Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?


steve966
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 298
Data d'iscrizione : 15.02.16

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da steve966 il Dom Ago 02 2020, 12:50

Secondo me sicuramente amplificatore dedicato, specialmente se deve pilotare cuffie dinamiche, in quanto ha delle protezioni contro eventuali picchi di tensione che potrebbero danneggiare la cuffia.

Per le planari sono anch'io d'accordo, come puntualizzato da remasters, di non utilizzarle con ampli per diffusori collegate direttamente alla uscita altoparlanti, in quanto molto stressante e con rischio di soffiare fuori il driver. 

Riguardo il discorso costi, penso che ad oggi non ci sia nessun problema in quanto si trovano prodotti dedicati a qualsiasi fascia di prezzo.
Poonie
Poonie
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 670
Data d'iscrizione : 18.09.12

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Poonie il Lun Ago 03 2020, 09:23

@Buranello64 ha scritto:Poonie per curiosità il tuo ampli in kit qual 'è?
Il mio è Lo scherzo di chiomenti.
Mi sa che io volo più basso, è l'amplificatore LX1309 di Nuova Elettronica, e non ho nemmeno acquistato il kit, ho comprato direttamente l'ampli bell'e fatto da un amico che lo aveva realizzato per curiosità, ritrovandosi i componenti in casa, rivista compresa.
Io invece mi sono trovato ad ascoltarlo, per curiosità.
Ero reduce da una cocente delusione con un Burson Audio HA160 di poco tempo prima, e subito fin dalle prime note ho avvertito quel che si suol dire "un altro mondo".
Ovviamente per quelli che sono i miei gusti.
Visto che ce l'aveva così per caso, gliel'ho arraffato immediatamente, provato e requisito. Laughing

Per la cronaca, la rivista risale al 1997, e il kit completo di mobile si poteva avere a casa con 250.000 lire scarse.


_________________
**************************************************************************************

-- God bless Vintage --                                                                 -[i]- Avatar: Altec Lansing 600B -- [/i]
grazianux
grazianux
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1564
Data d'iscrizione : 11.12.11
Età : 47

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da grazianux il Lun Ago 03 2020, 10:31

Credo dipenda essenzialmente da cosa si cerca.
Uno plificatore cuffie di pregio darà risultati eccellenti con quasi tutte le cuffie, con le dovute eccezioni.
Chiarente il vantaggio sarà un pilotaggio più corretto per una questione di erogazione e impedenza, almeno sulla carta.
Ser si arte da 0 e' la soluzione più semplice, costosa si, ma non e' vero aliini integrati buoni li regalino
Se già li si ha in casa, ovviamente si può provare e se van bene, amen.
grazianux
grazianux
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1564
Data d'iscrizione : 11.12.11
Età : 47

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da grazianux il Lun Ago 03 2020, 10:32

@steve966 ha scritto:Secondo me sicuramente amplificatore dedicato, specialmente se deve pilotare cuffie dinamiche, in quanto ha delle protezioni contro eventuali picchi di tensione che potrebbero danneggiare la cuffia.

Per le planari sono anch'io d'accordo, come puntualizzato da remasters, di non utilizzarle con ampli per diffusori collegate direttamente alla uscita altoparlanti, in quanto molto stressante e con rischio di soffiare fuori il driver. 

Riguardo il discorso costi, penso che ad oggi non ci sia nessun problema in quanto si trovano prodotti dedicati a qualsiasi fascia di prezzo.
Quotone carpiato
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Lun Ago 03 2020, 10:37

Poonie l'ho avuto anche io il piccoletto di Nuova elettronica e devo dire che non era affatto male  rispetto all'uscita cuffia del mio cd di allora (Micromega Stage 3... purtroppo!!!!!).

Anch'io non sono rimasto insoddisfatto dell'esperienza col Burson 160 D USB
MClean86
MClean86
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 137
Data d'iscrizione : 30.12.12
Località : Cagliari

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da MClean86 il Lun Ago 03 2020, 10:58

@steve966 ha scritto:Per le planari sono anch'io d'accordo, come puntualizzato da remasters, di non utilizzarle con ampli per diffusori collegate direttamente alla uscita altoparlanti, in quanto molto stressante e con rischio di soffiare fuori il driver. 

