Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
controlli di tono
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    controlli di tono

    Share

    floyd93
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 541
    Data d'iscrizione : 2012-04-15
    Località : napoli

    controlli di tono

    Post  floyd93 on Tue Oct 15, 2013 9:35 pm

    Perche alcuni ampli hanno i controlli di tono ed'altri no ?




    Lupo63
    Advent Doped

    Numero di messaggi : 374
    Data d'iscrizione : 2012-05-05
    Località : Milano

    Re: controlli di tono

    Post  Lupo63 on Tue Oct 15, 2013 10:43 pm

    Non c'è un perchè, dipende dalla filosofia del marchio e dal potenziale acquirente al quale si rivolgono. Solitamente quando gli ampli hanno pretese aighende non li hanno... Personalmente non li uso ma nemmeno li schifo...si sa mai Embarassed


    _________________
    Double-stacked Advents

    spiritolibero66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 366
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 50
    Località : Civitavecchia

    Re: controlli di tono

    Post  spiritolibero66 on Wed Oct 16, 2013 7:27 am

    Questo post mi fa pensare alle vecchie elettroniche anni ottanta.Accessoriatissime ed inutilissime.Ma era la moda.
    Anche i componenti speciali imperversavano, come la pesta nera medioevale...ma era bello così, erano i tempi.
    Ora, più che mai, tutto è pulito, freddo, preciso, asettico.Perchè, forse, siamo più così noi.
    Adesso vi lascio, sto uscendo per acquistare un equalizzatore grafico...sunny 

    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: controlli di tono

    Post  Cricetone on Wed Oct 16, 2013 10:16 am

    spiritolibero66 wrote:
    Ora, più che mai, tutto è pulito, freddo, preciso, asettico.Perchè, forse, siamo più così noi.
     


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: controlli di tono

    Post  pepe57 on Wed Oct 16, 2013 10:56 am

    Per quel poco che ne so io, bisogna tener conto che un semplice controllo di tono per bassi, medi ed alti implicava
    (senza considerare che spesso c'era pure il filtro subsonico) come minimo:
    4 filtri con relativo numero di condensatori e resistenze sul segnale in numero determinato dalla pendenza di ogni filtro.
    Più 3 preamplificatori attivi (o buffer o simili) da aggiungere a quello principale con tutta la relativa componentistica.
    Apparve evidente che il segnale passando attraverso tutto questo sacco di cose in più si deteriorava maggiormente.
    Per questo ad un certo punto si considerò che, per lasciare il segnale più integro e il più possibile simile all' originale,
    sarebbe stato opportuno eliminare il passaggio dell segnale attraverso questa marea di componenti in più.

    sunny 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    nuvola74
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 857
    Data d'iscrizione : 2011-11-27
    Età : 42
    Località : lecce

    Re: controlli di tono

    Post  nuvola74 on Fri Oct 18, 2013 12:42 pm

    pepe57 wrote:Per quel poco che ne so io, bisogna tener conto che un semplice controllo di tono per bassi, medi ed alti implicava
    (senza considerare che spesso c'era pure il filtro subsonico) come minimo:
    4 filtri con relativo numero di condensatori e resistenze sul segnale in numero determinato dalla pendenza di ogni filtro.
    Più 3 preamplificatori attivi (o buffer o simili) da aggiungere a quello principale con tutta la relativa componentistica.
    Apparve evidente che il segnale passando attraverso tutto questo sacco di cose in più si deteriorava maggiormente.
    Per questo ad un certo punto si considerò che, per lasciare il segnale più integro e il più possibile simile all' originale,
    sarebbe stato opportuno eliminare il passaggio dell segnale attraverso questa marea di componenti in più.

    sunny 
    sicuramente è vero,matematicamente dovrebbe essere così,ma sfido chiunque a una prova cieca,sia con controlli tono inseriti con posizione 0 e con controlli tono disinseriti,in direct,la differenza se c'è è impercettibile all'orecchio umano,secondo me entra in gioco il cervelletto  

    nuvola74
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 857
    Data d'iscrizione : 2011-11-27
    Età : 42
    Località : lecce

