Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT
Il Gazebo Audiofilo

Human Pleasure HI-END

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mar Dic 19 2023, 23:33

    Figlia di una intuizione con una buona dose di ricerche sulla sua fattibilità ha preso forma questo sistema concepito per il car audio di alta fedeletà, e non per le gare SPL.

    Parlo di uno Steg Qmos 45x4 watt rms su 4 Ohm che adotta diverse soluzioni partorite dalla geniale mente di Bartolomeo Aloia.

    Perche' no realizzare un porting con tanto di XLR 4 pin femmina in ambito desktop ?

    Per ora una foto, solo un accenno.

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Steg_f10

    .

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Top_st10


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mar Dic 19 2023, 23:47

    Per l'occasione ghiotta e come sempre, fuori da ogni schema...
    fa la sua figura un cavo Tripowin Granvia 36 core in rame ofc 26 awg, la AMT diventa materica.
    Verra' pilotata a masse separate, nel vero senso della parola, grazie ad una tecnologia P.H.R.E.S.S. che isola tutte le masse, mandando a carte 48 qualsiasi disturbo.

    La AMT utilizza pinout fuori standard per i mini xlr 4 pin.
    Giocoforza realizzato adattatore apposito, con cavo OFC 26 awg e schermatura passante, per levare qualsiasi dubbio da mezzo.
    Resistenze da contatto trascurabili, quasi inutili considerarle. Mio personale pensiero.

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Cavo_m10


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 00:01

    Prima di dare fuoco alle polveri, qualche accenno sulla insolita catena:

    Alimentatore switching stabilizzato in tensione (regolabile di fino) 12-15 Volt 50 Ampere 600 Watt massimi

    Amplificatore Steg Qmos a 4 stadi indipendenti

    Cavi di alimentazione 6 mm2 rame OFC
    Cavi di potenza 2 mm2 rame OFC
    adattatore XLR 4 pin

    e qui uno schema della potenza attesa su diversi carichi di impedenza cuffia

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Schema10


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 00:16

    La AMT con 32 Ohm e 90 dB/mW vedra' 6 watt rms in single ended e non in bilanciato.
    Se vogliamo passare ad un altro carico ostico 50 Ohm 83.5 dB/mw ne avra' 4 watt rms in SE.

    Si inizia cosi'. Poi a scalare su carichi più alti in impedenza, interviene la modalita' a ponte da 135 watt rms x 2 su 4 Ohm... anche per compensare l'inefficienza di alcune cuffie...

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Schema11


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 00:27

    Ogni 3 dB abbiamo una attenuazione della meta', riguardo l'efficienza.
    Ogni salto del doppio di impedenza, dimezziamo la potenza.
    Inoltre l'ampli Steg è concepito per lavorare con qualsiasi carico superiore a 4 Ohm.
    Cosa da non sottovalutare e non da tutti gli ampli.
    Circuiteria fet e mospower.
    I presupposti ci sono tutti per non usare alcun partitore resistivo, che manderebbe a quel paese il già ottimo Damping Factor dello Steg >500 su 4 Ohm in single ended.
    Come suona ?
    A domani... ora lascio fluire la musica...


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 17:04

    Eravamo rimasti al come suona...
    Le aspettative erano e sono ancora alte, ed i primi ascolti le confermano man mano che il sistema riscalda e "teoricamente" smuove dopo anni l'elettronica Steg.
    .
    Prima di qualunque ascolto affrettato con la AMT, sono le KEF Q15 su piedistallo a suonare...
    Timbrica inglese, raffinata, composta senza tante spigolosità, dei tempi del vero made in England.

    Il dac scelto per l'occasione, in modalità streamer, è lo Shanling UA3 collegato allo sbilanciatore Clean Box Pro, dapprima in bilanciato e in uscita sbilanciato al preampli Liquid Spark.
    Da quest'ultimo si entra nel finale Steg QmosII...

    Cominciamo dal silenzio etereo, nessun disturbo o fruscio, nero cupo.
    Procediamo alle sonorita' espresse con delicatezza e precisione dal sapore analogico.

    Coldplay Everyday
    un bel sentire, in breve, per essere un ascolto raccolto con casse su stand. Ho scritto in breve, perchè nulla è fuoriposto, la timbrica è analogica in stile retro'. Fantastica.