Interessante osservazione...sarebbe possibile argomentarla meglio? Ci si riferisce a dei semplici picchi di tensione dovuti all'impianto elettrico, oppure ai picchi di dinamica dovuti al brano ascoltato?
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Lun Ago 03 2020, 11:14

Nel weekend sono riuscito a far quattro chiacchiere con un conoscente che opera nel settore dell’elettronica industriale: ascolta musica ma non è un patito di hifi e di natura lui lavora sulle misure strumentali.
 
Mi ha dato alcuni spunti su cui riflettere e che volentieri condivido:
1.                Se un ampli tradizionale è ben progettato con alimentazione adeguata, componenti correttamente dimensionati e driver di potenza fatti lavorare nel giusto campo di esercizio l’apparecchio può pilotare con buoni risultati un po’ tutti i carichi fermo restando la potenza massima erogabile.
2.                Collegare cuffie ai morsetti dei diffusori pone sempre qualche rischio perché la potenza erogata è comunque importante e si possono fare danni anche accidentalmente come, ad esempio, ruotando il volume involontariamente o nei transitori accensione/spegnimento o cambio ingresso
3.                Un progettista che si applica alla costruzione di un ampli dedicato alle cuffie parte avvantaggiato perché non deve spremere potenze elevate e quindi può dedicarsi ad ottimizzare altri aspetti come la pulizia dell’alimentazione la riduzione del rumore termico (cos’è?) e lavorare in qualità e non in quantità sullo stadio finale
4.                Costi: fare un buon ampli diffusori o cuffie ha un costo all’incirca (sulla carta) uguale
5.                Quindi se un anpli cuffia è progettato e costruito da cani non suona bene a priori perché pensato solo per la cuffia
6.                Se un ampli diffusori e ben progettato e costruito (con le dovute precauzioni) può dare ottimi risultati anche con le cuffie, anche se va valutato un eventuale rumore di fondo non percepibile con i diffusori ma evidente con le cuffie.
 
Mio commento: abbiamo scoperto l’acqua calda!!
slash
slash
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 2623
Data d'iscrizione : 01.09.18

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da slash il Lun Ago 03 2020, 11:40

ma il punto è se vogliamo  anche meno tecnico e più legato  all'usabilità in certi casi e secondo me..
con un impianto a 4/5 metri di distanza rispetto alla poltrona , serve un cavo SE/BAL che arrivi dall'ampli cuffie , sia esso dedicato o meno,  ingombrante e scomodo..
se consideriamo  che oggi possiamo distribuire il segnale delle sorgenti analogiche e digitali in mille modi diversi verso  'stazioni remote' la preferenza va all'ampli in questo senso 'dedicato' e situato vicino alla postazione dove mi rilasso con le cuffie..

se poi abbiamo a disposizione degli ampli cosi fatti che pilotano tutto e , badate non voglio provocare e neanche arrivare a confronti con i luxman p750 , però se posso spostarlo agevolmente e collegarlo alla qualunque per me le specifiche passano in secondo piano.. Damn ..

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Img_4013


_________________
ne riparliamo:
ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Lastwe11
#LAMUSICASTACAMBIANDO

c'e' sempre un coefficiente di analogico nel digitale e viceversa ..

3.807.286.524.499 byte downstream @mid 2020

 
Edmond
Edmond
Sordologo

Numero di messaggi : 10877
Data d'iscrizione : 17.04.10
Località : Brescia

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Edmond il Lun Ago 03 2020, 12:10

Il collegamento diretto ai morsetti dei diffusori va fatto, ovviamente, con un pizzico d'intelligenza... ma mi pare ovvio. La cuffia la si collega alla coda SOLO DOPO aver acceso l'ampli e SEMPRE PRIMA di spegnerlo... A voler fare i raffinati, la cuffia la si scollega ANCHE QUANDO si seleziona un'altra sorgente... Poi, collegherò ai morsetti diffusori SOLO le cuffia che ha senso che siano pilotate in questo modo... collegare una HD800 è un poco da deficienti, se mi passate il termine, senza un partitore resistivo o senza dei trafi di adattamento... Poi, a chiusura del ragionamento, si utilizzerà quello che si ritiene sia giusto utilizzare nel proprio mondo cuffie...


