Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Equalizzazione
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Equalizzazione

    Share

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Equalizzazione

    Post  piroGallo on Sat May 09, 2009 9:29 am

    Rifiutare il concetto di manipolazione del suono in quanto impedisce di accedere al contenuto originale del supporto è, in linea generale, legittimo.

    Quando tale affermazione si riferisce ad ascolti domestici NON in cuffia può essere una contraddizioni in termini.

    Infatti io posso tranquillamente affermare che attraverso una pesante filtratura del segnale, in frequenza, in fase e nel tempo (DRC) riesco a neutralizzare gli effetti dell'ambiente di ascolto e, quindi, riportare le condizioni di ascolto nello stato maggiormente gradito agli "audiofili" (e a me medesimo).

    Ovviamente non è l'unica soluzione (daad ecc.). Ma qui stiamo parlando di manipolazione del segnale.

    Gianni.

    Ospite
    Guest

    Re: Equalizzazione

    Post  Ospite on Sat May 09, 2009 10:50 am

    ........Rifiutare il concetto di manipolazione del suono in quanto impedisce di accedere al contenuto originale del supporto è, in linea generale, legittimo.......

    Gianni



    ....Occhio Gianni....che se arriva di qua...qualcuno da di la....ti dice che sei un idiota... Laughing Laughing Laughing

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Equalizzazione

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat May 09, 2009 12:09 pm

    Quando si tratta di voler "neutralizzare" i difetti del proprio ambiente riproduttivo due sono le strade: l'approccio attivo (equalizzazione e trattamento del segnale) e l'approccio passivo (ottimizzazione delle caratteristiche dell'ambiente).

    In una sala da concerto l'approccio attivo - se si parla di musica tipicamente non amplificata - dà risultati sempre perdenti.

    Nel nostro ambiente d'ascolto non esiste riproduzione che non passi da un amplificatore, quindi il preferire un approccio o l'altro è un fatto di preferenza personale (ammettendo di avere il supporto tecnologico per ottenere tramite la scelta attiva la reale soluzione dei problemi: lavorare nei termini del puro livello/volume delle frequenze riprodotte, ad esempio, non porta da nessuna parte).

    Io preferisco l'approccio passivo, ma in linea teorica non vedo perché giudicare negativamente l'approccio attivo...

    Mi sorge però un unico dubbio: se il mio ambiente ad alcune frequenze guadagna poco (quindi le riduce di livello sonoro rispetto alla risposta flat) non peggioro la condizione di lavoro dell'ampli costringendolo ad erogare potenze doppie, triple, ecc. ecc. ad una determinata frequenza, soprattutto se grave? Mi sembra che la strada del trattamento "attivo" sia pecorribile solamente con ampli di wattaggio molto alto, pena il rischio dell'aumento sensibile della distorsione (ma anche in tal caso, può sempre crearsi problema analogo al diffusore), se non della saturazione dell'amplificazione.

    Ecco, nel caso del mio valvole da 50 watt penso sarebbe strada controproducente, quella dell'approccio attivo. Tutto qui.

    Ciao


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Ospite
    Guest

    Re: Equalizzazione

    Post  Ospite on Sat May 09, 2009 1:05 pm

    In linea teorica sono d'accordo con te PPP....
    In linea pratica, a prescindere dal tuo giusto discorso sul tuo ampli da 50 watt che comporterebbe ciò che già tu hai enunciato, io sarei più propenso per PROVARE le 2 equalizzazioni (attiva e passiva) e scegliere quella che dimostra di avere risultati migliori nel proprio ambiente. In linea generale credo che il caso vada analizzato di volta in volta, in quanto per molteplici fattori legati ad ogni singola sala e/o stanza di ascolto, non credo ci sia già la soluzione giusta da adottare in partenza (attiva o passiva).

    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Equalizzazione

    Post  Il delfino di Air on Sat May 09, 2009 1:29 pm

    e se uno non può per vari motivi attuare una correzione passiva, non è meglio una attiva che niente?


