Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
. - Il Gazebo Audiofilo
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9395
Data d'iscrizione : 15.07.09

. Empty .

Messaggio Da Luca58 Mer Mag 18, 2022 2:57 pm

.


Ultima modifica di Luca58 il Mar Mag 24, 2022 4:30 pm - modificato 1 volta.
Pietro
Pietro
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 08.02.10

. Empty Re: .

Messaggio Da Pietro Mer Mag 18, 2022 9:37 pm

Se non si ha a disposizione un ambiente non dico ottimale, ma che abbia almeno i requisiti minimi per un ascolto decente, meglio farsi un impianto cuffia. La sezione degli impianti senza veli di questo forum è impietosa al riguardo, infatti da quello che vedo in foto almeno la metà (ad essere generosi...) degli ambienti non sembra proprio l'ideale. Vedo impianti da migliaia di euro posizionati in ambienti castranti, dove spesso non si riesce nemmeno a rispettare le elementari regole di simmetria, diffusori addossati alle pareti o al mobilio e così via...
Ah dimenticavo....dissento da questa tua affermazione: ¨Piu' l'ambiente e' acusticamente ostile e piu' e' rivelatore su cosa non vada bene, incisioni incluse¨. Un ambiente del genere non può rivelare nulla sulle incisioni, anzi può essere fuorviante...imho . 625723


_________________
Equipment:
Acutus
Acutus
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 230
Data d'iscrizione : 24.10.15

. Empty Re: .

Messaggio Da Acutus Gio Mag 19, 2022 5:40 am

Secondo me un buon strumento rimane tale. Lo sanno bene i musicisti che però sanno anche talvolta adattare la scelta dello strumento alla sala da concerto scelta di volta in volta ( ma ciò non sempre accade).
Per l'hifi parlando di situazioni senza errori grossolani direi che un buon impianto bilanciato rimane tale, anche perché il suono diretto dell'impianto prevale non di poco rispetto a quello riflesso dalle pareti. Il posizionamento delle casse comunque è fondamentale e come dicevo sopra dovrebbero essere evitato errori grossolani che portano a cancellazioni e buchi in medio- bassa frequenza
martin logan
martin logan
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1021
Data d'iscrizione : 18.11.17
Località : Pavia

. Empty Re: .

Messaggio Da martin logan Gio Mag 19, 2022 6:26 am

Nella mia esperienza ventennale con l'ambiente di ascolto posso dire che la bontà del suono (confermata da chi lo ascoltato) nasce al 40% da quello.
Nata come saletta H.T. 5+1 o 7+1 è stata stravolta e trasformata in ufficio e sala musica solo stereo con due successivi interventi, che hanno mutato
radicalmente i mobili all'interno ma non il trattamento acustico, che è stato invece incrementato. 
E' un misto di superfici riflettenti e assorbenti con pannelli e contro soffitto flottante.
 
Quello che inserisci - parlo a livello di apparecchi hifi - suona non allo stesso modo ma con la stessa "impronta sonora" (che potrebbe anche non piacere
a livello soggettivo). Quindi, per mia esperienza, ritengo che in un ambiente "controllato" è molto facile cogliere le piccole differenze tra i componenti.
E tutto diventa più semplice ... capisci subito come suona una testina o come spinge un ampli; altre differenze (tipo cavi e amenità del genere)
restano più complesse da percepire e non è il mio pane, nel senso che non perdo le nottate ad ascoltare i cavi o l'alimentazione. 
Preferisco ascoltare la musica, con i limiti delle varie configurazioni.
Ovviamente ho altri ambienti, in casa, ove posso posizionare un impianto, e ci ho provato: delusione cocente  . 917604
Ferorake
Ferorake
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 131
Data d'iscrizione : 28.09.20

. Empty Re: .

