Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
invariante
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    invariante

    Share

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    invariante

    Post  aircooled on Mon Mar 08, 2010 1:53 pm

    in un impianto HIFI cosa è invariante e cosa non invariante?
    che cosa è invariante e dove comincia il non invariante?
    che cosa è oggettivo e cosa non può essere soggettivo?
    è soggettivo la ripresa di un evento?
    o non è oggettiva una ripresa?
    la percezzione di una riproduzione varia nel tempo?
    ........


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6375
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: invariante

    Post  lizard on Mon Mar 08, 2010 2:07 pm



    _________________
    " A battere le mani, conosciamo il suono delle due mani insieme...ma qual è il suono di una sola mano? "

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: invariante

    Post  aircooled on Mon Mar 08, 2010 2:10 pm

    30" per rispondere


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6375
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: invariante

    Post  lizard on Mon Mar 08, 2010 2:29 pm

    qual'è la posta in palio?
    un daytona?


    _________________
    " A battere le mani, conosciamo il suono delle due mani insieme...ma qual è il suono di una sola mano? "

    Banano
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 10877
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Età : 41
    Località : ...al mare....ma dall'altra parte!

    Re: invariante

    Post  Banano on Fri Mar 12, 2010 1:10 pm

    aircooled wrote:in un impianto HIFI cosa è invariante e cosa non invariante?

    aircooled wrote:che cosa è invariante e dove comincia il non invariante?

    aircooled wrote:che cosa è oggettivo e cosa non può essere soggettivo?

    aircooled wrote:è soggettivo la ripresa di un evento?

    aircooled wrote:o non è oggettiva una ripresa?


    _________________
    Il mio Impianto
    http://www.ilgazeboaudiofilo.com/t14-l-impianto-di-bananetto?highlight=bananetto

    [i]In caso di bisogno leggere il REGOLAMENTO del forum.

    capitanharlock
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 259
    Data d'iscrizione : 2010-03-03

    Re: invariante

    Post  capitanharlock on Fri Mar 12, 2010 10:09 pm


    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4693
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: invariante

    Post  pepe57 on Sat Mar 13, 2010 12:06 am

    Sarebbe invariante la percezione!
    Anche se tu l' hai "variata" in percezzione!
    sunny sunny sunny
    Ciao!
    Pietro

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: invariante

    Post  iano on Sat Mar 13, 2010 12:58 am

    Coraggio Sebastiano,metti in piazza la tua ignorannza.
    Cioè dal vocabolario lo sò,ma nello specifico cosa si intende per variante ed invariante.
    Vale l'equivalenza invariante= oggettivo etc...?
    Troppo facile,magari è più complicato.Te pareva.Spiegatemi.
    Ma facciamo finta che sia così.
    Diciamo allora che la scienza progredisce fagocitando soggettività.
    Quindi ciò che è soggettivo e ciò che ancora non è stato reso oggettivo e che non sappiamo se mai lo sarà.
    Nel processo di soggetivazione (si può dire?) attuato dalla scienza tutto è chiaro definito describilbile controllabile e verificabile e i risultati di questa ricerca naturale sono alla fine un prodotto condivisibile ,che ci permette di avere cioè una visione comune delle cose.
    Il processo della percezione non può invece essere definito obiettivo,perchè è un processo non ben definito per noi,nel senso che non lo conosciamo a sufficienza.
    Questa ignoranza però non ci consente di escludere che il processo percettivo agisca secondo meccanismi simili a quello scientifico.
    Lo possiamo ben sospettare però se i sensi come strumenti di ricerca naturale ci hanno portato fin qui con successo.
    Qualcuno sogna quindi e perciò che tutto possa essere meccanizzato ed obiettivizzato.
    Altri lo temono.
    Io non lo temo,ma non escludo che sia un "obiettivo" sbagliato.
    Ma non lo sapremo finchè non avremo portato alla fine il processo,cosa che faremo di sicuro.
    La ripresa di un evento equivale ad una sua descrizione.
    Scientificamente si può calcolare la quantità di informazione contenuta nella registrazione.
    Questa sarà comunque sempre una frazione di quella che è potenzialmente contenuta nell'evento originario e conterrà al suo interno qualche inevitabile aberrazione.
    Possedere tutta l'informazione non è comunque possibile e forse non è neanche utile.
    Questa è una cosa che il sistema percettivo sà benissimo,sistema che in fase di ascolto sovrappone i propri filtri/elaborazioni a quelle che ha già interposto il sistema di registrazione.
    Nella misura in cui il sistema percettivo ci è noto è possibile trasferire i suoi filtri e i suoi sistemi di elaborazione dati nel sistema di registrazione semplificando il tutto.
    Basta non esagerare.
    Che la percezione di una riproduzione vari nel tempo è esperienza comune a tutti gli audiofili.E' cioè un fatto invariante?
    Amo i paradossi.Compreso quello che è l'una mentre cazzeggio con voi che domani mi devo alzare alle 5 per andare a lavorare.
    Ciao,Sebastiano.