    Re: controlli di tono

    Post  nuvola74 on Fri Oct 18, 2013 12:45 pm

    spiritolibero66 wrote:Questo post mi fa pensare alle vecchie elettroniche anni ottanta.Accessoriatissime ed inutilissime.Ma era la moda.
    Anche i componenti speciali imperversavano, come la pesta nera medioevale...ma era bello così, erano i tempi.
    Ora, più che mai, tutto è pulito, freddo, preciso, asettico.Perchè, forse, siamo più così noi.
    Adesso vi lascio, sto uscendo per acquistare un equalizzatore grafico...sunny 
    ciao spiritolibero,equalizzatore? Rolling Eyes quale se non ti scoccia?

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8293
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: controlli di tono

    Post  Luca58 on Fri Oct 18, 2013 12:52 pm

    I controlli di tono servono quando l'amplificazione e' prevista per un sistema audio di qualita' mediocre, come appunto i classici "stereo" degli anni '70, per tentare una qualche compensazione alle carenze. In effetti in quei casi erano utili. Con componenti decenti non si dovrebbe sentire il bisogno di alterare le frequenze, fatta eccezione per l'attenuazione dei bassi in diffusori dai woofers generosi per permettere il loro collocamento negli ambienti quando la posizione e' obbligata. Quando anche con componenti decenti si ha bisogno di pompare i bassi o di attenuare gli alti e' meglio effettuare qualche cambiamento nell'impianto.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    spiritolibero66
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 366
    Data d'iscrizione : 2011-11-25
    Età : 50
    Località : Civitavecchia

    Re: controlli di tono

    Post  spiritolibero66 on Fri Oct 18, 2013 1:03 pm

    nuvola74 wrote:ciao spiritolibero,equalizzatore? Rolling Eyes quale se non ti scoccia?
    Era una battuta...Embarassed 
    Comunque, seriamente, nella mia piccola collezione di elettroniche vintage ho un equa Pioneer SG-9...bellissimo!

    vincas88bn
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2013-04-30

    Re: controlli di tono

    Post  vincas88bn on Fri Oct 18, 2013 4:57 pm

    I controlli di tono non vengono messi da certi produttori per "contenere" i costi per loro non per il cliente finale, così come per tutte le cose. Un controllo di tono ben fatto è sicuramente un valore aggiunto e non il contrario, poi che i puristi non li accetteranno mai è un altro discorso.
    Anche un impianto di livello può beneficiare di un controllo di tono, in quanto viene interfacciato con delle elettroniche che non sempre si cuciscono ad hoc intorno ad esso e quindi fare una regolatina può dare quel tweak vincente.
    Sul mio yamaha ci sono e li trovo utilissimi per compensare alle carenze dello stesso amplificatore  
    quando mancano i bassi perchè non è un gran erogatore lo spompo un po', quando voglio sentire un bel'acuto una botta sul treble produce i suoi effetti e tra un sibilo e un altro esce pure qualcosa di interessante:affraid: 

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31488
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: controlli di tono

    Post  Massimo on Fri Oct 18, 2013 5:13 pm

    Non dimentichiamo che modificando una fraquenza si modificano anche quelle vicine, la misura dipende dalla pendenza del circuito. sunny 


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Rudino
    Sordo Magno

    Numero di messaggi : 5391
    Data d'iscrizione : 2010-01-16
    Età : 53
    Località : Bresso (MI)

    Re: controlli di tono

    Post  Rudino on Fri Oct 18, 2013 5:20 pm

    Ma avreste mai rinunciato ad un Cello Palette?