    Continuiamo circa la stabilita' e la qualita' di alimentazione switching opportunamente scelta per essere sovradimensionata, 50 ampere contro i massimo 30 richiesti dallo Steg. A pieno volume e dinamica.

    Le prove di una catena "differente" e portata dal mondo high Filedelity dal car audio, su scrivania, procedono.

    Il connettore XLR 4 poli è la vera sorpresa ?
    Più avanti, lo sapremo.


    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Img_2010Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Img_2011


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 17:12

    La sorgente... uno streamer anch'esso "differente"...

    il clean box reincapsula in sbilanciato la scena ampia del segnale bilanciato.
    Nessun artificio da EQ o processamento DSP, anzi uno dei metodi per avere estensione scenica possibilmente "al naturale"... ho sempre detestato sia i DSP che gli EQ, scelte.

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Shanli11


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 17:17

    Dimenticavo....
    tutta la catena differente è sotto UPS a sinusoide perfetta...
    un dettaglio per nulla trascurabile...


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Edmond
    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 12026
    Data d'iscrizione : 17.04.10
    Località : Brescia

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Edmond Mer Dic 20 2023, 20:53

    Sei sempre speciale, Carlo!!! sunny


    _________________
    Giorgio


    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Firma12


    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 22:00

    @Edmond grazie, che piacere leggerti.
    Un grosso abbraccio. cheers cheers


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 22:30

    Facciamo un ragionamento su un ampli cuffia generico che in uscita sbilanciata abbia una resistenza in serie di 10 Ohm al carico.
    Prendiamo il carico 32 Ohm, l'ampli vede 42 Ohm resistivi, ma valore ben alterato dal punto di vista dell'impedenza al variare delle frequenze. Non siamo nelle condizioni ideali di controllo del driver.

    Consideriamo ora un ampli sbilanciato senza alcuna reistenza in serie al carico, bensi' a controllo diretto del driver. Il carico rimane 32 Ohm e non è soggetto ad alcuna variazione esterna.

    Lo Steg lavora in queste condizioni con una potenza teorica massima di 6 watt rms su 32 Ohm.
    Un altro ampli specifico per cuffie sempre su 32 Ohm diretti lavora con circa 3 Watt rms sbilanciati.

    Sarebbe auspicabile un confronto quasi immediato per capirci qualcosa, e sopratutto se valga la pena mettere in piedi tutto un sistema "differente" e non alla portata di tutti...

    Bene, è quello che sto conducendo.
    Si tratta di capire le varie sfaccettature, le più piccole differenze, prendo del tempo...

    Chiaramente la cuffia è sempre lei la AMT col cavo 36 core, che ne libera sonorita' fini al contempo corpose.

    Il confronto vuole essere pari, entrambi in modalita' sbilanciato e masse separate.


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 23:23

    Il trasformatore switching... ha le sue immancabili pecche, costa poco ed il ripple a frequenza udibile c'è... poco ma c'è. Lo odio.
    Lo Steg ha un sistema di filtraggio considerevole fra massa telaio ampli, masse separate ingressi rca, e masse in uscita.
    Andava giustamente collegato a massa il telaio dello Steg. I filtri Gr.i.p.s ci sono e bisogna replicare l'ambiente car audio. Un dettaglio su cui stavo impazzendo... risolto circa al 98%.
    Quel 2% mi fulmina, per fortuna arriva in soccorso una batteria al litio da 12 Volt.

    Nonostante il piccolo ripple residuo, lo Steg ha un suo modo di porgere musica, in modo differente.
    I due ampli condividono progettazione fet e mosfet, sulla carta sono simili.
    Cio' che cambia è la potenza teorica sbilanciata doppia nello Steg. Quasi uguale a quella in bilanciato sull'ampli cuffia.
    Tre sono i confronti, e tre differenti ascolti evidenziano differenze. Sottili, marcate... è un aspetto che analizero' in seguito.
    Ho impiegato tempo nell'attrezzare un sistema che possa pilotare direttamente un driver cuffia senza rischi e pericoli, impieghero' il triplo del tempo per "analizzarlo"....
    Una scelta per saggiare perche' e percome avvengono alcune situazioni.
    Uno spunto per un futuro progetto.
    Nulla verra' lasciato al caso.
    La curiosità ha preso piede, e la via si sta segnando !


