Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
A volte del vinile non se può fare a meno........
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    A volte del vinile non se può fare a meno........

    Share

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16085
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Geronimo on Mon Nov 18, 2013 8:14 pm

    Nonostante la mia riluttanza a farlo, a volte mi vedo costretto a ricercare in vinile album che già possiedo in CD, per il semplice motivo che i vinili NON sono mai compressi mentre i CD lo sono molto spesso. Infatti ho appena comprato "Manifesti" di Garbo in vinile (sigillato), non sopportando più il pessimo remaster CD del 2007.

    Questo perchè mentre la compressione delle prime edizioni in CD è, tranne poche eccezioni, praticamente uguale a quella dei corrispondenti vinili, le edizioni attuali in CD sono molto spesso iper-compresse rispetto al vinile.

    Risulta quindi preferibile o ascoltare direttamente i vinili, per chi usa ancora il giradischi, oppure riversare i vinili in CDR per chi usa solo il lettore CD.

    A prescindere dalla qualità musicale, date un'occhiata ai pazzeschi valori di compressione del CD "The Fame" di Lady Gaga e confrontateli con quelli dell'edizione in vinile. E questo è un esempio fra i tanti.

    http://dr.loudness-war.info/index.php?search_artist=lady+gaga&sort=year&order=asc


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    Lupo63
    Advent Doped

    Numero di messaggi : 374
    Data d'iscrizione : 2012-05-05
    Località : Milano

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Lupo63 on Mon Nov 18, 2013 8:29 pm

    Concordo in pieno.... Un altro esempio? Ho recentemente acquistato il doppio LP dei Daft Punk uscito nel 2013 ,incisione qualitativamente superlativa, date un occhio al tasso di compressione nei confronti del corrispondente cd,sacd, file HD
    http://dr.loudness-war.info/index.php?search_artist=Daft+punk&search_album=Random+access


    _________________
    Double-stacked Advents

    alanford
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1240
    Data d'iscrizione : 2012-06-03
    Località : monza

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  alanford on Tue Nov 19, 2013 12:01 am

    ma io mi chiedo che senso ha questa innaturale compressione?
    vorrei capire la ratio, la logica  

    Lupo63
    Advent Doped

    Numero di messaggi : 374
    Data d'iscrizione : 2012-05-05
    Località : Milano

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Lupo63 on Tue Nov 19, 2013 12:16 am

    alanford wrote:ma io mi chiedo che senso ha questa innaturale compressione?
    vorrei capire la ratio, la logica  
    In teoria comprimono la dinamica per migliorare l'ascolto dei cd in auto per via dell'elevato rumore di fondo dell'abitacolo, oppure in sistemi economici del resto gli appassionati di hifi per le case discografiche sono una nicchia quindi si preferisce andare incontro alle esigenze della massa e in effetti chi di noi ascolta Lady Gaga in cd nel proprio impianto?


    _________________
    Double-stacked Advents

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16085
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Geronimo on Tue Nov 19, 2013 12:04 pm

    alanford wrote:ma io mi chiedo che senso ha questa innaturale compressione?
    vorrei capire la ratio, la logica  
    Oltre ai motivi citati da Lupo, il perchè dell'ipercompressione risiede nel fatto che più un brano suona forte e più attrae l'attenzione degli ascoltatori comuni, ovvero dei non-audiofili. Questo fenomeno genera un circolo vizioso: assuefatto al volume forsennato, l'ascoltatore comune diventa un drogato di decibel sparati senza la minima dinamica e incapace di ascoltare in altra maniera.

    Un giorno feci ascoltare il mio impianto a un nipotastro inebetito da anni di ipod, il quale così mi disse: "A zì, ma che ciai l'impianto rotto? Perchè il volume s'arza e s'abbassa da solo?


    Perfettamente inutile dare spiegazioni santa  


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6362
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  lizard on Tue Nov 19, 2013 12:27 pm

    anche le ultime stampe da 180 gr lasciano alquanto a desiderare..

     

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3603
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  gciraso on Tue Nov 19, 2013 12:29 pm

    lizard wrote:anche le ultime stampe da 180 gr lasciano alquanto a desiderare..

     
    Dipende, io ne ho di ottime, migliori degli originali, come pure di peggiori.

    Per tornare OT, ci sono delle ottime registrazioni in CD che sono inascoltabili in auto, ad esempio, penso a dei brani della sposa venduta, su etichetta Mercury, di cui in auto si perdono tutte le sfumature dei pianissimo (anzi, tutti i pianissimo) e si sentono solo i forti. Registrazione eccezionale, ma assolutamente sprecata per l'auto. Se si fa ascoltare qusta registrazione ad qualsiasi soggetto abituato all'ipod, ti dirà sicuramente che suona male!

