Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3
Il Gazebo Audiofilo

Human Pleasure HI-END

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?


    Nimalone65
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3143
    Data d'iscrizione : 11.12.10

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da Nimalone65 Gio Dic 07 2023, 12:43

    loopze ha scritto:
    Nimalone65 ha scritto:...
    Ma se le SF le facciamo diventare dei diffusori di plastica , il musical Fidelity un amplificatori in classe D di infima categoria ed il lettore pure , nel mondo dell’alta fedelta non ci entri , probabilmente demoralizzi il fruitore e sicuramente hai solo buttato soldi , e per pochi o tanti che siano sempre sprecati sono . 
    ...

    Iniziare dal basso non è come buttare via i soldi.
    Iniziare dal basso vuol dire prendere un sistema che suona meglio delle casse Logitech del pc di casa, inserirlo nel proprio ambiente e iniziare un processo di "crescita" che verte verso il Gusto Personale del nostro amico "immaginario" e neofita.

    Paradossalmente, si rischia di buttare via più soldi prendendo un impianto ben suonante dal costo di diverse migliaia di euro, portarlo a casa e scoprire dopo qualche mese/anno che non rispecchia i propri gusti... 
    ... perché di impianti ben suonanti ma con caratteristiche assai diverse tra loro, ce ne sono molti, e in ogni caso la risposta di ogni impianto dentro le proprie mura domestiche può essere assai diversa da ciò che ci si aspettava...

    Ragazzi ma davvero piuttosto di prendere a riferimento la musica vera , ci accontentiamo di fare meglio di due altoparlanti Logitech ? Questa cosa la volete chiamare hifi ? 
    I gusti sono quelli dei gelati , un pianto hi-fi deve idealmente riprodurre la musica per quello che è nella realta e non per quello che ci piacerebbe fosse . 
    Ma tu ce lo vedi Mark Knopler suonare  una Ibanez al posto della Fender ? ….

    Dal mio primo impianto che ho già descritto , ad oggi , non ho MAI acquistato/sostituito più di un componente per volta , per non far “ casino” e sempre ascoltando e riascoltando preventivamente e se possibile nel mio impianto o almeno in impianti da me ben conosciuti . In questo almeno credo siamo in accordo .
    tubehornguy
    tubehornguy
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 210
    Data d'iscrizione : 25.09.23

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da tubehornguy Gio Dic 07 2023, 13:50

    @ Nimalone, sul discorso giradischi forse hai letto male perche mi pare che (stranamente) siamo d'accordo.
    Ti rispondo sul resto.
    Primo non mi permetterei di darti direttamente o indirettamente del babbeo, anche perche gli accessori che menzioni (cavi di potenza, alimentatori e filtri di rete, punte e sottopunte) hanno oggettivamente una funzione anche facilmente misurabile. Diverso discorso ad esempio per i legnetti per sostenere i cavi.
    A un certo punto uno deve tirare una linea tra l'oggettività e la soggettività, perche se uno mi dice che i legnetti sotto i cavi migliorano il suono allora io gli posso rispondere che per me il suono migliora mettendo sulle casse il sale del Mago do Nascimiento e offendermi se qualcuno mi da del Babbeo o dello sprovveduto.
    Se poi vogliamo parlare di psicoacustica è un altro discorso, e quindi se il sale del Mago mi fa stare piu tranquillo e mi aiuta a immaginare un miglioramento che non c'è,  faccio anche bene a comprarlo e metterlo sulle casse. Devo però essere consapevole che il risultato è di natura psicologica e se faccio una recensione dove ne esalto le proprietà acustiche non posso che mettermi in ridicolo cosi come chi corre poi a comprarlo dopo aver letto la recensione affermando che funziona davvero e perpetuando la truffa.

    Alcuni accessori migliorano, io ad esempio sotto gli ampli invece che accoppiare o preferito disaccoppiare anche per prevenire fenomeni di microfonicità su alcune valvole NOS, e il mobile su cui ho i componenti è in massello da 70mm e pesa credo un quintale o forse piu, quindi non nego che gli "accessori" (che chiamerei condizioni di contorno) possano in alcuni casi anche rendersi necessari oltre che utili, il discorso casomai sta nel fatto se ci siano modi migliori per affrontare un problema (per la microfonicità ad esempio puoi solo disaccoppiare) e il rapporto costo/beneficio della soluzione.