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mer Dic 20 2023, 23:47

    Nel tentativo di comprendere come funziona lo Steg ne riassumo alcune specifiche progettuali:

    l'alimentazione a 12 Volt viene stabilizzata con DC-DC ad 11 Volt, quindi survoltata a circa 25-30 volt duali (+30, 0, -30) dunque 60 volt di rail circa, in linea di massima.

    Lo stadio di alimentazione si svincola dalla capacità impulsiva della tensione in ingresso, e questo non è cosa da poco.

    I filtri G.r.i.p.s. abbattono i disturbi induttivi abbastanza efficacemente.

    La circuitazione Mos Power sui finali imprime un suono leggermente valvolare, delicato veloce e possente.

    Qui alcune delle caratteristiche figlie dell'ingegno di Bartolomeo Aloia.

    * M.I.T.H.O.S. - Mosfet Improved True High Output Swing - (Stadio Amplificatore)
    Circuitazione che, sfruttando le particolarità costruttive dei mosfet, permette di ottenere dall'amplificatore il massimo rendimento con il minimo spreco di energia. Il tutto si traduce in un
    minore assorbimento di corrente ed una più bassa temperatura di esercizio del prodotto. L'attenzione prestata alla progettazione degli stadi audio ha permesso di ridurre al minimo i
    percorsi di segnale con evidenti vantaggi sulla musicalità e sulla timbrica dei prodotti. Elevatissimo fattore di smorzamento (>500), unitamente alla elevata capacità in corrente dei mosfet di
    pilotare carichi difficili, garantiscono l'eccezionale controllo degli altoparlanti.

    * GR.I.P.S. - GRound Improved Path System - (Stadio Preamplificatore)
    Agli albori del CAR HI-FI il problema principale da risolvere nelle elettroniche fu quello di eliminare i disturbi elettrici ed elettromagnetici prodotti dalle vetture. Per evitare di creare anelli di massa
    nelle connessioni tra autoradio ed elettroniche di potenza, si adottarono diversi sistemi tra cui quello di separare la massa degli amplificatori da quella di batteria della vettura. Questo sistema si
    rivelò particolarmente efficace ed affidabile, tanto e vero che la maggior parte dei costruttori di HI-FI Car lo utilizza nelle sue realizzazioni odierne. Ciò nonostante, con l'avvento delle iniezioni
    elettroniche ed altro, questo sistema molto spesso si rivela insufficiente in quanto attenua maggiormente i disturbi di tipo elettrico (alternatore) mentre è meno influente su quelli di tipo
    elettromagnetico (scariche candele). Noi della Steg siamo andati oltre progettando un sistema che combatte le due tipologie di disturbo, alternativo alle linee bilanciate come efficacia, con in più il
    vantaggio di non degradare la qualità del suono e mantenere la compatibilità con le connessioni standard esistenti (jack). La circuitazione GR.I.P.S. infatti isola ciascuna massa di ingresso dalle altre,
    scongiurando il pericolo di anelli anche in realizzazioni multiamplificate, amplificatori multicanale (le più soggette a questo rischio) o là dove non sia stata posta particolare attenzione nel cablaggio
    dell'impianto.

    * P.R.H.E.S.S. - Primary Regulated High Efficiency Supply System - (Stadio Alimentatore)
    Questa circuitazione rivoluziona il mondo dei convertitori DC-DC in auto. Si tratta infatti di un circuito survoltore stabilizzato in PWM (in cui la tensione di uscita non dipende da quella di ingresso)
    che a differenza dei convertitori stabilizzati standard, mantiene rendimenti estremamente elevati (paragonabili a quelli di convertitori non stabilizzati). Il tutto si traduce in un notevole risparmio di
    energia ed una completa insensibilità della potenza erogata dall'amplificatore alle fluttuazioni della tensione di batteria. I rendimenti quindi subiscono una notevole impennata rispetto alla media.

    Un preambolo per cerchiare la bonta' e la elevata fedelta' di questo amplificatore, pensato per un ascolto di qualità e non per il comune bum bum dei carrettari dell'acqua...


