Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Aurora Electron Device
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

Aurora Electron Device

Geronimo
Geronimo
Self-Awareness
Self-Awareness

Numero di messaggi : 16163
Data d'iscrizione : 09.03.09

Aurora Electron Device Empty Aurora Electron Device

Messaggio Da Geronimo il Dom 07 Ott 2012, 14:40

Conoscevo appena questo marchio e dal sito sembra essere un "hand-crafted in Italy" di livello super-hiend-estremo con diramazioni anche nel mastering, nella riparazione/assistenza tecnica di altri marchi e nell'installazione di sistemi audio-video.

Chi me parla? Aurora Electron Device 285880


http://www.aurora-ed.net/produ.html


Interessante la loro linea di diffusori denominata "Golden Age Line", chiamata così perchè ispirata al sound dei diffusori anni '70 e '80

http://www.aurora-ed.net/pregold.html
Orientalcat
Orientalcat
Member
Member

Numero di messaggi : 33
Data d'iscrizione : 10.10.12
Località : Saronno

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da Orientalcat il Gio 18 Ott 2012, 16:57

Ho potuto ascoltare nella mia catena il lettore cd PCM-1S e lo ritengo uno tra i lettori più performanti da me mai ascoltati. Per quanto riguarda la naturalezza/correttezza timbrica credo abbia pochi rivali anche prendendo a paragone lettori di costo 2/3 volte superiore.
TozziFan
TozziFan
Member
Member

Numero di messaggi : 21
Data d'iscrizione : 15.07.12
Età : 53
Località : Massa Carrara

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da TozziFan il Gio 18 Ott 2012, 18:20

Ciao,
un mio carissimo amico ha un impianto costituito completamente da elementi Aurora, a parte gira e testina.
Che dire, a parte il costo (i soli diffusori vengono più della mia auto....) è veramente un bel sentire, ascoltando il vinile, si ha la sensazione di avere gli orchestrali davanti a te....ovviamente IMHO
L'unico problema è che, dopo una serata ad ascoltare musica con questo impianto, per alcuni giorni non posso più ascoltare il mio, pena farlo volare dalla finestra..... Aurora Electron Device 917604
krell2
krell2
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1673
Data d'iscrizione : 17.06.09
Età : 69

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da krell2 il Gio 18 Ott 2012, 20:51

se guardo il sito,non comprerei niente,cosi a pelle.. Sleep


_________________
http://salaantonio.altervista.org/
lupin06
lupin06
Member
Member

Numero di messaggi : 52
Data d'iscrizione : 12.10.12
Età : 41

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da lupin06 il Gio 18 Ott 2012, 21:05

@krell2 ha scritto:se guardo il sito,non comprerei niente,cosi a pelle.. Sleep

Aurora Electron Device 704751 Aurora Electron Device 704751 Aurora Electron Device 704751
JUSTINO
JUSTINO
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1022
Data d'iscrizione : 05.01.10
Località : TORINO

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da JUSTINO il Gio 18 Ott 2012, 22:08

Mettetela pure come volete ma al Gran Galà di Torino sono rimasto un' oretta nella sala Acapella con amplificazione(c'era anche una sorgente digitale) di questo costruttore toscano ed il suono era veramente STREPITOSO! Aurora Electron Device 921419
Probabilmente non faccio testo in quanto non conosco la musica classica,sinfonica ecc ma quando ad un certo punto hanno messo in vinile il Turandot e non ricordo cosa di Vivaldi sono rimasto a bocca aperta per il realismo che suscitava quella riproduzione...veramente un bel sentire.
JUSTINO
JUSTINO
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1022
Data d'iscrizione : 05.01.10
Località : TORINO

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da JUSTINO il Gio 18 Ott 2012, 22:12

@Geronimo ha scritto:Conoscevo appena questo marchio e dal sito sembra essere un "hand-crafted in Italy" di livello super-hiend-estremo con diramazioni anche nel mastering
Ho parlato un po' con il responsabile,che mi sembra sia anche uno dei progettisti,e mi diceva che in realtà loro arrivano proprio dal professionale.
Massimo
Massimo
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 31626
Data d'iscrizione : 21.06.10
Età : 63
Località : Portici (NA)

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da Massimo il Gio 18 Ott 2012, 22:26

@krell2 ha scritto:se guardo il sito,non comprerei niente,cosi a pelle.. Sleep
Credo che più che a pelle l'HI-FI va ascoltata, poi giudicata per un più o meno possibile acquisto. sunny sunny