    Sei contario alla correzione ambientale affermando che lo scopo di un impianto è "riprodurre la musica , nel modo più verosimigliante possibile la  realtà musicale".
    Evidentemente nel fare questa affermazioni tralasci l'importanza della interazione ambiente/impianto.
    Di fatto l'ambiente è un componente dell'impianto ben più importante dei vari accessori e direi anche dei componenti, come dimostrato dagli investimenti in tal senso da parte dei professionisti che creano la musica che poi i nostri impianti dovrebbero riprodurre in maniera fedele.
    Se prima di "investire" in accessori gli audiofili investissero in trattamento ambientale e imparassero a usare i DSP (perchè ad esempio le problematiche di fase, timing e lobing essendo legate alla natura di ogni singolo modello di dffusore non le risolvi con il trattamento ambientale) si potrebbe veramente inziare a parlare di fedeltà al lavoro del fonico, e sul lavoro del fonico ci sarebbe da aprire un altro lungo discorso ma lasciamo perdere.
    Tra l'altro probabilmente a un giovane è molto piu utile anche in prospettiva imparare e prendere dimestichezza con le nuove tecnologie che con quelle obsolete da cui siamo partiti io e te anche se da alcune cose che scrivi intuisco che tu sei un po piu giovane di me, perche quando io ho iniziato a progettare trombe e labirinti per cinema e teatri, Sonus Faber nemmeno esisteva, e un ampliificatore a valvole occupava buona parte di un armadio rack.
    Quindi non essendo (purtroppo) ne un nativo digitale ne un millenial, osservazioni come quelle che faccio sul digitale dovrebbero quantomeno essere prese in considerazione, dato che di giradischi ne ho avuti e ne ho e di cavi ne ho ascoltati tanti a partire dai monster cable (se li ricordi).
    Dunque non ho bisogno di effettuare altre prove a casa tua per formarmi un idea a riguardo anche se sarebbe sempre una buona scusa per ascoltare musica 
    su un ottimo impianto e in compagnia di una persona con cui si condivide un hobby al di la della differenza di vedute.
    Dunque il discorso non è se questi accessori sortiscano o no un qualche risultato di cui io mi debba convincere, ma se siano lo strumento piu adeguato ed efficace per ottenerli nel 2023.
    Invece, sul sale del Mago do nascimiento (et similia in ambito audiofilo) il discorso da fare è differente ed è ben riassunto in firma.

    Pace e bene.



    _________________
    Neuropsychologists & psychiatrists are currently researching suggestibility & its relation to later onset of psychosis. One of the tests comprises a period of white noise to which the subject is exposed after being asked to identify whether an excerpt of Bing Crosby singing "White Christmas" is embedded at the start of the burst or near the end. Such a high proportion of the population make an identification that the test is inadequate for its intended purpose. There is no excerpt of "White Christmas" embedded behind the white noise. The suggestion that there might be causes listeners to imagine that it is there, whether they are prone to psychosis or not.
    Nimalone65
    Nimalone65
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3143
    Data d'iscrizione : 11.12.10
    Località : Roma

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da Nimalone65 Gio Dic 07 2023, 16:04

    tubehornguy ha scritto:@ Nimalone, sul discorso giradischi forse hai letto male perche mi pare che (stranamente) siamo d'accordo.
    Ti rispondo sul resto.
    Primo non mi permetterei di darti direttamente o indirettamente del babbeo, anche perche gli accessori che menzioni (cavi di potenza, alimentatori e filtri di rete, punte e sottopunte) hanno oggettivamente una funzione anche facilmente misurabile. Diverso discorso ad esempio per i legnetti per sostenere i cavi.
    A un certo punto uno deve tirare una linea tra l'oggettività e la soggettività, perche se uno mi dice che i legnetti sotto i cavi migliorano il suono allora io gli posso rispondere che per me il suono migliora mettendo sulle casse il sale del Mago do Nascimiento e offendermi se qualcuno mi da del Babbeo o dello sprovveduto.
    Se poi vogliamo parlare di psicoacustica è un altro discorso, e quindi se il sale del Mago mi fa stare piu tranquillo e mi aiuta a immaginare un miglioramento che non c'è,  faccio anche bene a comprarlo e metterlo sulle casse. Devo però essere consapevole che il risultato è di natura psicologica e se faccio una recensione dove ne esalto le proprietà acustiche non posso che mettermi in ridicolo cosi come chi corre poi a comprarlo dopo aver letto la recensione affermando che funziona davvero e perpetuando la truffa.