    IFEELGOOD
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 50
    Data d'iscrizione : 2010-03-08

    Re: invariante

    Post  IFEELGOOD on Sat Mar 13, 2010 10:25 am

    aircooled wrote:in un impianto HIFI cosa è invariante e cosa non invariante?
    che cosa è invariante e dove comincia il non invariante?
    che cosa è oggettivo e cosa non può essere soggettivo?
    è soggettivo la ripresa di un evento?
    o non è oggettiva una ripresa?
    la percezzione di una riproduzione varia nel tempo?
    ........

    se parliamo di sistema di riproduzione non invariante è il sistema ambiente con noi audiofili e il nostro cervello
    invariante è tutto ciò che precede l'immissione in ambiente e il non invariante comincia dalla membrana in poi
    oggettivo è quasi tutto, soggettivo è l'elaborazione cognitiva di ciò che ascoltiamo

    la percezione forse no l'elaborazione cognitiva sicuramente si

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: invariante

    Post  iano on Sat Mar 13, 2010 10:50 am

    L'elaborazione cognitiva è parte della pecezione,per come la intendo io.
    I dati sensibili vengono rilevati quindi elaborati per ottenere un risultato.
    Questa elaborazione è stata selezionata evolutivamente e possiamo considerarla
    per la gran parte invariante e comune a noi tutti.
    Esiste poi una parte non invariante che permette al sistema di continuare ad evolversi.
    Questa comunque è minima,ma siamo portati a sopravalutarla solo perchè di questa abbiamo una qualche coscienza.
    Potremmo quindi ben supporre che i risultati della percezione siano abbastanza obiettivi.
    Non esiste però un preciso protocollo per comunicarci a vicenda questi datiE' nell'atto della comunicazione
    che vengono ad inserirsi tutti i fattori culturali,le suggestioni.
    Il risultato è fortemente influenzato da quelle che sono le nostre aspettative.
    I migliori risultati si hanno quando la percezione non è attesa.Quando cioè la nostra mente
    non ha avuto il tempo di mettere in campo tutti i suoi pregiudizi.
    Una prova involontaria vale più di cento preparate.
    Ciao,Sebastiano.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: invariante

    Post  iano on Sat Mar 13, 2010 11:01 am

    Ad esempio ieri ho fatto partire un disco per provare l'ennesimo cavo autocostruito.
    Non ero ancora attento però quando il disco è partito mentre ero diretto verso la poltrona (il telecomando era scarico) e quando il brano è iniziato ho fatto un balzo istintivo indietro perchè stava succedendo qualcosa di strano al mio amato stereo.
    Subito ho poi realizzato che la cosa strana era un insolito attacco fulmineo del brano.Quindi l'ho fatto ripartire per verificare la cosa e però la cosa non l'ho più rilevata.
    O meglio non è stata più così evidente.Ho detto,ma forse si,non sono sicuro.
    Ecco.No
    Ciao,Sebastiano.