_________________
Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito Aurora Electron Device Dark_s11Aurora Electron Device Firma_11Aurora Electron Device Firma_12
Aurora Electron Device Buggd111
krell2
krell2
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1673
Data d'iscrizione : 17.06.09
Età : 69

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da krell2 il Ven 19 Ott 2012, 08:28

@JUSTINO ha scritto:Mettetela pure come volete ma al Gran Galà di Torino sono rimasto un' oretta nella sala Acapella con amplificazione(c'era anche una sorgente digitale) di questo costruttore toscano ed il suono era veramente STREPITOSO! Aurora Electron Device 921419
Probabilmente non faccio testo in quanto non conosco la musica classica,sinfonica ecc ma quando ad un certo punto hanno messo in vinile il Turandot e non ricordo cosa di Vivaldi sono rimasto a bocca aperta per il realismo che suscitava quella riproduzione...veramente un bel sentire.

si ma la musica era sparata dalla trombe
scena ZERO.,


_________________
http://salaantonio.altervista.org/
krell2
krell2
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1673
Data d'iscrizione : 17.06.09
Età : 69

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da krell2 il Ven 19 Ott 2012, 08:30

@Massimo ha scritto:
Credo che più che a pelle l'HI-FI va ascoltata, poi giudicata per un più o meno possibile acquisto. sunny sunny

Si ci mancherebbe,ma solo cosi per dire.
non conosco i prezzi,ma rimango molto dubbioso sull'estetica e dalla miriade di prodotti che costruiscono.
sono veramente tanti,sempre guardando il loro sito


_________________
http://salaantonio.altervista.org/
JUSTINO
JUSTINO
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1022
Data d'iscrizione : 05.01.10
Località : TORINO

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da JUSTINO il Ven 19 Ott 2012, 10:30

@krell2 ha scritto:si ma la musica era sparata dalla trombe
scena ZERO.,
io non ho avuto quella sensazione,anzi la scena per me era proprio buona specialmente con i vinili.
Janisartogmail
Janisartogmail
Member
Member

Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 17.10.18
Località : pd

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da Janisartogmail il Mer 17 Ott 2018, 16:24

@Geronimo ha scritto:Conoscevo appena questo marchio e dal sito sembra essere un "hand-crafted in Italy" di livello super-hiend-estremo con diramazioni anche nel mastering, nella riparazione/assistenza tecnica di altri marchi e nell'installazione di sistemi audio-video.

Chi me parla?  Aurora Electron Device 285880


Ciao a tutti, sono appena iscritto e mi permetto di rispondere perchè sono possessore da poco più di 15 giorni di un amplificatore finale Aurora Electron Device, precisamente il modello JSA-003.
Ho avuto la fortuna di averlo installato sotto la supervisione del progettista Ing. Claudio Chiappini, persona molto modesta ed educata, è entrato in casa mia in punta di piedi lasciando dietro di sè una nuova concezione della musica (ovviamente esprimo pareri personali).
Ho sostuito il mio pur buon (sempre secondo me) "sdc   Z-100" con il suddetto perchè cercavo più dinamica, più controllo ed una timbrica migliore: ho trovato tutto questo , e anche di più, con lo JSA-003, purtroppo ad un costo non indifferente e sicuramente molto maggiore del "sdc Z-100"

Ai soli fini di dare una panoramica e capire quali cambiamenti ho percepito e come ciò è successo, indico brevissimamente il mio attuale impianto:
- Lettore CD Marantz CD-OSE 6000 KI series; NB, questo lettore CD è stato upgradato da Acoustic Fidelity (il "laboratorio" di Aurora Electron Devices); eventualmente in un altro post posso dilungarmi sulle modifiche eseguite;
- Preamplificatore Klimo MERLIN (a valvole, ha circa 15 anni ed è stato manutenuto 3 anni da Suono e Comunicazione a Bologna);
- Diffusori acustici OPERA mod. Callas Divina, il modello del 2014;
- Giradischi ROKSAN Radius V con testina Roksan Silver;
- AMPLIFICATORE: Aurora Electron Devices JSA-003

L'ambiente entro il quale quanto sopra si trova quanto sopra è la mia camera da letto, le cui dimensioni sono , circa, 4.5 x 4 metri, altezza 2.8 metri.
Ascolto in camera perchè se qualche volta voglio alzare il volume non disturbo nessuno (la parte notte dista 12 metri dalla parte giorno) ed inoltre i bimbi non costituiscono un pericolo per la incolumità dei pezzi sopra descritti, con particolare menzione agli altoparlanti e alla puntina del giradischi.

