP101 -Accuphase P500 - Technics SL 1200G - Thorens TD 125 Mk2 - Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - Fidelity Research XG5 - XF1 L - Zyx ccp1 - Uesugi UBROS 5 Low -  ProAC 140 MK 2 - Cablaggio AIRTECH
taniflex
taniflex
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1829
Data d'iscrizione : 31.01.16
Età : 54
Località : Ascona (Svizzera)

MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident Empty Re: MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident

Messaggio Da taniflex Ven Mag 07 2021, 15:11

@Bertox ha scritto:1) ERIC DOLPHY, Memorial Album, Prestige PR 7335, 1965 (Mono)

Qui trovate le foto della copia: stessa etichetta, stesso run out con VAN GELDER 'stamped'  

https://www.discogs.com/it/Eric-Dolphy-Booker-Little-Memorial-Album-Recorded-Live-At-The-Five-Spot/release/2822811

nel caso non appaia come link è la prima delle 31 versioni attualmente inserite

2)  ERIC DOLPHY, Memorial Album, Prestige PRST 7335, 1965 (Stereo)

Qui trovate quelle delle mia copia, stesso run out; sia VAN GELDER sia STEREO sono 'stamped'

https://www.discogs.com/it/Eric-Dolphy-Booker-Little-Memorial-Album-Recorded-Live-At-The-Five-Spot-/release/4481174

si tratta della terza edizione nella lista di discogs. E' interessante notare che questa mia copia stereo, AL CONTRARIO della mia mono, ha un vinile più pesante con il 'deep groove'.



Si tratta del terzo LP, in questo caso pubblicato nel 1965, che riproduce quanto registrato al Five Spot di New York nel luglio del 1961 da Rudy Van Gelder per la Prestige Records. Sono regitrazioni di altissimo livello da un punto di vista audiofilo e musicale ma, al contrario di tanti altri titoli curati in quegli anni da RVG, non sono stati riproposti dalle varie etichette “audiofile” a causa, credo, del contenuto musicale abbastanza ostico: si tratta di quel jazz d’avanguardia, ancora legato, per quanto riguarda la sezione ritmica, agli stilemi dell’hard bop della seconda metà dei ’50 ma che vede i due fiati in generale, e Dolphy in particolare, impegnati a esplorare i confini della tonalità nella progressione armonica, non disdegnando affatto suoni dissonanti.

Insomma, Eric Dolphy non è per tutti e quindi questo e gli altri due Lp (Eric Dolphy at The Five Spot, voll. 1, 1961 & 2, 1963) quasi sicuramente non potranno bissare il successo audiofilo dei due ‘Riverside’ live di Bill Evans (‘Sunday at The Village Vanguard’, 1961 & ‘Waltz for Debbie’, 1962) registrati anch'essi nel 1961  e, immagino, nelle case di tanti gazebini.

Avevo già la prima emissione in Stereo e pochi giorni fa mi è stato “proposto” il suo fratellino in versione Mono.
Io preferisco usare  ‘prima emissione’ o ‘prima edizione’ in luogo di ‘prima stampa’ e mai come nel caso di Lp come questi, editi da piccole case discografiche la distinzione è necessaria. Il perché è presto detto. Il binomio Prestige/RVG non prevedeva l’uso di codici raffinati, in grado di distinguere nella produzione dei vinili, Laquer disc, Metal Mother e Stamper, rispettivamente il primo, il quarto e il quinto e ultimo step necessario per passare dal master alla...padella da torturare coi nostri chiodini.