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Gio Dic 21 2023, 00:06

    Nel tentativo di mantenere calma negli ascolti, assaporandone le più piccole ed infinitesime particolarità... il pensiero vorrebbe andare oltre...
    Mi attende una realizzazione da mini xlr 5 pin verso 4 RCA...
    Lo Steg a ponte eroga 135 watt rms su 4 Ohm...
    a 32 Ohm ne erogherebbe 17 watt, fin troppi... ma a 50 Ohm ne erogherebbe 11 watt...

    Per questo scopo viene in aiuto un altro strumento figlio del mondo SPL
    un bilanciatore e preamplificatore con rotazione di fase e completo di gain regolabile...

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Calcel10Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Calcel11


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Gio Dic 21 2023, 09:59

    Qualche altra foto in stile Natalizio...

    In esecuzione Parsifal... su Monoprice AMT...

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Retros10


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Gio Dic 21 2023, 12:44

    E' bene considerare anche le specifiche indicate da Monoprice per il driver amt, oltre il resto.
    L'air motion transformer uguale alla Goldplanar GL850, supporta massimo 10 watt di picco per 200 ms.

    Bisognerebbe capire se picco/picco o solo picco, c'è differenza fino a circa 10 volte nel valore picco/picco rispetto gli rms.

    Partiamo dal supporre che sia un valore di picco, quindi ragionevolmente prendiamo per buono un terzo della max potenza ammissibile sul driver, cioè circa 3 watt rms.

    La teoria ci sta dicendo a chiare lettere che bastano 3 watt rms su 32 Ohm per andare tranquilli e non rischiare il cedimento del driver.

    Chiaramente, ci sono altri valori da tenere sotto controllo, la massima tensione di rail, e quella di swing sul driver, oltre ai pochi watt rms teoricamente necessari.
    E poi una disquisizione infinita sul tipo di pilotaggio, su quanta controreazione, ed in quale classe lavori il finale. In pratica quanto sia di valore progettuale l'ampli stesso.

    Lo Steg su 32 Ohm mantiene teoricamente 6 watt rms con uno swing in tensione all'incirca sui 15-20 volt (approssimativamente) con un rail disponibile più elevato e duale. Lavora perlopiù in classe A su 32 Ohm, e quasi sempre in classe B sui 4 Ohm.
    In effetti stiamo furbamente utilizzando un rapporto fra impedenza del carico e curva di lavoro. Anche questo va considerato, ma è un punto di apprezzamento minimale rispetto le altre cose del contesto, somigliando più ad una forzatura di utilizzo che ad un vero beneficio "pensato e progettato" per impedenze cuffie.

    Perche' faccio cenno di elementi base teorici ? Per cercare di comprendere dove si contestualizzano determinate situazioni e prove di ascolto, nell'intento di identificare perche' avviene qualcosa, nel pratico perche' ascoltiamo in modo differente la stessa cuffia su amplificatori differenti.


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Gio Dic 21 2023, 13:00

    Tengo a precisare che il collegamento del connettore xlr 4 pin della AMT avviene dopo aver accesso lo Steg, qualche minuto dopo... nonostante sia presente l'antibump ed il circuito di over-protection.
    Ricordo che il rail inizialmente è abbastanza elevato, parliamo di 50 volt in sbilanciato e circa il doppio se a ponte per quanto riguarda la tensione di "swing" diversa ed inferiore rispetto quella di rail... verosimilmente 30 volt a ponte.

    Anche se è stato scelto un amplificatore per auto, proprio perche' si parte da valori in potenza dichiarati su 4 Ohm, e grazie al fatto che si scende più facilmente di potenza su valori di 32 Ohm, è sempre presente un valore di tensione rail più elevato di quello che realmente serve al driver AMT.


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Edmond
    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 12026
    Data d'iscrizione : 17.04.10
    Località : Brescia

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Edmond Gio Dic 21 2023, 13:58

    Ciao Carlo, tu hai ancora il manuale del Calcell? Perché il mio, dopo qualche trasloco, non lo trovo più...