    _________________
    Ciao,
    Marco LP

    vincas88bn
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2013-04-30

    Re: controlli di tono

    Post  vincas88bn on Fri Oct 18, 2013 5:22 pm

    Rudino wrote:Ma avreste mai rinunciato ad un Cello Palette?
    se un prodotto suona bene io lo compro, non mi frega ne dei controlli di tono ne se è brutto, tanto mica ci devo andare a letto!

    nuvola74
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 857
    Data d'iscrizione : 2011-11-27
    Età : 42
    Località : lecce

    Re: controlli di tono

    Post  nuvola74 on Fri Oct 18, 2013 8:27 pm

    vincas88bn wrote:I controlli di tono non vengono messi da certi produttori per "contenere" i costi per loro non per il cliente finale, così come per tutte le cose. Un controllo di tono ben fatto è sicuramente un valore aggiunto e non il contrario, poi che i puristi non li accetteranno mai è un altro discorso.
    Anche un impianto di livello può beneficiare di un controllo di tono, in quanto viene interfacciato con delle elettroniche che non sempre si cuciscono ad hoc intorno ad esso e quindi fare una regolatina può dare quel tweak vincente.
    Sul mio yamaha ci sono e li trovo utilissimi per compensare alle carenze dello stesso amplificatore  
    quando mancano i bassi perchè non è un gran erogatore lo spompo un po', quando voglio sentire un bel'acuto una botta sul treble produce i suoi effetti e tra un sibilo e un altro esce pure qualcosa di interessante:affraid: 
    finalmente un ragionamento umano cheers       

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8293
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: controlli di tono

    Post  Luca58 on Sat Oct 19, 2013 12:27 pm

    Meglio allora un compattone; vuoi mettere la comodita' di portartelo dietro? Laughing


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    vincas88bn
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2013-04-30

    Re: controlli di tono

    Post  vincas88bn on Sat Oct 19, 2013 12:30 pm

    Luca58 wrote:Meglio allora un compattone; vuoi mettere la comodita' di portartelo dietro? Laughing
    io sono per l'ascolto seduto ed in pantofole:affraid: 
    quindi il compattone, magari pure wireless lo cedo volentieri ad altri:| 

    Guido
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 747
    Data d'iscrizione : 2011-05-14
    Località : Milano

    Re: controlli di tono

    Post  Guido on Sat Oct 19, 2013 11:37 pm

    affraid affraid  controlli di tono?erg 
    .........mi viene la pelle d'oca
    mai sentito parlare di correzione ambientale digitale ?

    nuvola74
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 857
    Data d'iscrizione : 2011-11-27
    Età : 42
    Località : lecce

    Re: controlli di tono

    Post  nuvola74 on Sun Oct 20, 2013 8:18 am

    più che controlli di tono,io (e forse è peggio) preferisco correggere con il mio tanto amato equa parametrico,faccio risaltare un tantino di più le voci,visto che i miei diffusori a bassi non stanno messi male sunny  ma perchè scusate nelle sale d'incisioni,concerti,ecc non correggono niente?un disco non suona allo stesso modo di un altro,un ampli con un pre suona in un modo,con un altro pre suona in un altro modo,poi con i diversi diffusori che uno può collegare,ogni piccolo spostamento cambia il suono,e poi mi venite a dire che vi viene la pelle d'oca a sentire parlare di controlli tono,e allora perchè comprate i cavi e spendete una fortuna per attenuare i bassi?io con una semplice manopolina li riduco e li gonfio quando voglio   adesso sparete pure su di me  e poi spiegatemi una cosa,se dovreste sentire un disco con volume basso perchè magari è notte o perchè state leggendo o per qualche altro motivo,che caspita di musica ascoltate senza un aumento di bassi o alti?questo per me è un mistero,perfavore risolvetemelo,o avete in casa un cavo adatto per ascolti a baso volume? Laughing 

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: controlli di tono

    Post  pepe57 on Sun Oct 20, 2013 9:36 am

    Rudino wrote:Ma avreste mai rinunciato ad un Cello Palette?
    Io l' avevo e l' ho venduto (così come un amico).
    Era costruito molto bene, però il segnale attraversava 3.000 (o erano 5.000? Non ricordo più)
    componenti e, per me, si sentivano.
    sunny 


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    nuvola74
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 857
    Data d'iscrizione : 2011-11-27
    Età : 42
    Località : lecce

