Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
il diritto,,,all informazzio'
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    il diritto,,,all informazzio'

    Share

    Ospite
    Guest

    il diritto,,,all informazzio'

    Post  Ospite on Fri Sep 11, 2009 11:52 am

    ?


    Last edited by sordo on Sun Dec 27, 2009 10:35 am; edited 1 time in total

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  aircooled on Fri Sep 11, 2009 12:02 pm

    sordo di la verità, ieri sera hai magnato pesante


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    erik rutan
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 782
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 44
    Località : roma ( motociclista )

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  erik rutan on Fri Sep 11, 2009 12:33 pm

    ma come mai in molti recensori leggo questo astio? orsù dovrebbe essere uno dei mestieri più belli del mondo, ascolti robine favolose, te le danno spesso aggratise, vendi rivendi, vieni idolatrato alle mostre tipo dittatorello africano, e ti permetti pure de fatte rode er chiccherone!! ( licenza poetica )

    Ospite
    Guest

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Ospite on Fri Sep 11, 2009 4:28 pm

    ?


    Last edited by sordo on Sun Dec 27, 2009 10:35 am; edited 1 time in total

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  aircooled on Sat Sep 12, 2009 4:17 pm

    Date le dimensioni della sale e la popolarità del nostro amico Marco, chiedo agli interessati la cortesia di prenotarsi.

    sordo hai prenotato al TOP per il valzer delle teste?


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Ospite on Sun Sep 13, 2009 3:35 pm

    Quando acquistai il cdp Sigma Rise......dal costo di 23.000 euro.....certi signori, NON hanno trovato di meglio, invece che chiedermi o sapere come suona questo oggetto....che ironizzare sul prezzo, sul chiedersi come si fa a spendere tali cifre..ecc.ecc. Questa è la mia esperienza. Sleep

    Ospite
    Guest

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Ospite on Sun Sep 13, 2009 3:35 pm

    aircooled wrote:
    Date le dimensioni della sale e la popolarità del nostro amico Marco, chiedo agli interessati la cortesia di prenotarsi.

    sordo hai prenotato al TOP per il valzer delle teste?

    Quali teste? ce ne sono di 2 tipi...

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  aircooled on Sun Sep 13, 2009 6:46 pm



    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Ospite
    Guest

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Ospite on Sun Sep 13, 2009 8:18 pm

    ?


    Last edited by sordo on Sun Dec 27, 2009 10:36 am; edited 1 time in total

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Cricetone on Tue Sep 22, 2009 7:58 pm

    sordo wrote:
    Originariamente Scritto da Drummer
    Io direi che le persone maggiorenni, alle quali si attribuisce persino il diritto di voto e dell'autodeterminazione, non abbiano bisogno di una balia che dica loro se possono o non possono spendere i loro soldi in un amplificatore da 50.000 euro.
    Se siano o meno in grado di apprezzarlo, è un loro problema. Non di chi lo vende e meno ancora di chi lo recensisce o lo produce.

    Sorgono spontanee du domanne.....
    A che cazzo servono le riviste,,in particolar modo AR,,,?
    Quest omo ha capito cose' fare informazione attraverso una recensione?
    ,,,ce ne sarebbero altre di,,,domanne,,,,,,
    ma a che scopo farle ad uno che spregia i propri lettori?
    a che servono?...dipende dal momento in cui le leggi...ad esempio in questi giorni a me AR serve perchè voglio vedere come son fatti i crossover,un altro giorno per confrontare una rece italian con una estera,e capita pure che combacino perfettamente,oppure magari un altro giorno le uso per capire quali siano i marchi piu facilmente rivendibili,così compro l'usato su ebay e poi ci guadagno vendendolo in italia...oppure per curiosare dentro gli apparecchi,oppure per leggere la sezione musica...
    e comunque in italia dove gira il soldo,non gira mai la verità,quindi...


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Ospite
    Guest

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Ospite on Tue Sep 22, 2009 7:59 pm

    quindi è inutile che compriamo la rivista.......