    _________________
    Giorgio


    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Firma12


    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Gio Dic 21 2023, 15:36

    Ciao Giorgio anche io l'ho perso. Comunque è semplice.
    L'interruttore Phase Shift su off spegne il rifasatore, su stereo rifasa i canali secondo le 2 manopole L ed R da 0° a 360° ( ma è usato in presenza di sub specie con woofer a pavimento ) e mono unisce i canali.
    L'input level serve per adeguare la sensibilità di ingresso al segnale RCA in ingresso, per evitare il clipping.
    Il master volume è quello di preamplificazione, e si usa specialmente in uscita con il mini xlr 5 pin verso uscita bilanciata, e promette preamplificazione fino a 11 Volt rms, dichiarati 8 Volt rms.

    in questo sito, a patto di usare tasto destro da chrome e traduci in italiano, ci sono le prove di funzionamento:

    https://www.xn--80aeatqv1al.xn--p1ai/az/2000/09/p56-59F.htm

    L'alimentazione è 12 Volt, con +, - e rem


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Gio Dic 21 2023, 23:41

    Le prove e le comparative di ascolto procedono, comincia a delinearsi qualche conclusione e qualche preferenza...
    Una lunga sessione di ascolto, il più possibile scevra da ogni possibile preconcetto, continua a farsi avanti. Non deve essere questa la linea di demarcazione, solo una questione al momento di preferenze di ascolto, ed alla luce di quanto teoricamente assunto nei post precedenti, un primo approccio semiserio si è fatto avanti...

    Cominciamo dalle impressioni di ascolto dello Steg, eliminata la sorgente dei disturbi (il clean box pro captava il ronzio in alta frequenza della cpu pc "incredibile ma vero" stava elaborando una decriptazione su circa 100.000 file... ndr...). Dicevo spento il pc, ritorna il nero assoluto.
    Il suono sembra effettivamente corposo, matericamente pieno. Volume 11 del pre liquid spark, oppure volume 11 del solo clean box pro. Dunque in pari condizioni di preamplificazione.

    Il medio, le voci, gli acuti sono al loro consueto posto. E' il basso e medio basso ad essere avanti.
    La sensazione di matricita' pienezza è dovuta alla propensione del basso di essere un po' prepotentemente avanti rispetto il resto.

    Bene, passiamo all'altro ampli Cayin iHA-6 con cavo da doppio xlr 3 pin a jack 6,3 femmina (col quale preleviamo i poli caldi dei connettori Neutrik bilanciati da ogni xlr 3 poli, rispettivamente sx e dx)
    Con questo cavo avevamo già visto che il carico visto dall'ampli in sbilanciato è direttamente accoppiato al carico del driver. Non abbiamo la resistenza da 10 Ohm inserita nel polo del multi Neutrik sinistro (low impedance)...

    In questa modalita' il Cayin esce con circa 3 watt rms a canale, ed assume un valore di damping factor molto alto, assumendo il completo controllo dinamico del driver AMT. Siamo in modalita' low current, ingresso bilanciato con clean box pro collegato in modalita' bilanciatore e preamplificatore.

    L'ascolto della AMT, stessi brani, differenti generi... assume sonorità molto simili a quelle dello Steg. Ricordo che i 2 progetti condividono fet e mosfet, la timbrica è simile.

    Quello che risalta col Cayin è un controllo del basso e medio basso frenatissimo, apparentemente scevro di quella corposita' e matericita' che dimostra lo Steg.
    E' apparenza, perche' nel confronto ripetuto e basato su un ascolto attento specie nelle frequenze del basso e medio basso, il Cayin dimostra un fattore mordente nel frenare il driver da derive pelo eccessive che nello Steg si verificano, e che tendono a considerare un pilotaggio migliore con il doppio di potenza... 6 watt rms a 32 Ohm.... dello Steg.

    Parliamo di finezze risolutive, entrambi hanno muscoli in sbilanciato, pero' tendo a preferire il cayin per il maggiore controllo del driver, che delinea il basso rendendolo possente e assolutamente frenato ( in pratica non permette derive di pilotaggo ).