Fatte le dovute premesse, cosa posso dire in merito alla sensazione di ascolto? Prima dico che non sono un recensore, non ho esperienze mostruose alle spalle in ambito Hi-FI, mi fido quasi esclusivamente delle mie orecchie (nel bene e nel male ovviamente, dato che per certo non sono tra i fortunati ad avere un orecchio assoluto). Le differenze principali, rispetto alla configurazione precedente, che più mi hanno stupito sono:
- allargamento macroscopico della scena sonora, soprattutto in larghezza, come se la stanza si fosse dilatata di almeno 2 metri;
- idem come sopra ma riferito alla profondità della scena: tra me ed il fronte sonoro è cambiato il posizionamento relativo, sembra adesso di essere immerso, di far parte del segnale musicale, di percepirlo;
- la definizione: lungi da essere un suono stucchevole, che alla fine stanca (ed anzi, è esattamente l'opposto), è stupefacente (sempre secondo me) come i dettagli siano adesso percepibili senza sforzo apparente e, soprattutto, per un lungo periodo d'ascolto; la fatica d'ascolto è un fenomeno che non è ascrivibile a questo amplficatore;
- riesco a percepire suoni che prima mai avevo sentito: ho bene in mente un finale di una canzone dove i colpi sulla grancassa della batteria erano perfettamente intelligibili nonostante fossero veloci e timbricamente corretti: è come se si fosse davanti ad un antico dipinto sottoposto ad un restauro , laddove lo splendore iniziale è ancora presente e la patina di "sporcizia" precedente completamente rimossa , un lontano ricordo. Ma vale anche per il basso elettrico, con le note stagliate precise (don't give up di Peter Gabriel), mai debordanti o sopra le righe, ed ancora le voci con i cori (Annarella di CSI/CCCP in concerto, laddove le voci di Giovanni Lindo Ferretti, assieme a quelle femminili e degli altri del gruppo si amalgano alla perfezione nella voluta sovrapposizione che lo spartito impone, lasciando al suo posto basso di Gianni Maroccolo a comandarne la cadenza...)
- dinamica: sia la micro (quella più bella, a basso volume, dove a volte ti vien voglia di abbassare in presenza di un crescendo orchestrale (Mahler) oppure nel Jazz (Dave Brubecks, Take Five) con la tromba da una parte ed i violenti colpi sulla batteria dall'altra ti fanno sentire dentro l'evento, ed in tutto questo con le note del pianoforte di Brubecks perfettamente presenti ma ad accompagnare senza rivaleggiare con gli altri strumenti, sia la macrodinamica, meravigliosamente sparata in faccia (pardon: orecchie) e nello stomaco con le bordate delle grancasse delle batterie (Dire Straits all'inizio di Money For Nothing).
- timbrica: probabilmente tutto quanto sopra sommato assieme mi ha dato la possibilità di sentire con chiarezza la differenza tra un clarinetto ed un sassofono. Chiarisco: non che prima non fosse possibile, ma adesso è tutto molto più facile.

Ho dovuto "riprogrammare" l'ascolto e riparametrare i miei punti fissi: i diffusori sono adesso più vicini al muro di fondo (e su questo devo dire che il progettista mi aveva avvisato: è un fenomeno che capita a chi acquista gli amplificatori Aurora che, a causa del loro elevatissimo fattore di smorzamento, fanno sembrare i bassi asciutti o meno presenti, mentre in realtà il maggior controllo porta a rivedere posizioni in precedenza sbagliate o, per lo meno, non accurate).
Sto ancora godendomi lo spettacolo di ascoltare tutti i miei vinili e CD, e finora non ho trovato un difetto vero che non sia il prezzo di listino, ma credo che i miracoli non siano di questo mondo...