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Cricetone on Tue Sep 22, 2009 8:00 pm

    pavel wrote:quindi è inutile che compriamo la rivista.......
    non è inutile,basta capirne i limiti, anche se sarebbe meglio non ci fossero.


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1246
    Data d'iscrizione : 2008-12-24
    Età : 16
    Località : From Hell

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Camelia on Wed Sep 30, 2009 2:21 am

    Salv.Scarfone wrote:
    pavel wrote:quindi è inutile che compriamo la rivista.......
    non è inutile,basta capirne i limiti, anche se sarebbe meglio non ci fossero.
    Pensi che possa io quotarti senza che qualcuno mi meni????
    Beh, Salvatore, sai che ti dico?... io lo faccio lo stesso... sunny

    Camelia @}->---


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    ... Never seen Someone Crazy?!? --->

    Ospite
    Guest

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Ospite on Wed Sep 30, 2009 5:59 am

    Salv.Scarfone wrote:
    pavel wrote:quindi è inutile che compriamo la rivista.......
    non è inutile,basta capirne i limiti, anche se sarebbe meglio non ci fossero.

    Sai....ritengo di dover fare uno sforzo enorme....cercando di capire i limiti di una qualsiasi rivista. Nel suo significato intrinseco, è come se accettassi di leggere un qualcosa, che la mia mente elabora come poco credibile a priori. A cascata.....capirai che in tutto quello che leggo, non so discerenere dove inizia la veridicità di una opinione....e il limite di dove la stessa finisce. E questo non lo posso accettare in un ottica di un qualcosa che mi viente venduto, con la premessa che debba invece essere "mentalmente e professionalemente neutrale", quando poi il dubbio che in realtà non lo sia, mi attanaglia la psiche....
    Non trovi che il capire il motivo del numero sempre inferiore di vendite anche dei semplici quotidiani sia da ricercare proprio nel concetto sopra espresso.....
    Non trovi che il motivo della morte...almeno "morale" dell'hifi, sia da ricercare proprio nella dubbia credibilità di coloro che muovono i fili di questo carrozzone...
    Non trovi che moralmente ed eticamente sia normale oltre che giusto pretendere affidabilità e veridicità da una rivista....ed invece NON accettarne i suoi limiti....

    Sai.....facendo le opportune considerazioni e fantasticando un po....E' come se tu accettassi i limiti di un qualsiasi forum, dove si banna puntualmente e costantemente tutti coloro che non rientrano in quelle "linee giuda" dettate in modo aleatorio dal forum stesso.

    Pensa a tanti fiumi che partono in modo naturale dal punto da dove nascono. Con naturalità e proprie indipendenti caratteristiche. Pensa poi....che questi fiumi in natura DOVREBBERO seguire un loro NATURALE decorso, qualsiasi esso sia. Pensa poi invece che un giorno l'uomo per propri interessi, decida di deviare il percorso di tutti questi fiumi in modo meccanico,e per interessi personali facendo si che tutti questi fiumi confluiscano alla fine in un solo sbocco, in modo da formare un lago, alimentato da tutti questi fiumi. Pensa anche che lo stesso uomo, che ha deviato il percorso dei fiumi nello stesso bacino di utenza, sia il proprietario del lago. E che voglia far passare inosservata, la mole di acqua convogliata nel suo lago, o al limite non specificare la procedura per la quale questo fenomeno si sia verificato..................... Ora il mio personale limite è interfacciarmi con lo stesso uomo quando esso mi vuol far credere che l'acqua che confluisce in quel lago, non sia una forzatura, ma un EVENTO, fine a se stesso. Potrei anche accettare il LIMITE per il quale questo signore omette o cela la verità per la quale questi fiumi sono stati meccanicamente deviati ad arte....... E diventa poi un mio limite.....avere stima di questo personaggio. Magari potrei accettare il limite per il quale questo signore sia proprietario di un lago generato dagli eventi di cui sopra.Potrei accettare che alle mie domande sulla nascita di tale lago questo signore non dia risposte.Potrei accettare di non frequentare quel lago, ma chissà quanti altri posti.Potrei accettare che ci sia stata una forzatura di un decorso naturale, per una finalità.Potrei accettare che all'ingresso del lago ci sia il cartello "Lago Naturale".....Potrei anche semplicemente ACCETTARE.. il proprietario del lago. Ma la mia etica mi impedisce di capire tutti questi limiti ....

