Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Audiofilia
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Audiofilia

    Share

    BandAlex
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 204
    Data d'iscrizione : 2010-09-15
    Età : 52
    Località : ROMA

    Audiofilia

    Post  BandAlex on Sat Apr 27, 2013 5:22 pm

    Audiofilia
    Con il termine Audiofilia si intende la materia che studia il miglioramento della musica riprodotta da apparecchiature elettroniche in ambiente domestico, da parte di un appassionato audiofilo. La sorgente del suono può essere il disco in vinile, un Compact disc, nastro magnetico o un file audio.
    Da: Wikipedia, sul termine "audiofilia"

    Questa definizione è fondamentale, ma molti di coloro che trattano e scrivono di alta fedeltà su internet sembra che se la siano dimenticata. O forse non sono mai venuti a conoscenza dei moventi reali che dovrebbero giustificare la loro stessa esistenza. Naturalmente non è sufficiente avere l'amplificatore o la cuffia più costosi per definirsi audiofili, è una cosa per la quale non bastano i soldi, come in tutte le discipline che si rispettino. Forse il termine disciplina può sembrare eccessivo per una materia all'apparenza così futile come può esserlo l'audiofilia, ma è chiaro che non può esistere alcuna forma di espressione, neanche un semplice hobby, senza regole ben precise.

    Leggendo bene la definizione di Wikipedia si possono scoprire alcune di queste regole; può essere utile rivederle un attimo insieme.

    Con Audiofilia si intende la materia che studia il miglioramento
    L'inizio di questa frase mi piace molto, perchè fa capire che tale materia è tuttora cosa viva: il miglioramento di cui si tratta evidentemente è ancora in corso, non si è raggiunta la perfezione e ancora si deve lavorare per questo. Alla faccia di coloro che invece pensano che si sia già detto tutto e amen.

    che studia il miglioramento della musica riprodotta
    Questa è la prima regola, tenetela bene a mente. La differenza la fa il termine riprodotta. Senza quel termine non solo cambierebbe il senso della frase (si parlerebbe di musica e musicisti) ma verrebbe a mancare l'essenza stessa della materia, che è la riproduzione sonora. Può apparire banale, ma è chiaro che non è sufficiente essere dei musicisti o dei grandi frequentatori di sale da concerto per capirne di audio e riproduzione sonora. Anzi, la parola musica non doveva neanche essere usata, perchè l'obiettivo è quello del miglioramento della riproduzione di un evento sonoro, qualunque esso sia. Per questo l'alta fedeltà è compatibile con il cinema, ad esempio.

    che studia il miglioramento della musica riprodotta da apparecchiature elettroniche
    Qui si entra nello specifico, diciamo che si indicano gli strumenti utilizzati dall'audiofilo. Non si tratta però di strumenti musicali ma di apparecchiature elettroniche, che evidentemente l'audiofilo deve ben conoscere. Amplificatori, lettori cd, convertitori, e tutto il resto che viene utilizzato per la riproduzione sonora in un ambito ben delineato e cioè

    in ambiente domestico.
    E questa è la terza regola, secondo me quella che caratterizza di più tutta la materia. Con questa regola si tengono fuori il professionale (ivi compresa la cosiddetta "alta efficienza" e tutte le limitazioni legate al suo uso), i portatili (quindi niente riproduttori come iPod, iPad, iCazz e tutte le varianti del caso, inclusi ovviamente i cellulari e le cuffiette da passeggio), gli ambienti ostili ad una riproduzione audio di qualità (treni, aerei, metropolitane, cantieri, automobili e autobus) e in generale tutto ciò che possa sovrapporsi alla naturale emissione sonora e alla sua ottimale fruizione. E' la regola più "aristocratica" dell'audiofilo, ma è anche quella che va difesa con più fermezza se si vuole dare un senso a tutta la materia. Il che non vuol dire che non si possa continuare ad ascoltare musica in automobile, ad esempio. Solo che tale tipo di ascolto non può essere considerato "hi-fi" per via delle notevoli limitazioni a cui è soggetto.

    Se la definizione si fermasse a questo punto, avrebbe reso un buon servizio alla causa dell'audiofilia. Invece nelle righe successive compare un po' di confusione, quella stessa confusione che regna sovrana da troppi anni, e che complica le cose anche a chi è già esperto in materia.

    Si legge infatti:

    Lo scopo dell'audiofilo è l'ottenimento in riproduzione, di un suono quanto più reale possibile, attraverso la combinazione di vari apparecchi...

    Fin qui, è perfettamente condivisibile ed è proprio l'obiettivo primario: la riproduzione il più possibile fedele di un evento sonoro. Notate nella frase precedente l'uso della parola "suono", mentre prima la definizione parlava di "musica". La mano è diversa, oppure è l'effetto della confusione in atto. Inoltre il termine "suono" da solo non vuol dire assolutamente nulla, in quanto un suono può essere qualunque cosa, per sua natura non facilmente identificabile. Se l'audiofilo non può identificare un suono, non può nemmeno capire se l'impianto che lo riproduce è fedele o meno, e quindi occorre che il suono sia inserito quantomeno in un contesto ben preciso e riconoscibile, ad esempio un evento dal vivo, come un mercato all'aperto caratterizzato dai rumori tipici di persone che parlano, rumori di oggetti, ecc.

