Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Piccoli passaggi musicali,database.
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Piccoli passaggi musicali,database.

    Share

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  iano on Thu Aug 08, 2013 2:19 pm

    La questione dei dischi audiophile a mio parere rimane aperta.
    Tuttavia anche in dischi che a vostro insindacabile giudizio non avete ritenuto tali,magari avrete trovato un singolo passaggio utile, a vostro, sempre insindacabile ,giudizio, alla messa a punto dell'impianto.
    Vi faccio un esempio e appena trovo il disco relativo ve lo posto.
    Nel passaggio citato ci sono una voce maschile e una femminile che cantano all'unisono,ma talmente all'unisono,che mi sono sorpreso,dopo un tweaking dell'impianto,di sentire la voce maschile,prima inudibile.
    Nelle recensioni sulle riviste siamo abituati a sentirci raccontare la resa degli impianti nei termini di un privilegiare una voce o l'altra,e di conseguenza ne deduciamo una valutazione massima per quegli impianti che non discriminano fra i vocal sessi.
    Quel passaggio quindi,che dopo vi posterò,sembra veramente molto utile a tal proposito.
    Potremmo fare qui un database di quei passaggi a comporre in un patchwork un fantastico CD test.
    Quindi postateci i vostri passaggi musicali personali e raccontatecene l'utilità.
    Ciao,Sebastiano.

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  Cricetone on Thu Aug 08, 2013 2:47 pm

    ho tanti brani da consigliare,ma i primi 40 secondi di questo brano sono di un realismo assolutamente incredibile:



    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  Geronimo on Thu Aug 08, 2013 2:51 pm

    I primi 25'' di "The Robots" dei Kraftwerk (ma vale per tutto il brano)

    Incredibile la differenza che si ha ascoltandoli con i diffusori o con un buon paio di cuffie: nel primo caso il suono è secco e duro, nel secondo diventa liquido come il "gocciare dell'acqua in un catino ricolmo".

    Lo uso per giudicare la "risoluzione" di un impianto, più si avvicina al risultato in cuffia e più elevata è.

    Fino adesso non ho ascoltato nessun impianto che uguagliasse l'ascolto in cuffia, neanche di classe molto elevata  , l'unico che quasi ci riuscì fu un impianto top Burmester

    Purtroppo non ho grande esperienza di impianti top ma qualche possessore potrebbe provare (ammesso che gliene freghi  )


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    bluocram
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 544
    Data d'iscrizione : 2011-06-08
    Età : 57
    Località : Roma

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  bluocram on Thu Aug 08, 2013 3:03 pm

    Ciao a tutti e complimenti per il post Embarassed 
    Restando sulle voci, io trovo utile sia nella determinazione dei bordi in fase di sovrapposizione vocale, sia nel fuoco e nella collocazione all'interno della scena, due brani tratti dal Live di Oscar Peterson inciso da Telarc nel 1997.
    I brani in questione sono il N° 11 ed il 12, dove Oscar suona con i Manhattan Transfer.
    Consiglio naturalmente l'ascolto di tutto il concerto che a mio parere è....sublime.

    Un saluto.
    Marco. Embarassed 



    Tony
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 3545
    Data d'iscrizione : 2010-08-06
    Età : 51
    Località : Vibo Valentia

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  Tony on Thu Aug 08, 2013 3:12 pm

    Geronimo wrote:I primi 25'' di "The Robots" dei Kraftwerk (ma vale per tutto il brano)

    Incredibile la differenza che si ha ascoltandoli con i diffusori o con un buon paio di cuffie: nel primo caso il suono è secco e duro, nel secondo diventa liquido come il "gocciare dell'acqua in un catino ricolmo".

    Lo uso per giudicare la "risoluzione" di un impianto, più si avvicina al risultato in cuffia e più elevata è.

    Fino adesso non ho ascoltato nessun impianto che uguagliasse l'ascolto in cuffia, neanche di classe molto elevata  , l'unico che quasi ci riuscì fu un impianto top Burmester

    Purtroppo non ho grande esperienza di impianti top ma qualche possessore potrebbe provare (ammesso che gliene freghi  )
    Occhio,di quel disco ci sono diverse versioni,il primo cd o il vinile originale dell'epoca potrebbe fare al caso ma a mio avviso non copre l'intera gamma di frequenze,in genere per testare l'impianto uso qualcosa che metta in risalto le voci,notoriamente le più difficili da riprodurre in maniera verosimile,dopo di che passo a qualcosa di tellurico...   