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Massimo on Tue Nov 19, 2013 8:18 pm

    Geronimo wrote:
    .....................................
    ........................................
    Un giorno feci ascoltare il mio impianto a un nipotastro inebetito da anni di ipod, il quale così mi disse: "A zì, ma che ciai l'impianto rotto? Perchè il volume s'arza e s'abbassa da solo?


    Perfettamente inutile dare spiegazioni santa  
    affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    Scusami Gero non sono riuscito a trattenermi.  


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16085
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Geronimo on Wed Nov 20, 2013 12:24 pm

    Massimo wrote:
    Geronimo wrote:
    .....................................
    ........................................
    Un giorno feci ascoltare il mio impianto a un nipotastro inebetito da anni di ipod, il quale così mi disse: "A zì, ma che ciai l'impianto rotto? Perchè il volume s'arza e s'abbassa da solo?


    Perfettamente inutile dare spiegazioni santa  
    affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid affraid
    Scusami Gero non sono riuscito a trattenermi.  
    Della serie "La Dinamica, questa sconosciuta"   


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    microfast
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2010-07-03
    Età : 55
    Località : INVERUNO (MI)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  microfast on Wed Nov 20, 2013 12:55 pm

    Al di la di quello che combinano negli studi, questa considerazione, tecnicamente parlando fa ridere ...

    Visto che di tutti i media citati nessuno è più dinamicamente limitato dell'LP, tanto è vero che si utilizza l'equalizzazione RIAA per porvi rimedio ( un po', perchè rimane limitato comunque).

    Saluti
    Marco


    _________________
    www.digifastmultimedia.it

    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3603
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  gciraso on Wed Nov 20, 2013 1:30 pm

    microfast wrote:Al di la di quello che combinano negli studi, questa considerazione, tecnicamente parlando fa ridere ...

    Visto che di tutti i media citati nessuno è più dinamicamente limitato dell'LP, tanto è vero che si utilizza l'equalizzazione RIAA per porvi rimedio ( un po', perchè rimane limitato comunque).

    Saluti
                   Marco    
    Puoi anche ridere di gusto, ma la realtà è che RIAA o non RIAA ci sono LP che suonano benissimo.

    Geronimo
    Self-Awareness
    Self-Awareness

    Numero di messaggi : 16085
    Data d'iscrizione : 2009-03-09

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Geronimo on Wed Nov 20, 2013 1:36 pm

    microfast wrote:Al di la di quello che combinano negli studi, questa considerazione, tecnicamente parlando fa ridere ...

    Visto che di tutti i media citati nessuno è più dinamicamente limitato dell'LP, tanto è vero che si utilizza l'equalizzazione RIAA per porvi rimedio ( un po', perchè rimane limitato comunque).

    Saluti
                   Marco    
    Chiunque abbia un minimo di conoscenza in campo hi-fi sa che il vinile ha una dinamica teorica limitata rispetto al CD (50db rispetto a 96db, se non ricordo male). Il mio esempio si riferiva al caso particolare in cui un CD venga supercompresso rispetto al corrispondente vinile.

    In questo caso, le orecchie e DR Database lo confermano, il CD avrà una dinamica quasi inesistente rispetto al corrispondente vinile e di conseguenza suonerà una chiavica.

    Del resto, il titolo recita "A volte" e non "Sempre"


    _________________
    "Se cerchi il rilassamento mentale prova la meditazione sul respiro"(CLICCA QUI)

    "Sono il ponte fra quello che non sono mai stato e quello che non sarò mai"

    "Il mio impianto AUDIO ANALOGUE-AIRTECH-ADVENT"(CLICCA QUI)

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  RockOnlyRare on Wed Nov 20, 2013 2:09 pm

    Geronimo wrote:Oltre ai motivi citati da Lupo, il perchè dell'ipercompressione risiede nel fatto che più un brano suona forte e più attrae l'attenzione degli ascoltatori comuni, ovvero dei non-audiofili. Questo fenomeno genera un circolo vizioso: assuefatto al volume forsennato, l'ascoltatore comune diventa un drogato di decibel sparati senza la minima dinamica e incapace di ascoltare in altra maniera.

    Un giorno feci ascoltare il mio impianto a un nipotastro inebetito da anni di ipod, il quale così mi disse: "A zì, ma che ciai l'impianto rotto? Perchè il volume s'arza e s'abbassa da solo?


    Perfettamente inutile dare spiegazioni santa  
    Verissimo, aggiungo che nel caso di album prodotti a suo tempo in analogico, la rimasterizzazione cercava anche di eliminare o perlomeno ridurre il rumore di fruscio di fondo del nastro, cosa che causava spesso dei disastri in tema di dinamica e taglio degli alti, ed il guaio è che allora i cd costavano anche più dei vinili.
    Però ho anche molti cd che suonavano meglio dell'analogico, sempre però antecedenti al boom degli mp3.