    Alcuni accessori migliorano, io ad esempio sotto gli ampli invece che accoppiare o preferito disaccoppiare anche per prevenire fenomeni di microfonicità su alcune valvole NOS, e il mobile su cui ho i componenti è in massello da 70mm e pesa credo un quintale o forse piu, quindi non nego che gli "accessori" (che chiamerei condizioni di contorno) possano in alcuni casi anche rendersi necessari oltre che utili, il discorso casomai sta nel fatto se ci siano modi migliori per affrontare un problema (per la microfonicità ad esempio puoi solo disaccoppiare) e il rapporto costo/beneficio della soluzione.

    Sei contario alla correzione ambientale affermando che lo scopo di un impianto è "riprodurre la musica , nel modo più verosimigliante possibile la  realtà musicale".
    Evidentemente nel fare questa affermazioni tralasci l'importanza della interazione ambiente/impianto.
    Di fatto l'ambiente è un componente dell'impianto ben più importante dei vari accessori e direi anche dei componenti, come dimostrato dagli investimenti in tal senso da parte dei professionisti che creano la musica che poi i nostri impianti dovrebbero riprodurre in maniera fedele.
    Se prima di "investire" in accessori gli audiofili investissero in trattamento ambientale e imparassero a usare i DSP (perchè ad esempio le problematiche di fase, timing e lobing essendo legate alla natura di ogni singolo modello di dffusore non le risolvi con il trattamento ambientale) si potrebbe veramente inziare a parlare di fedeltà al lavoro del fonico, e sul lavoro del fonico ci sarebbe da aprire un altro lungo discorso ma lasciamo perdere.
    Tra l'altro probabilmente a un giovane è molto piu utile anche in prospettiva imparare e prendere dimestichezza con le nuove tecnologie che con quelle obsolete da cui siamo partiti io e te anche se da alcune cose che scrivi intuisco che tu sei un po piu giovane di me, perche quando io ho iniziato a progettare trombe e labirinti per cinema e teatri, Sonus Faber nemmeno esisteva, e un ampliificatore a valvole occupava buona parte di un armadio rack.
    Quindi non essendo (purtroppo) ne un nativo digitale ne un millenial, osservazioni come quelle che faccio sul digitale dovrebbero quantomeno essere prese in considerazione, dato che di giradischi ne ho avuti e ne ho e di cavi ne ho ascoltati tanti a partire dai monster cable (se li ricordi).
    Dunque non ho bisogno di effettuare altre prove a casa tua per formarmi un idea a riguardo anche se sarebbe sempre una buona scusa per ascoltare musica 
    su un ottimo impianto e in compagnia di una persona con cui si condivide un hobby al di la della differenza di vedute.
    Dunque il discorso non è se questi accessori sortiscano o no un qualche risultato di cui io mi debba convincere, ma se siano lo strumento piu adeguato ed efficace per ottenerli nel 2023.
    Invece, sul sale del Mago do nascimiento (et similia in ambito audiofilo) il discorso da fare è differente ed è ben riassunto in firma.

    Pace e bene.


    Questa volta mi ritrovo di più in alcune affermazioni che fai , forse perché le hai specificate meglio tu .  affraid

    Io considero l’impianto hifi un mezzo per ascoltare buona musica , un a serie di oggetti che mi devono piacere anche esteticamente e che devono essere in grado di avvicinarmi alla realtà musicale . In definitiva un gioco bellissimo che mi piace tantissimo . 
    Forse è proprio per questo che autoironizzando mi do do del babbeo da solo ! 😃 

    Detto ciò , proprio perché gioco , perché alle volte certe cose “ti capita” di farle più che cercarle , ho seguito degli iter inutili nel corso degli anni , sicuramente , ma come dico sempre “ a sbagliare sono bravissimo anche senza consigli” . Insomma come nella vita , di rado si accettano consigli prima di sbagliare . 