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  Geronimo on Thu Aug 08, 2013 3:15 pm

    Tony wrote:
    Geronimo wrote:I primi 25'' di "The Robots" dei Kraftwerk (ma vale per tutto il brano)

    Incredibile la differenza che si ha ascoltandoli con i diffusori o con un buon paio di cuffie: nel primo caso il suono è secco e duro, nel secondo diventa liquido come il "gocciare dell'acqua in un catino ricolmo".

    Lo uso per giudicare la "risoluzione" di un impianto, più si avvicina al risultato in cuffia e più elevata è.

    Fino adesso non ho ascoltato nessun impianto che uguagliasse l'ascolto in cuffia, neanche di classe molto elevata  , l'unico che quasi ci riuscì fu un impianto top Burmester

    Purtroppo non ho grande esperienza di impianti top ma qualche possessore potrebbe provare (ammesso che gliene freghi  )
    Occhio,di quel disco ci sono diverse versioni,il primo cd o il vinile originale dell'epoca potrebbe fare al caso ma a mio avviso non copre l'intera gamma di frequenze.......
    Li ho entrambi  . Sì è vero che non copre l'intera gamma di frequenza ma è proprio la difficoltà di riproduzione del brano che m'interessa sunny 


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Tony
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 3545
    Data d'iscrizione : 2010-08-06
    Età : 51
    Località : Vibo Valentia

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  Tony on Thu Aug 08, 2013 3:17 pm

    Ti piace farti spettinare....Laughing Laughing Laughing Laughing   

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  Geronimo on Thu Aug 08, 2013 3:20 pm

    Tony wrote:Ti piace farti spettinare....Laughing Laughing Laughing Laughing   
    Nei limiti dei miei cassoni........ 


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  RockOnlyRare on Thu Aug 08, 2013 3:32 pm

    Il brano di batteria di Keltner, l'ultimo brano del album Prime Cuts della sheffield lab (ma in Italia non si trova se non a prezzi esosi, meglio cercare su amazon.com). Dura poco più di un minuto.

    Mai ascoltato una batteria così realistica, ma non tutti gli impianti sono in grado di riprodurla in modo spettacolare.
    Ad esempio è uno dei (per fortuna pochissimi) brani in cui il mio impianto di cui pure sono entusiasta, non eccelle come alcuni di ultima generazione in cui ho ascoltato lo stesso brano.



    bluocram
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 544
    Data d'iscrizione : 2011-06-08
    Età : 57
    Località : Roma

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  bluocram on Thu Aug 08, 2013 4:19 pm

    ..l'assolo di Keltner dello Sheffield Lab, è sicuramente inciso in modo spettacolare...forse troppo.
    Mi riferisco in special modo verso la metà del brano, quando Keltner impugna le spazzole per intenderci....trovo esasperata la timbrica e le frequenze generate dai tom e dal timpano, una batteria nel mio salotto suonerebbe sicuramente in modo diverso, (posso constatarlo quotidianamente..Embarassed)
    Trovo un pò più naturale  lo strumento in questa incisione.




    Per le frequenza basse invece mi affido come al solito a strumenti acustici, organo o al collaudatissimo Yamamoto con la sua dolce Misty Embarassed Dove figura anche un'ottima micro e macro dinamica.



     


    Ciao..
    Marco. Embarassed

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  RockOnlyRare on Thu Aug 08, 2013 5:06 pm

    bluocram wrote:..l'assolo di Keltner dello Sheffield Lab, è sicuramente inciso in modo spettacolare...forse troppo.
    Mi riferisco in special modo verso la metà del brano, quando Keltner impugna le spazzole per intenderci....trovo esasperata la timbrica e le frequenze generate dai tom e dal timpano, una batteria nel mio salotto suonerebbe sicuramente in modo diverso, (posso constatarlo quotidianamente..Embarassed)
    Trovo un pò più naturale  lo strumento in questa incisione.




