Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Integrati Nad (classe D)
Il Gazebo Audiofilo

Human Pleasure HI-END

    Integrati Nad (classe D)

    ispanico
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3443
    Data d'iscrizione : 18.08.11
    Età : 62
    Località : pr. di Padova

    Integrati Nad (classe D) Empty Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da ispanico Mar Apr 23 2024, 18:24

    Ciao a tutti.
    Mi piacerebbe farmi una idea a livello di musicalità e affidabilità riguardo agli integrati Nad quelli in classe D (anche perché mi pare sia rimasto solo il 316 in classe AB) in particolare modo il C338 e il C368 meglio ancora se qualcuno lì ha potuti ascoltare bene o avuti nel suo sistema.
    Grazie


    _________________
    ___________________________________________________________________________________________
    PaoloDM
    PaoloDM
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 218
    Data d'iscrizione : 16.10.23

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da PaoloDM Mar Apr 23 2024, 18:28

    Costituiscono una buona implementazione della tecnologia, ma si è un po' perso il family sound.
    ispanico
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3443
    Data d'iscrizione : 18.08.11
    Età : 62
    Località : pr. di Padova

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da ispanico Mar Apr 23 2024, 19:00

    Hai avuto possibilità di ascoltarli?


    _________________
    ___________________________________________________________________________________________
    amiterno_rm
    amiterno_rm
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 305
    Data d'iscrizione : 31.10.23
    Località : In esilio

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da amiterno_rm Mar Apr 23 2024, 20:46

    Ascoltato solamente il C368 e nemmeno in modo approfondito. Sarà questo il motivo per cui non mi ha impressionato. 
    Se vuoi farti un’idea, parziale, della classe D in integrati assimilabili alla fascia di prezzo del NAD, cerca di ascoltare il NuPrime IA-9X.

    Buona musica

    Enzo


    _________________
    “ Madame, avete tra le gambe uno strumento che può offrire piacere a migliaia di persone e tutto quello che sapete fare è grattarlo. “
    Thomas Beecham rivolto a una violoncellista
    ispanico
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3443
    Data d'iscrizione : 18.08.11
    Età : 62
    Località : pr. di Padova

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da ispanico Mar Apr 23 2024, 22:07

    I Nuprime mi sono sempre piaciuti ma leggermente fuori budget.


    _________________
    ___________________________________________________________________________________________
    PaoloDM
    PaoloDM
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 218
    Data d'iscrizione : 16.10.23

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da PaoloDM Mer Apr 24 2024, 07:19

    @ispanico ho ascoltato il 389, mi pare, quello che costa circa 1500. Potenza tanta, pilotaggio ottimo, grande versatilità in ambito digitale, ma timbrica un pelo impersonale.
    JacksonPollock
    JacksonPollock
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5231
    Data d'iscrizione : 25.08.17
    Età : 43
    Località : Località

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da JacksonPollock Mer Apr 24 2024, 08:45

    I classe D li devi "colorare" con la sorgente, oppure li usi come finale e gli metti un pre in classe A ma ti perdi i vantaggi: compattezza ed efficienza energetica.
    Da un lato è un pregio da un altro se non azzecchi l'abbinamento con gli speaker possono diventare noiosetti alla lunga. Nell'immediatezza fanno un'impressione eccellente, e pensi che hai sprecato corrente e spazio. Poi gradualmente si rientra nel giudizio...

    Ne ho avuti diversi per i mesi "caldi" e sempre nell'intorno dei 600 euro... Un Teac, PS Audio, Yamaha WXA50 e ora ho un SMSL AO300.
    Esperienza personale è che a meno che non sali molto di livello, nell'intorno di 1000 Euro chi più chi meno si assestano nell'intorno della neutralità e come scrive PaoloDM ti portano ad una sorta di impersonalità.

    Poi bisogna anche vedere le singole implementazioni, perchè di fatto molti produttori li equalizzano "di fabbrica" oppure ti lasciano un DSP interno per farli suonare come vuoi tu.
    Questo vale anche per i pezzi grossi o "intermedi"... Devialet, Lyngdorf...