    Re: controlli di tono

    Post  nuvola74 on Sun Oct 20, 2013 10:05 am

    Rudino wrote:Ma avreste mai rinunciato ad un Cello Palette?
    ho dato uno sguardo a questo celle palette santa  santa  santa  santa  santa  4 mila euro santa  santa  santa  santa  ma cosa faceva alla musica?Io col mio favoloso behringer t 1951 sono soddisfattissimo  è anche valvolare,non sarà un granchè rispetto a questo palette sicuramente ma vi assicuro che fa egragiamente il suo lavoro,dateci un occhiata,non vi costa nulla guardarlo,ha anche regolazione di guadagno come questo palette Laughing per adattarlo in modomigliore con qualsiasi finale,con tutta la pubblicità che li faccio a questo equa sembra che lo produco io  

    galway
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 99
    Data d'iscrizione : 2012-11-13

    Re: controlli di tono

    Post  galway on Sun Oct 20, 2013 10:14 am

    io sarei piu' per un intervento mirato (a togliere e non ad aggiungere) in dominio digitale con un buon eq parametrico o un drc(quest'ultimo solo x sentito dire pero').

    nerodavola
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 561
    Data d'iscrizione : 2010-05-12
    Località : Milano

    Re: controlli di tono

    Post  nerodavola on Sun Oct 20, 2013 10:24 am

    Anch'io sono molto scettico in relazione all'impiego dei "controlli di tono", non soltanto per l'inevitabile degrado che essi introducono, come gia' evdenziato da Pietro e altri, ma ancor piu' dagli effetti sulla riproduzione.
    In studio di registrazione si equalizza? (e si comprime, etc...) ma tutte questi interventi vengono eseguiti "a ragion veduta" e non ad orecchio o ...altro.
    In riproduzione un conto e' impiegare un DRC o un buon equalizzatore parametrico (ma "correttamente" e sapnedo cosa correggere) altra cosa ruotare un potenziometro che interviene su uno spettro di frequenza sostanzialmente  "casuale" rispetto alla correzione  che si sta ricercando.
    L'effetto piu' evidente e sgradevole, per chi ascolta musica acustica, e' che la correttezza timbrica va inevitabilmente a donnine allegre (mai sentiti clavicembali riprodotti che sembrano chitarre?)
    Cio' detto si tratta poi di valutare quale sia il peggiore dei mali: situazioni estreme possono probabilmente giustificare anche cure profondamente invasive (il caso di bassi fuori controllo, sopra citato, e' un esempio; ma esistono appunto soluzioni piu' efficaci e puntuali).
    Infine, sara' perche' la classica e' registrata mediamente bene, ma io con questo repertorio non sento praticamente mai il il desiderio di correggere alcunche'.

    Ciao.

    PS non ultimo, attenzione che un conto e' attenuare, altro e' introdurre guadagno; bisogna considerare anche cosa ne pensa il finale...


    _________________
    Mauro

    Sorgente: Nova NCD1 (dac 2.0)  - Finale: Norma 8.7B  - Diffusori: Vienna Acoustics Mozart Grand   //   Sorgente: AA Crescendo  - Ampli cuffia: Little Dot MK III  - Cuffia: Grado SR60i

    pepe57
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 4691
    Data d'iscrizione : 2009-06-11
    Età : 59
    Località : Milano