    Per le frequenza basse invece mi affido come al solito a strumenti acustici, organo o al collaudatissimo Yamamoto con la sua dolce Misty Embarassed Dove figura anche un'ottima micro e macro dinamica.



     


    Ciao..
    Marco. Embarassed
    Forse hai ragione, considera comunque che il brano è stato inciso in presa diretta senza alcuna manipolazione del suono (almeno in teoria).
    Poi grande importanza l'hanno i microfoni. Ricordo di aver ascoltato un demo in cui un batterista suona n volte lo stesso passaggio cambiando di volta in volta la posizione dei microfoni che registravano il brano.
    Le differenze nel suono finale erano talmente enormi da rasentare l'incredulità.

    "(posso constatarlo quotidianamente..Embarassed)"
    Ma tu hai una batteria in casa o nel garage ??


    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  iano on Thu Aug 08, 2013 6:20 pm

    Bene così ragazzi.
    Si annuncia un corposo database.
    Cercate però di privilegiare quei dischi che non sono già noti,nel bene e nel male,come audiophile,nella letteratura ufficiale.
    Cercate le perle,anche nei porcili.  

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3610
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  gciraso on Thu Aug 08, 2013 7:10 pm

    Io in genere per ascoltare qualche componente uso la musica che ascolto di solito, senza particolari preferenze:
    voce: canto lirico, un duetto soprano-mezzo va benissimo, Norma-Adalgisa


    pianoforte: sonate per pianoforte di Beethoven, esecuzione Richter


    Orchestra: Sherazade di Rimsky-Korsakov


    Petrushka


    Concerto per violino di Sibelius

    bluocram
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 544
    Data d'iscrizione : 2011-06-08
    Età : 57
    Località : Roma

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  bluocram on Thu Aug 08, 2013 7:50 pm

    Rockonlyrare, penso anche io si tratti di posizionamento dei microfoni, in quel caso sembra quasi fossero posizionati nei fusti dei tom e del timpano..Embarassed Embarassed 
    La batteria è nel soggiorno in compagnia di altri strumenti Embarassed, i vicini non gradiscono ma a noi va bene così... 
    Appena ho tempo cercherò altre cose meno scontate da proporre.
    Buona serata a tutti.
    Marco. Embarassed 

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  iano on Sat Aug 10, 2013 2:03 pm

    Ok.
    Secondo la teoria dell'hi fi una riproduzione dovrebbe essere fedele,cioè uguale a come si ascolta dal vivo.
    Ma su come fare ciò praticamente regna il buio.
    Ecco un esempio minimale allora,ma buono per l'uso.
    Si prende un qualsiasi brano musicale e mentre lo si riproduce si suona uno strumento e si fà il confronto in tempo reale.
    Lo sò che siete tutti provetti musicisti,ma magari non avete uno strumento a portata di mano.
    Allora prendete un brano dove il ritmo è affidato allo schiocco delle dita.
    In questo caso lo strumento è a portata di mano e non avete più alibi. 
    I vostri schiocchi live dovrebbero fondersi con quelli riprodotti. 
    Ciao,Sebastiano.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  iano on Sat Aug 10, 2013 2:15 pm

    Mi piace qui riassumere i due spunti dati.
    Nel primo caso abbaiamo due voci all'unisono che dovrebbero distinguersi perchè di sesso diverso.
    Nel secondo caso invece,posto che le vostre dita non siano sessuate:cheers: (qualcuno cerca a volte di farcelo credere:faccina rident ) ,no.
    Ciao,Sebastiano.

    bluocram
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 544
    Data d'iscrizione : 2011-06-08
    Età : 57
    Località : Roma

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  bluocram on Sat Aug 10, 2013 5:22 pm

    Sebastiano, tralasciamo per un attimo l'impianto. Prova a schioccare le dita della mano sinistra vicino all'orecchio sinistro e quelle della destra, vicino al destro cercando di rispettare la distanza. Cosa noti ?Embarassed 
    Ciao.
    Marco.