Messaggio Da Ferorake Gio Mag 19, 2022 9:04 am

Dico che un microfono calibrato come lo umik-1 costa 90€, praticamente come un cavo di fascia bassa, e risolve i problemi. Capisco chi non voglia applicare filtri ed usare DSP, ma almeno si può trovare il collocamento migliore dell'impianto e del punto di ascolto senza uscire di testa facendolo "a orecchio".
Proprio ieri sera stavo misurando, e spostando il punto d'ascolto di 40cm in avanti o indietro, faceva salire o scendere i 70 Hz di 20 dBSPL. 
Le stanze asimmetriche possono suonare bene, è una favola che suonino male, bisogna solamente trattare un minimo il posteriore dei diffusori per assorbire la gamma bassa, ed avere diffusori abbastanza direzionali che non siano troppo influenzati dall'ambiente.
Affittasi
Affittasi
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 628
Data d'iscrizione : 02.01.13
Località : Rohan

. Empty Re: .

Messaggio Da Affittasi Gio Mag 19, 2022 9:33 am

Concordo, non ha senso investire cifre molto importanti se non si può collocare l'impianto correttamente.
Non dico di fare un santuario, ma nemmeno certi accrocchi che si vedono in giro.
Basta seguire semplici regole e magari fare quei due minimi trattamenti (come ho fatto io dopotutto).
kermit
kermit
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 513
Data d'iscrizione : 12.09.10
Località : Porto Mantovano

. Empty Re: .

Messaggio Da kermit Gio Mag 19, 2022 10:03 am

Ogni impianto merita il suo corretto ambiente e ogni ambiente merita il suo giusto impianto, cioè per me significa che chi si può permettere un ambiente dedicato all'impianto può gestirsi al meglio le migliori elettroniche e diffusori. Chi, come nella maggior parte dei casi ha un normale ambiente domestico, secondo me può solo cercare di trovare qualche soluzione palliativa nell'arredamento e allestire un impianto intanto compatibile con le proprie possibilità economiche senza strafare, e poi cercare soprattutto per i diffusori la miglior collocazione in ambiente.


_________________
Roberto
Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9395
Data d'iscrizione : 15.07.09

. Empty Re: .

Messaggio Da Luca58 Gio Mag 19, 2022 11:40 am

[b][i].[/i][/b]


Ultima modifica di Luca58 il Mar Mag 24, 2022 4:31 pm - modificato 2 volte.
Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9395
Data d'iscrizione : 15.07.09

. Empty Re: .

Messaggio Da Luca58 Gio Mag 19, 2022 11:46 am

[b][i].[/i][/b]


Ultima modifica di Luca58 il Mar Mag 24, 2022 4:31 pm - modificato 1 volta.
davrog
davrog
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 402
Data d'iscrizione : 05.05.13
Età : 62
Località : lecce

. Empty Re: .

Messaggio Da davrog Gio Mag 19, 2022 5:02 pm

la domanda che sono arrivato a pormi io dopo anni di acquisti di prodotti hifi...ma con un ambiente non ottimale acusticamente non si adattano meglio delle ottime casse attive e un ottimo pre? ciao  roberto
Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9395
Data d'iscrizione : 15.07.09

. Empty Re: .

Messaggio Da Luca58 Gio Mag 19, 2022 8:25 pm

.


Ultima modifica di Luca58 il Mar Mag 24, 2022 4:31 pm - modificato 1 volta.
martin logan
martin logan
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1021
Data d'iscrizione : 18.11.17
Località : Pavia

. Empty Re: .

Messaggio Da martin logan Ven Mag 20, 2022 5:49 am

Alcune casse attive "pro" di piccole e medie dimensioni- dovendosi adattare a differenti collocazioni - hanno sistemi di compensazione ambiente che agiscono su alcune frequenze.

Di solito sul retro hanno una batteria di micro switch o altro commutatore analogo, per settare le modifiche.
Più semplici che usare un equalizzatore e piuttosto efficaci. 
Parlo di modelli di gamma media con ottima resa acustica, non di entry level.
Considerato che serve solo un pre (oltre alle sorgenti) non è una soluzione da scartare.
davrog
davrog
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 402
Data d'iscrizione : 05.05.13
Età : 62
Località : lecce

. Empty Re: .