    Re: controlli di tono

    Post  pepe57 on Sun Oct 20, 2013 10:32 am

    nuvola74 wrote:sicuramente è vero,matematicamente dovrebbe essere così,ma sfido chiunque a una prova cieca,sia con controlli tono inseriti con posizione 0 e con controlli tono disinseriti,in direct,la differenza se c'è è impercettibile all'orecchio umano,secondo me entra in gioco il cervelletto  
    Ma se compero un oggetto con controlli di tono che anche usato in direct rappresenta l' inserimento di qualche complicazione in più sul percorso del segnale.
    Invece, con i toni azzerati, se lo inserisci in un sistema molto rilevatore, sempre a mio avviso, si sente eccome (e le prime prove, anni fa, quando mi avvicinavo ad un oggetto nuovo, le facevo sempre e solo in doppio cieco) anche se non sempre in egual misura, la differenza la si percepiva più o meno  anche in base al genere scelto da riprodurre ed al numero di bande su cui è possibile intervenire (un Acousta Voicette o un SAE è impossibile non sentirlo sunny anche se ha controlli azzerati).
    Personalmente non ho mai speso soldi per cavi vari (cosa che personalmente, specie a certi costi, non capisco).
    Per me comperare un' elettronica dotata di controlli di tono (o anche una correzione esterna ambientale) non avrebbe senso in quanto ho scelto un' altra strada e la terrei sempre o in direct (se ce l' ha) o in flat. Quindi che la compero a fare? Ma se qualcuno predilige l' altra strada avrà le sue precise ragioni (come anche chi compera cavi costosi) e io non voglio convincerlo di niente, semplicemente esponevo le ragioni delle mie scelte.
    Comunque, se ascolto un contrabbasso in una sala da concerto che sta suonando un P, esso sarà "nature" e quindi senza loudness (o controllo di tono) inserito giusto?      sunny sunny sunny 
    Quindi il fatto che il nostro orecchio percepisca  a basso livello meno intensamente le frequenze gravi ed acute e più le medie, non si ridurrà a concerto.
    Proprio per questa ragione all' ascolto dal vivo la parte bassa ed alta resteranno leggere e lo strumento apparirà decisamente "svuotato" durante un P rispetto ad un passaggio F.
    Questo vale anche se io, volendo snaturare la cosa, stessi ascoltando un F a livello di un P, in quanto mi sto mettendo nella condizione di essere ad un concerto all' aperto seduto in 100 esima fila .... e anche in questa condizione, dal vivo, il suono lo sentirei svuotato e il contrabbasso assomiglierebbe molto ad un zanzarone.....
    Questo avviene dal vivo, perché quindi durante la riproduzione domestica dovrei avere come obiettivo un contrabbasso che mi suona diverso che dal vivo?
    sunny sunny


    _________________
    Chi si accontenta gode
    Presidente Onorario fondatore di: ... CNR@ Club Naso Rosso@ ... CLM@ Club Lampredotto Marimesso@ ...   CVG@ Club Viva la Gnocca@ ...
    QFLG@

    Paintball Milano

    Guido
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 747
    Data d'iscrizione : 2011-05-14
    Località : Milano

    Re: controlli di tono

    Post  Guido on Sun Oct 20, 2013 11:08 am

    non vorrei offendere nessuno per quello che dico......Neutral 
    I cavi? Quando sono buoni basta! Non debbono interferire nè dare bassi in più o toglierli.
    Non debbono costare una fortuna:Neutral  
    Chi usa i controlli di tono, (col massimo rispetto...)ha un impianto di basso livello; diversamente si accorgerebbe di quanto sono letali:erg  
    Negli anni '70 avevo comperato il miglior equalizzatore parametrico di allora, Crown EQ2.
    L'ho usato qualche giorno e poi l'ho venduto per disperazione. Era inascoltabile sul mio impianto.
    Il segnale audio è come una donna bellissima e delicata. Goditela com'è. Se la cambi non puoi che peggiorarla e snaturarla.
    Se hai dei problemi intervieni sul posizionamento dei diffusori, sulla "birra" dei finali, sulla trasparenza del pre e su chissà quant'altro.
    Oggi poi coll'avvento della correzione digitale ambientale è tutta un'altra storia.
    Molto più complessa, ma efficace e precisa. Interviene esattamente su quello che serve, ma quì entriamo nel digitale......pro e contro: cheers    
    Perchè non ti compri un microfono di misura? Capirai come suona il tuo impianto e magari anche dove intervenire.
    Guido
    .........ripeto.....non voglio offendere nessuno:

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3608
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: controlli di tono

    Post  gciraso on Sun Oct 20, 2013 11:30 am

    Guido wrote:

    .........ripeto.....non voglio offendere nessuno:
    Non è questione di offendere, non stai offendendo alcuno. sunny 
    La personale esperienza e l'ascolto in questo caso sono maestre, la musica ognuno la ascolta come desidera e come si aspetta che "dovrebbe" suonare.

      Current date/time is Thu Dec 08, 2016 5:05 pm