    graant71
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 236
    Data d'iscrizione : 2009-08-14
    Età : 45
    Località : Firenze

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  graant71 on Wed Sep 30, 2009 2:38 pm

    Molto semplicemente: esiste una fonte inesauribile dalla quale, sapendo dove e come cercare, si riescono a trarre tutte le informazioni che si vogliono: INTERNET e, se più persone riflettessero sull'utilità di ciò che comprano, parecchie testate (non soltanto di HiFi eh!) avrebbero già chiuso da tempo: nessuno tira fuori quattrini per qualcosa che non ha senso comprare e che poi finisce o a prendere polvere negli scaffali o nel cassonetto della carta.
    Voi avete mai letto una recensione negativa di un qualsiasi prodotto hifi? Se l'avete letta, vi prego, ditemi dove. Io ho letto recensioni che vanno dal buono al sensazionale per TUTTI i prodotti in prova, mai uno che facesse schifo o fosse soltanto mediocre. Delle due l'una: o veramente tutti i prodotti di alta fedeltà sono buoni, e allora non ha senso nemmeno farsi tanti problemi a sceglierne uno piuttosto che un altro, oppure esiste un ordine di scuderia che impone di non pubblicare recensioni negative.


    _________________


    "La musica non deve offendere l'udito, ma risultare gradevole per chi l'ascolta: in altre parole, non deve mai cessare di essere musica". [W.A. Mozart]

    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Il delfino di Air on Wed Sep 30, 2009 4:30 pm

    pavel wrote:quindi è inutile che compriamo la rivista.......


    cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers cheers


    _________________
    Audio Analogue Crescendo CD
    Audio Analogue Crescendo Ampli
    Cabasse MT31 Tobago

    graant71
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 236
    Data d'iscrizione : 2009-08-14
    Età : 45
    Località : Firenze

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  graant71 on Wed Sep 30, 2009 4:32 pm

    Io direi "LE rivistE" ...non soltanto una, TUTTE!


    _________________


    "La musica non deve offendere l'udito, ma risultare gradevole per chi l'ascolta: in altre parole, non deve mai cessare di essere musica". [W.A. Mozart]

    Il delfino di Air
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 3640
    Data d'iscrizione : 2008-12-21

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Il delfino di Air on Wed Sep 30, 2009 7:02 pm

    graant71 wrote:Io direi "LE rivistE" ...non soltanto una, TUTTE!

    la rivista.............le riviste..............poco cambia!


    _________________
    Audio Analogue Crescendo CD
    Audio Analogue Crescendo Ampli
    Cabasse MT31 Tobago

    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1246
    Data d'iscrizione : 2008-12-24
    Età : 16
    Località : From Hell

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Camelia on Thu Oct 01, 2009 12:23 am

    graant71 wrote:Molto semplicemente: esiste una fonte inesauribile dalla quale, sapendo dove e come cercare, si riescono a trarre tutte le informazioni che si vogliono: INTERNET e, se più persone riflettessero sull'utilità di ciò che comprano, parecchie testate (non soltanto di HiFi eh!) avrebbero già chiuso da tempo: nessuno tira fuori quattrini per qualcosa che non ha senso comprare e che poi finisce o a prendere polvere negli scaffali o nel cassonetto della carta.
    Voi avete mai letto una recensione negativa di un qualsiasi prodotto hifi? Se l'avete letta, vi prego, ditemi dove. Io ho letto recensioni che vanno dal buono al sensazionale per TUTTI i prodotti in prova, mai uno che facesse schifo o fosse soltanto mediocre. Delle due l'una: o veramente tutti i prodotti di alta fedeltà sono buoni, e allora non ha senso nemmeno farsi tanti problemi a sceglierne uno piuttosto che un altro, oppure esiste un ordine di scuderia che impone di non pubblicare recensioni negative.