    Però , c’è un però, e mentre pare assurdo anche a me seguire la via di “legnetti e cremine , trovo che utilizzare la taglierina per levigare il bordo esterno del cd , in qualche modo cambiasse e definisse meglio alcuni contorni sonori . Di fatto la taglierina la acquistai e la rivendetti dopo un annetto circa perché era lungo e noioso ripassare tutti i cd , mi stufavo così come oggi ascolto il digitale solo in streaming perché a riappare tutti miei cd mi stufava pure quello , e non ritenendo la differenza in termini sonori interessante rispetto il lavoro da svolgere , ci ho rinunciato in parte . Quando dico che la differenza tra supporto digitale rippato e in streaming e’ poca mi rapporto alla differenza sostanziale che osservo se invece che con qualsivoglia sorgente musicale digitale utilizzo il mio giradischi . 
    A favore del digitale e dell’ascolto in streaming resta la praticità/velocità di utilizzo , la banca dati praticamente infinita che mi permette , spesso involontariamente di conoscere nuova musica. Anche il costo di fruizione dello streaming non è poi così elevato , se paragonato al costo d’acquisto di dischi , in special modo se fuori commercio e si è costretti ad acquistarli all’estero con elevate spese di spedizione/dogana . Di fatti oggi utilizzo un dac economico , assolutamente non il linea con l’apparente livello del mio impianto , ma che di fatto è quello perché neppure se spendessi 50.000 euro per la sola sorgente digitale raggiungerebbe , ma neppure sarebbe paragonabile agli ascolti in analogico . Sarebbero forse migliori di quelli che faccio con il Topping ? Forse , perché mie e’ pure capitato di preferire il Topping a sorgenti digitali che costavano 30 volte di più ! 

    Dell,incidenza dei materiali che utilizziamo e dell’ambiente ne parlo sempre assai poco , solo perché ho sempre dato per scontato che il mio impianto dovesse stare fisicamente dov’è e che quindi a prescindere da mille teorie ed avanzamenti tecnologici dovesse stare esattamente dov’è ora ed è sempre stato . 

    Questa obbligatorietà” di posizionamento mi ha portato a dover/voler conoscere il mio ambiente che come avrai capito è un salottino non dedicato esclusivamente all’ascolto . 
    Nel mio percorso , ora la dico brutalmente , ciò che è contato di più è stato rivestire la parete retrostante l’impianto di feltro da 4 mm , il posizionamento sul soffitto/travi/pareti dei bottoncini/risuonato Harmonix Combak e forse più di ogni altra cosa l’utilizzo di un tavolo assemblato in loco di un porta elettroniche che pesa circa 350 kg su cui è posizionato l’impianto . Questa scelta è stata effettuata per fare in modo che pure il pesante giradischi , circa 65 kg , fosse posizionato su un supporto che ne pesasse almeno il doppio. In definitiva la maggiore differenza tra la Grand Platine di Verdier e la Platine normale consisteva in primis proprio sul pesantissimo supporto da circa 150 kg su cui poggiava , ed io altro non ho fatto che “scopiazzare” questa cosa da chi ne sapeva certamente più di me . Di fatto se tu posizioni qualsiasi oggetto su un altro oggetto che ne pesa almeno il doppio posto su un pavimento , lo isoli dall’ambiente , ee’ una legge fisica , non un credo mio o di Verdier ! In teoria la mia platine il cui piatto è già isolato magneticamente , e’/dovrebbe essere isolata dall’ambiente ; se avesse però il perno riscaldato come i Brinkman Balance e il piatto con funzione di vacuum per fare il “vuoto” come il Vyger Atlantis , sarebbe ancora meglio ! 😃
    Ma come dici tu ad un certo punto bisogna tirare una riga ed accontentarsi . Di fatto tutte queste cose le ho fatte mantenendo costanti giradischi braccio testina step up , ampli e valvole , solo il lettore digitale poteva cambiare ed ho utilizzato per tutte le altre prove anche in considerazione del fatto che non è benefico né per il vinile ne’ per la testina ascoltare e riascoltare la stessa traccia magari di continuo per fare il fine tuning oltre al fatto che alcune regolazioni del setup analogico possono cambiare anche solo al cambio di temperatura e umidità ambientale/stagionale . In definitiva ho ascoltato quasi esclusivamente con la Denon 103 R o 103 per molto ttempo  proprio per non mutare le condizioni delle mie prove . 

    Molto spesso sorrido tra me e me vedendo persone che cambiano componenti ogni 6 mesi , buttano i soldi , sia che acquistino diffusori da 300 euro o da 30.000 se non li metti nelle condizioni migliori di esprimersi . 
    Se partissimo dal presupposto che i difetti del nostro impianto risiedono più negli sbagli che fa l’uomo nell’utilizzarli di quanto siano insiti negli apparecchi stessi , pu essendocene , probabilmente i nostri impianti suonerebbero tutti un po’ meglio di quanto non facciano . 