    IFEELGOOD
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 50
    Data d'iscrizione : 2010-03-08

    Re: invariante

    Post  IFEELGOOD on Sat Mar 13, 2010 11:05 am

    Nell'elaborazione cognitiva vanno ad incidere tutti i fattori culturali che nulla hanno a che vedere con la percezione ad esempio del peso di un oggetto.

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: invariante

    Post  aircooled on Sat Mar 13, 2010 11:11 am

    Una prova involontaria vale più di cento preparate.
    ottimo e quotato a me è successo 2 giorni fa di rimanere allibito da una prova involontaria, risultato? a distanza di 2 giorni ancora non riesco a crederci, e continuo a provare e riprovare, ma oramai il dato acquisito involontariamente e senza pregiudizi si stabilmente inserito nell'orecchi e non molla


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    IFEELGOOD
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 50
    Data d'iscrizione : 2010-03-08

    Re: invariante

    Post  IFEELGOOD on Sat Mar 13, 2010 12:18 pm

    iano wrote:Ad esempio ieri ho fatto partire un disco per provare l'ennesimo cavo autocostruito.
    Non ero ancora attento però quando il disco è partito mentre ero diretto verso la poltrona (il telecomando era scarico) e quando il brano è iniziato ho fatto un balzo istintivo indietro perchè stava succedendo qualcosa di strano al mio amato stereo.
    Subito ho poi realizzato che la cosa strana era un insolito attacco fulmineo del brano.Quindi l'ho fatto ripartire per verificare la cosa e però la cosa non l'ho più rilevata.
    O meglio non è stata più così evidente.Ho detto,ma forse si,non sono sicuro.
    Ecco.No
    Ciao,Sebastiano.


    E' (ma sulle qwerty come si fa a mettere gli accenti alle maiuscole ? ) il caso della dinamica percepita, vi è mai capitato mentre ascoltate lo stereo che squilli il telefonino ?
    l'ascolto non intenzionale non è praticabile in quanto involontario.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: invariante

    Post  iano on Mon Mar 22, 2010 11:32 am

    Va bè,ma questo è un ossimoro Ifeelgood.
    Comunque anche negli ascolti volontari succede quando vai in randoom e non riconosci il brano che pure conosci bene, e non è tanto che credi di aver sbagliato CD,ma ti chiedi proprio da dove sia saltato fuori quel pezzo e come mai ti fosse sfuggito finora.
    Poi leggi il titolo e ti rendi conto che tu quel pezzo pensavi solo di conoscerlo.
    Non che gli ascolti volontari siano del tutto inutili.
    Ad esempio oggi,dopo ennesimo up-grade ascolto il solito noioso mio brano test batteria/basso.
    La novità è che sono spuntati fuori degli archi.Cioè li ho ascoltati per la prima volta in quel brano.
    Ma dove erano stati tutto questo tempo?Come è possibile?
    Allora faccio il down-grade e gli archi li risento,anche se con minor risalto.
    Morale della favola.
    Non sempre quello che pur viene riprodotto dall'impianto sale alla nostra attenzione cosciente,ma se avviene una volta allora da lì in poi continua ad avvenire.
    La memoria quindi entra come parte attiva nell'atto percettivo.
    Ciao,Sebastiano.:

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: invariante

    Post  iano on Mon Mar 22, 2010 11:37 am

    Però non mi avete ancora spiegato bene questa questione variante e dell'invariante

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: invariante

    Post  Pazzoperilpianoforte on Mon Mar 22, 2010 12:11 pm

    Penso che tu abbia capito tutto Iano e non ci sia nulla da aggiungere.

    Secondo me dato un impianto, varianti nel tempo sono:

    1. Le condizioni della rete (a meno che l'impianto non comprenda sistemi molto elaborati di disaccoppiamento);
    2. I dischi che noi riproduciamo;
    3. L'ascoltatore. Sia inteso come una persona piuttosto che un'altra (ed allora ciò che è bello per qualcuno può non esserlo affatto per un altro), sia inteso come la stessa persona di momento in momento (giacché nel tempo i gusti si evolvono, i percorsi pure, ed a volte da un giorno al successivo un certo "umor nero" può condizionare i nostri giudizi).