Qui come nei Blue Note, noi possiamo risalire con relativa facilità alla prima emissione grazie ai cambiamenti che queste Label praticavano sull’etichetta del disco: in questo caso, noi sappiamo che la Prestige nel periodo 1964-1971 - corrispondente ai numeri di catalogo 7265 - 7857 - ha utilizzato la  Blue Trident Label, quella che vedete nelle foto, mentre per quanto riguarda il Run out Rudy Van Gelder si limitava a firmare.
Forse la più importante fonte su questa materia per quanto riguarda i dischi di musica jazz è 'londonjazzcollector', un sito gestito da un collezionista audiofilo che è in continua evoluzione, essendo diventato una sorta di banca dati mondiale. Qui trovate la 'label guide' della Prestige

https://londonjazzcollector.wordpress.com/record-labels-guide/prestige/4-prestige/


In questo caso, possiamo confrontare due ‘prime edizioni’ e, siccome siamo già nel 1965, sappiamo che l’edizione mono, se ha preceduto la versione stereo, lo ha fatto per un intervallo di tempo trascurabile: discogs riporta il 1965 come anno d’avvio per entrambe le edizioni e pochi mesi non credo possano influire sulla qualità del nastro master.

Insomma, possiamo solo ascoltare, valutare queste due copie senza azzardare giudizi definitivi o, peggio, tentare generalizzazioni sulla superiorità sonica dell’una tecnica di riproduzione sull’altra.
Ho ascoltato i due dischi tre volte in altrettante session, variando l’ordine d’ascolto. Devo dire che la valutazione della prima seduta è stata contermata dalle successive.

Il Mono entra di diritto nella categoria dei ‘grandi mono’: la finestra davanti all’ascoltatore è ampia e si concretizza in un’esplosione di suono davanti alla mia Poang. L’impatto, prima ancora dell’escursione dinamica, che è comunque notevolissima, è l’elemento decisivo che colpisce chi ascolta.
La conseguenza psico acustica, almeno per me, è la sensazione dell’ascolto dal vivo, in questo caso quello in un piccolo club, in posizione molto vicina ai musicisti.

La sua banda passante è notevole: il contrabbasso è presente ed è  sufficientemente percepibile anche durante i soli dei fiati; il che è un risultato eccellente vista e considerata la ripresa dal vivo. Non escludo che questo sia il risultato della “mano” del tecnico del suono in fase di missaggio.
Quello che voglio dire è che, molto spesso, dal vivo, in un club, la possibilità di “seguire” le linee del contrabbasso è preclusa da molti fattori e, in primis dalla mano del batterista.
Qui, per fortuna, Ed Blackwell suona con grande intelligenza e prestando attenzione a chi gli sta intorno. Suona, come si usa dire, “in controllo” il che non impedisce a noi ascoltatori di apprezzare la veridicità del charleston e dei piatti: l’estensione in alto è ben presente.
Le migliori registrazioni a stato solido possono dare qualcosa in più? Senz’altro, ma ciò che si perde qui in termini di estensione lo si guadagna in termini di ricchezza armonica, sempre ihmo e sempre forse, ecc., ecc.
E la gamma media? Qui siamo a cavallo! Segnalo, per farla breve una presa di suono strepitosa del piano di Mal Waldrom sia per correttezza timbrica sia per resa dinamica, il che è notizia particolarmente gradita tenendo conto dell’uso sempre generoso che Waldrom fa del pedale di risonanza nel suo pianismo fatto d’iterazioni con l’uso di accordi con entrambi le mani. Insomma, Mal Waldrom registrato male, “impasterebbe” il suono alla grande. In questo caso siamo agli antipodi e il piano, forse risulta il ‘primus inter pares’ dove i pari sono il sax alto o il clarinetto basso di Dolphy e la tromba di Booker Little.
Come ne escono i fiati? ‘Veri’, mi verrebbe da dire, e con questo credo d’aver pagato il tributo doveroso al binomio RGV/Prestige.
Innanzitutto, sono realistici nei volumi di suono. Nel brano in side A, forse il più ostico dei due, quello che in copertina è indicato come ‘Number Eight’ ma sull’etichetta di trasforma in ‘Potsa Lotsa’, Eric Dolphy suona il sax alto e lo suona ‘as usual’: palette dinamica che varia dal mezzo-forte al fortissimo con quel suono pieno ma allo stesso tempo mai rotondo, al contrario tendente al tagliente e quindi, per molti ascoltatori, al lancinante. Il volume di suono che questo mono ci restituiice è impressionante e dà in qualche modo un’idea di cosa doveva arrivare alle orecchie degli astanti accorsi al Five Spot quella sera.
La tromba di Booker Little non è in grado di sostenere questo tipo di contronto “atletico”, sposta meno aria e questo il mono lo rende magnificamente.
Magnifica è anche la resa timbrica dei due strumenti; ho già accennato al sax alto di Dolphy, resta da dire del bellissimo, per me, timbro pastoso e scuro di Little che si combina benissimo col ‘quel’ contralto, a dimostrazione dell’intelligenza artistica di Eric Dolphy nello scegliere i musicisti.