    _________________
    Audio Analogue Crescendo CD
    Audio Analogue Crescendo Ampli
    Cabasse MT31 Tobago

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Equalizzazione

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sat May 09, 2009 1:51 pm

    Sicuramente si. Ma occorre avere, sottolineo, ampli da grandi capacità d'erogazione e diffusori in grado di gestire potenze elevate anche agli estremi della gamma. Se hai un integrato SS da 50 w per canale secondo me il risultato è penalizzante dal punto di vista dinamico.

    Im generale con valvole e/o elettrostatiche la vedo dura per la strategia "attiva" di compensazione ambientale. Però, ripeto, non ho pregiudiziali di altra natura.

    Ciao


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Equalizzazione

    Post  Il delfino di Air on Sat May 09, 2009 1:56 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:Sicuramente si. Ma occorre avere, sottolineo, ampli da grandi capacità d'erogazione e diffusori in grado di gestire potenze elevate anche agli estremi della gamma. Se hai un integrato SS da 50 w per canale secondo me il risultato è penalizzante dal punto di vista dinamico.

    Im generale con valvole e/o elettrostatiche la vedo dura per la strategia "attiva" di compensazione ambientale. Però, ripeto, non ho pregiudiziali di altra natura.

    Ciao

    ho capito!


    _________________
    Audio Analogue Crescendo CD
    Audio Analogue Crescendo Ampli
    Cabasse MT31 Tobago

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Equalizzazione

    Post  piroGallo on Sat May 09, 2009 2:52 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:Sicuramente si. Ma occorre avere, sottolineo, ampli da grandi capacità d'erogazione e diffusori in grado di gestire potenze elevate anche agli estremi della gamma. Se hai un integrato SS da 50 w per canale secondo me il risultato è penalizzante dal punto di vista dinamico.

    Im generale con valvole e/o elettrostatiche la vedo dura per la strategia "attiva" di compensazione ambientale. Però, ripeto, non ho pregiudiziali di altra natura.

    Ciao
    Hai ragione. Correggere con drc richiede, a volte grande riserva dinamica. Occorre però considerare che le maggiori anomalie ricadono entro i 500 hz (+ o -) e che l'intervento di allineamento viene effettuato verso una curva "target" definita dall'utente che può quindi (deve) prevedere la giusta attenuazione anti-clipping. Parlando poi di elettrostatiche la loro emissione a dipolo lerende un pessimo cliente per il drc che, in certi casi, si fa ingannare dalla loro voluta emissione posteriore e perde di efficacia.
    Nel mio caso pur avendo i medio alti a dipolo il woofer é in s.p. E, anche grazie alla biamplificazione che sui bassi prevede più di 300w di amplificazione, sono riuscito ad ottenere ottimi risultati.

    Gianni

    Ospite
    Guest

    Re: Equalizzazione

    Post  Ospite on Sun May 10, 2009 8:18 am

    bisognerebbe vedere però......se è preferibile avere e mantenere più dinamica, ma ascoltare "male".....O rinunciare ad un po della stessa, ma con un ascolto ottimale.......

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Equalizzazione

    Post  petrus on Sun May 10, 2009 8:51 am

    Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Equalizzazione

    Post  Il delfino di Air on Sun May 10, 2009 9:12 am

    petrus wrote:Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    quindi con l'uso di subwoofer si può usare la correzione attiva anche con potenze basse, è questo che vuoi dire?


    _________________
    Audio Analogue Crescendo CD
    Audio Analogue Crescendo Ampli
    Cabasse MT31 Tobago

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Equalizzazione

    Post  piroGallo on Sun May 10, 2009 9:46 am

    Il delfino di Air wrote:
    petrus wrote:Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    quindi con l'uso di subwoofer si può usare la correzione attiva anche con potenze basse, è questo che vuoi dire?

    Riportare in flat un buco di 6db significa chiedere all'ampli di erogare 4volte la potenza richiesta normalmente...!

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Equalizzazione

    Post  piroGallo on Sun May 10, 2009 9:49 am

    petrus wrote:Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    http://www.krksys.com/product_ergo.php

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Equalizzazione

    Post  petrus on Sun May 10, 2009 9:55 am

    Il delfino di Air wrote:
    petrus wrote:Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    quindi con l'uso di subwoofer si può usare la correzione attiva anche con potenze basse, è questo che vuoi dire?