_________________
Giorgio


ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Firma12


Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid
steve966
steve966
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 298
Data d'iscrizione : 15.02.16
Età : 53
Località : Varese

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da steve966 il Lun Ago 03 2020, 17:32

@MClean86 ha scritto:
@steve966 ha scritto:Per le planari sono anch'io d'accordo, come puntualizzato da remasters, di non utilizzarle con ampli per diffusori collegate direttamente alla uscita altoparlanti, in quanto molto stressante e con rischio di soffiare fuori il driver. 

Interessante osservazione...sarebbe possibile argomentarla meglio? Ci si riferisce a dei semplici picchi di tensione dovuti all'impianto elettrico, oppure ai picchi di dinamica dovuti al brano ascoltato?
Penso sia dovuto ad un wattaggio troppo elevato. Considera che molti amplificatori per cuffie hanno varie protezioni:

- attivazione ritardata delle uscite cuffie all' accensione, che impedisce a queste di ricevere picchi di segnale potenzialmente avversi dai circuiti precedenti.

- allo stesso modo, le uscite delle cuffie sono istantaneamente disconnesse allo spegnimento.

- la tensione CC avversa dovrebbe essere assolutamente lontana dalle cuffie. Se viene rilevata corrente continua, le uscite cuffie vengono disconnesse.

- se viene rilevato un sovraccarico, maggior distorsione, le uscite delle cuffie verranno disconnesse.


_________________
Lumin U1 Mini - Qobuz Studio | Metrum Menuet level 2 Benchmark HPA4 | Abyss PHI TC | Wireworld cable 
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Lun Ago 03 2020, 19:01

se posso tentare una sintesi direi che è meglio un ampli dedicato alle cuffie rispetto ad uno da diffusori con qualche eccezione e con le dovute precauzioni
Mi spiace solo che non si sia aggiunto alla discussione qualche progettista che potesse darci anche qualche fondamento di elettrotecnica  tanto per "intuire" le opportunità e le difficoltà che la progettazione di un ampli cuffia ben fatto comporta
Poonie
Poonie
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 670
Data d'iscrizione : 18.09.12

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Poonie il Mar Ago 04 2020, 09:43

Non sono un progettista o un tecnico ma credo che più o meno si sia fatto un quadro, nel senso che alla fine sempre di amplificatore si tratta, con le dovute proporzioni in relazione alla fascia di prezzo in cui andrà ad inserirsi.

Quindi bontà di progetto, qualità della componentistica, filosofia realizzativa inerente i vari stadi, e così.
Penso sia plausibile aspettarsi rumore di fondo più avvertibile con un ampli di potenza per diffusori, mentre sono un po' dubbioso sul fatto che un ampli cuffie e uno per casse abbiano sulla carta un costo pressochè uguale.

Magari a parità di potenza o con poca differenza di wattaggio si, ma un ampli che spinge deve avere un dimensionamento che influisce sui costi, anche per la dissipazione.
Comunque molto dipende dalle fasce di prezzo o di qualità del prodotto.
Poi ribadisco che io tendo a preferire il separato, ma se uno ascolta con l'uscita cuffie del pre o della sorgente o sui morsetti di potenza non lo biasimo di certo, ogni contesto ha le sue unicità, merita delle prove e il rispetto di una scelta, pur soggettiva. ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 625723


_________________
**************************************************************************************

-- God bless Vintage --                                                                 -[i]- Avatar: Altec Lansing 600B -- [/i]
Poonie
Poonie
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 670
Data d'iscrizione : 18.09.12

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Poonie il Mar Ago 04 2020, 09:55

@Buranello64 ha scritto:Poonie l'ho avuto anche io il piccoletto di Nuova elettronica e devo dire che non era affatto male  rispetto all'uscita cuffia del mio cd di allora (Micromega Stage 3... purtroppo!!!!!).

Anch'io non sono rimasto insoddisfatto dell'esperienza col Burson 160 D USB
Perchè purtroppo? ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 285880

Riguardo a Burson io mi affido come sempre ho fatto alle mie orecchie, in base ai miei gusti personali certo, e pur ammettendo che è intercorso del tempo tra il ripudio di uno e l'accaparramento dell'altro, la differenza sonica per me è stata sostanziosa, determinante.
Poi è chiaro che la cosa migliore sarebbe paragonare i due amplificatori nello stesso momento e su uguale catena.
Dell'HA160 mi è piaciuta molto la costruzione, da questo punto di vista ancora oggi mi rammarico di essermene sbarazzato ma il modo di suonare era troppo lontano dalla mia catena.