Perdonate eventuali inesattezze o spiegazioni poco chiare, ma soprattutto perdonate l'eccesso di entusiasmo che, a volte, sfocia nella mancanza di obbiettività (e d'altra parte le sensazioni che provo durante l'ascolto sono solo mie e difficilmente percepibili anche da altri nella mia stessa maniera)

In fede,
Gianni Sartore
Janisartogmail
Janisartogmail
Member
Member

Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 17.10.18
Località : pd

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da Janisartogmail il Mer 17 Ott 2018, 16:28

La marca del precedente amplificatore viene indicata con una papera sul post, non so il motivo. in ogni caso trattasi di DOCET-LECTOR_Z100
avatar
martin logan
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 192
Data d'iscrizione : 18.11.17
Località : Pavia

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da martin logan il Gio 18 Ott 2018, 09:19

Saranno sicuramente favolosi ... ma un design un poco più ricercato, magari copiando da apparecchi meno performanti ma più piacevoli da vedere ???
Credo che dovremmo guardare di più (copiando) al design nordico (alcuni marchi francesi lo stanno facendo). E' vero che ciò che conta è la sostanza, ma chi spende certe somme desidera anche tutto il resto. Ovviamente è un mio punto di vista personale. Vedi l'auto nella fotina a fianco: chi compra una Bentley vuole anche lusso e design, non solo british style e affidabilità.
Janisartogmail
Janisartogmail
Member
Member

Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 17.10.18
Località : pd

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da Janisartogmail il Gio 18 Ott 2018, 09:48

@martin logan ha scritto:Saranno sicuramente favolosi ... ma un design un poco più ricercato, magari copiando da apparecchi meno performanti ma più piacevoli da vedere ???
Credo che dovremmo guardare di più (copiando) al design nordico (alcuni marchi francesi lo stanno facendo). E' vero che ciò che conta è la sostanza, ma chi spende certe somme desidera anche tutto il resto. Ovviamente è un mio punto di vista personale. Vedi l'auto nella fotina a fianco: chi compra una Bentley vuole anche lusso e design, non solo british style e affidabilità.

Difficile darti torto, ed in effetti è l'unico appunto che mi sono permesso di fare al progettista: quest'ultimo, povero, ha fatto un sorrisino di circostanza . Vero è che dopo un pò ci si abitua... meglio: io mi sono abituato, mia moglie si gira dall'altra parte ogni volta che lo vede, però anche lei ha notato la enorme differena rispetto a prima.
Ad ulteriore conferma della scelta, posso dire che ho provato in un negozio a Mantova (non faccio nomi per correttezza) alcuni amplificatori e li ho paragonati al mio DOCET-:sdacf: trovando veramente poche migliorie rispetto a quest'ultimo
Per la precisione ho provato:
- CLASSE' AUDIO CAP 2100: Io l'ho trovato molto "freddo", uno scolaretto che mette tutte le cose al suo posto, in ordine e pulite, ma non sorride mai. Voglio dire: non mi ha dato nessuna emozione, non sono riuscito a sentire niente, al di là della definizione molto marcata, che valesse i soldi richiesti;
- AUDIO ANALOGUE PUCCINI: meglio del precedente, ma ancora non soddisfacente;
- ELECTROCOMPANIET (non ricordo il modello): il migliore tra i precedenti, benchè meno costoso (è usato), ma cercavo qualcosa di più coinvolgente
- AUDIO ANALOGUE MAESTRO ANNIVERSARY EDITION: questo mi era piaciuto, ed anche molto, ma superava il mio budget. A posteriori devo dire che l'acquisto che ho fatto (L'Aurora) è stato un passo ancora in avanti . A quel punto il budget è stato sforato.....

PS: ho ascoltato in un contesto diverso dalla mia abitazione, con delle catene a monte ed a valle molto diverse dalla mia, l'unica cosa in comune erano i CD che avevo portato per ascoltare, quindi prendete le valutazioni espresse, soggettive per definizione, con le pinze.

In una altra sala ho sentito amplificazioni BRICASTI con sistemi di altoparlanti TOTEM: non ho chiesto il prezzo, eravamo a livelli non compatibili con il mio tenore di vita, ma posso dire di non aver mai sentito una naturalezza, raffinatezza e presenza così prestante. Chapeau!

Devo ancora ringraziare il negoziante al quale ho fatto spendere una mezza giornata e dal quale non ho acquistato nulla: quello che mi piaceva non incontrava le esigenze del mio conto corrente, purtroppo.

In merito al design, l'Audio Analogue Maestro Anniversary secondo il mio personalissimo parere, è bellissimo.
GS
JacksonPollock
JacksonPollock
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1619
Data d'iscrizione : 25.08.17
Età : 90
Località : Località

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da JacksonPollock il Gio 18 Ott 2018, 12:10

Saranno sicuramente favolosi ... ma un design un poco più ricercato, magari copiando da apparecchi meno performanti ma più piacevoli da vedere ???