Cosa succede passando all’ascolto stereofonico?
Naturalmente, intendendo con  ‘stereo’, il significato usuale di ‘spaziale’ favorito dalla tecnica adottata sul finire degli anni cinquanta. Lo dico perché, se pensiamo all’altro significato della parola greca ‘stereo, ovvero ‘solido’,  allora è difficile non definire ‘stereo’ il suono degli strumenti del mono appena ascoltato…

Ebbene, questa copia stereo, suona magnificamente, molto meglio delle decine di ristampe audiophile di jazz che ho posseduto/ascoltato in tutti questi anni, porta in dote i benefici di una spazialità che permette una dislocazione da destra a sinistra dei musicisti sul minuscolo palco del Five Spot (le foto di quella serata chiariscono che parlare di ‘profondità’ della scena sarebbe fuori luogo); ma non è allo stesso livello.
Siamo a livelli d’assoluta eccellenza, il mio precedente voto, che confermo, parla di un 89/100, ma…qualcosa manca in termini di realismo timbrico, di resa degli armonici, di dinamica: c’è meno suono, ergo, c’è meno musica.
E di questo ne prendiamo contezza subito, prima che il quintetto cominci a suonare ‘Number eight/Potsa Lotsa’: i musicisti salgono sul palco, Dolphy controlla che l’ancia e lo strumento siano a posto con una scala discendente: la nota risuona sul mono, dando conto del riverbero del locale, con una modalità e temporalità che nella mia copia stereo non è presente con lo stesso grado di chiarezza.

Quanto seguirà confermerà questa prima impressione.
La distanza fra il ‘volume di suono’ del contralto di Dolphy e la tromba di Booker Little si riduce, il carattere lancinante del sax si stempera un pochino, la cordiera sul rullante di Eddie Blackwell è meno realistica, l’intelligibilità delle linee del contrabbasso di Richard Davis è minore e via di questo passo.
La perdita di suono è piccola ma è, a casa mia, chiaramente percepibile.
L’ascolto in stereofonia compensa? In parte, sì. La larghezza del palco è un valore aggiunto e da me apprezzata, per es. nel “dialogo” fra Waldrom e Blackwell, sempre in ‘Number Eight', durante l’assolo di piano.
Blackwell cambia ogni otto battute la figurazione ritmica con cui accompagna Waldrom, e in questo modo aggiunge variazione alla tipica “fissità” del pianista. La distanza fra i due - Waldrom è all’estrema sinistra, Blackwell al centro - aiuta a cogliere questo particolare, uno dei tanti che ha reso questo quintetto e queste registrazioni un punto di riferimento per gli appassionati di jazz degli anni sessanta.

In conclusione? Come detto all'inizio, non ci sono vere e proprie conclusioni, se non confermare la bontà del binomio RVG/Prestige e consigliare di ascoltare le prime emissioni Blue Trident Prestige, se ne avete l’opportunità.

Per quanto riguarda, la relativa inferiorità della mia copia stereo, che un altro appassionato potrebbe comunque preferire alla copia mono, confido che altri gazebini abbiano in casa altre copie “sorelle” della mia e ci sia in futuro la possibilità di ascolti comparati. Io, quasi sicuramente, non sono sul mercato per una seconda copia stereo ma sarei curioso di sapere se "tutte le altre" hanno quel qualcosa in meno da me riscontrato.