    Predo spunto da queste parole per dire un paio di miei pensieri… sunny

    1) L’utilità di comprare una rivista (e questo non mi stancherò mai di ripeterlo) è il puro e semplice piacere di quel appuntamento dal giornalaio, puntuale, tutti i mesi per l’acquisto… e poi il tenere il giornale preferito tra le mani, la sensazione tattile della carta che il web non potrebbe mai dare, poter leggere quello che i redattori scrivono, per come lo scrivono, - poi non prendo per oro colato tutto quello che c’è scritto; se qualcosa mi interessa quella sarà solo una “linea guida” che mi servirà per fare altre ricerche (se si parla di oggetti Hi-Fi anche ascolti con le mie orecchie dove è possibile) io non mi fido mai del parere, anche se “autorevole”, dell’altro - è un modo anche per rilassarmi per non pensare e magari per tenermi informata e per imparare qualcosa di nuovo (quest’ultima affermazione è per via che le mie letture abituali sono sulla CG)…
    Insomma c’è cmq una sua “utilità” che molti di voi vedranno come “inutilità” ma “quel gesto” racchiude molte cose… e in questa mia conclusione so che pochi potranno comprendere… ma è giusto così.

    2) Secondo me è giusto che non si pubblichino recensioni negative perché si potrebbe finire per discriminare un produttore per un unico oggetto riuscito male e appioppargli la nomea di quello che fa oggetti che non valgono (si perché gira molta gente “cattiva” - e di questo ne son certa - e molto “servetta” e la voce farebbe, in men che non si dica, il giro panoramico del globo terrestre!!!)

    Ora dico: Che utilità ha il Web o un Forum se le persone che scrivono di un oggetto oppure di un altro bene ma anche male??? Che differenza c’è tra il leggere un recensore (che molti di voi affermano - senza prove - al soldo della pubblicità) e un forumer qualunque che dà la SUA versione su un taluno oggetto???
    Poi se qui stesso possiamo vedere quanto le persone differiscano tra loro in questione di gusti, per esempio di diffusori, come possono essere i 2 schieramenti tra B&W e Audiosonica… entrambi hanno ragione, entrambi hanno torto… E se io aprissi un thread per chiedere un parere me li troverei lì ognuno schierato con il suo Marchio a dirmi prova Y oppure prova X… e io cosa potrei fare, visto che ognuno a modo proprio elogerebbe l’uno o l’altro, se non cercare cmq di ascoltare (se possibile, non tutti abitano in grandi centri) e decidere quale dei due suoni si avvicini di più al mio sentire???

    Quindi le riviste compriamole perché ci fa piacere… se questo non fosse smettiamo di arrovellarci, magari troviamo soluzioni alternative come la Rete che è una fonte inesauribile, ma per favore smettiamo di prendercela con i redattori e se li pensiamo tanto “falsi”… IGNORIAMOLI che ci si fa senz’altro più bella figura.

    Ho scritto il mio punto di vista - da donna - io preferirei essere considerata come “persona” indipendentemente dal genere a cui appartengo ma molti di voi dovranno dare una motivazione per loro valida se ciò che ho voluto comunicare non concorda con quello che pensano; quindi… Chiudo il mio intervento qui.

    Un saluto,

    Camelia @}->---

    P.S.: Come avrete ben immaginato io le riviste le conservo e non le butto nella spazzatura... alle volte mi piace andarle a ripescare per vedere quanto sono mutate le cose nel tempo, è divertente vedere come erano "strani" santa gli oggetti di diversi anni addietro...


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    ... Never seen Someone Crazy?!? --->

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Pazzoperilpianoforte on Thu Oct 01, 2009 12:56 pm

    Quoto Camelia praticamente in tutto.

    Vorrei fare delle osservazioni alla spicciolata.