    ...secondo criteri prettamente acustici ed empirici.

    Nel suo insieme questa precisazione rappresenta un'ovvietà e una falsità. E' ovvio che l'audiofilo abbia a che fare con eventi acustici, visto che utilizza le sue orecchie per giudicare la qualità della riproduzione, ma limitare all'empirico le sue possibilità sembra proprio una forzatura, i motivi della quale diventano chiari proseguendo nella lettura della definizione data da Wikipedia:

    Anche i cavi che collegano le varie apparecchiature sono considerati elementi che possono modificare le caratteristiche del suono, alla pari degli altri componenti della catena.

    In questa frase ci sono almeno tre cose che non vanno. Innanzitutto, l'utilizzo - ancora - della parola "suono" che usata in questo modo è assolutamente priva di senso. Il suono di cosa? Si induce il lettore a credere che i cavi possano avere un loro suono, e che ce l'abbiano anche le varie apparecchiature elettroniche utilizzate, suono che i cavi contribuirebbero a modificare. E' in tutta questa giungla di suoni più o meno controllabili che si dovrebbe collocare l'empirismo dell'audiofilo di cui parlava prima l'autore? Se tutto ha un suono, compresi i cavi, allora chi stabilisce qual è il suono giusto? Utilizzate il metodo empirico, please. Non è un granchè come regola, perchè in questo modo tutti possono dire tutto e il contrario di tutto, e l'audiofilia, "materia che studia ecc." va a farsi benedire.

    Poi si mettono sullo stesso piano i cavetti e le elettroniche nella loro capacità di modificare la riproduzione. Ovviamente ciò è sbagliato. E' come se un appassionato di auto parlasse dei bulloni delle ruote dicendo che "contribuiscono alla tenuta di strada alla pari degli altri elementi dell'automobile". E' ovvio che i bulloni sono necessari ma, una volta che si sia appurato che essi sono robusti a sufficienza, non contribuiscono affatto alla guidabilità di un'autovettura, che siano fatti di acciaio o di oro puro conta poco. In un collegamento audio si hanno dei parametri elettrici ben definiti i quali devono essere rispettati, e il cavo serve proprio a questo: a trasferire segnali elettrici senza alterarli. Se l'utilizzo di un cavo fosse così critico da essere determinante, pensate a quanto sarebbe rischioso l'utilizzo di un'automobile se i bulloni delle ruote o del motore fossero altrettanto critici.

    E' questa differenza fondamentale che rende l'appassionato di automobili una persona credibile, e invece l'audiofilo una persona da prendere in giro. Se anche su Wikipedia leggiamo simili sciocchezze, e nessun vero audiofilo le corregge, vuol dire che non c'è più speranza.


    _________________
    Alex
    www.giardinoelettronico.com

    piroGallo
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6716
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Località : tra Monferrato e Langa

    Re: Audiofilia

    Post  piroGallo on Sat Apr 27, 2013 5:33 pm

    BandAlex wrote:
    ...
    (ivi compresa la cosiddetta "alta efficienza" e tutte le limitazioni legate al suo uso)

    Questa esclusione potrebbe, giustamente a mio avviso, essere ritenuta arbitraria e contestabile in quanto alta efficienza e ambiente domestico non si pongono affatto in antitesi.


    _________________
    Gianni

     

    "L'uomo che non ha la musica nel cuore ed è insensibile ai melodiosi accordi
    è adatto a tradimenti, inganni e rapine; i moti del suo animo sono spenti come la notte,
    e i suoi appetiti sono tenebrosi come l'Erebo: non fidarti di lui."
    (William Shakespeare, Il mercante di Venezia)

    "Meno muggiti e più ruggiti"
    (Autocitazione)

    montanari
    Moderatore mercatino

    Numero di messaggi : 5863
    Data d'iscrizione : 2011-04-06
    Età : 37
    Località : Morciano di R. - vespista

    Re: Audiofilia

    Post  montanari on Sat Apr 27, 2013 5:53 pm

    e io che pensavo fosse la mallattia che induce a una costante ricerca di miglioramento (il meglio è nemico del bene)
    del sistema audio
    in ambienti non consoni (loculi)
    che porta ad un acquisto (quando va bene compra/vendita) compulsivo di nuove apparecchiature
    ...