    C'è una ragione teorica e progettuale a venire incontro a questa preferenza.
    Il damping factor dello Steg su 4 Ohm sappiamo essere >500. Un ottimo valore.
    Ma... alzando l'impedenza del carico a 32 Ohm... questo valore giocoforza deve dimininuire, non possiamo sapere di quanto, partendo dai 4 Ohm, nonostante la curva di lavoro dei finali si spinga pelopiù nella zona di lavoro in classe A.
    C'è un dato di fatto, lo Steg è progettato per un carico da 4 Ohm, e ne rende valida evidenza con le KEF Q15. Le sonorita' sono di tutto rispetto e fedeltà.
    Con la AMT seppur apparentemente sembra di ascoltarla più materica, comunque abbastanza definita, non è la stessa cosa di ascoltarla dal jack 6,3mm sbilanciato ricavato dai poli caldi degli XLR a 3 pin.

    Chiaramente, se collego la AMT nel jack sinistro del Cayin low impedance... il basso perde definizione, controllo, e suona più moscia... Infatti con il resistore da 10 Ohm in serie, sono 42 Ohm che vede l'ampli, ed infatti le specifiche riportano 2,2 watt in low current su 32 Ohm di carico (la presenza del resitore da 10 Ohm manda a carte 48 l'ottimo valore del damping factor del cayin.
    A pelle, questo valore sembra essere superiore a 700 su 32 Ohm con l'adattatore xlr jack.

    Le motivazioni tecniche, teoriche, supportano e giustificano le differenze ascoltate, volutamente con amplificazioni progettualmente simili, proprio per apprezzare meglio le differenze soniche e di pilotaggio.

    Non abbiamo usato strumenti di misura e rilevazione, in loro luogo abbiamo utilizzato 3 decenni di esperienze e capacita' discernitive. Opinabili, per questo identificate come preferenze allo stato attuale.

    Un altro punto volevo considerare: non è stato scelto di usare partitori resistivi, poiche' qualsiasi partitore reistivo è statico, adatto a valori di corrente e tensione statiche.
    In ambnito dinamico, e per di più con impedenze dinamiche su frequenze che variano da 20 Hz a 20 KHz, altera in modo discontinuo tutti i valori, in primis il DF va propriamente a carte 48.
    Infatti, nei vari tipi di rete partitore realizzati, fra cui quello dell'ing. Chiappeta ed anche uno schema di Pass (simile) il basso è sempre avanti al resto, colpa di un DF che va a farsi friggere, sconvolto proprio dalla statica di funzionemanto dei partitori.

    Oggi, si è capito che il driver deve essere frenato dagli stessi finali, e per questo serve impedenza di uscita prossima allo zero Ohm, ed un progetto di tutto rispetto nei finali che vedono il carico di una cuffia a bassa impedenza.

    Comunque altre prove saranno fatte. Nulla verra' lasciato al caso. Lo Steg ha solo iniziato un percorso di affinamento. Alla lunga vedremo se queste preferenze ribalteranno oppure no.


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Ven Dic 22 2023, 00:14

    Ci tengo a precisare il particolare dei poli caldi rispetto i poli freddi di una connessione bilanciata.
    I poli caldi sono le amplificazione in fase in uscita dallo stadio finale che amplifica il polo caldo, appunto.
    I poli freddi sono le amplificazioni in controfase in uscita dalla stadio finale che li amplifica, i poli freddi.

    Avendo 4 stadi indipendenti, se preleviamo i poli caldi amplificati dai 2 stadi realtivi, rispetto massa, ricaviamo una uscita sbilanciata.
    Nel caso del Cayin, che ha di fatto 5 uscite con 3 connettori Neutrik, di cui 2 sono combo, il gioco è presto realizzato dai poli caldi dei 2 xlr 3 pin bilanciati verso un jack femmina da 6,3mm.

    I combo Neutrik low impedance e high impedance, presentano rispettivamente sui pin di uscita resistenze da 10 Ohm e 120 Ohm. C'è chi preferisce ascoltare in un pertugio o nell'altro, perche' ne giustifica la maggiore linearità... personalmente preferisco maggior controllo diretto, rispetto l'appiattimento (scusate se lo considero all'opposto) per le ragioni della statica dei partitori che non riesco a digerire...