    L'unico Classe D che ho avuto e non suonava come l'immaginario dei Classe D è stato il PS Audio Sprout 50.
    Sembrava un McIntosh in miniatura come impronta, ma l'avevano evidentemente equalizzato di fabbrica per quel suono.

    Mi hanno detto che anche i CyrusOne vanno in questa direzione (sono più caratterizzati) ma non li ho mai ascoltati.


    Ultima modifica di JacksonPollock il Ven Apr 26 2024, 10:27 - modificato 3 volte.
    ispanico
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3443
    Data d'iscrizione : 18.08.11
    Età : 62
    Località : pr. di Padova

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da ispanico Mer Apr 24 2024, 10:04

    Allora mi sa tanto che immaginavo bene e resto sulle opinioni vostre specie di Amiterno che ha sentito quello che mi sarebbe ipoteticamente potuto interessare. Poi avete anche ragione credo, subito sembrano freschi, dettagliati e potenti ma forse alla lunga stancano proprio per il carattere (che non hanno). Per cui anche se vendo il mio non mi va di aggiungere chissà quanto per poi avere una resa impersonale visto che bisogna spendere per questa classe, forse più idonei i finali in classe D ma poi sempre c'è bisogno del pre...e questo mi secca. Ma una cosa che mi devo togliere come sfizio sarà ascoltare dei Nuprime (magari un Ida8) presto o tardi, chissà....
    Grazie dei vostri feedback.


    _________________
    ___________________________________________________________________________________________
    Fausto
    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6584
    Data d'iscrizione : 09.10.10
    Età : 59
    Località : Insubria

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da Fausto Mer Apr 24 2024, 16:47

    Ho avuto il modello M33 ( all_in_one ) e credo che la filosofia sia poi la stessa che accompagna i modelli più piccoli.
    Gran bell'oggetto.
    Sicuramente versatile e ben costruito .... ( costosetto ....  santa )
    Però gli mancava qualcosa.
    Forse proprio quel "sound" al quale si fa riferimento.
    Un pò senza carattere e senza un'impronta specifica che possa piacere oppure no.
    Rimpiango l'estetica e la funzionalità ma non il suono.
    Promosso ma non a pieni voti. cheers
    Ciao.


    _________________
    https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t11768p150-l-impianto-di-fausto-full-yba#636110

    ... simplement musical ... fausto ...

    Numero uno: - Rega P8 - Rega Ania - Rega Phono - Blusound Node X - Naim V1 - Tsakiridis Theseus - Vestlyd 12c - Nordost Heimdal - Yba Cristal.
    Numero due: - Wiim Pro Plus - Marantz UD5005 - Marantz SR5005 - Qed. 
    ispanico
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3443
    Data d'iscrizione : 18.08.11
    Età : 62
    Località : pr. di Padova

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da ispanico Mer Apr 24 2024, 17:14

    Ecco grazie, come volevasi dimostrare. Mi sa tanto che erano moooolto meglio i vecchi integrati in classe AB.


    _________________
    ___________________________________________________________________________________________
    amiterno_rm
    amiterno_rm
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 305
    Data d'iscrizione : 31.10.23
    Località : In esilio

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da amiterno_rm Mer Apr 24 2024, 18:44

    Se solo si tenessero in disparte preconcetti e pregiudizi, senza, peraltro, inseguire le ultime novità tecnologiche o presunte tali, come capaci di far quadrare ogni cosa, probabilmente, si avrebbe un approccio più rilassato e a favore di questa nostra passione del buon ascolto. Tutto e subito, per quanto anelato, lo sappiamo non accade.

    Basti pensare che nel 1926 ( fonte Wikipedia ), Paul Rainey della Western Electric brevettò un DAC e quindi, la conversione PCM che mai entrò però in produzione ( una decina di anni dopo, la ITT reinventa e ribrevetta la PCM ) e già dal ventennio precedente, si studiava la PAM e la PCM.
    Nel 1955, Gordon e Talambiras brevettano “Signal Conversion Apparatus”, nel quale definiscono e descrivono la R-2R ladder DAC.

