Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico?
Il Gazebo Audiofilo

Human Pleasure HI-END

    Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico?

    Salvatore Pagano
    Salvatore Pagano
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 80
    Data d'iscrizione : 27.11.20
    Età : 44
    Località : Firenze

    Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico? Empty Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico?

    Messaggio Da Salvatore Pagano Mar Ott 05, 2021 9:12 am

    Ho la possibilità di provare un Furman PL-Plus. Eventualmente lo userò per altro (pc e altre apparecchiature) ma mi solleticava provarlo prima sull'impianto, anche come eventuale protezione. 
    Non ho problemi di rumori da risolvere, vivo in condominio ma grazie a una linea che ho dedicato solo all'hifi è tutto molto silenzioso.
    Pensate che a livello di dinamica e altre qualità sonore potrebbe stroncare qualcosa?
    La mia catena hifi è in firma ;)

    Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico? Origin11


    _________________
    Giradischi Rega P8 - Testina MC Hana SL - Pre Phono Gold Note PH10 + superalimentatore PSU10 - Streamer Bluesound Node 2021 (+ PD Creative Inteface & SMPSU Upgrade) - Ext. Dac SMSL DO200 MKII - Amplificatore Audio Analogue Puccini Anniversary Airtech - Cavi di potenza Tellurium Q Black II - Diffusori Proac DT8 - Rack Solidsteel S5-4 Anniversary
    Salvatore Pagano
    Salvatore Pagano
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 80
    Data d'iscrizione : 27.11.20
    Età : 44
    Località : Firenze

    Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico? Empty Re: Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico?

    Messaggio Da Salvatore Pagano Ven Ott 08, 2021 2:07 pm

    Me la canto e me la suono rispondendomi da solo :D
    Ho fatto una prova collegando il furman solo sulle sorgenti, giradischi e pre phono. Fasi corrette ovviamente tutte controllate prima.
    È bastato un brano per percepire un netto cambio della scena... in peggio.
    La voce della cantante si è vistosamente abbassata (non di volume, intendo proprio di altezza come viene percepita), il basso ha perso la giusta profondità.
    Staccato, ricollegato tutto alla semplice ciabatta (una vimar serie pro, niente di esoterico), la cantante si è "rialzata" e tutto è tornato più avvolgente.
    Sono uno scettico (ma curioso) e non parlo quasi mai in "audiofilese", le impressioni che scrivo sono molto ponderate e verificate.
    Questo ovviamente è solo il mio caso, che magari può dipendere da una miriade di fattori, ma presumo che questi oggetti abbiano una reale utilità solo con macchine digitali o solo nell'eventualità di noie come rumori e interferenze varie sulla rete di casa.
    Chi come me predilige l'analogico ed ha curato una (silenziosa) linea indipendente per l'hi fi, direi che può vivere felice con quello che già gli apparecchi (se buoni!) filtrano al loro interno.
    Il Furman segnalava ogni tanto piccole oscillazioni di corrente (piccole, una sola tacca sopra o sotto i 240) che probabilmente vengono gestite tranquillamente dai trafo delle macchine.
    La curiosità me la son levata, un aggeggio in meno sul rack. :)
    Rexie
    Rexie
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 417
    Data d'iscrizione : 23.09.20
    Età : 52
    Località : Catania

    Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico? Empty Re: Condizionatore di rete Furman, oggetto malefico o benefico?

    Messaggio Da Rexie Mer Gen 12, 2022 7:59 pm

    Beh, Furman si rivolge più al settore pro. Ce l'ho anch'io un vecchio Furman, ma onestamente non mi sono mai sognato di usarlo nell'impianto. Se uno dispone di una linea dedicata, una messa a terra efficiente e non patisce disturbi, meglio soprassedere. Al limite ci si fa avvolgere un trasformatore d'isolamento ben dimensionato.

      La data/ora di oggi è Dom Mar 03, 2024 8:53 pm