    In realtà nel tempo è variante anche l'impianto stesso, se consideriamo il lungo periodo, perché l'impianto invecchia (invecchiano i cavi, i componenti elettronici, gli altoparlanti, ecc. ecc.).

    Incentrando l'attenzione sull'ascoltatore, sono d'accordo che esistono due modi di ascoltare. Si possono definire analitico contro rilassato. Quando io, come in questi giorni, provo vari set di valvole, l'ascolto è di tipo analitico, volto ad analizzare porzione per porzione del suono riprodotto, parametro per parametro allo scopo di identificare eventuali difetti. E' un tipo di ascolto che manca di sintesi (inerente la musica) e quindi non permette di fruire della musica stessa in alcun modo, a mio parere. E' il solo suono che conta e come viene riprodotto. E' come per un linguista fare attenzione alla dizione di un attore senza seguire realmente il discorso che sta facendo. Esiste poi il tipo di ascolto "rilassato", "ricettivo" e non critico in cui si è disponibili al messaggio nel suo insieme, e quindi anche al contenuto. In realtà anche questo tipo di ascolto rivela un difetto riproduttivo: quando nella fruizione del messaggio c'è qualcosa che "non torna", allora la fruizione del messaggio ne resta osteggiata. Quindi l'ascolto non analitico comunque non "cela" i limiti dell'impianto di riproduzione e non porta all'indulgenza nei riguardi di questi. Solo che l'attenzione è rivolta al contenuto, non al contenitore (si fa per dire, in realtà sarebbe un discorso complesso da approfondire perché nella musica il valore estetico del suono è contenuto).

    Per quanto riguarda il discorso invece di ascolto volontario o involontario, potremmo forse parlare di ascolto apregiudiziale o pregiudiziale, parlando nel senso di pregiudiziale di un ascolto con una aspettativa. In qualche modo a mio parere si tratta di un modo di porsi "pericoloso" perché realmente fuorviante nei riguardi del giudizio oggettivo e dell'impianto e dell'evento musicale. Però è difficile essere del tutto ed in ogni momento del tutto privi di aspettative. Va accettato anche questo aspetto, quindi bisogna essere anche disposti a ricredersi, nel tempo.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5392
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: invariante

    Post  Rudino on Mon Mar 22, 2010 1:23 pm

    Vi dico una cosa, poi vi lascio liberi di trasporla sull'audio e sulle prove di ascolto.

    Il nostro cervello riceve un mare e mezzo di informazione dai nostri 5 sensi, incluso, ovviamente, l'udito.
    Se dovesse elaborare tutte le info, impazziremmo in men che non si dica: non ce la può fare. Il meccanismo di difesa è quello di una sorta di firewall alle informazioni: alcune passano, alcune no.
    Con quali criteri? Dipende dal singolo individuo, dalle sue caratteristiche fisiche, dalla sua personalità, dalla sua educazione, dai suoi convincimenti, opinioni, pregiudizi, abitudini, dall'educazione ricevuta, dai contesti in cui è vissuto e vive, ecc...
    Quindi esiste una sorta di "soglia di attenzione", al di sotto della quale alcune info non vengono elaborate dal cervello.
    Morale: è estremamente probabile che i famosi archi di Iano (stavo dicendo Nickman...) fossero precedentemente sotto la soglia; l'upgrade li ha fatti andare sopra la soglia.


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: invariante

    Post  Geronimo on Mon Mar 22, 2010 1:25 pm

    Rudino wrote:Vi dico una cosa, poi vi lascio liberi di trasporla sull'audio e sulle prove di ascolto.