    Insomma io dei problemi ambientali non ne parlo perché io ho i miei tu hai i tuoi e per quanto l’approccio possa essere uguale o diverso , ognuno si tiene i suoi ed ognuno dovrà risolverli come meglio crede . 
    Io ho scelto di intraprendere la via del minimalismo estremo , cioè avere il minor numero di elettroniche possibili collegate all’impianto , della migliore qualità possibile riferita anche al mio portafogli . 

    Un capitolo a parte sarebbe da dedicare ai diffusori , a come e dove convenga o si è obbligati a pisizionarli in ambiente . 
    In linea di massima credo che sia meglio sfruttare al meglio un diffusore giusto/piccolo per l’ambiente che si ha a disposizione che sfruttare solo in parte un diffusore medi/grande nel medesimo ambiente . Ho riscontrato che l’utilizzo di magneti in alnico o terre rare sia preferibile in gamma medio alta , ma un po’ inutile ed assai più costoso in gamma bassa , e che sia preferibile utilizzare diffusori i cui coni abbiano poca escursione e siano leggeri , anche a discapito di qualche hertz in meno , che tanto c’è ben poco programma musicale sotto i 50/60 hz , nulla sotto i 27,5 hz (1 tasto del pianoforte) e che raggiungere pressioni sonore elevate , saturare l’ambiente , riduce grandemente la possibilità di ottenere un buon suono . 

    Quando si realizzano buona parte di queste correzioni ti accorgi che le Klipsch famose per il loro suono live , le Bosendorfer famose perche risuonano come un pianoforte , le mitiche Rogers Ls 3/5a , le Ensamble Pa 1 ref classificate come “strumenti di misura ecc suonano fra loro molto più simili di quanto non si creda , che il tanto declamato gusto personale , di fatto si riduce drasticamente e ciò a mio avviso perché le differenze tra i vari diffusori sono più dovuti agli errori che continuiamo a perpetuare , quasi fosse una tradizione da perpetuare. Di fatto è maggiore l’incidenza sul suono del tu e rolling delle sole valvole finali di quanto non ce ne siano tra Avantgarde Nano e Rogers da 15 ohm ! 
    Ed è proprio per questo motivo che mi accingo a riacquistare un set di valvole di scorta identiche a quelle che possiedo, sono troppo pigro per ricominciare da capo ! 

    P. S.  
    Delle Avantgarde proprio non sopportavo l’immonda qualita dell’amplificazione dedicata al sub ! 

    Tornando a bomba , trovo che a parte il fatto che meno “roba” c’è in un impianto collegata alla rete elettrica , meglio è , dsp equalizzatori in genere sono controproducenti per chi non è di primo pelo , figurarsi se si è dei baldi giovani ! 
    So fin d’ora che non verrò ascoltato , perché una volta in più , ognuno di noi è bravissimo a sbagliare anche senza consigli . 


    sunny


    _________________
    Saluti,Enrico

    Platine Verdier + Ortofon 309D + DENON 103r  + EMT TSD15 + Koetsu Black Gold + Step up Audio Tekne 4818+ Ortofon t20 MKII + Ortofon T5 +  Audio Note M1 Riaa +Topping D70mqa +  Kondo Kegon + Audio Note OTO +  Heresy Red Cloth + Rogers Ls3/5A +  Reimyo ALS777 + Cavi e Accessori Harmonix Combak+ Cavi Audio Note + Cavi Auditorium 23 + Cavi Duelund .
    Adelmo
    Adelmo
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 241
    Data d'iscrizione : 08.03.15
    Località : Imola

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da Adelmo Gio Dic 07 2023, 16:50

    Salve Enrico,

    Nella tua piuttosto completa disamina, raggiunto il top dell impianto, a mio modesto parere manca una vista all Otorino per pulizia del cerume. In certi casi è quasi un upgrade a basso costo dell impianto HIFI.

    Saluti

    Adelmo
    Nimalone65
    Nimalone65
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3143
    Data d'iscrizione : 11.12.10
    Località : Roma

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da Nimalone65 Gio Dic 07 2023, 19:24

    Adelmo ha scritto:Salve Enrico,

    …..a mio modesto parere manca una vista all Otorino per pulizia del cerume. In certi casi è quasi un upgrade a basso costo dell impianto HIFI.

    Saluti

    Adelmo

    ….hai proprio ragione , sicuramente lo è per te . 

    Per certo TU il mio non lo ascolterai MAI né lo hai MAI ascoltato , il che già solo il tuo disprezzare a vanvera per partito preso ti definisce . 