Messaggio Da davrog Ven Mag 20, 2022 4:17 pm

ciao luca...penso che martin abbia centrato la cosa...cioè alla stessa parità di prezzo ho avuto modo di ascoltare delle casse attive che suonano decisamente meglio di un classico impianto hifi...ti dico le mie convinzioni dettate da ascolti reali...allora le casse attive di qualità sono state progettate e concepite apposta per suonare e bene anche in ambienti all'aperto o in locali medio grandi...il taglio di frequenze soniche si adatta meglio ad un ambiente acusticamente non ottimale...inoltre la musica che si ascolta è decisamente più reale, fisica di quella riprodotta da un impianto hifi perchè appunto progettate per suonare degli strumenti veri e propri...infine e secondo me la cosa più importante...l'amplificatore interno o in classe d o ab ha una sinergia ottimale con il diffusore e non dobbiamo andare a provare infiniti ampli o casse per trovare l'abbinamento sinergico ottimale...ci sono anche in questo caso cavi ottimali...ho sentito delle jbl o electrovoice che sui 2000 euro suonano magicamente...ovviamente con una ottima sorgente...erano collegate ad un dac gustard x16 in bilanciato xlr e notebook...io fino ad ora sempre prodotti hifi e scontento...le prossime saranno sicuramente attive...dimenticavo...alternativa anche come dice pietro e cioè un ottimo ampli cuffia e una super cuffia...ciao  roberto
kermit
kermit
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 513
Data d'iscrizione : 12.09.10
Località : Porto Mantovano

. Empty Re: .

Messaggio Da kermit Sab Mag 21, 2022 7:43 am

Luca58 ha scritto:
kermit ha scritto:Ogni impianto merita il suo corretto ambiente e ogni ambiente merita il suo giusto impianto, cioè per me significa che chi si può permettere un ambiente dedicato all'impianto può gestirsi al meglio le migliori elettroniche e diffusori. Chi, come nella maggior parte dei casi ha un normale ambiente domestico, secondo me può solo cercare di trovare qualche soluzione palliativa nell'arredamento e allestire un impianto intanto compatibile con le proprie possibilità economiche senza strafare, e poi cercare soprattutto per i diffusori la miglior collocazione in ambiente.

Io ho sentito ambienti trattati "professionalmente" ma c'e' spesso qualcosa di innaturale che non mi convince; cosi' come applicare filtri elettronici a monte, che pure funzionano. Certo, una stanza ideale risolverebbe tutto e con risultati eccellenti... . 650957
Anche io sono contro filtri e correttori elettronici lungo il percorso del segnale, ed anche ambienti pesantemente trattati mi risultano "artificiali".
Il mio miglior ambiente nel corso degli anni è stata una mansarda normalmente arredata di cui anche un tecnico del suono che si trovò una volta a casa mia a provare delle elettroniche si disse piacevolmente sorpreso.


_________________
Roberto
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 2132
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

. Empty Re: .

Messaggio Da alanford Sab Mag 21, 2022 11:15 pm

Ferorake ha scritto:Dico che un microfono calibrato come lo umik-1 costa 90€, praticamente come un cavo di fascia bassa, e risolve i problemi. Capisco chi non voglia applicare filtri ed usare DSP, ma almeno si può trovare il collocamento migliore dell'impianto e del punto di ascolto senza uscire di testa facendolo "a orecchio".
Proprio ieri sera stavo misurando, e spostando il punto d'ascolto di 40cm in avanti o indietro, faceva salire o scendere i 70 Hz di 20 dBSPL. 
Le stanze asimmetriche possono suonare bene, è una favola che suonino male, bisogna solamente trattare un minimo il posteriore dei diffusori per assorbire la gamma bassa, ed avere diffusori abbastanza direzionali che non siano troppo influenzati dall'ambiente.

spiegati meglio  
come dovrei usare questo microfono?

    La data/ora di oggi è Mer Giu 29, 2022 11:18 pm