    Ovviamente intendevo sub amplificati come il velodyne che citavo, proprio per svincolare finali a valvole molto raffinati ma con potenze esigue dal lavoro che comporterebbe compensare buchi in bassa frequenza o colmare il gap di diffusori che non si spingono così in basso, sempre che serva ma questo è un'altro discorso Laughing
    In gamma molto bassa, diciamo sotto i 40 hz parlare di raffinatezza fà sorridere, piuttosto potenza e controllo sono indispensabili e un sub ben progettato potrebbe offrire molto, a patto di accettare altri compromessi

    Lorenzo

    petrus
    Senny Lover
    Senny Lover

    Numero di messaggi : 3717
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Equalizzazione

    Post  petrus on Sun May 10, 2009 10:01 am

    piroGallo wrote:
    petrus wrote:Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    http://www.krksys.com/product_ergo.php

    Sei diventato un esperto, l'incontro con Andrea fù illuminante Laughing Laughing

    Lorenzo

    Ospite
    Guest

    Re: Equalizzazione

    Post  Ospite on Sun May 10, 2009 10:21 am

    piroGallo wrote:
    petrus wrote:Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    http://www.krksys.com/product_ergo.php


    come funziona quel coso.........................Piro.....?

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Equalizzazione

    Post  Pazzoperilpianoforte on Sun May 10, 2009 1:47 pm

    pavel wrote:bisognerebbe vedere però......se è preferibile avere e mantenere più dinamica, ma ascoltare "male".....O rinunciare ad un po della stessa, ma con un ascolto ottimale.......

    Io la metterei in altri termini.

    Occorre intervenire per ottimizzare l'abbinamento sistema hi-fi / stanza d'ascolto. Chiunque non lo faccia non sa cosa (e quanto) si perde. Questa è una delle poche cose sicure della riproduzione audio di qualità.

    Per sistemi con amplificazioni a valvole e/o di bassa potenza (fino a 100 w per canale) e/o con diffusori elettrostatici è meglio l'approccio passivo al problema (migliorare l'acustica della stanza agendo sulla stessa), perché altrimenti si rischiano alte distorsioni e/o problemi dinamici (non intesi solo come problemi di massima pressione ottenibile ma anche come macrocontrasto dinamico, che è uno degli elementi fondamentali della esecuzione musicale, anche se non certo l'unico).

    Per sistemi di alta potenza, meglio ancora se multiamplificati, si può scegliere anche l'approccio attivo (oltre a quello passivo, mai controindicato) o un approccio misto al problema (come per esempio diceva Petrus). E qui la libertà di scelta è massima.

    Ciao


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Equalizzazione

    Post  piroGallo on Sun May 10, 2009 2:09 pm

    petrus wrote:

    Sei diventato un esperto, l'incontro con Andrea fù illuminante Laughing Laughing

    Lorenzo
    Ti ricordi bene!!
    Peraltro ciò che ascoltammo da lui non mi impressionò più di tanto, ma capii quale era il potenziale del sistema. Ne sono diventato utilizzatore e convinto sostenitore, avendone anche scoperti gli inevitabili limiti.
    Gianni

    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: Equalizzazione

    Post  Il delfino di Air on Sun May 10, 2009 2:51 pm

    petrus wrote:
    Il delfino di Air wrote:
    petrus wrote:Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    quindi con l'uso di subwoofer si può usare la correzione attiva anche con potenze basse, è questo che vuoi dire?

    Ovviamente intendevo sub amplificati come il velodyne che citavo, proprio per svincolare finali a valvole molto raffinati ma con potenze esigue dal lavoro che comporterebbe compensare buchi in bassa frequenza o colmare il gap di diffusori che non si spingono così in basso, sempre che serva ma questo è un'altro discorso Laughing
    In gamma molto bassa, diciamo sotto i 40 hz parlare di raffinatezza fà sorridere, piuttosto potenza e controllo sono indispensabili e un sub ben progettato potrebbe offrire molto, a patto di accettare altri compromessi

    Lorenzo

    intendevo proprio l'uso di un sub amplificato!