Il loro sito web è una roba inguardabile e innavigabile... Non mi stupisce.

AUDIO ANALOGUE MAESTRO ANNIVERSARY EDITION

Bestione sontuoso.
Stavo per prenderlo ma non ho lo spazio...
avatar
martin logan
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 192
Data d'iscrizione : 18.11.17
Località : Pavia

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da martin logan il Gio 18 Ott 2018, 15:10

Beh ... Renzo è un personaggio e anche il suo collaboratore è ben disponibile con i clienti.
Avevo preso da loro le Martin Logan e l'ECI-3: in effetti è un ottimo prodotto, se cerchi calore (per uno SS) e compostezza (non so se hai sentito quel modello, ma la filosofia Electrocompaniet resta quella).
Molto bello il Maestro A.Ed. l'ho visto in sala ascolto ma non l'ho provato.
Bricasti è su un altro livello - direi anche su altro pianeta - i costi sono ben oltre le mie possibilità; sentiti diverse volte ma giusto per ... farsi del male. sunny sunny
Janisartogmail
Janisartogmail
Member
Member

Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 17.10.18
Località : pd

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da Janisartogmail il Ven 19 Ott 2018, 09:07


AUDIO ANALOGUE MAESTRO ANNIVERSARY EDITION

Bestione sontuoso.
Stavo per prenderlo ma non ho lo spazio...[/quote]

vero! la profondità è un fuori misura con pochi precedenti.
Janisartogmail
Janisartogmail
Member
Member

Numero di messaggi : 5
Data d'iscrizione : 17.10.18
Località : pd

Aurora Electron Device Empty Re: Aurora Electron Device

Messaggio Da Janisartogmail il Ven 19 Ott 2018, 09:21

@martin logan ha scritto:Beh ... Renzo è un personaggio e anche il suo collaboratore è ben disponibile con i clienti.
Avevo preso da loro le Martin Logan e l'ECI-3: in effetti è un ottimo prodotto, se cerchi calore (per uno SS) e compostezza (non so se hai sentito quel modello, ma la filosofia Electrocompaniet resta quella).
Molto bello il Maestro A.Ed. l'ho visto in sala ascolto ma non l'ho provato.
Bricasti è su un altro livello - direi anche su altro pianeta - i costi sono ben oltre le mie possibilità; sentiti diverse volte ma giusto per ... farsi del male. sunny sunny

Ribadisco il concetto: Renzo & CO. in quel di Mantova meritano tutto il mio rispetto e riconoscenza perchè la ospitalità che mi hanno riservato e la disponibilità che con autentica passione elargiscono non è da tutti. A chi avesse la possibilità e necessità di acquisto o, comunque, di un confronto, consiglio fortissimamente di fare un giretto: la passione viscerale per la Musica e la Hi-Fi la vedi nel loro sorriso sincero di fronte a un qualsiasi brano suonato correttamente (tra l'altro hanno la serietà di dirti anche eventuali difetti o, meglio, controindicazioni, di alcuni apparecchi/abbinamenti rispetto ad altri. Di sicuro non è gente improvvisata.
Purtroppo non mi ricordo il modello dell'Electrocompaniet, ma per quel poco che l'ho ascoltato posso dire che sembra avere un suono valvolare nella accezione più corretta del termine (non è un caso se lo preferivo a tutti gli altri, eccezione fatta per il Maestro A. Ed, solo che costava almeno 4 volte di più....).

Il Bricasti assieme alle TOTEM (inizialmente le ho confuse con le Dynaudio, per via della caratteristica presenza di fori sulla cupola parapolvere del woofer) mi hanno dato una sensazione di incredibile veridicità, per fortuna l'ho sentito per pochissimi minuti, altrimenti la tentazione di firmare cambiali da qui alla fine dei miei giorni avrebbe preso il sopravvento. Inarrivabili, per me almeno. Tra l'altro non riesco nemmeno a fare un confronto serio con i precedenti perchè l'ho ascoltato in una altra sala molto più grande, con diffusori diversi e per un tempo limitato. Per lo stesso motivo non riesco a fare neanche il confronto con l'Aurora che ho a casa.

    La data/ora di oggi è Lun 27 Mag 2019, 09:34