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3610
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  gciraso on Sat Aug 10, 2013 5:39 pm

    iano wrote:Ok.
    Secondo la teoria dell'hi fi una riproduzione dovrebbe essere fedele,cioè uguale a come si ascolta dal vivo.......
    È questo chi l'avrebbe detto?
    Uno spettacolo dal vivo e' quanto di più lontano da come ascoltiamo sui nostri impianti. Scena profondità, tutte quelle cose che siamo abituati a sentirci dire farebbero la bontà di un impianto, micro, macro e quant'altro semplicemente non esistono.
    Altro aspetto: il musicista sente una cosa diversa rispetto a chi ascolta in platea, motivo per cui quando si registra i primi ed il direttore ascoltano il monitor in cuffia, diversamente non ci capirebbero nulla.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  iano on Sun Aug 11, 2013 12:05 pm

    bluocram wrote:Sebastiano, tralasciamo per un attimo l'impianto. Prova a schioccare le dita della mano sinistra vicino all'orecchio sinistro e quelle della destra, vicino al destro cercando di rispettare la distanza. Cosa noti ?Embarassed 
    Ciao.
    Marco.
    Dimmelo tu Marco sunny perchè perchè non sono ambischiocco. Il destro schiocca molto più forte.
    Ciao,Sebastiano. 

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  iano on Sun Aug 11, 2013 12:24 pm

    gciraso wrote:
    È questo chi l'avrebbe detto?
    Uno spettacolo dal vivo e' quanto di più lontano da come ascoltiamo sui nostri impianti. Scena profondità, tutte quelle cose che siamo abituati a sentirci dire farebbero la bontà di un impianto, micro, macro e quant'altro semplicemente non esistono.
    Altro aspetto: il musicista sente una cosa diversa rispetto a chi ascolta in platea, motivo per cui quando si registra i primi ed il direttore ascoltano il monitor in cuffia, diversamente non ci capirebbero nulla.
    Ma infatti siamo d'accordo.
    Tutto quello cui si può ambire è una fedeltà al timbro.
    In tal senso i sistemi monovia sono imbattibili.
    Ma è impossibile resistere alla tentazione di avere una riproduzione a gamma ampia,e da lì nascono tutti i problemi.
    L'estensione senza controllo introduce solo fatica di ascolto e così si perde la musica per strada.
    Scena,profondità etc non sono solo da intendere come indefeli elementi di eventuale piacioneria,ma come parametri
    che possono aiutarci a capire quando l'impianto sta girando al meglio.
    A me pare infatti che tanto migliore è la scena tanto migliore è il suono.
    Il legame fra le due cose però è indiretto.
    La scena può dare piacere in sè.
    Ma se manca la musica alla fine tanta scena stufa.
    O forse è solo una mia preferenza soggettiva.
    In teoria,per quello che dico, dovrebbero piacermi le cuffie,in pratica no.
    Mi dicono però che con le registrazioni binaurali è un'altra storia.
    Per le registrazioni fatte per essere date in pasto allo stereo la scena in teoria non sarebbe essenziale,ma poi mostra sempre di esserci quando il suono è a posto.
    Non vale il viceversa,e da ciò nascono tante insoddisfazioni in hi fi.
    La ricerca della scena in sè genera mostri.
    Però come indicatore di bontà funziona alla grande.
    Il discorso vale anche per quei suoni elettronici creati ad hoc,scena compresa.
    Se nel disco c'è una scena creata apposta è impossibile sentire un suono corretto senza sentire quella scena.
    Ciao,Sebastiano.

    bluocram
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 544
    Data d'iscrizione : 2011-06-08
    Età : 57
    Località : Roma

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  bluocram on Sun Aug 11, 2013 2:37 pm

    Sebastiano, il mio piccolo test era per dimostrare che forse abbiamo scelto un suono (lo schiocco) un pò troppo particolare a tal punto che neanche dal vivo si riescono ad ottenere 2 schiocchi esattamente uguali, figuriamoci se uno è riprodotto artificialmente...Embarassed 
    Per fedeltà in questo caso, non si intende la copia perfetta del suono, ma la migliore possibile...tutto semplicemente qui..Embarassed 
    Un saluto a tutti voi.
    Marco.Embarassed 

    blues 66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 326
    Data d'iscrizione : 2011-12-29

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  blues 66 on Sun Aug 11, 2013 4:08 pm

    la fedeltà è difficile dà riprodurre , che già con una registrazione fatta bene ...riusciam a percepire  quel qualcosa ...di magico , che ci illude di essere ad un concerto e sicuramente con pochi strumenti e musicisti ... ci metto però le registrazioni degli anni 70/80 di musica blues /jazz e rock -( *) Vedi war loudness  

