Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Peo plays Bach
Il Gazebo Audiofilo

Human Pleasure HI-END

    Peo plays Bach

    apostata
    apostata
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 659
    Data d'iscrizione : 22.04.10
    Località : Roma

    Peo plays Bach Empty Peo plays Bach

    Messaggio Da apostata Mer Apr 04 2012, 09:45

    Peo plays Bach Peo10


    Peo plays Bach Peo210


    Opere poco eseguite, le composizioni per liuto (e per altri strumenti) di Bach rappresentano invece una delle basi dell'approccio alla musica dei chitarristi classici.

    Peo Alfonsi, fratello del nostro "Magister Stax", chitarrista di cui avevo ascoltato la performance in "Remarkramer", edito da Lincetto, questa volta rischia in proprio producendo direttamente questo disco che ho voluto ascoltare più volte prima di scriverne.

    Una esecuzione molto particolare che mi ha dato la sensazione che Peo non stesse facendo un concerto, ma che suonasse per sé stesso, per il proprio piacere, senza esibizione di virtuosismi in una esecuzione in cui pare tutto eseguito con facilità e scorrevolezza, e l'abilità tecnica pare normale routine.

    La registrazione presenta una ottima ricostruzione dell'ambiente mantenendo un notevole dettaglio e, soprattutto, mantenendo tutti i rumori tecnici che si producono suonando.

    La grande ricchezza armonica e la fedeltà di cui dicevo sopra mi hanno fatto apprezzare il fatto che l'ingegnere del suono, Carlo Cantini, fosse anche un musicista che ha spesso suonato con Peo.

    Ascoltato con Stax omega e Rudistor Egmont classic.







    _________________
    Guglielmo

    Peo plays Bach 528114 una risata vi seppellirà Peo plays Bach 528114 Peo plays Bach 528114
    .
    Dragon
    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 23.12.08
    Età : 59
    Località : Pisa (Motociclista)

    Peo plays Bach Empty Re: Peo plays Bach

    Messaggio Da Dragon Mer Apr 04 2012, 21:56

    apostata ha scritto:
    Una esecuzione molto particolare che mi ha dato la sensazione che Peo non stesse facendo un concerto, ma che suonasse per sé stesso, per il proprio piacere, senza esibizione di virtuosismi in una esecuzione in cui pare tutto eseguito con facilità e scorrevolezza, e l'abilità tecnica pare normale routine.

    La registrazione presenta una ottima ricostruzione dell'ambiente mantenendo un notevole dettaglio e, soprattutto, mantenendo tutti i rumori tecnici che si producono suonando.

    La grande ricchezza armonica e la fedeltà di cui dicevo sopra mi hanno fatto apprezzare il fatto che l'ingegnere del suono, Carlo Cantini, fosse anche un musicista che ha spesso suonato con Peo.


    Grazie apostata per questa tua descrizione, mi hai destato curiosità...credo che cercherò ed acquisterò questo disco. Peo plays Bach 285880


    _________________
    Ai cavalli mettono i paraocchi...noi li abbiamo a corredo fin dalla nascita.

      La data/ora di oggi è Dom Giu 23 2024, 05:49