    1. Non esiste giornalismo imparziale, non esiste informazione imparziale. A prescindere dalle restanti supposizioni/certezze (corruzioni, interessi pubblicitari, ecc. ecc. e non crediate che questi non siano anche problemi delle testate estere, di qualunqu esettore si occupino), ogni recensore ha una opinione che è basata sul suo gusto, sulle sue capacità uditive, sul so orientamento ideologico. Quindi è fazioso. Chi si aspetta di leggere qualunque informazione e si aspetta di trovarci l'imparzialità poco sa di informazione. Chiunque scrive su una rivista esprime sé, quindi tutto fuorché obiettività.

    2. In internet così come dalle riviste, la verità (si legga di politica, si legga di musica, si legga di Hi-Fi) viene fuori per confronto di opinione faziose divergenti o convergenti, non per attendibilità di una singola fonte autorevole, perché non c'è nessuno che possa certificare l'attendibilità assoluta di una fonte. O, per meglio dire, nessuna fonte è sempre infallibile e sempre imparziale. Chi non ha voglia di vercare in rete o di cercare sulle riviste informazioni di più soggetti non si potrà mai fare una opinione obiettiva.

    3. La rete come attendibilità vale le riviste. In rete come sulle riviste c'è gente pagata per dire cavolate, gente che si finge altri per narrare visibilia dei prodotti che vende, gente che non capisce un piffero, gente sorda, ecc. ecc. Quindi non è vero che c'è tutto, in internet. E' vero che in Internet c'è tutto ed il contrario di tutto. Io sento comunemente citare Wikipedia, come fonte autorevole di conoscenza (l'enciclopedia in rete). Beh, sappiate che qualunque fesso può scrivere una pagina di wikipedia, e che niente di quello che c'è scritto è necessariamente vero, perché nessuno deve avere alcun titolo legato alla conoscenza di cui parla per scrivere su Wikipedia. Prima una persona per scrivere una voce su una enciclopedia doveva essere un esperto del settore, ora in rete cani e porci scrivono voci di dizionario che il popolo della rete prende come riferimento di verità SENZA AVERE ALCUNA CERTEZZA che quello che c'è scritto sia in qualche modo dotato di una validità qualunque. Bel progresso internet. MI viene da ridere.

    4. Io ho smesso di comprare Audioreview questo mese. Ma solo perché non voglio dare più soldi a gente che non merita di guadagnarli (come dimostra dal suo comportamento nel forum, perché prima di tutto manca di civiltà e di modestia). E me ne dispiaccio, perché la sezione musica di questa rivista è bella e mi ha fatto scoprire artisti che altrimenti avrei ignorato. Continuo a comprare Suono. Su Suono difficilmente un prodotto testato viene bocciato. Ma se si legge l'articolo da cima a fondo, compresi grafici e quadri tecnici, si capisce sempre perfettamente che c'è una netta differenziazione tra prodotto accettabile, prodotto buono, prodotto eccellente. Basta aver voglia di leggere e di usare il cervello (nel senso di non accontentarsi di una lettura superficiale).

    Per ora mi fermo qui. Ciao


    Last edited by Pazzoperilpianoforte on Thu Oct 01, 2009 4:15 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    graant71
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 236
    Data d'iscrizione : 2009-08-14
    Età : 45
    Località : Firenze

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  graant71 on Thu Oct 01, 2009 1:09 pm

    Camelia, é un ragionamento inappuntabile il tuo, e rispettabilissimo. Ma credo che riconoscerai che anche il mio lo é: i soliti discorsi mi annoiano perché ne ho letti troppi, e troppo simili fra loro, per troppi prodotti HiFi.
    La sensazione tattile di sfogliare una rivista per me non vale 5 euro se quel che c'é scritto sopra é sempre la solita roba scritta con qualche sinonimo giusto per evitare ripetizioni. E non trovo giusto tacere di un difetto di un certo prodotto (che non significa gettare fango su un costruttore) solo per convenienza: ne perde l'immagine di obiettività e imparzialità della rivista.
    Se devo leggere opinioni personali di qualcuno che ha provato un certo apparecchio, sapendo che restano pur sempre opinioni soggettive, lo faccio più volentieri gratis.

    EDIT: giusto per precisare che non sto facendo una crociata contro questa o quella testata: per me sono tutte sullo stesso piano, non ne acquisto più nessuna da un bel po' di tempo.