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Ven Dic 22 2023, 00:26

    Un altro punto che deve far riflettere sui valori dichiarati del cayin iHA-6 sono proprio quei 2,2 watt a 32 in low current, e di 7 watt bilanciati a 32 Ohm sempre in low current.
    4 stadi a ponte ben che vada triplicano (ma non è quasi mai 3 volte piene) la potenza (teoricamente dovrebbe quadruplicare).
    2,2 watt x 3 volte sono 6,6 watt (impossibile realizzarne i 7 watt dichiarati)
    circa 3 watt (anche qualcosa meno) x circa 3 volte (anche qualcosa meno) realizzano in maniera più verosimile i 7 watt bilanciati. Senza quel resistore da 10 Ohm di mezzo...
    La matematica, schematizzandola un po' alla carlona, è più o meno questa, riportata sulle potenze a ponte.
    Il DF diminuisce 4 volte, o qualcosa meno, a ponte.... altro fatto che fa preferire all'ascolto perlopiù un pilotaggio bilanciato... apparentemente più musicale, e meno frenato.
    La stessa cosa che si verifica con ampli sbilanciati pensati per casse e usati per pilotarci le cuffie.
    Vi invito a riflettere su questi concetti.


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mar Dic 26 2023, 15:36

    Complice un po' di relax, brevemente e solo dopo aver usato l'ultimo arrivato lo Shalnling UA3 come dac puro (molto silenzioso), nella catena in test è stato aggiunto il Pullwtop.
    Ed è stato ripetuto per diverso tempo, ed in contesto ben controllato, l'ascolto su casse monitor su stand (partono da 60 Hz, quindi non sono un riferimento (già spiegato), le AMT e le HE6se v2.

    La scena ha più densita' ( e questo è frutto del Pulwtop ) ma era già a me noto, nei 3 modi di ascoltare.
    Intenzionalmente ho voluto iniziare il percorso di ascolti dalla base e poi aggiungere solo dopo essermi fatto una idea abbastanza precisa, sempre i miei 2 cents.

    La cosa che è sempre la stessa e non sta ancora cambiando sono i 45 watt su 4 Ohm dello Steg.
    Modalita' sblianciata dunque, o nativa se volete. Lo steg a ponte ricordo eroga 135 watt su 4 Ohm.

    Al monento è in programma la costruzione di un cavo apposito per gestire lo Steg a ponte e solo con la HE6, come da schema verra' pilotata con 10,8 watt











    potenza ampli watt (SE)misurati su un carico di (ohm) SE
    1354
    Massima potenza teorica su diversi carichi (cuffie)
     with 4 ohm speaker with 6 ohm speaker with 8 ohm speaker with 16 ohm speaker with 32 ohmwith 50 ohm
     135, Watts90, Watts67,5 Watts33,75 Watts16,88 Watts10,8 Watts


    In queste condizioni pero'.... il controllo del DF Steg va a farsi friggere, metti il ponte che all'incirca lo divide per 3 volte, mettici l'aumento impedenza del carico.... come detto è solo un test di ascolto.

    Lo scopo è capire se la teoria avra' la meglio sulla visceralità dell'ascolto.
    Alto DF maggior controllo del driver
    Basso DF maggior ascolto viscerale...

    Due modi complementari di ascoltare, e nessuno dei due puo' essere migliore dell'altro, tutto un risultato di abbinamenti e gusti.
    Quindi le prove fin quei prodotte, rimangono confinate nella preferenza di ascolto, che è personale.

    Auguri a tutti.


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mar Dic 26 2023, 15:47

    Ritornando alle prove di ascolto della HE6se V2 con i nativi 45 watt Steg, siamo a 50 Ohm con 3,6 watt rms, ma un DF minore di 500... valido su carichi di 4 Ohm.

    A seguire, impressioni verrano edotte, ora è tempo di ascoltare.


    potenza ampli watt (SE)misurati su un carico di (ohm) SE
    454
    Massima potenza teorica su diversi carichi (cuffie)
     with 4 ohm speaker with 6 ohm speaker with 8 ohm speaker with 16 ohm speaker with 32 ohmwith 50 ohm
     45, Watts30, Watts22,5 Watts11,25 Watts5,63 Watts3,6 Watts


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.
    Carlito
    Carlito
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1635
    Data d'iscrizione : 24.04.10
    Età : 54
    Località : Calabria

    Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT Empty Re: Porting Steg Qmos un progetto di Bartolomeo Aloia su Monoprice AMT

    Messaggio Da Carlito Mar Dic 26 2023, 19:04

    Sulla HE6se V2 pilotata dallo Steg con l'equivalente di 3,6 watt rms e un DF basso.... per ora non mi esprimo lo faro' fra qualche riga.

