Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
consigli su upgrade impianto
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

consigli su upgrade impianto

ceberon
ceberon
Member
Member

Numero di messaggi : 14
Data d'iscrizione : 31.03.20

consigli su upgrade impianto Empty consigli su upgrade impianto

Messaggio Da ceberon Sab Nov 14 2020, 22:02

il consiglio in realtà è a monte: ma ne vale la pena upgradare il mio impianto, ne avrò dei benefici?
la domanda sorge spontanea nel momento in cui vi spiego la mia situazione.

impianto attuale:
Topping d90, collegato direttamente al pc via USB
rotel a10 
indiana line tesi 561
ascolto musica: prevalentemente tidal, saltuariamente file flac (quello che non trovo su tidal)

sono moderatamente soddisfatto di questo impianto, considerando che è quasi un entry level puro, lo era fino a un mesetto fa quando come dac avevo un cambridge dac magic100, sostituito poi con il topping d90.
ora, perchè mi chiedo se valga la pena upgradare?
innanzitutto perchè sento dei problemi nella resa, che vi spiegherò, ma non sono certo siano colpa dell'impianto.
il perchè è presto detto: ho una stanza che è un incubo per la resa sonora. la stanza è veramente grande (siamo intorno ai 40/50 mq), ma paradossalmente lo spazio per i diffusori in estensione e in profondità è minimo. per cui adesso sono posizionati a circa 40/50 cm dalla parte posteriore e a circa 2 mt tra di loro, con punto di ascolto standard a circa 2,5 mt. solo che tutta la zona di ascolto è spostata sul fronte sinistro di un lato della stanza, quindi già con forti asimmetrie laterali. infine la stanza ha almeno due incavi importanti, entrambi posteriori ai diffusori, che fanno penso da cassa di risonanza sopratutto per le frequenze basse.
risultato: i suoni dei vari strumenti, presi singolarmente su brani adatti, non mi dispiacciono per niente, ma messi insieme diventa un disastro. c'è corretta spazialità, vedo gli strumenti nello spazio, i toni alti e medi non sono male, ma il problema è sull'impasto sonoro che diventa una marmellata quando gli strumenti suonano insieme, finendo per essere poco chiaro il tutto e con le voci che si perdono un pò. secondo me il problema nasce principalmente quando subentrano le frequenze basse.
ho provato a trattare l'unica parete che al momento posso trattare, quella posteriore al punto di ascolto, con due grossi fonoassorbenti che hanno dato un piccolo miglioramento ma poco possono fare se restano una marea di angoli, spigoli, incavi e altro.
per fare un esempio: heroes di Bowie sembra prodotto di merda e tutto l'incastro sonoro si perde in un amalgama confusa

nei prossimi giorni farò gli ultimi tentativi "a basso costo", con sostituzione dei cavi e inserimento di distanziatori da pavimento per i diffusori.
 dopodichè mi troverò di fronte ad un dilemma: ma posso risolvere o mitigare in parte il problema migliorando la catena sonora o il problema è unicamente la stanza e, quindi, anche mettendo componenti ben più "performanti" continuerò ad avere un suono pastoso e mal amalgamato?
se potessi migliorare upgradando l'impianto, mi conviene partire dai diffusori o dall'amplificatore?
Poonie
Poonie
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1510
Data d'iscrizione : 18.09.12

consigli su upgrade impianto Empty Re: consigli su upgrade impianto

Messaggio Da Poonie Dom Nov 15 2020, 16:04

E' difficile dare un giudizio sulla situazione.
Innanzitutto cercherei di capire come se la passa chi ha le tue stesse casse.
Dici che da quello che hai ascoltato la confusione si avverte quando subentrano le frequenze basse: forse queste interagiscono malamente con un ambiente ostico.
Prova ad occludere il reflex con del materiale spugnoso in modo da limitarne l'emissione, il "quanto" è da valutare.

Il discorso se può valere la pena o no investire su questo tipo di setup, è sempre piuttosto soggettivo.
Io cercherei di mantenere un equilibrio tra spesa, resa, incidenza dei cambiamenti e obiettivi.
Cioè, sei tu che sai cosa cerchi e fin dove puoi spingerti, e cominciare con gli interventi a basso costo direi che è puro buon senso ma anche qui devono comunque essere mirati.
Nel senso che io, per esempio, a meno che non si tratti proprio di cavi ricuperati dall'impianto elettrico dismesso del nonno, proverei prima a curare l'inserimento in ambiente delle casse, quindi come dici anche tu, distanziatori dal pavimento, orientamento, distanze dalle pareti e trattamenti acustici.

Certo che se l'ambiente è un festival dell'irregolartà è più difficile, e in casi come questi forse sarebbe più indicato un DSP.
Al cavo-rolling io ci arriverei in un secondo tempo, magari una volta che i componenti della catena sono di fascia un po' più alta e c'è più regolarità nell'amalgama, a mio modesto avviso, si capisce.


_________________
**************************************************************************************

-- God bless Vintage --                                                                 -[i]- Avatar: Altec Lansing 600B -- [/i]

    La data/ora di oggi è Dom Nov 28 2021, 22:03