Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
ironman
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    ironman

    Share
    avatar
    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 7862
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    ironman

    Post  lizard on Wed Mar 21, 2018 1:58 pm

    Ha 60 anni, Roberto Zanda.
    Sono partiti in 28 per la maratona in solitario tra i ghiacci dello Yukon, in Canada.Dopo cinque giorni, sono rimasti in 3. Davanti a lui, un serbo che ha la metà dei suoi anni. Ma poi succede qualcosa. Qualcosa di non spiegabile. Perché Roberto Zanda è uno che le maratone in solitario le conosce bene. Però sbaglia strada. Abbandona la slitta. Cerca un cartello che non si trova.
    Roberto Zanda è arrivato vicinissimo a perdere la sua partita con la vita. "Sono rimasto scalzo e senza guanti, nella neve, a -50 gradi, per 17 ore, solo, nella foresta".
    Ha rischiato di morire al confine con l'Alaska, partecipando allo Yukon Artic Ultra, l'ultramaratona in solitaria di 400 chilometri in Canada. "Mi sono attaccato agli affetti e alla fede", ha aggiunto, mentre i sanitari valutano il da farsi per il congelamento di quarto grado di mani e piedi.
    Ora l'ultrarunner si trovato al Cto di Torino nel centro specializzato per la ricostruzione degli arti, in particolare della mano. Si procedera' a definire l’amputazione della parte destra, quella più danneggiata dove poco è stato lasciato dall’insulto termico e si interverra' con una protesi. Per quanto riguarda l’arto superiore sinistro, invece, si procederà ad una ricostruzione di una copertura elementare adeguata per ottenere una presa sensibile. Agli arti inferiori il paziente vestirà due protesi.

    «È tutto nella testa e nel cuore, il corpo è un mezzo che riesce anche senza arti. Mi sento un paziente impaziente, che non vede l’ora di andarsene via da qui, di tornare a fare sport».


      Current date/time is Tue Sep 25, 2018 10:30 pm