Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Un omo (er sorcio) un mito
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Un omo (er sorcio) un mito

    Share

    Ospite
    Guest

    Un omo (er sorcio) un mito

    Post  Ospite on Sat Jan 02, 2010 10:16 am

    Er gallo e er sorcio

    C'era 'na vorta un gallo che cciaveva pe' compare un sorcio che ce sentiva poco. Un giorno se n'agnédeno tutt'e due a spasso in campagna e trovorno un albero de noce. Er sorcio disse al gallo :
    - Compare gallo, perchè nun t'arampichi su 'st'arbero de noce e ne bbutti ggiù un po', che io sto qui ssotto a riccojélle?
    - Hai fatto 'na bbella pensata, compare sorcio mio, - j'arispose er gallo. - Aspetta qua, che io mo' ssalisco su ll'arbero e tte le bbutto.
    E, ddetto fatto, ce montò. Ma in der mejo che stava a bbuttà' ggiù le noce, una, tunfete! n'agnede in testa a quer povero compare sorcio, e lo ferì!
    Er gallo, pe' nun fasse agguantà' da la ggiustizia, quanno vidde er male ch'aveva fatto, mésse mano a l'ale, e, ttéla! Quer povero sorcio, allora, arimasto abbandonato dar compare traditore, se messe tutto sconsolato in cammino, pe' vede' un po' de trovà' quarche anima pietosa che l'avesse vorsuto medicà. Infatti, fatti appena 'na decina de passi, incontrò 'na donna, e je disse :
    - Donna, damme pezza pe' mmedicà la testa, chè compare gallo m'ha fferito in testa.
    Quela donna j'arispose :
    - Io te do la pezza, si ttu me trovi un po' dde pelo de cane,
    Er sorcio sgammé sgammé, fintanto che ttrovò un cane, e je fece :
    - Cane, damme pelo ; pelo porto a donna : donna me dà pezza pe' mmedicà' la testa, ché compare gallo m'ha ferito in testa.
    Er cane je fece, dice :
    - Damme un pezzo de pane, che tte do er pelo.
    Allora lui tròtta e t'aritròtta, infinenta che ttrovò un forno, e je fece :
    - Forno, damme pane ; pane porto a ccane ; cane me dà ppelo ; pelo porto a ddonna ; donna me dà pezza pe' mmedicà' la testa, ché compare gallo m'ha fferito in testa.
    Er forno j'arispose :
    - Si mme dai la legna te do er pane, si nnó, nno.
    Allora lui in quattro sarti ariva in d'una macchia e je dice :
    - Macchi, damme legna ; legna porto a forno ; forno me dà ppane ; pane porto a ccane ; cane me dà ppelo ; pelo porto a ddonna ; donna me dà ppezza pe' mmedicà' la testa, ché ccompare gallo m'ha fferito in testa.
    La macchia je fece, dice :
    - Io nun te posso dà la legna, si pprima tu nu' mme dai l'acqua.
    Er sorcio, che fa? S'arimette in cammino pe' ttrovà' l'acqua. Finarmente trovò 'na funtana e je fece :
    - Fontana, damme acqua ; acqua porto a mmacchia ; macchia me dà llegna ; legna porto a fforno ; forno me dà ppane ; pane porto a ccane ; cane me dà ppelo ; pelo porto a ddonna ; donna me dà ppezza, pe' mmedicà' la testa, ché ccompare gallo m'ha fferito in testa.
    La funtana j'arispose ;
    - Pija puro.
    Ma ècchete che mentre er povero compare sorcio stava a pijà' l'acqua, je prese un giramento de testa tanto forte, che ccascò in de la funtana e cce morì affogato.

    Morale:
    allora qualcuno si vuol decidere a dare una mano a stò sorcio ferito che và da un forum all'altro a chiedere aiuto non vorrete avere tutti sulla coscienza un povero sorcio che ci sentiva poco.

      Current date/time is Wed Dec 07, 2016 9:42 am