PS. Che differenze hai riscontrato tra LX1309 e Lo Scherzo?


_________________
**************************************************************************************

-- God bless Vintage --                                                                 -[i]- Avatar: Altec Lansing 600B -- [/i]
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Mar Ago 04 2020, 10:35

Micromega stage 3.... magari sono stato particolarmente sfortunato ma il mio ha sempre avuto problemi della logica di controllo. Alla fine non sono riuscito nemmeno a venderlo di seconda mano... 4 riparazioni... 2 mesi per riparazione... 
Ma l'uscita cuffia era veramente buona e la Grado 200, la AKG 240pro e una senny HD 580 Ovation (le sigle potrebbero essere sbagliate) suonavano bene 

Burson: identico pensiero! Una costruzione ineccepibile ma un profilo tonale che proprio non mi piaceva in abbinamento alla vecchia Grado, poi alla Tesla T1 e infine alla Ultrasone ed 10.

Fra il kit di Nuova Elettronica e Lo Scherzo passi da una buona uscita cuffia ad un vero ampli cuffia. Continuo a rompere le scatole a Chiomenti perchè lo riproponga mantenendo il prezzo popolare e magari evolvendolo ma penso di non essermi spiegato bene perchè ha prodotto quello di Riviera da 9K (mi sono proprio spiegato male ahahahahah)
Poonie
Poonie
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 670
Data d'iscrizione : 18.09.12

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Poonie il Mer Ago 05 2020, 13:07

Mi sono appena fatto le 22 pagine del topic relativo al Riviera, una lettura che mi era scappata.
E molto interessante, vari gli spunti che si possono apprezzare dall'esperienza dei cuffiofili gazebini.
Avevo lontana memoria della possibilità di collegamento delle cuffie ai morsetti di un amplificatore per diffusori, e memoria relegata a fugaci aneddoti di qualche presunto scalmanato, e ora sono un po' spiazzato riguardo ai reali punti su cui verteva la discussione.
Temo di avere equivocato, anche se lo sfortunato Micromega mi salva in corner. Laughing

Difatti non essendo cuffiofilo incallito ma normale utente il mio contributo era da intendere tra ampli dedicato per cuffie e...ehm..uscita cuffie dell'amplificatore integrato. 
Al netto che la mia premessa può mantenere una sua validità, per me la possibilità del collegamento ai morsetti diffusori di un ampli è una scoperta, un esperimento fattibile e che credo farò.

Ahimè, emblematico ciò che rilevi tra Micromega Stage 3, LX1309 e Lo Scherzo, praticamente il secondo stacca leggermente il primo, ma il terzo surclassa impietosamente gli altri due..
Direi "buono a sapersi" ma...per Lo Scherzo non si trovano più i trasformatori, perciò rimarrebbe da trovare un usato, e in più nel momento in cui me lo possa permettere.
Diventa complicato, si vedrà.

Io il Burson lo provai con HD595/600, risultato: addirittura fastidioso.
In quel contesto preferivo l'uscita cuffie del lettore Sony CDP990, che faceva da sorgente della catena e che potrebbe (forse) aver avuto influenza non proprio positiva nell'economìa timbrica della catena.
Però non mi convinse neppure lo sviluppo tridimensionale.


_________________
**************************************************************************************

-- God bless Vintage --                                                                 -[i]- Avatar: Altec Lansing 600B -- [/i]
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Mer Ago 05 2020, 16:23

qualche Lo Scherzo lo trovi di seconda mano ma bisogna essere certi che l'utente non lo abbia personalizzato cambiando questo o quello!!

Ho avuto la fortuna che Luca (Chiomenti) se l'è portato a casa e me lo ha revisionato, aggiungendo un potenziometro Alps e 2 valvole migliori di quelle originali, oltre a ripassare qualche saldatura da... geometra che sono!!!!!

Non vorrei confondere le acque: non intendo dire che questo piccolo triodo sia l'ampli cuffia per eccellenza ma alla fine è sopravvissuto a: Burson, Senny HDVA 600, Violectric V281,... 
I suoi limiti li ha e se la cuffia lo permette gli preferisco l'uscita cuffia dell'Hugo2 certamente meno potente (purtroppo) ma molto raffinata e pulita.