    (la musica che ascolto col mio dap e le mie cuffie-da passeggio- in aereo e alla stazione, è hi fi)


    _________________
    le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà

    BandAlex
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 204
    Data d'iscrizione : 2010-09-15
    Età : 52
    Località : ROMA

    Audiophilia

    Post  BandAlex on Tue Apr 30, 2013 2:32 pm

    Audiophilia
    An audiophile is a person enthusiastic about high-fidelity sound reproduction.
    (Da Wikipedia.org in inglese, sul termine "Audiophilia")

    Sul termine "Audiophilia", il sito in inglese di Wikipedia ci rimanda invece al termine "Audiophile", del quale ci fornisce la splendida definizione che leggete sopra.

    L'audiofilo è una persona entusiasta della riproduzione sonora in hi-fi.

    In una riga si definisce l'audiofilo in maniera molto precisa, utilizzando il termine hi-fi, con tanto di link. Tale termine invece nella definizione italiana è usato solo di striscio, e solo dopo un più nebuloso "hi-end" e persino dopo la parola "esoterico", termine che con l'audio non dovrebbe avere nulla a che fare. Ma noi siamo maestri nel complicare le cose semplici, per cui sul sito italiano troviamo una perla come questa:

    Tale proponimento (evidentemente quello dell'audiofilo, ndr) avviene con l'utilizzo di apparecchiature atte a riprodurre il suono nella migliore forma possibile. Il settore commerciale di queste apparecchiature viene definito Hi-end o Esoterico e si pone tra il settore Hi-fi e il cosiddetto "professionale".

    Di questa frase pasticciata ho evidenziato in neretto le parti più demenziali. Della confusione che regna abbiamo già parlato, ma questa frase è talmente ricca di spunti che la analizziamo per bene. Innanzitutto, quando qualcuno usa la frase "riprodurre il suono", la domanda da porsi subito è: de che? Soprattutto se subito dopo scrive che bisogna riprodurlo "nella migliore forma possibile". L'idea - errata - è quella che il suono in se stesso possegga delle qualità, più o meno buone, e che ovviamente l'audiofilo ricerchi quelle buone. Ma il suono, ad esempio, di un violino, è quello che è. Non esiste un suono "migliore" del violino, e nemmeno può essere migliorato da qualcosa. Per un audiofilo, la migliore riproduzione del violino dovrebbe essere quella più fedele alla registrazione, ovvero quella che meglio rappresenta l'evento sonoro per come è avvenuto nella realtà o per come era nella testa di chi ha prodotto la registrazione. Purtroppo invece la frase incriminata lascia intendere tutto il contrario, perchè mette al centro il "suono" come soggetto astratto dotato di qualità particolari. Naturalmente, come si può immaginare, le qualità sono quelle trattate dall'esoterico, di cui ben conosciamo i termini astratti. E infatti, subito dopo si legge che

    Il settore commerciale di queste apparecchiature viene definito Hi-end o Esoterico.

    Cosa c'entri il settore commerciale con la definizione dell'audiofilo dio solo lo sa, ma addirittura si precisa che esso si pone tra il settore Hi-fi e il cosiddetto "professionale".

    E' vero che in medio stat virtus, ma questa affermazione, oltre ad essere arbitraria, non fa che complicare le cose. Anche perchè poi rimane da spiegare cos'è l'hi-fi, per non parlare del "professionale", visto che viene citato senza neanche uno straccio di nota a margine.

    Insomma, un completo disastro. La frase analizzata rappresenta in maniera molto precisa lo stato attuale in cui versa tutto il settore nel nostro paese. Non siamo in grado neanche di scrivere una definizione su Wikipedia, tale è il livello di confusione e di sciatteria che abbiamo raggiunto. Se all'ignoranza si mescolano gli interessi di bottega, i risultati non possono che essere quelli che abbiamo sotto gli occhi ogni giorno: è impossibile non notare come in questo settore i mali siano del tutto simili a quelli che affliggono la politica e la nostra società nella sua interezza.

    Tornando al sito inglese, si vede come il termine "cavo" venga citato solo una volta, e soltanto per un laconico

    Signal cables (analog audio, speaker, digital audio etc.) are used to link these components.

    ovvero "i cavi di segnale (analogici, diffusori, digitali, etc.) sono usati per collegare questi componenti". Tutto qui. Evidentemente ne sanno molto meno di noi, almeno in cavettologia.


    _________________
    Alex
    www.giardinoelettronico.com

    fil
    Nuragico
    Nuragico

    Numero di messaggi : 1649
    Data d'iscrizione : 2010-04-23
    Età : 55
    Località : Sardegna

    Re: Audiofilia

    Post  fil on Tue Apr 30, 2013 7:15 pm

    BandAlex wrote:

    E' questa differenza fondamentale che rende l'appassionato di automobili una persona credibile, e invece l'audiofilo una persona da prendere in giro. Se anche su Wikipedia leggiamo simili sciocchezze, e nessun vero audiofilo le corregge, vuol dire che non c'è più speranza.

    Oppure che si può fare a meno di leggere Wikipedia...


    _________________
    Ciò che non esiste nello spirito non può esistere nemmeno nella realtà.
    (Parola di nuragico!)

      Current date/time is Sat Dec 10, 2016 9:25 pm