    Buona musica

    Enzo


    _________________
    “ Madame, avete tra le gambe uno strumento che può offrire piacere a migliaia di persone e tutto quello che sapete fare è grattarlo. “
    Thomas Beecham rivolto a una violoncellista
    audio_fan
    audio_fan
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 272
    Data d'iscrizione : 18.04.23

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da audio_fan Gio Apr 25 2024, 06:57

    JacksonPollock ha scritto:I classe D li devi "colorare" con la sorgente, ...
    Argomento interessante, a ben pensarci di componenti che conferiscono una colorazione nella catena già ce ne sono, toglierne di mezzo uno potrebbe essere una semplificazione rispetto alla ricerca del suono ideale.
    audio_fan
    audio_fan
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 272
    Data d'iscrizione : 18.04.23

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da audio_fan Gio Apr 25 2024, 07:12

    amiterno_rm ha scritto:...nel 1926... brevettò un DAC ...
    Eratostene nel 3.o secolo a.c. calcolò il diametro della terra, ma solo 1700 anni dopo la tecnologia (navale, nello specifico) fu matura al punto di trarne le conseguenze, è noto anzi che chi tentò l'impresa partì fidando su un calcolo sbagliato.
    JacksonPollock
    JacksonPollock
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5231
    Data d'iscrizione : 25.08.17
    Età : 43
    Località : Località

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da JacksonPollock Gio Apr 25 2024, 10:26

    audio_fan ha scritto:
    JacksonPollock ha scritto:I classe D li devi "colorare" con la sorgente, ...
    Argomento interessante, a ben pensarci di componenti che conferiscono una colorazione nella catena già ce ne sono, toglierne di mezzo uno potrebbe essere una semplificazione rispetto alla ricerca del suono ideale.

    Si fa da sempre, a partire dagli speaker per finire alle testine dei giradischi, in qualche misura anche con i cavi. Non è nemmeno un caso se il 98% dei monitor da studio vanno in classe D...

    Il "suono ideale" è sempre soggettivo... Lo puoi raggiungere con qualche consiglio (per orientarsi) ma principalmente deve passare da sperimentazione diretta perchè le "orecchie" sono le tue.
    La scelta di un'ampllificazione deve necessariamente consentire il pilotaggio dei diffusori (che sono la prima cosa), ma una volta garantita questa il resto va sulle preferenze e necessità (spazio, efficienza, posizionamento..).

    Le classi D sono una scelta assolutamente valida se cerchi una presentazione "agnostica" e a bassissimo consumo... Chi le implementa in maniera "seria" gli affianca anche un DSP.
    PaoloDM
    PaoloDM
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 218
    Data d'iscrizione : 16.10.23

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da PaoloDM Gio Apr 25 2024, 11:27

    Il problema, in parte risolto in alcune realizzazioni recenti di pregio, degli ampli a commutazione, è l'elevato tasso di controreazione necessario per farli suonare senza distorsioni udibili, che comunque sono di armoniche dispari di grado molto elevato.
    Il problema dei filtri è stato in parte risolto con frequenze di commutazione sempre più elevate, ma il loro utilizzo è sempre molto critico. È una tecnologia che ha molti lati positivi e pochi aspetti negativi che però sono decisamente dirimenti dal punto di vista sonoro.
    Il problema della colorazione è frutto a mio parere di un grosso equivoco, perché la vera criticità non è nell'equilibrio timbrico spesso molto corretto, quanto nella povertà timbrica che ne rende il suono un po' artefatto, vuoto e piatto.
    Personalmente ho provato per alcune riviste vari ampli a commutazione e l'unica amplificazione che mi ha veramente convinto al 100% senza farmi rimpiangere non solo ampli a stato solido in classe A o A/B ma anche valvolari sono stati gli AGD Vivace, che però all'epoca costavano 15.000 dollari ed avevano dentro tanta tecnologia....
    carloc
    carloc
    Moderatore
    Moderatore