    ….magari dopo l’otorino anche un bel colloqui psicologico forse ti rasserenerebbe almeno un po’.


    _________________
    Saluti,Enrico

    Platine Verdier + Ortofon 309D + DENON 103r  + EMT TSD15 + Koetsu Black Gold + Step up Audio Tekne 4818+ Ortofon t20 MKII + Ortofon T5 +  Audio Note M1 Riaa +Topping D70mqa +  Kondo Kegon + Audio Note OTO +  Heresy Red Cloth + Rogers Ls3/5A +  Reimyo ALS777 + Cavi e Accessori Harmonix Combak+ Cavi Audio Note + Cavi Auditorium 23 + Cavi Duelund .
    Adelmo
    Adelmo
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 241
    Data d'iscrizione : 08.03.15
    Località : Imola

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da Adelmo Gio Dic 07 2023, 20:26

    Salve Enrico,

    Non mi sembra di aver disprezzato alcuno, anzi. Poi ognuno ha il senso dell umorismo che preferisce.
    Ma dal puntiglio ed enfasi con cui è stato preso questo argomento nei tuoi interventi, soprattutto questo ultimo con consiglio di uno psicologo mi lascia perplesso sugli effetti benefici della musica nei tuoi riguardi.

    Per quanto mi riguarda a me la musica da effetti positivi, decisamente migliori di quanto sembra faccia ad altri.

    Poi per gli impianti ce ho ascoltato durante i miei vari viaggi in giro per il mondo, non credo che tu sia in grado di esprimere alcuna opinione al riguardo e ti assicuro che ho avuto l occasione di ascoltare buoni impianti e ben suonanti con componenti di alto livello in sale di ascolto dedicate. Certamente il mio impianto non è un top, ma per il livello dei componenti e loro prezzo suona in modo molto piacevole e fa anche sbattere i piedi e le mani a tempo con la musica giusta. Evidenzia anche le buone e scarse incisioni, differenze dai CD in favore dell analogico. Mi soddisfa, per il momento e sono cosciente che c è di molto meglio e molto più costoso, ma anche di peggio e forse anche più costoso.

    In ogni caso, contrariamente a te io invece ti auguro buona musica, possibilmente un poco più rilassante.

    Cordiali saluti

    Adelmo
    Nimalone65
    Nimalone65
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3143
    Data d'iscrizione : 11.12.10
    Località : Roma

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da Nimalone65 Gio Dic 07 2023, 20:42

    Adelmo ha scritto:Salve Enrico,

    Non mi sembra di aver disprezzato alcuno, anzi. Poi ognuno ha il senso dell umorismo che preferisce.
    Ma dal puntiglio ed enfasi con cui è stato preso questo argomento nei tuoi interventi, soprattutto questo ultimo con consiglio di uno psicologo mi lascia perplesso sugli effetti benefici della musica nei tuoi riguardi.

    Per quanto mi riguarda a me la musica da effetti positivi, decisamente migliori di quanto sembra faccia ad altri.

    Poi per gli impianti ce ho ascoltato durante i miei vari viaggi in giro per il mondo, non credo che tu sia in grado di esprimere alcuna opinione al riguardo e ti assicuro che ho avuto l occasione di ascoltare buoni impianti e ben suonanti con componenti di alto livello in sale di ascolto dedicate. Certamente il mio impianto non è un top, ma per il livello dei componenti e loro prezzo suona in modo molto piacevole e fa anche sbattere i piedi e le mani a tempo con la musica giusta. Evidenzia anche le buone e scarse incisioni, differenze dai CD in favore dell analogico. Mi soddisfa, per il momento e sono cosciente che c è di molto meglio e molto più costoso, ma anche di peggio e forse anche più costoso.

    In ogni caso, contrariamente a te io invece ti auguro buona musica, possibilmente un poco più rilassante.

    Cordiali saluti

    Adelmo

    Difficile comprendere la tua ironia senza qualche faccina esplicativa ,,, non stiamo parlando vis a’ vis . 

    Il costo di un impianto conta certamente come ordine di grandezza direi ,  non in assoluto . 

    Personalmente tendo a paragonare gli impianta da 1/3 del costo al triplo del costo come dire che dato un impianto con listino di 50000 euro lo posso confrontare sia impianti da 20000 euro che da 150000 .