Buoni ascolti.
Grazie per tutta la spiegazione,veramente molto interessante ed esaustiva  applausi applausi


_________________
Amplificatore ibrido Vincent SV 227,Lettore Cd/Sacd Yamaha CD-S 1000,Sound Stage Expander Jolida FOZ SS-X,Pre Phono Pro Ject Tube Box S2 rivalvolato Mullard,Giradischi Pro Ject Xperience Acryl,Testina Ortofon 2M Blue,Dac ADL Stratos con alimentazione separata Dodocus UBox-P,Musica liquida Intel Nuc i7+ Qobuz Studio Premier+Audirvana,Cuffie Sennheiser HD 650,Casse Kef Q 700.
Bertox
Bertox
Member
Member

Numero di messaggi : 65
Data d'iscrizione : 18.05.20
Località : Firenze

MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident Empty Re: MONO o STEREO? Uno scontro ad alta quota: Prestige Blue Trident

Messaggio Da Bertox Sab Mag 08 2021, 00:48

[quote="Franz84"]Bertox,
ritengo corrette le tue impressioni di ascolto, a parità di qualità di stampa, la VERSIONE MONO DI UN DISCO CHE PER DI PIU' NASCEVA MONO dovrebbe essere superiore, perché la definizione è maggiore nel solco del disco mono rispetto al disco stereo. (...)

Ho trascritto in maiuscolo perché questa frase potrebbe generare equivoci. Una registrazione monofonica "partorisce" un vinile mono. Lo stesso dicasi per la registrazione stereofonica.

Diciamo che, a partire dal 1956, 1957, nasce la stereofonia: le case discografiche, chi prima chi dopo, cominciano a registrare in  stereo, continuando naturalmente a produrre registrazioni monofoniche. All’inizio, alcune Label operano a “singhiozzo”: qualche titolo usciva solo in mono, altri in entrambi i formati. E, soprattutto nei primi anni, il formato mono precedeva quello stereo: questa è una delle ragioni per cui, nel versante del collezionismo puro, le versioni mono di alcuni titoli sono più ricercate.

Faccio un solo esempio, tanto per capirci: ‘Fontessa’ del Modern Jazz Quartet è uno dei primissimi titoli della ‘Atlantic records’ a essere stato registrato in mono e stereo e porta il numero di catalogo 1231. Uscì nel 1956 in mono e solo qualche anno dopo - nel 1958 secondo discogs - in stereo.

Se qualcuno di voi ha in casa qualche vecchio disco Atlantic di Jazz o di Popular con la busta interna originale, quella che riporta centinaia di titoli in ordine progressivo, avrà un’immagine plastica di quanto sto dicendo. Davanti al numero di catalogo l'esistenza dell'edizione stereo è indicata con un asterisco: dal citato 1231 fino al 1299, ‘The Modern Jazz Quartet at Music Inn, Vol.2’, del 1958, si procede a "singhiozzo": alcuni titoli sono solo mono, altri sia mono sia stereo. Dal 1300 in poi, tutti i titoli musicali hanno l’asterisco.

Insomma, per avere i due formati, i tecnici dovevano aver registrato con i due sistemi la stessa seduta. Il celeberrimo ‘Kind of Blue’ di Miles Davis (1959) “was recorded in both mono and three track stereo at Columbia’s 30th St Studios”.
Ihttps://londonjazzcollector.wordpress.com/record-labels-guide/columbia-records/columbia-matrix-codes-case-study-kind-of-blue/

La politica di pasticciare i master mono per ricavarne un effetto stereo, i terribili “electronically remasted for stereo” è successiva, in linea di massima degli anni ’70, quando il formato stereo si era consolidato e le case  discografiche davano per scontato che gli acquirenti di dischi avessero nelle loro case l'impianto stereo o, perlomeno, avessero montato la puntina stereo sul giradischi. Quando ascolto dischi del genere, in linea di massima, io piazzo il commutatore su ‘mono’ e vivo felice.

    La data/ora di oggi è Sab Mag 15 2021, 16:22