    Numero di messaggi : 35065
    Data d'iscrizione : 27.07.11
    Località : Busto Arsizio (Ex motociclista)

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da carloc Gio Apr 25 2024, 12:00

    PaoloDM ha scritto:Il problema, in parte risolto in alcune realizzazioni recenti di pregio, degli ampli a commutazione, è l'elevato tasso di controreazione necessario per farli suonare senza distorsioni udibili, che comunque sono di armoniche dispari di grado molto elevato.
    Il problema dei filtri è stato in parte risolto con frequenze di commutazione sempre più elevate, ma il loro utilizzo è sempre molto critico. È una tecnologia che ha molti lati positivi e pochi aspetti negativi che però sono decisamente dirimenti dal punto di vista sonoro.
    Il problema della colorazione è frutto a mio parere di un grosso equivoco, perché la vera criticità non è nell'equilibrio timbrico spesso molto corretto, quanto nella povertà timbrica che ne rende il suono un po' artefatto, vuoto e piatto.
    Personalmente ho provato per alcune riviste vari ampli a commutazione e l'unica amplificazione che mi ha veramente convinto al 100% senza farmi rimpiangere non solo ampli a stato solido in classe A o A/B ma anche valvolari sono stati gli AGD Vivace, che però all'epoca costavano 15.000 dollari ed avevano dentro tanta tecnologia....

    Concordo!

    L'unica amplificazione a commutazione che ho apprezzato e provato qui sul Gazebo è stato l'Italiacoustic HSA-05. Tutto il resto mi ha dato le sensazione che hai correttamente espresso tu.
    Soprattutto mancano le armoniche e il suono risulta piatto.

    Just my two cents.


    _________________
    Rem tene verba sequentur

    https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t3-regolamento

    https://www.instagram.com/ilgazeboaudiofilo/?hl=it

    https://www.facebook.com/gazeboaudiofilo/
    amiterno_rm
    amiterno_rm
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 305
    Data d'iscrizione : 31.10.23
    Località : In esilio

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da amiterno_rm Gio Apr 25 2024, 12:21

    carloc ha scritto:
    PaoloDM ha scritto:Il problema, in parte risolto in alcune realizzazioni recenti di pregio, degli ampli a commutazione, è l'elevato tasso di controreazione necessario per farli suonare senza distorsioni udibili, che comunque sono di armoniche dispari di grado molto elevato.
    Il problema dei filtri è stato in parte risolto con frequenze di commutazione sempre più elevate, ma il loro utilizzo è sempre molto critico. È una tecnologia che ha molti lati positivi e pochi aspetti negativi che però sono decisamente dirimenti dal punto di vista sonoro.
    Il problema della colorazione è frutto a mio parere di un grosso equivoco, perché la vera criticità non è nell'equilibrio timbrico spesso molto corretto, quanto nella povertà timbrica che ne rende il suono un po' artefatto, vuoto e piatto.
    Personalmente ho provato per alcune riviste vari ampli a commutazione e l'unica amplificazione che mi ha veramente convinto al 100% senza farmi rimpiangere non solo ampli a stato solido in classe A o A/B ma anche valvolari sono stati gli AGD Vivace, che però all'epoca costavano 15.000 dollari ed avevano dentro tanta tecnologia....

    Concordo!

    L'unica amplificazione a commutazione che ho apprezzato e provato qui sul Gazebo è stato l'Italiacoustic HSA-05. Tutto il resto mi ha dato le sensazione che hai correttamente espresso tu.
    Soprattutto mancano le armoniche e il suono risulta piatto.

    Just my two cents.
    … a dimostrare che con implementazioni opportune, si possono raggiungere prestazioni di reale interesse.
    Nell’ambito in questione dell’amplificazione, che si parli di classe A, AB, D, G, H o S, importa che convergano al buon ascolto, al di là di qualunque barriera ideologica.