    _________________


    "La musica non deve offendere l'udito, ma risultare gradevole per chi l'ascolta: in altre parole, non deve mai cessare di essere musica". [W.A. Mozart]

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  aircooled on Thu Oct 01, 2009 2:37 pm

    sconcordo in tutto
    2) Secondo me è giusto che non si pubblichino recensioni negative perché si potrebbe finire per discriminare un produttore per un unico oggetto riuscito male e appioppargli la nomea di quello che fa oggetti che non valgono (si perché gira molta gente “cattiva” - e di questo ne son certa - e molto “servetta” e la voce farebbe, in men che non si dica, il giro panoramico del globo terrestre!!!)
    camy questa non è farina del tuo sacco quello che dici è la tesi che usano i giornalisti per cercare di pararsi il culo, la rece negativa non si pubblica per il solo motivo che la rece si fa solo a chi paga o paghera in futuro.(punto)
    per quanto riguarda i cattivi.... tranquilla non sono i pettegolezzi che decidono cosa è buono o cosa no, quello lo decide solo ed esclusivamente il mercato con buona pace dei cattivi


    Ora dico: Che utilità ha il Web o un Forum se le persone che scrivono di un oggetto oppure di un altro bene ma anche male??? Che differenza c’è tra il leggere un recensore (che molti di voi affermano - senza prove - al soldo della pubblicità) e un forumer qualunque che dà la SUA versione su un taluno oggetto???
    Poi se qui stesso possiamo vedere quanto le persone differiscano tra loro in questione di gusti, per esempio di diffusori, come possono essere i 2 schieramenti tra B&W e Audiosonica… entrambi hanno ragione, entrambi hanno torto… E se io aprissi un thread per chiedere un parere me li troverei lì ognuno schierato con il suo Marchio a dirmi prova Y oppure prova X… e io cosa potrei fare, visto che ognuno a modo proprio elogerebbe l’uno o l’altro, se non cercare cmq di ascoltare (se possibile, non tutti abitano in grandi centri) e decidere quale dei due suoni si avvicini di più al mio sentire???

    nei forum di solito si esprimo pareri diversi sul solito oggetto, alcuni lusinghieri altri memo altri ancora negativi, ponderandoli tutti ti puoi fare una pricisa idea della personalità dell'oggetto stesso messo in diverse catene e diversi ambienti, e questa è una ricchezza non un demerito
    che significa che non abbiamo prove che il giornalista sia al soldo della pubblicità? camy una rivista non è altro che una azienda ne più ne meno come qualunque altra, e le aziende sono tutte uguali, perseguono il profitto attraverso il fatturato, ora il fatturato di una rivista e rappresentato dalla pubblicità per il 90% e oltre, oppurato questo potresti spiegarmi perche un imprenditore dovrebbe acquistare pubblicità senza trovare un riscontro a quanto impegnato? quando tiro fuori dei bei soldini da dare a qualcuno ovvio che devo ricevere qualcosa in cambio, e non certo merce avariata visto che io ho pagato con soldi buoni, nel caso della pubblicità per quale recondito motivo dovrei spendere per farmi recensire un apparecchio ed avere in cambio dei miei soldini (buoni) una prova negativa? il mio investimento DEVE per forsa portare a un rientro che in questo caso trova riscontro nelle vendite, e se quello mi fa una rece negativa che vendo? e se non vendo come faccio a pagare la pubblicità? e se non pago la pubblicità la rivista come può campare e fare profitti? e se la rivista non può campare come fa il giornalista a riscuotere il compenso dovuto per la rece? e lui stesso come campa? potremmo approfondire con il discorso merendine... ma lasciamo perdere
    come esempio di scontro hai preso 2 realta improponibili al confronto per ovvie ragioni di numeri, meglio se vai su valvole e SS o se preferisci per farla più semplice ML contro Krell (2 realta globali comparabili) a quel punto vedrai che la differenza tra i 2 brand emerge e da li puoi trarre lo spunto per capire cosa possa essere più vicino ai tuoi gusti, a quel punto vai ad ascoltare e decidi
    Quindi le riviste compriamole perché ci fa piacere… se questo non fosse smettiamo di arrovellarci, magari troviamo soluzioni alternative come la Rete che è una fonte inesauribile, ma per favore smettiamo di prendercela con i redattori e se li pensiamo tanto “falsi”… IGNORIAMOLI che ci si fa senz’altro più bella figura.
    io faccio parte di una comunita audiofila, e come suo membro ritengo utile e in diritto di occuparmi di tutto cio che la riguarda denunciando chi dalle pagine di una rivista o altro spara ad alzo zero su questo settore falsando la realtà
    ignorarli? certo quando smetteranno di far danni in questo settore, e comunque non prima che qualche Cretino dall'alto della sua penna smetta di darmi/darci dello stupido/stupidi
    l'unica figura che non amo fare è quella del lecchino, per le altre va bene tutto, del resto sono in buona compagnia


