Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Schubert - Winterreise
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Schubert - Winterreise

    Share
    avatar
    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3694
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 62
    Località : Padova

    Schubert - Winterreise

    Post  gciraso on Sat Apr 11, 2015 6:27 pm

    Franz Schubert - Die Winterreise (Viaggio d’Inverno), testi di Wilhelm Muller)

    So che il genere “lied” piace a pochissimi, perlomeno nella nostra cultura mediterranea, complice anche la lingua ostica. Ma vi è una tradizione di area germanica della canzone da salotto, il lied appunto, frequentata da interpreti straordinari, come vi sono musiche straordinarie sul genere (Autori oltre che Schubert, Beethoven, Wolff, Brahms, mica cotiche). Mi sono appassionato al genere per puro caso, mia madre, che era cantante lirica, me li cantava come ninnananna fin da piccolo e già in tenera età me ne sono innamorato.
    Tra tutti i Lieder i più inquietanti sono quelli di Schubert, ed in particolare Die Winterreise.
    Un po’ di storia, che aiuta a capire lo spirito cupo e tragico di questo ciclo di 24 lieder. Composti nel nel 1823, quindi un solo anno prima della morte del compositore, quando aveva già saputo di essere affetto da sifilide e che ormai la sua sorte era segnata a breve. Il testo, essenziale per comprendere il lied, narra di un amante abbandonato e deluso il quale, consumato dal dolore, inizia una lunga peregrinazione. II viaggio fuori stagione - il terreno è ricoperto di neve e i fiumi sono congelati - lo conduce attraverso scene di gioie passate, quindi fuori della città, passando per la capanna di un carbonaio, e raggiungendo come destinazione finale il cimitero. II linguaggio figurato delle poesie - inverno, gelo, tombe e metafore simili - rende chiaro che si tratta di un viaggio simbolico: il poeta desidera soltanto la morte, sebbene quest’ultima lo schernisca rifiutandosi continuamente di presentarsi.
    Lo stesso Schubert pare chiamasse Die Winterreise “ciclo di Lieder terrificanti”, ed infatti quando li fece ascoltare ai suoi amici (ovviamente in un salotto), non piacquero: d’altro canto è il destino di Schubert, gran parte delle sue composizioni sono pubblicate postume e l’apprezzamento molto dopo. Ma questi Lieder sono veramente terrificanti: una discesa inesorabile verso l’abisso. La presenza vivente nel ciclo è quasi assente, solo in due del 24 Lieder compare una cornacchia a metà del cammino ed il suonatore di organetto, che suona il suo strumento anche se nessuno lo ascolta
    Tutto il ciclo è intriso di pessimismo, profondo, quasi tendente al suicidio, agognante la pace eterna, come probabilmente era lo spirito di Schubert nell’ultimo periodo della sua vita. Penso che poche composizioni di Schubert come i Lieder possano rappresentare la realtà di questo grande compositore.
    Una caratteristica dell'esecuzione: non esiste prevalenza tra voce e pianoforte, hanno entrambi una loro liena interpretativa che va integrata

    Consigli per gli acquisti:
    Il grande maestro del Lied tedesco è senza dubbio Dietrich Fischer-Diskau, di cui esistono due monumentali edizioni, una con Moore al piano e l’altra con Barenboim. Storicamente l’interpretazione di Anders, grande liderista, è di grande valore, come pure Gerald Finley con accompagnatore Drake, per tornare a qualcosa di recente. Bellissima l'edizione Pears-Britten e particolarissima quella Kollo-Pohl, con un Gute Nacht cantato a velocità supersonica. Menzione speciale per l'edizione Richter-Schreier, tenore troppo prematuramente scomparso. Tra le voci femminili l'edizione Ludwig-Levine.

    Qua sotto metto una schermata delle copertine delle edizioni che ho, tutte con qualcosa da dire, cantate sia da baritono e basso che da tenore e da soprano. Solo per dare un’idea della sterminata mole delle edizioni in commercio.
    Buoni ascolti (almeno provateci a fare un tentativo!).



    _________________
    Giovanni

    E leggetelo 'sto regolamento!!!

    ze inutile ragionar coi mussi, te perdi tempo e te infastidissi la bestia
    avatar
    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 23511
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 59
    Località : Genova

    Re: Schubert - Winterreise

    Post  pluto on Sun Apr 12, 2015 7:40 am

    Grande come sempre applausi

    Nel mio piccolo mi limito alle 2 citate con Dieskau e credo di essere partito bene. Vedremo in futuro di allargare un po'.
    avatar
    mau57
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1650
    Data d'iscrizione : 2011-03-28
    Età : 60
    Località : Roma

    Re: Schubert - Winterreise

    Post  mau57 on Sun Apr 12, 2015 1:05 pm

    Grazie della bellissima guida all'ascolto!
    Ora la apprezzerò ancor di piú e magari mi procurerò una delle due edizioni che indichi, io ne ho una di Dietrich con Demus al piano, che vedo hai anche tu (ma tu credo le possieda tutte!!!)
    avatar
    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3694
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 62
    Località : Padova

    Re: Schubert - Winterreise

    Post  gciraso on Tue Apr 14, 2015 11:01 am

    Da qualche superficiale controllo mi risultano oltre 150 edizioni edite del Winterreise, non è mia ambizione averle tutte, però devo dire di essere morbosamente affascinato da questa composizione.
    Se piace segnalo un'altra raccolta di lieder di Schumann, che è il Dichterliebe, da ascoltare assolutamente sunny


    _________________
    Giovanni

    E leggetelo 'sto regolamento!!!

    ze inutile ragionar coi mussi, te perdi tempo e te infastidissi la bestia

      Similar topics

      -

      Current date/time is Thu Oct 19, 2017 7:38 am