    Buona musica

    Enzo


    _________________
    “ Madame, avete tra le gambe uno strumento che può offrire piacere a migliaia di persone e tutto quello che sapete fare è grattarlo. “
    Thomas Beecham rivolto a una violoncellista
    JacksonPollock
    JacksonPollock
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5231
    Data d'iscrizione : 25.08.17
    Età : 43
    Località : Località

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da JacksonPollock Gio Apr 25 2024, 19:18

    Il problema della colorazione è frutto a mio parere di un grosso equivoco, perché la vera criticità non è nell'equilibrio timbrico spesso molto corretto, quanto nella povertà timbrica che ne rende il suono un po' artefatto, vuoto e piatto.

    Nessun equivoco.
    Nessuno ha parlato di equilibro timbrico, con colore si intende l'arricchimento della timbrica.
    Si colora uno spazio vuoto proprio per riempirlo.

    PaoloDM
    PaoloDM
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 218
    Data d'iscrizione : 16.10.23

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da PaoloDM Gio Apr 25 2024, 20:22

    In genere per timbrica colorata si intende un qualche spostamento dalla neutralità assoluta, individuabile ovviamente solo in strumenti acustici e nella voce umana.
    Si confonde spesso ricchezza armonica, che dona al suono realismo, pienezza e corposità, con timbrica colorata, spesso proprio adottata da molti costruttori per mascherare un contenuto armonico semplificato. In genere si spinge un po' sul medio-basso per dare questa sensazione, o si rallenta artatamente la velocità degli impulsi.
    Poi si tratta di categorie terminologiche, basta che ci si capisce insomma.
    JacksonPollock
    JacksonPollock
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5231
    Data d'iscrizione : 25.08.17
    Età : 43
    Località : Località

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da JacksonPollock Ven Apr 26 2024, 09:31

    La colorazione è su tutto lo spettro, ricondurla al medio-basso significa intercettare solo chi cerca calore... Ma non è raro cercare di spingere anche il medio alto o le alte, e quindi schiarire il suono.


    La neutralità è un concetto relativo, non esiste la neutralità assoluta.
    L'udito (come tutti i sensi) intercetta "differenze" ovvero cambiamenti da uno stato ad un altro.
    Devi prendere un riferimento, e il riferimento è sempre motivo di dibattito, tanto che spesso si scende nella filologia.

    Il descrittore qualitativo per quanto sia la strada migliore e più inclusiva per la comunicazione, è un "tradimento". 
    Stratificare il significato di quella che è per definizione una semplificazione confonde ancora di più, soprattuto quando non ci sono presupposti per individuare il riferimento.
    Se prendi lo stesso violino, tra budello e acciaio, trovi non solo le timbriche ma anche quella che chiami ricchezza armonica, totalmente diverse.
    La semplificazione armonica pertanto non è solo nelle elettroniche, è una concorrenza di tutto: strumenti, stanza, diffusori, presenza o meno di pubblico, microfono con cui registri... 
    In qualche misura ti dovrai accontentare... Anche perchè molto spesso è più a carico di chi incide quel brano sul supporto, che non di chi lo riproduce.

    Senza tralasciare la predisposizione (o interesse) della persona a scendere nel dettaglio.
    Quindi, se ti compri un classe D nell'intorno degli 800-100 Euro, come da thread, in base all'abbinamento con i diffusori lo vorrai in qualche misura colorare, o per frenarlo o per spingerlo.
    E l'unica strada per farlo (se con i diffusore o le cuffie sei già "arrivato") è passare dalla sorgente.


    Ultima modifica di JacksonPollock il Ven Apr 26 2024, 16:22 - modificato 1 volta.
    ispanico
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3443
    Data d'iscrizione : 18.08.11
    Età : 62
    Località : pr. di Padova

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da ispanico Ven Apr 26 2024, 10:12

    Comunque secondo me trattasi sempre di "soggettività" rapportata alle varie classi degli amplificatori in quanto sempre e solo preposti alla riproduzione dell'evento sonoro rispetto all'evento "live" , noi possiamo fare le pulci alle amplificazioni, ai dac, ai diffusori e quant'altro sempre si avrà a che fare con una sorta di manipolazione della musica. In qualche modo sempre secondo me...anche le varie classi di amplificatori subiscono una sorta di "equalizzazione" (che brutto termine) ecco il perché alcuni amplificatori suonano più "neutri" di altri più "colorati" e via così poi con la classe D e le sue declinazioni dovute ai vari moduli che si adottano.