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Pazzoperilpianoforte on Thu Oct 01, 2009 4:14 pm

    Si, secondo me il diritto di critica non può essere negato, quindi il concetto di non criticare ma ignorare il giornalista è il motivo per cui non è detto che quotavo tutto ma "quasi tutto" del post di Camelia.

    Comunque non pensiate che nel settore musicale la cosa sia diversa.

    Esiste una guida inglese di musica classica, The Penguin Guide, che esce tutti gli anni. I pareri di questo monolitico volume annuale sono a volte sensati, a volte opinabili, a volte inaccettabili. Su un forum di un'altra rivista del settore mi hanno detto che i contatti di quella edizione con gli editori di dischi è tanto stretto che praticamente questa guida è un libello pubblicitario. Ho comprato una volta codesto librone, certo non succederà più.

    Compro la rivista che è titolare di questo forum. Fermo restando che lì si può criticare il recensore sensa essere trattati da stupidi ed anzi ottenere risposte sempr eintelligenti e circostanziate, ma su quella rivista si vedono anche stroncature, e sono trasversali, cioé qualunqu esia l'etichetta editrice. Ciò non toglie che qualcuno (solo pochi fortunatamente) dei recensori magari a mio parere non è proprio il massimo dell'attendibilità. Ma per il resto tutto ok.

    Io penso comunque il grande problema dell'Hi-Fi sia l'atteggiamento di importatori e negozianti. Che non promuovono il loro prodotto (se non in maniera mafiosa) e non cecano di attirare neofiti. Se l'atteggiamento di costoro fosse più centrato il male prodotto dalle riviste sarebbe oggi, nell'era dell'informatica e di internet, marginale.

    Ciao


    Last edited by Pazzoperilpianoforte on Thu Oct 01, 2009 6:04 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Ospite
    Guest

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Ospite on Thu Oct 01, 2009 6:04 pm

    Secondo me è giusto che non si pubblichino recensioni negative perché si potrebbe finire per discriminare un produttore per un unico oggetto riuscito male e appioppargli la nomea di quello che fa oggetti che non valgono (si perché gira molta gente “cattiva” - e di questo ne son certa - e molto “servetta” e la voce farebbe, in men che non si dica, il giro panoramico del globo terrestre!!!)......

    1-Prima del giornalismo.........delle recensioni....del produttore.... ESISTE LA PERSONALE DIGNITA' ED ETICA DI DIRE LA VERITA' E NON LA VERITA' "DI FACCIATA o DI COMODO".
    2-Parlare male di un prodotto, non significa mettere in cattiva luce TUTTI i prodotti, ma SOLO del prodotto di cui si parla.
    3-Le recensioni, positive e/o negative che siano, DEVONO ESSERE VALUTATE per quello che sono : OPINIONI. Di un essere vivente con due orecchie, un cervello ed una capacità di analisi. Proprio come noi. E' ora di finirla con la sopravvalutazione delle recensioni degli addetti ai lavori. Sono delle persone NORMALI, che scrivono quello che pensano. Non sono affatto LA VERITA' DIVINA.