    Il nostro cervello riceve un mare e mezzo di informazione dai nostri 5 sensi, incluso, ovviamente, l'udito.
    Se dovesse elaborare tutte le info, impazziremmo in men che non si dica: non ce la può fare. Il meccanismo di difesa è quello di una sorta di firewall alle informazioni: alcune passano, alcune no.
    Con quali criteri? Dipende dal singolo individuo, dalle sue caratteristiche fisiche, dalla sua personalità, dalla sua educazione, dai suoi convincimenti, opinioni, pregiudizi, abitudini, dall'educazione ricevuta, dai contesti in cui è vissuto e vive, ecc...
    Quindi esiste una sorta di "soglia di attenzione", al di sotto della quale alcune info non vengono elaborate dal cervello.
    Morale: è estremamente probabile che i famosi archi di Iano (stavo dicendo Nickman...) fosero precedentemente sotto la soglia; l'upgrade li ha fatti andare sopra la soglia.







    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5392
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: invariante

    Post  Rudino on Mon Mar 22, 2010 1:28 pm

    Elcaset wrote:






    Grazie, grazie...
    Troppo buono!
    Non è certo farina del mio sacco. angel


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: invariante

    Post  Geronimo on Mon Mar 22, 2010 1:31 pm

    Rudino wrote:
    Grazie, grazie...
    Troppo buono!
    Non è certo farina del mio sacco. angel

    Lo so , l'importante è averlo fatto notare
    Peccato che non lo noti (o non lo sappia) chi si affida fideisticamente al "doppio cieco"


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: invariante

    Post  aircooled on Mon Mar 22, 2010 1:35 pm

    Rudino wrote:Vi dico una cosa, poi vi lascio liberi di trasporla sull'audio e sulle prove di ascolto.

    Il nostro cervello riceve un mare e mezzo di informazione dai nostri 5 sensi, incluso, ovviamente, l'udito.
    Se dovesse elaborare tutte le info, impazziremmo in men che non si dica: non ce la può fare. Il meccanismo di difesa è quello di una sorta di firewall alle informazioni: alcune passano, alcune no.
    Con quali criteri? Dipende dal singolo individuo, dalle sue caratteristiche fisiche, dalla sua personalità, dalla sua educazione, dai suoi convincimenti, opinioni, pregiudizi, abitudini, dall'educazione ricevuta, dai contesti in cui è vissuto e vive, ecc...
    Quindi esiste una sorta di "soglia di attenzione", al di sotto della quale alcune info non vengono elaborate dal cervello.
    Morale: è estremamente probabile che i famosi archi di Iano (stavo dicendo Nickman...) fossero precedentemente sotto la soglia; l'upgrade li ha fatti andare sopra la soglia.
    rudino ti strapperie volentieri una palla in altro 3D hai fatto finta di non capire, poi leggo questo maleficooooooooooooooooooooooooooo bianco nero


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16083
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: invariante

    Post  Geronimo on Mon Mar 22, 2010 1:37 pm

    aircooled wrote:rudino ti strapperie volentieri una palla in altro 3D hai fatto finta di non capire, poi leggo questo maleficooooooooooooooooooooooooooo bianco nero

    Se glie ne strappi una poi giochiamo a tennis


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5392
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: invariante

    Post  Rudino on Mon Mar 22, 2010 1:42 pm

    aircooled wrote:rudino ti strapperie volentieri una palla in altro 3D hai fatto finta di non capire, poi leggo questo maleficooooooooooooooooooooooooooo bianco nero

    ...cerco di capire a quale thread tu ti stia riferendo...


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5392
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: invariante

    Post  Rudino on Mon Mar 22, 2010 1:44 pm

    Rudino wrote:
    aircooled wrote:rudino ti strapperie volentieri una palla in altro 3D hai fatto finta di non capire, poi leggo questo maleficooooooooooooooooooooooooooo bianco nero

    ...cerco di capire a quale thread tu ti stia riferendo...
    Ah, no, ho capito.

    Giuro che in quel thread non ti avevo capito...
    Non avrai passato la soglia di attenzione del mio cervello affraid
    ...così impari a strapparmi le palle!


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

      Current date/time is Sun Dec 11, 2016 8:55 am