    _________________
    Saluti,Enrico

    Platine Verdier + Ortofon 309D + DENON 103r  + EMT TSD15 + Koetsu Black Gold + Step up Audio Tekne 4818+ Ortofon t20 MKII + Ortofon T5 +  Audio Note M1 Riaa +Topping D70mqa +  Kondo Kegon + Audio Note OTO +  Heresy Red Cloth + Rogers Ls3/5A +  Reimyo ALS777 + Cavi e Accessori Harmonix Combak+ Cavi Audio Note + Cavi Auditorium 23 + Cavi Duelund .
    alanford
    alanford
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2397
    Data d'iscrizione : 03.06.12
    Località : monza

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da alanford Ven Dic 08 2023, 01:19

    oggi e' difficile pensare che un giovane di 20 anni possa spendere per un impianto hifi  piu' del costo dell'ultimo modello smartphone  (nell'alternativa  il giovane non avrebbe dubbi dove destinare i suoi soldi)

    e' ragionevole pensare che spendendo oculatamente 1000 euro per un impianto stereo si possa avere un risultato che la maggioranza di noi definirebbe   decoroso ma lo stesso giovane non avvezzo potrebbe  considerare  ottimo  

    l'impianto puo' contenere il gira?  certamente! chi l'ha detto che i giovani non sono in grado di settare un gira?  Io all'eta' di 18 anni avevo un gira ben settato e non ero un ingegnere 

    spendere oggi 1000 euro per acquistare un impianto stereo significa disamorare il giovane?  Assolutamente no! E' vero il contrario  ossia fai disamorare il giovane sostenendo l'assurda tesi che per ascoltare musica devi spendere non meno di 5K/10K  

    la grande maggioranza di noi ha iniziato con un impianto come il classico rack giapponese del costo di poco piu' di un milione di lire  ed all'epoca credo che per tutti noi quello era un traguardo  

    poi ovviamente l'appetito vien mangiando   sunny
    RockOnlyRare
    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 8434
    Data d'iscrizione : 18.05.12
    Età : 69
    Località : Milano

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da RockOnlyRare Mar Dic 12 2023, 18:49

    loopze ha scritto:Avventurarsi nel mondo dell'hi-fi con budget accessibili (es. 1000€, ma anche meno) lo trovo saggio.
    Ristrutturare e/o cambiare il proprio impianto negli anni a seguire, alzando il tiro (anche fino alle cifre che avete menzionato), lo trovo giustificato.

    Ma iniziare da impianti da n-mila€, salvo non avere già una discreta "esperienza" (e quindi le idee abbastanza chiare) e il portafogli straripante, è il classico passo più lungo della gamba.

    Poi per carità, chi ha tanti soldi è giusto che li spenda :-)

    Parole santissime, come non essere daccordo ? Del resto io feci esattemente quello, anche se a fine anni 60 l'impianto di partenza costava circa 100.000 lire e non era propriamente hi-fi, ma allora era già una cifra importante per un 15nne !!!! Poi step di 5 anni circa in 5, impianto hi-fi base ma con già un Teac a Bobine e la Jacklin Float come cuffia e poi a fine anni 70 finalmente l'impianto che avevo sempre sognato (le casse ed il pre sono ancora quelle, ho cambiato dopo 40 anni giusto il finale  !!!!!!!)


    _________________
    http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

    https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

    (ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
    RockOnlyRare
    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 8434
    Data d'iscrizione : 18.05.12
    Età : 69
    Località : Milano

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da RockOnlyRare Mar Dic 12 2023, 18:51

    alanford ha scritto:oggi e' difficile pensare che un giovane di 20 anni possa spendere per un impianto hifi  piu' del costo dell'ultimo modello smartphone  (nell'alternativa  il giovane non avrebbe dubbi dove destinare i suoi soldi)

    e' ragionevole pensare che spendendo oculatamente 1000 euro per un impianto stereo si possa avere un risultato che la maggioranza di noi definirebbe   decoroso ma lo stesso giovane non avvezzo potrebbe  considerare  ottimo  

    l'impianto puo' contenere il gira?  certamente! chi l'ha detto che i giovani non sono in grado di settare un gira?  Io all'eta' di 18 anni avevo un gira ben settato e non ero un ingegnere 

    spendere oggi 1000 euro per acquistare un impianto stereo significa disamorare il giovane?  Assolutamente no! E' vero il contrario  ossia fai disamorare il giovane sostenendo l'assurda tesi che per ascoltare musica devi spendere non meno di 5K/10K  

    la grande maggioranza di noi ha iniziato con un impianto come il classico rack giapponese del costo di poco piu' di un milione di lire  ed all'epoca credo che per tutti noi quello era un traguardo  

    poi ovviamente l'appetito vien mangiando   sunny

    Eccellente post !!!!