Ovviamente la Arya fatica un po' con questo Ampli/dac ad esprimersi.
Poonie
Poonie
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 670
Data d'iscrizione : 18.09.12

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Poonie il Gio Ago 06 2020, 09:06

Ho capito ciò che intendi e non mi meraviglia più di tanto che tu lo abbia preferito al resto che hai provato, l'autocostruzione (senza contare che è del livello di Chiomenti) non la ritengo un tassello da poco per l'appassionato.

Lo scherzo mi permetterebbe un confronto con l'LX1309 rimanendo sul basso costo, almeno credo, e facendo con tutta probabilità un upgrade.
Non che mi metta a cercarlo in gran fretta, perchè anch'io il dopo Burson (con l'LX gli unici due ampli cuffie provati) lo sto vivendo bene col mio valvolare anche se di "origini plebee".
Inoltre come detto, sono ben lontano dall'essere cuffiofilo "di rango".
Vedremo se capiterà, in ogni caso la tua testimonianza unita al genere di apparecchio mi ha fornito un buono spunto. ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 625723

Per la tipologìa di prodotto e il mio modo di ascoltare invece il Chord del tuo avatar non credo lo inseguirei.
Se proprio dovesse capitarmi per le mani non esiterei a provarlo, magari sorprendendomi, ma ho come l'impressione che le mie Sennheiser ben gradiscano le valvole, o se vogliamo, che i miei gusti necessitino di questo tipo di abbinamento, o anche stato solido ma con timbrica simile.


_________________
**************************************************************************************

-- God bless Vintage --                                                                 -[i]- Avatar: Altec Lansing 600B -- [/i]
capitanharlock
capitanharlock
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 798
Data d'iscrizione : 03.03.10

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da capitanharlock il Gio Ago 06 2020, 10:29

@Buranello64 ha scritto:
I suoi limiti li ha e se la cuffia lo permette gli preferisco l'uscita cuffia dell'Hugo2 certamente meno potente (purtroppo) ma molto raffinata e pulita.
Quindi l'uscita cuffia di un DAC è migliore di un rinomato e cazzutissimo ampli cuffia valvolare?
Mi dà parecchio da pensare 'sta cosa.
remasters
remasters
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 905
Data d'iscrizione : 12.08.15
Età : 49
Località : PALERMO

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da remasters il Gio Ago 06 2020, 10:43

@capitanharlock ha scritto:
@Buranello64 ha scritto:
I suoi limiti li ha e se la cuffia lo permette gli preferisco l'uscita cuffia dell'Hugo2 certamente meno potente (purtroppo) ma molto raffinata e pulita.
Quindi l'uscita cuffia di un DAC è migliore di un rinomato e cazzutissimo ampli cuffia valvolare?
Mi dà parecchio da pensare 'sta cosa.
Non ha detto questo. “se la cuffia lo permette” mi pare restringa il campo di applicazione a cuffie facili da pilotare. Lo Hugo inoltre non nasce solo come dac ma  anche come amplificatore cuffie in mobilità per cui mi pare ovvio che anche nell amplificare le cuffie qualche dote la debba avere...
montanari
montanari
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 10019
Data d'iscrizione : 06.04.11
Età : 40
Località : Morciano di R. - vespista

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da montanari il Gio Ago 06 2020, 13:48

piu che ampli, riduttore di volume


_________________
alè:
le spese grosse le facevo per i vinili o se non sono in flac godi solo la metà
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Ven Ago 07 2020, 16:08

@montanari ha scritto:piu che ampli, riduttore di volume

confermo; infatti se imposto la funzione line out il colore che appare sulla sfera di controllo del volume è l'azzurro di massima uscita.
Francamente quando lo collego all'ampli esterno comunque  (orrore per i puristi) utilizzo il controllo volume del telecomando del Chod dopo aver impostato a ore 11  la manopola del volume del piccolo triodo
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Ven Ago 07 2020, 16:21

@remasters ha scritto:
@capitanharlock ha scritto:
Quindi l'uscita cuffia di un DAC è migliore di un rinomato e cazzutissimo ampli cuffia valvolare?
Mi dà parecchio da pensare 'sta cosa.
Non ha detto questo. “se la cuffia lo permette” mi pare restringa il campo di applicazione a cuffie facili da pilotare. Lo Hugo inoltre non nasce solo come dac ma  anche come amplificatore cuffie in mobilità per cui mi pare ovvio che anche nell amplificare le cuffie qualche dote la debba avere...