    Ohh !!! santa non mi viene la frase ... strumenti non amplificati !!
    se andiam ad ascoltarci  un concerto Live di un gruppo rock di oggi si sente un gran baccano  ,strumenti dislocati in vari punti ecc ecc...presa sul suono una vaccata ...Nooò non ci stò quindi prendete ciò che ho detto un attimo fà e metteteli  Vs/ 4 strumentisti ...gli strumenti credo appariranno più reali nella seconda ipotesi ; credo sia molto  difficile riprodurre un suono già amplificato !
    con uno in presa diretta

    Laughing  e poi al gg. d'oggi ... cè il famoso (*) War-Loudness .... tyu

    questo è un'esempio , registrato in presa diretta


    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  iano on Sun Aug 11, 2013 4:54 pm

    bluocram wrote:Sebastiano, il mio piccolo test era per dimostrare che forse abbiamo scelto un suono (lo schiocco) un pò troppo particolare a tal punto che neanche dal vivo si riescono ad ottenere 2 schiocchi esattamente uguali, figuriamoci se uno è riprodotto artificialmente...Embarassed 
    Per fedeltà in questo caso, non si intende la copia perfetta del suono, ma la migliore possibile...tutto semplicemente qui..Embarassed 
    Un saluto a tutti voi.
    Marco.Embarassed 
    Non tutti gli schiocchi saranno uguali,ma i loro timbri apparterranno tutti alla stessa famiglia timbrica.
    L'esperienza che consiglio l'ho sperimentata e funziona.
    Se però lo schiocco viene forzato meglio lasciar perdere.
    Si parla di uno schiocco che viene spontaneo perchè quel ritmo è così ben riprodotto che ti prende.
    E qui segue quindi forse il punto più importante,ma anche quello più trascurato.
    Il coinvolgimento.
    Quando il coinvolgimento c'è allora ti dimentichi di tutto il resto.
    Ma se c'è il coinvolgimento allora viene difficile pensare che tutto il resto manchi.

    blues 66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 326
    Data d'iscrizione : 2011-12-29

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  blues 66 on Sun Aug 11, 2013 9:15 pm

    quoto in toto , e riporto parte del discorso dall'altra thread " sè l' impianto è in coppia con tutto il resto ti dimentichi e ascolti , certo io con il vecchietto non avrò una scena ecclatante , mà sentire la voce delle cantanti femminili / cori e le frequenze medie , che non danno fastidio all'ascolto anzi devo alzare il volume sunny  per sentire , ad un volume Giusto bhèè Io godo mentre ho appurato come succede l'inverso , negli i Amplificatori/ moderni che tendono ad un suono un pò troppo dettagliato ed aperto ...Attenzione parlo di ampli che non costano cifre folli , mà che in confronto al mio ciao ciao

    Bhòò ... qui non sò se dico giustamente , una volta costruivano meglio di adesso ...starò invecchiando  e le mie orecchie anche

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Piccoli passaggi musicali,database.

    Post  iano on Mon Aug 12, 2013 12:16 pm

    Secondo me ci senti molto bene.
    Anzi io non ci credo nemmeno al fatto che esistono i sordi:sunny: 
    e non lo sono gli audiofili così come non lo sono i tecnici del suono.
    Tu con il tuo vecchietto non hai sentito modifiche eclatanti al cambio del cavo?
    Questo conferma che non sei sordo.
    Con quei vecchietti al massimo si sente un leggero cambiamento coi cavi di potenza.
    Esattamente come hai sentito tu.
    Allora il vecchietto non và bene?
    Và benissimo eccome.
    Diciamo che gli ampli di nuova tendenza,giusta o sbagliata che sia,sono sensibili ai cavi.
    Per alcuni questo significa che sono malfatti.
    Ma tutti malfatti gli ampli moderni?
    Tutti sordi gli audiofili e tutti sordi i tecnici del suono? 
    Piccoli passaggi musicali potrebbero svelarci il mistero.
    Ciao,Sebastiano.

      Current date/time is Sun Dec 11, 2016 5:06 am