Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Band sconosciute
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

Band sconosciute

floyd93
floyd93
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 562
Data d'iscrizione : 15.04.12
Località : napoli

Band sconosciute  Empty Band sconosciute

Messaggio Da floyd93 il Ven Gen 24 2014, 11:22

Salve a tutti  sunny 

Sto scoprendo molti album di band non molto conosciute, alcune non sono nemmeno su Wikipedia e gli album non li posso acquistare da nessuna parte, tranne sul sito della band stessa, avete mai acquistato su un'album su un sito ufficiale di una band ?, la qualità e uguale al CD ?
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7886
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 66
Località : Milano

Band sconosciute  Empty Re: Band sconosciute

Messaggio Da RockOnlyRare il Gio Feb 20 2014, 11:54

Scusa ho visto solo adesso questo post e visto il mio nick non potevano non drizzarmi le orecchie. Immagino che tu parli comunque di rock.

-------------------------------------------
Perchè nel caso della classica e soprattutto di generi come Jazz Blues etc il discorso è completamente diverso:

Immagino infatti che nel genere classico sia difficile autoprodurre degli album se sei completamente sconosciuto, mentre il jazz e blues, essendo generi molto specifici specie nella dimensione live, possono contare sicuramente su migliaia di incisioni di artisti tanto bravi quanto bene incisi.
chiusa parentesi...
-------------------------------------------------

Per quanto riguarda le band "sconosciute" si deve necessariamente fare dei distinguo.Ci provo

1) Artisti che in Italia non conosce praticamente nessuno se non "super appassionati".
Si tratta spesso di artisti meravigliosi che da noi sono passati inosservati ma magari all'estero sono non dico famossissimi ma perlomeno dicamo noti. Sono quelli che ricerco continuamente e che "mi fanno impazzire" da cui il mio nick !!!!
--> Qualità della musica spesso straordinaria. Incisioni nella media dei prodotti professionali

2) Artisti emergenti che non sono ancora arrivati a "sfondare" ma che potrebbero farlo prima o poi (o sparire senza lasciar traccia).
In passato grazie a testate specializzate come erano "una volta" Ciao 2001, il Mucchio Selvaggio ed il compianto "jam" (ha chiuso le pubblicazioni a fine 2013) conobbi centinaia di eccellenti gruppi fin dall'esordio. Alcuni poi diventati star mondiali (tali Springsteen e U2 giusto per citarne due i cui esordi ebbero un seguito solo tra gli appassionati prima di esplodere ai livelli che conosciamo dopo qualche album)
--> Qualità della musica altalenante. Incisioni solitamente analoghe alla media dei prodotti professionali.

3) Artisti "meteore" ma magari hanno fatto 1-2 album per poi scomparire nel nulla magari lasciando completamente il mondo della musica. Possiamo definirli CULT. Spesso i loro album sono diventati perle di inestimabile valore anche per la semplice ragione che non potranno forse mai essere ripubblicati in vinile o CD almeno finchè non scadranno i diritti in quanto sono praticamente irreperibili i componenti per chiedere loro l'autorizzazione per ristampare l'album !!!!!!!!!
--> Qualità della musica da ottima a discreta. Incisioni nella media dei prodotti professionali dell'epoca, ad es un disco prog o folk anni 70 era certamente inciso meglio di un album punk fine anni 70 o di un lo-fi.

4) Artisti autoprodotti che magari vendono solo sul web o su cd "fatti in casa".
--> Qualità della musica la più disparata, il rischio maggiore penso sia l'originalità nulla. Visti gli scarsi mezzi tecnici a disposizione è molto difficile (ma non impossibile) attendersi incisioni valide dal punto di vista audiofilo.

Comunque il vantaggio dei "tempi moderni "è che si può ascoltare praticamente tutto prima di comprare per evitare "schifezze".
Dal punto di vista qualitativo, è vero che ascoltando un file di esempio o un mp3 non è facile capire la reale qualità audio una volta preso il CD o il FLAC, però se l'incisione è decisamente scadente si capisce subito anche dal "demo".


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.

    La data/ora di oggi è Mer Ott 28 2020, 15:06