Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

Vinili nuovi rovinati!ma è possibile?


davidgilmour
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1499
Data d'iscrizione : 26.11.11

Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 Empty Re: Vinili nuovi rovinati!ma è possibile?

Messaggio Da davidgilmour il Mer Gen 14 2015, 20:55

@pevaril ha scritto:

Beh, ovviamente essendo un modesto collezionista e conoscitore del vinile in genere, sono al corrente di quanto dici Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 285880 Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 625723
Tuttavia ti assicuro che le quotazioni correnti sono quelle che ho detto, tranne che per alcune stampe asiatiche le quali tuttavia si portano a casa con 40-50 €. Per il resto c'è molta speculazione in giro, basta non farsi raggirare: anche a me un espositore in fiera ebbe il coraggio di chiedere 35€ per una copia indecente di Somewhere in Time, che a mio avviso a 8-9 € sarebbe stata già ben pagata Laughing Laughing Laughing

Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 285880 Ok ci credo, ma mi sembrava solo strano che i prezzi rispetto a poco piu' di 10 anni fa siano rimasti invariati.. vabbè che i dischi dei Maiden li ho presi intorno la fine degli anni '90 pagati piu o meno dalle 12 alle 15 mila lire.. i dischi piu o meno rari e costosetti dei Maiden, come saprai, sono ben altri, tipo il triplo lp donington '92, qualche 7'' tipo 2 minutes to midnight ed alcuni bootleg. Tornando a Piece of Mind, sono stato due volte in svezia a vedere un festival, parlando con un ragazzo svedese di dischi, si è finito a parlare dei ;Maiden è dell'album in questione.. stampe italiane difficili da reperire nei mercatini ecc.. lo aveva trovato in un mercatino pagandolo 800 corone! Probabilmente lo hanno fregato, ma i prezzi che giravano per alcune copie italiane erano quelli.

Quoto sul discorso ''raggirare'' bene o male in questi anni un po' di esperienza me la sono fatta e su certe band so riconoscere (non sempre) le stampe originali o ristampe successive, e quanto puo essere quotato.. c'è un tipo nella mia città che fa il furbetto su molti dischi in vinile, è l'unico che ti piazza delle stampe o ristampe italiane di band come king crimson, led zeppelin o pink floyd a 40/50 euro.. purtroppo i polli che ci cascano li trova..
Nicola_83
Nicola_83
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 2740
Data d'iscrizione : 30.05.10
Età : 36
Località : Savignano sul Rubicone

Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 Empty Re: Vinili nuovi rovinati!ma è possibile?

Messaggio Da Nicola_83 il Mer Gen 14 2015, 20:59

qualcuno a parte david può dirmi qualcosa sul mio caso ac dc
davidgilmour
davidgilmour
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1499
Data d'iscrizione : 26.11.11
Età : 36
Località : Genova

Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 Empty Re: Vinili nuovi rovinati!ma è possibile?

Messaggio Da davidgilmour il Mer Gen 14 2015, 21:02

@Nicola_83 ha scritto:anche con piece of mind mi sono accaordo che con l'ultima canzone strappa....striscia...io non ci credo che è colpa del giradischi...lo farebbe con qualsiasi cosa

Infatti Nicola, ha ragione Pevaril, potrebbe essere il giradischi mal calibrato, braccio, testina, antiskating, ecc.. fossi in te farei un check del tutto, basta poco per combinare casini e rischi di rovinare testina e dischi.. Se non l'hai mai fatto, cerca qualche tutorial sul tubo, ci sono miliardi di esempi su come mettere in bolla un giradischi.


_________________
Alessandro

Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 40845011
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7503
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 65
Località : Milano

Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 Empty Re: Vinili nuovi rovinati!ma è possibile?

Messaggio Da RockOnlyRare il Mer Gen 14 2015, 23:31

@pevaril ha scritto:

La questione difatti non è semplice, ed investe entrambi i supporti, sia analogico che digitale. Sinceramente non è facile spiegare con sufficiente chiarezza e attraverso l'uso di una tastiera quante siano le variabili in gioco (molte Laughing )
Faccio subito un esempio pratico: ho 5 diverse versioni in CD di Brothers in Arms, apparentemente simili. Stesso Bar Code, stessa cover ecc ecc. Le differenze stanno in primis nella provenienza, ovvero dove il CD è stato stampato e nella differente masterizzazione originaria. Se ricordo bene questo lavoro dei Dire Straits è stato prodotto con l'intervento di 3 diversi e valenti tecnici. Resta il fatto che di queste 3 versioni esistono stampe disseminate in tutto il mondo, benchè le migliori, a giudizio di noi appassionati, siano quelle tedesche, inglesi, usa e anche francesi.
Il discorso si complica per il vinile, sebbene per gli addetti ai lavori Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 285880 Vinili nuovi rovinati!ma è possibile? - Pagina 3 285880  sia relativamente facile appurare se il disco è davvero una prima edizione e anche una prima stampa. Generalmente il n° di matrice fornisce una indicazione attendibile, ma chiaramente è sempre  meglio fare riferimento ai vari database presenti in rete.

Grazie per la spiegazione, in effetti è più o meno quello che supponevo, perchè dal solo "made in" o l'anno di ri-pubblicazione (nel cado di cd) non si hanno sufficienti informazioni. Che poi ci siano differenze macroscopiche tra una edizione ed un'altra non solo per diverse masterizzazioni ma solo per la nazione in cui il disco è stampato è una cosa secondo me indecente ed una presa in giro per i clienti a cui dovrebbe essere garantita la stessa qualità a parità di costi.
Insomma se ci sono vinili di "serie A, B e C", dovrebbero costare in proporzione... al momento capita solo con le edizioni audiofile che però hanno "spesso" prezzi al limite dell'assurdo (ricordo una riedizione di Aqualung dei Jethro Tull in vinile singolo venduta a 70€) !!!! no grazie .


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.

    La data/ora di oggi è Sab Lug 20 2019, 07:08