    A me il tuo discorso, fa paura. Nel senso che per me è inconcepibile sotto tutti i punti di vista, che uno NON scriva una recensione negativa per tutti i motivi che hai citato.
    Esiste la dignità della persona. Esiste la veridicità di quanto scritto. Esiste UNA MORALE. La quale ci impone di non prendere per il culo chi legge.
    Parliamoci chiaramente: Se io sono un recensore. Ascolto il prodotto X.Non mi piace.....MA NON SCRIVO poi "male" di questo prodotto ma mi mantengo sul "vago"...
    1-Ho omesso una verità
    2-Non ho scritto quello che pensavo
    3-Ho scritto una cosa diversa da quella che era il mio pensiero

    Risultato: Ho preso per il culo, quello che la legge. E che spende 5 euro....nell'ILLUSIONE di leggere delle verità. Perchè CREDO che ognuno di noi...anche per soli 5 euro voglia sentirsi dire delle verità. Altrimenti se per 5 euro volete sentirvi dire delle caxxate...... E' il momento che IO, faccio davvero i miliardi!!!!

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: il diritto,,,all informazzio'

    Post  Pazzoperilpianoforte on Thu Oct 01, 2009 7:05 pm

    Vi racconto in due parole un fatto, che poi magari specificherò meglio.

    Qualche mese fa SUONO in una sua rubrica fissa pubblicò un articolo secondo cui l'accoppiata pre+finale Burmester avrebbe funzionato male in abbinamento alle Quad. Quindi non si diceva che i Burmester fanno recere, ma solo che suonavano male in abbinamento a quel diffusore.

    La rivista ha ricevuto mail dell'importatore italiano che ha protestato per la recensione sulla base del fatto che "la stampa internazionale la pensa in modo diverso", "il pezzo provato non è stato da noi fornito", e simili, con riferimenti dubbiosi sulla qualità del recensore. E la mail finiva dicendo, in pratica: "vabbé che non siamo inserzionisti di SUONO, ma un colpo basso così non ce lo aspettavamo".

    Il direttore giustamente ha detto: il recensore ha espresso una opinione. Sarà valida come altre. Il lettore valuterà da se.

    Questo per fare un sunto sommario.

    In Italia se recensisci in maniera non encomiastica un prodotto, il produttore ti radia dalle riviste su cui fare pubblicità e ti dice che sei incompetente.

    Dato questo per punto preso, come antefatto a prescindere, il recensore deve stare "attento" a quello che dice, altrimenti scatta la rivalsa dell'importatore.

    Vi faccio l'esempio di due recensioni, una del prodotto A, l'altra del prodotto B.

    Recensione prodotto A. Il prodotto A (descrizione). Scheda tecnica: il prodotto ha mostrato buone prove, ma la misurazione X e la Y rilevano dei problemi inerenti il dato tecnico X1, Y1. Ascolto: il prodotto si comporta analogamente a macchine dello stesso prezzo, con una buona scatola scenica, una timbrica sostanzialmente corretta. Scheda con i voti su scala graduata: tutti incollati alla soglia della sufficienza. Conclusioni: se pensate di comprare un apparecchio di questa fascia di prezzo ascoltate anche questo prodotto.

    Recensione prodotto B. Il prodotto B (descrizione). Scheda tecnica: il prodotto ha mostrato caratteristiche dal buono all'ottimo. Non si mostrano segni di debolezza tipiche nei putni X e Y di macchine di pari livello. Ascolto: buona macchina che nella ricostruzione prospettica e nella qualità della gamma alta rivaleggia con macchine di costo superiore. Scheda con i voti su scala graduata; superano tutti la sufficienza di uno o due punti, con votazione sulla prestazione ascolto molto alta. Conclusioni: un amacchina da ascoltare a tutti i costi se avete in mente di spendere in questa fascia di prezzo.

    Siamo sicuri che il recensore non è stato chiaro, che non ha scelto? Secondo me è stato chiarissimo. A è un prodotto mediocre, B è un prodotto ottimo. Non ho rotto i cosiddetti a nessun distributore, ma ho detto tutto quello che c'era da dire.

    Non vi pare?


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

      Current date/time is Sat Dec 03, 2016 8:43 pm