    _________________
    http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

    https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

    (ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
    ADexu
    ADexu
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 55
    Data d'iscrizione : 10.01.24

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da ADexu Mer Gen 17 2024, 02:49

    RockOnlyRare ha scritto:Provo a metterla così:

    se avete uno/una nipote che vuole provare ad usare i vinili e volete con altri parenti fargli/e un regalo, raggranellando in tutto una cifra di circa 1000 Euro, cosa gli comprereste ?

    Ecco, a mia nipote nonchè figlioccia quindicenne attratta dal mondo del vinile, proprio questo natale ho voluto farle un regalo di questo tipo. 
    Io, pensando al me quindicenne squattrinato che si trova a poter disporre di una cifra simile, credo sarei partito a cercare gira, ampli e diffusori nell'usato stalkerizzando tutti gli inserzionisti della zona per tirare giù i prezzi e cercare di far fruttare al meglio l'investimento, ma fra me e mia nipote corrono quarant'anni di differenza e allora occorre contestualizzare un attimo. 
    La sua camera non è molto spaziosa e fra le sue cose e la scivania per lo studio di spazio per il classico rack o simili non se ne parla proprio, a sistemare l'impiantino in soggiorno poi sarebbe legata agli orari dei genitori che magari vogliono vedersi un film o ricevono qualche ospite, quindi occorreva qualcosa di compatto e facilmente posizionabile anche in poco spazio. Poi è vero che è attratta dai vinili e ne possiede anche qualcuno pur non potendoli ascoltare, ma i giovani d'oggi nel bene e nel male sono nativi digitali, quindi mi è parso illogico non dare la possiibilità di accedere a quanto offre la rete fra streaming e internet radio, se poi aggiungiamo che la loro casa è già cablata e dotata di NAS, l'accesso alla parte "liquida" della musica è fondamentale.
    Il risultato di tutte queste considerazioni si è concretizzato in un all in one Denon RCD-N12DAB con i suoi piccoli diffusori abbinati SCN10, tutto in colore bianco come da desiderio della giovine, per una spesa totale di 700 euro approfittando di una offerta su Amazon.
    A comprarle un giradischi hanno detto che ci penseranno i genitori, è collegabile senza problemi dato che il Denon ha anche un ingresso phono, un discreto entry level da 200/250 euro e alla fine il totale della spesa sarà proprio appena sotto i 1000€, come da richiesta. 
    Siamo nel mondo hi-fi? Non nel senso stretto del termine, anche se con dei diffusori di categoria superiore potrebbe migliorare non poco dato che ha una potenza dichiarata di 65 watt per canale su 4 ohm, ma per ora ha prevalso la necessità di rendere massimamente fruibile l'ascolto della musica con spazi ridotti a disposizione rispetto ad altre esigenze.
    Io comunque il seme pseudoaudiofilo l'ho gettato, sta di fatto che la neo proprietaria di questa scatola magica, dopo averla immediatamente settata, connessa al wifi e al cellulare via bluetooth e attivato tutte le diavolerie varie, ci si è religiosamente seduta davanti, ha inserito nel cassettino il CD di The Dark Side of the Moon che le ho regalato insieme a tutto il resto e se l'è ascoltato tutto d'un fiato!
    C'è ancora speranza per l'umanità....


    _________________
    Bluesound Node -> Qed Signature Audio 40 -> Musical Fidelity M5si -> Duelund DCA16GA -> Sonus Faber Lumina III e basta (per ora) + Radione Philips anni '80
    fab76
    fab76
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 17
    Data d'iscrizione : 25.12.23

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da fab76 Lun Feb 12 2024, 17:13

    Cosa ne pensate di questi diffusori? 
    [size=30]Indiana Line Tesi 561[/size]
    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Indian10
    alanford
    alanford
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2397
    Data d'iscrizione : 03.06.12
    Località : monza

    Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ? - Pagina 3 Empty Re: Impianto base REALMENTE HI-FI --> Per neofiti, da dove partire ?

    Messaggio Da alanford Gio Feb 15 2024, 00:16

    sono diffusori decisamente apprezzabili in relazione al prezzo

      La data/ora di oggi è Mar Mag 21 2024, 03:15