Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
I cd possono rovinarsi col caldo?
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    I cd possono rovinarsi col caldo?

    Share
    avatar
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2488
    Data d'iscrizione : 2011-08-18
    Età : 56
    Località : pr. di Padova

    I cd possono rovinarsi col caldo?

    Post  ispanico on Thu Sep 14, 2017 10:35 am

    Spero sia la sezione adatta....

    Sapete dirmi se i cd soffrono le alte temperature dell'estate in ambiente domestico col clima spento, diciamo sui 29° - 30° ?
    avatar
    Calbas
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 2017-05-26
    Località : Varese

    Re: I cd possono rovinarsi col caldo?

    Post  Calbas on Thu Sep 14, 2017 7:43 pm

    Pur non avendo fatto dei test di laboratorio sono sicuro di no.
    Ovvero, se li tieni in casa che ci siano 30° oppure 40° (se abiti al Cairo) il CD non si rovina.
    Diverso se li lasci al sole d'estate, dove senza che te accorgi si riscaldano a temperature molto più alte; se poi hanno una copertina nera vedi...

    Potrebbe essere che stando per anni ad alte temperature la loro vita utile diminuisca, ma parliamo di decenni.

    Invece ho il sospetto che ci siano degli agenti dannosi:
    in una stanza dove è presente un filtro elettrostatico (produce piccole quantità di ozono), leggere particelle di fumi da sostanze grasse e plastiche (ma stiamo parlando di atmosfera ben respirabile), campi elettrici e magnetici piuttosto forti (rispetto ad un ambiente domestico); mi è capitato di trovare illeggibili, dopo qualche anno, moltissimi masterizzati e il 20% dei CD.
    Non so se qualcuno di questi agenti è il responsabile, però lì è capitato con una percentuale molto superiore a quella normale.
    (i CD erano in uno scaffale lontano 5 mt dalle fonti )

    avatar
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2488
    Data d'iscrizione : 2011-08-18
    Età : 56
    Località : pr. di Padova

    Re: I cd possono rovinarsi col caldo?

    Post  ispanico on Thu Sep 14, 2017 9:01 pm

    Non so quali siano le fonti di cui parli...io ne ho da decenni e non ho mai avuto un solo cd che sia illeggibile. La mia richiesta deriva dal fatto che forse li dovrei spostare dal soggiorno dove c'è sempre una temperatura "normale" alla stanza da letto su appositi scaffali dove in estate quando tengo tutto chiuso e al buio e clima spento si arriva a 30° come niente mentre la notte accendo il climatizzatore si può arrivare anche a 27° e fin qui credo nessun problema ma in inverno è la stanza tra le più fredde...quindi sbalzi notevoli tra estate e inverno...alla lunga non saprei...
    avatar
    Calbas
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 33
    Data d'iscrizione : 2017-05-26
    Località : Varese

    Re: I cd possono rovinarsi col caldo?

    Post  Calbas on Thu Sep 14, 2017 9:19 pm

    Insomma, vendono Cd in tutto il mondo e non credo che chi abita in Africa o in Alaska debba farsi problemi sulla durata.
    Ci sono moltissimi paesi in cui le escursioni termiche sono esasperate rispetto alla nostra zona temperata.

    avatar
    ispanico
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2488
    Data d'iscrizione : 2011-08-18
    Età : 56
    Località : pr. di Padova

    Re: I cd possono rovinarsi col caldo?

    Post  ispanico on Thu Sep 14, 2017 10:49 pm

    Speriamo ben.
    avatar
    fonografo
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 80
    Data d'iscrizione : 2018-10-23
    Località : Rimini

    Re: I cd possono rovinarsi col caldo?

    Post  fonografo on Tue Nov 13, 2018 11:40 pm

    Saluti,
    scusate se vado un pò fuori tema (danneggiamento da calore)..........................

    i CD come i DVD vengono stampati su sottilissimi "film" metallici (di solito alluminio) che vengono poi protetti con speciali lacche fissative.
    Purtroppo alcuni impianti hanno "tirato" a fare economie di produzione riducendo la qualità della lacca fissativa che si è dimostrata permeabile ad alcune sostanze (presenti nell'aria)
    In esito a questa permeabilità il "film" metallico è andato soggetto in queste stampe a corrosione (che si evidenzia con il cambio del colore del supporto da argenteo
    a bronzeo) tanto da provocarne la mancata lettura. Il problema era chiamato "bronzing" appunto per il colore.
    Se vengono rispettati tutti i "dettami" per la produzione dei supporti e vengono tenuti in buone condizioni probabilmente dureranno un bel pò di tempo (probabilmente una vita).

    Ma se volete che la vostra collezione di dischi rimanga per i vostri nipoti........comprate il disco nero......tra 500 anni un disco in vinile suonerà sempre.....i CD probabilmente no
    e neppure le memorie "flash" e gli hard disk "men che meno"......




    _________________
    La musica è l’unico piacere sensuale senza vizi. (Samuel Johnson)
    Buone cose.
    Francesco

      Current date/time is Tue Dec 18, 2018 2:12 pm