La tua precisazione non fa una grinza!
Se Hugo2 lo si utilizza con cuffie non troppo assetate di potenza direi che ha un'uscita cuffia veramente eccezionale per trasparenza, velocità, profondità e corpo dei bassi.... musicalissima!

Purtroppo ne ho pagato le conseguenze quanto ho venduto il Senny HDVA 600 e mi sono affidato al V281 Violectric... diamine questo suonerà meglio dell'H2!!! Invece no!!! Dopo qualche mese di prova e riprova ho continuato a collegare l'allora mia cuffia McIntosh 1000, poi la LCD X Audeze e la sorellina iSINE10 all'Hugo2.

Con l'arrivo della HifiMan Arya il piccolo ampli/dac mostra i suoi limiti in potenza e non fa esprimere al massimo la nuova cuffia (che mi piace molto).

A casa di Carloc ho ascoltato la Arya con il Topping A90 in configurazione bilanciata (non sono un patito oltranzista di questo collegamento) e devo dire che per poco meno di 600€... caspita che potenza, pulizia e musicalità

Ora: il CHord Hugo2 non te lo regalano ma è un Dac/Ampli quindi... cosa contiene lo scatolotto che fa suonare così bene le cuffie?
Poonie
Poonie
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 670
Data d'iscrizione : 18.09.12

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Poonie il Sab Ago 08 2020, 12:24

Probabilmente è stata trovata un'ottima sinergìa di fabbrica tra il DAC e lo stadio di uscita.
Io invece sono un patito oltranzista del separato ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 285880 , e il DAC mi piace componente a se', così come l'ampli cuffie.
Infatti la tecnologìa realizzativa dell'Hugo 2 permette di contenerne gli ingombri e di fare un apparecchietto veramente piccolo, giusto dal momento che è per il mercato mobile, ma un po' troppo salato per la consistenza costruttiva, a mio parere.
Per qualcosa di specifico per il domestico personalmente cerco di orientarmi su altre cose, senza tecnologìa SMD per inciso.


_________________
**************************************************************************************

-- God bless Vintage --                                                                 -[i]- Avatar: Altec Lansing 600B -- [/i]
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Sab Ago 08 2020, 16:12

Si H2 non te lo regalano ma vale la pena ascoltarlo.
slash
slash
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 2623
Data d'iscrizione : 01.09.18

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da slash il Sab Ago 08 2020, 16:44

il futuro del DSP è sostituire l'hardware con il software. Ad esempio, le tecniche multi-rate riducono la necessità di filtri antialias e di ricostruzione con fantasiosi trucchi software. Gran parte del DSP usato da chord è correlato alla progettazione di un filtro digitale software molto efficiente e sofisticato anche in relazione al timing . Si tratta di processi fini , che che riducono la ‘fatica’ di ascolto e lavorano più in profondità rispetto al semplice orecchio , che arrivano all’area celebrale che si occupa dell’elaborazione e che a detta di Rob Watt’s gradisce meglio l’algoritmo a discreti da loro sviluppato .
Pur non piacendo a tutti la loro platea di tester prima e utilizzatori dopo gli da sicuramente ragione !! Fino al prossimo algoritmo :)


_________________
ne riparliamo:
ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Lastwe11
#LAMUSICASTACAMBIANDO

c'e' sempre un coefficiente di analogico nel digitale e viceversa ..

3.807.286.524.499 byte downstream @mid 2020

 
Buranello64
Buranello64
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 1045
Data d'iscrizione : 12.02.12
Località : Prov. Milano

ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano? - Pagina 2 Empty Re: ampli cuffia: quali fondamenti tecnici li giustificano?

Messaggio Da Buranello64 il Sab Ago 08 2020, 21:16

Slahs sempre un piacere leggere il tuo punto di vista. 

Ma tutto lo sviluppo del DSP può avere ricadute tecniche anche sulla sezione di amplificazione?

    La data/ora di oggi è Ven Set 18 2020, 22:03