    Il confronto immediato mantenendo la catena a monte uguale, cambia il finale un progetto Drop coadiuvato da Alex Cavalli il CTH.

    Altro confronto in se, mantenendo stessa catena a monte, cambia il finale Cayin iHA-6.

    La catena a monte è "differente":
    tablet con uapp e qobuz verso Questyle M15 da lui in SE verso il liquid spark (altro progetto drop coadiuvato da Alex cavalli ). In mezzo il Pulwtop.

    La He6 porta queste specifiche:
    50 Ohm 73,5 dB

    Abbiamo un valore impedenza più alto, ed un gain che deve sopperire 25 dB per arrivare ai teorici 100 dB standard di efficienza cuffia.

    Il preamplificatore Liquid spark interviene per alzare il guadagno nel segnale pre. Difficile pensare che arrivi a 25 dB di guadagno, verosimilmente pensiamo un circa +12 dB.

    Le percezioni di ascolto fanno intravedere un calo evidente del DF (controllo del driver) con lo Steg. C'era da aspettarselo. Abbiamo una scena che poco lascia alla visceralità dell'ascolto, invero piuttosto impastata direi. E siamo nelle condizioni 45 watt su 4 ohm che su 50 ohm diventano 3,6 watt, con un DF molto inferiore ai bellissimi 500 su 4 ohm. Impietoso il risultato.

    Andiamo al CTH:
    un controllo del DF eccellente, con l'aiuto del preamplificatore Liquid Spark abbiamo meta' risolto la mancanza di gain di ben 25 dB se vogliamo prendere in considerazione i 100 dB a mo' di "stima" comparativa.
    La scena ha un respiro più equidistante nelle varie frequenze e voci, sembra più accettabile e verosimile ad un buon sentire.

    Andiamo al Cayin:
    modalita' ingresso SE
    preampli Liquid spark attivo per alzare il gain sul segnale preamplificato
    modalità low current
    gain H
    uscita poli caldi estratti dai 2 xlr a 3 pin verso uscita SE 6,3mm
    volume ore 10 del Cayin
    Capacita' in RMS 1,85 watt su un carico puro a 50 Ohm (poli caldi dei 2 xlr 3 pin), considerando i 2,2 watt dichiarati su carico 32 ohm (+10) dell'uscita low impedance, come da ricalcoli teorici











    potenza ampli watt (SE)misurati su un carico di (ohm) SE
    2,242
    Massima potenza teorica su diversi carichi (cuffie)
     with 4 ohm speaker with 6 ohm speaker with 8 ohm speaker with 16 ohm speaker with 32 ohmwith 50 ohm
     23,1 Watts15,4 Watts11,55 Watts5,78 Watts2,89 Watts1,85 Watts

    Il Cayin ha in queste condizioni un controllo DF altissimo su 32 Ohm (vedi test ascolto AMT di qualche poste prima) e lo mantiene molto alto anche sui 50 Ohm della HE6.

    Quale sarebbe la mia personale preferenza ?
    Escludendo lo Steg, il CTH darei un 6,5 su 10 come capacità di pilotaggio, spetta un 8,5 su 10 al Cayin  se la vogliamo vedere come classifica.

    Se vogliamo invero considerare l'aspetto musicale dal punto di vista del controllo del driver, con zero derive di bassi, grande coesione scenica e compostezza a tutto spettro, il Cayin in SE ed i suoi 1,85 watt rms a canale, è il preferito.

    Da solo il Cayin andrebbe in sofferenza, è merito anche dell'aumento di gain del pre a fare la quadra.

    L'idea che già avevo, dunque, ha preso conferme in presa diretta: gain e potenza gestibile risolvono le possibili dichiarate inefficienze di alcuni driver, e lo fanno in modo abbastanza ottimale.

    I miei 2 cents, sul punto di vista esclusivo a pilotaggio sbilanciato.


    _________________
    Carlo
    musica liquida. Reinventario attrezzature in corso... small equipment, good moment.

      La data/ora di oggi è Lun Mag 20 2024, 08:34