    _________________
    ___________________________________________________________________________________________
    JacksonPollock
    JacksonPollock
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5231
    Data d'iscrizione : 25.08.17
    Età : 43
    Località : Località

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da JacksonPollock Ven Apr 26 2024, 10:17

    È proprio il concetto di neutro che non ha univocità.

    Quando leggo neutro o neutralità assoluta, penso in prima istanza alla registrazione/incisione e come il tecnico del suono ha prodotto quel disco.
    Non è raro che nei vari passaggi, per poter normalizzare il più possibile il contenuto, si vada ad un compromesso nel risultato finale.
    Perchè soprattutto per i diffusori, quelli che ascoltano con lo speaker bluetooth in mono un file stereo, si stanno avvicinando al 90% della popolazione mondale.

    Se vai da 10 esperti del settore, ti definirianno "neutro e naturale" qualsiasi amplificatore che non offre enfasi a determinate frequenze... 
    Ma poi se prendi due di questi "neutrali" a caso e li confronti vedrai che uno sembrerà "di destra" l'altro "di sinistra"... 
    Come le correnti, ma quelle della DC...  Integrati Nad (classe D) 775355
    amiterno_rm
    amiterno_rm
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 305
    Data d'iscrizione : 31.10.23
    Località : In esilio

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da amiterno_rm Ven Apr 26 2024, 10:35

    Tanto, spunta sempre l’estremità di centro! Laughing

    Buona musica 

    Enzo


    _________________
    “ Madame, avete tra le gambe uno strumento che può offrire piacere a migliaia di persone e tutto quello che sapete fare è grattarlo. “
    Thomas Beecham rivolto a una violoncellista
    ispanico
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3443
    Data d'iscrizione : 18.08.11
    Età : 62
    Località : pr. di Padova

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da ispanico Ven Apr 26 2024, 11:41

    JacksonPollock ha scritto:È proprio il concetto di neutro che non ha univocità.

    Quando leggo neutro o neutralità assoluta, penso in prima istanza alla registrazione/incisione e come il tecnico del suono ha prodotto quel disco.
    Non è raro che nei vari passaggi, per poter normalizzare il più possibile il contenuto, si vada ad un compromesso nel risultato finale.
    Perchè soprattutto per i diffusori, quelli che ascoltano con lo speaker bluetooth in mono un file stereo, si stanno avvicinando al 90% della popolazione mondale.

    Se vai da 10 esperti del settore, ti definirianno "neutro e naturale" qualsiasi amplificatore che non offre enfasi a determinate frequenze... 
    Ma poi se prendi due di questi "neutrali" a caso e li confronti vedrai che uno sembrerà "di destra" l'altro "di sinistra"... 
    Come le correnti, ma quelle della DC...  Integrati Nad (classe D) 775355
    A su questo non ci piove  Integrati Nad (classe D) 650957


    _________________
    ___________________________________________________________________________________________
    PaoloDM
    PaoloDM
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 218
    Data d'iscrizione : 16.10.23

    Integrati Nad (classe D) Empty Re: Integrati Nad (classe D)

    Messaggio Da PaoloDM Ven Apr 26 2024, 12:30

    È chiaro che la correttezza timbrica di una elettronica è un valore approssimato a ciò che possiamo sentire dal vivo.
    Ma una viola non deve mai suonare come un violoncello.
    Il concetto che a me è sempre piaciuto utilizzare è "realismo sonoro" che è frutto di una serie di elementi che comprendono anche la timbrica.
    E per quanto mi riguarda, con le eccezioni che citavo, i classe D suonano bene, se ben fatti, ma non suonano realistici.
    Per me.

      La data/ora di oggi è Lun Giu 24 2024, 03:34