    _________________
    Audio Analogue Crescendo CD
    Audio Analogue Crescendo Ampli
    Cabasse MT31 Tobago

    Ospite
    Guest

    Re: Equalizzazione

    Post  Ospite on Sun May 10, 2009 4:43 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:
    pavel wrote:bisognerebbe vedere però......se è preferibile avere e mantenere più dinamica, ma ascoltare "male".....O rinunciare ad un po della stessa, ma con un ascolto ottimale.......

    Io la metterei in altri termini.

    Occorre intervenire per ottimizzare l'abbinamento sistema hi-fi / stanza d'ascolto. Chiunque non lo faccia non sa cosa (e quanto) si perde. Questa è una delle poche cose sicure della riproduzione audio di qualità.

    Per sistemi con amplificazioni a valvole e/o di bassa potenza (fino a 100 w per canale) e/o con diffusori elettrostatici è meglio l'approccio passivo al problema (migliorare l'acustica della stanza agendo sulla stessa), perché altrimenti si rischiano alte distorsioni e/o problemi dinamici (non intesi solo come problemi di massima pressione ottenibile ma anche come macrocontrasto dinamico, che è uno degli elementi fondamentali della esecuzione musicale, anche se non certo l'unico).

    Per sistemi di alta potenza, meglio ancora se multiamplificati, si può scegliere anche l'approccio attivo (oltre a quello passivo, mai controindicato) o un approccio misto al problema (come per esempio diceva Petrus). E qui la libertà di scelta è massima.

    Ciao

    Ciò che dici è di una giustezza incontrovertibile.....ma mi limitavo a dire di provare ANCHE il sistema Eq.con attenzione, in quanto non sempre l'ottimizzazione della stanza è possibile. Ricordiamo gli esempi di stanze non quadrate ne rettangolari, con finestre e/o porte finestre ecc.ecc.dove porre il mobilio , l'esatto punto di ascolto,o l'eliminazione del fenomeno dei vetri delle finestre presenti o delle porte finestre non risulta particolarmente agevole. Alle volte....purtroppo bisogna anche fare dei compromessi...
    -Un’onda sonora che si "riflette" su una superficie qualsiasi sia la sua energia viene dissipata in parte, dalla superficie della parete sotto forma di energia termica, ed una parte ancora viene riflessa nell’ambiente stesso da cui essa proviene.Se ad esempio la stanza fosse pentagonale, capisci bene che il fenomeno non può che amplificarsi ulteriormente.
    L’energia riflessa è e resta una piccola frazione dell’energia incidente, che insiste nel propagarsi da una parete all’altra dell’ambiente stesso. Tanto più dunque le pareti saranno fonoassorbenti, tanto più l’energia sonora decadrà rapidamente.

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6715
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Equalizzazione

    Post  piroGallo on Sun May 10, 2009 5:44 pm

    pavel wrote:
    piroGallo wrote:
    petrus wrote:Sono pienamente d'accordo con quanto detto da PPP, personalmente vedrei l'uso della correzzione attiva solo per le basse frequenze ad opera di una coppia di buoni sub, e lascerei alla correzione passiva il controllo delle altre frequenze, dove per esperienza personale con idonei sistemi si ottengono ottimi risultati.
    Chissà cosa ne verrebbe fuori affiancare alle quad due velodyne da 30 non non lo farei mai, le quad sono il diffusore più coerente che io abbia mai potuto ascoltare e mai e poi mai rinuncierei a quella che ritengo sia una delle cose più importanti in un diffusore.

    Lorenzo

    http://www.krksys.com/product_ergo.php


    come funziona quel coso.........................Piro.....?
    E' solo una segnalazione per testimoniare che qualcosa si sta muovendo.
    E' un preampli pensato per il mondo pro da utilizzare con monitors attivi. Comprende un microfono e il software di correzione della danese Lyngdorf. Praticamente lo colleghi ad un PC, fai l'analisi della correzione richiesta dal tuo ambiente, lo stacchi dal pc e lo usi come semplice pre. Quando ascolti hai un pulsantino che ti fa ascoltare con e senza correzione.
    G.

    Ospite
    Guest

    Re: Equalizzazione

    Post  Ospite on Sun May 10, 2009 5:48 pm

    Tutto chiaro, ma non posso utilizzarlo allora. Non ho monitor attivi...

      Current date/time is Fri Dec 02, 2016 5:55 pm