    Sul nipotastro posso sono dire      
    Il mio "nipotastro", (vero che ha 21 anni adesso), ha ascoltato una serie di impianti sul mio stereo ed i metallica in alta risoluzione ed è rimasto basito ... almeno quello  


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  RockOnlyRare on Wed Nov 20, 2013 2:20 pm

    Geronimo wrote:Chiunque abbia un minimo di conoscenza in campo hi-fi sa che il vinile ha una dinamica teorica limitata rispetto al CD (50db rispetto a 96db, se non ricordo male). Il mio esempio si riferiva al caso particolare in cui un CD venga supercompresso rispetto al corrispondente vinile.

    In questo caso, le orecchie e DR Database lo confermano, il CD avrà una dinamica quasi inesistente rispetto al corrispondente vinile e di conseguenza suonerà una chiavica.

    Del resto, il titolo recita "A volte" e non "Sempre"
    Infatti anche io la penso così. Se DAVVERO e non per finta, utilizzano il master originale analogico senza manipolazioni, e lo usano come base per stamparvi un vinile a 180 o 200g magari doppio invece che singolo o meglio a 45 giri, oppure se lo stesso file lo usano per un SACD o DVD-A DB audio o file hi.res, allora quasi certamente il risultato sarà migliore o perlomeno non inferiore dell'originale.

    Purtroppo questo non capita sempre (per non dire che accade raramente), alla fine secondo me sono le orecchie anche più che i grafici a dare la sentenza.

    Ecco perché il passa la voce nei forum di appassionati audiofili è fondamentale ed indispensabile prima di acquisti spesso costosissimi, oramai un vinile da 180g può superare i 40€ e scoprire DOPO che si sentiva meglio l'originale unto e consunto vecchio di 45 anni non fa piacere così come spendere una ventina di € per un file hi-res.


    microfast
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2010-07-03
    Età : 55
    Località : INVERUNO (MI)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  microfast on Wed Nov 20, 2013 2:30 pm

    RockOnlyRare wrote:Infatti anche io la penso così. Se DAVVERO e non per finta, utilizzano il master originale analogico senza manipolazioni, e lo usano come base per stamparvi un vinile a 180 o 200g magari doppio invece che singolo o meglio a 45 giri, oppure se lo stesso file lo usano per un SACD o DVD-A DB audio o file hi.res, allora quasi certamente il risultato sarà migliore o perlomeno non inferiore dell'originale.

    Purtroppo questo non capita sempre (per non dire che accade raramente), alla fine secondo me sono le orecchie anche più che i grafici a dare la sentenza.

    Ecco perché il passa la voce nei forum di appassionati audiofili è fondamentale ed indispensabile prima di acquisti spesso costosissimi, oramai un vinile da 180g può superare i 40€ e scoprire DOPO che si sentiva meglio l'originale unto e consunto vecchio di 45 anni non fa piacere così come spendere una ventina di € per un file hi-res.
    La dinamica di un master analogico di qualità non potrà mai essere trasferita in nessun LP, nemmeno pesasse 10 Kg., mentre ci sta comodamente in qualsiasi formato digitale ad alta risoluzione.

    Saluti
    Marco


    _________________
    www.digifastmultimedia.it

    microfast
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2010-07-03
    Età : 55
    Località : INVERUNO (MI)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  microfast on Wed Nov 20, 2013 2:32 pm

    Geronimo wrote:Chiunque abbia un minimo di conoscenza in campo hi-fi sa che il vinile ha una dinamica teorica limitata rispetto al CD (50db rispetto a 96db, se non ricordo male). Il mio esempio si riferiva al caso particolare in cui un CD venga supercompresso rispetto al corrispondente vinile.

    In questo caso, le orecchie e DR Database lo confermano, il CD avrà una dinamica quasi inesistente rispetto al corrispondente vinile e di conseguenza suonerà una chiavica.

    Del resto, il titolo recita "A volte" e non "Sempre"
    Hai ragione, ma conviene sempre rammentarlo a chi crede alle favole audiofile ....  

    Saluti
    Marco


    _________________
    www.digifastmultimedia.it

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  RockOnlyRare on Wed Nov 20, 2013 2:41 pm

    microfast wrote:La dinamica di un master analogico di qualità non potrà mai essere trasferita in nessun LP, nemmeno pesasse 10 Kg., mentre ci sta comodamente in qualsiasi formato digitale ad alta risoluzione.

    Saluti
                                     Marco
    Verissimo, ma se il sorgente è DAVVERO un master analogico di qualità, il problema è che troppo spesso non solo i cd ma anche i files in alta risoluzione, (non importa se in SACD o DVD-A o BD o in formato liquido) sono presi da rimasterizzazioni compresse che hanno completamente appiattito il suono e quindi la dinamica.
    Il risultato è (per assurdo) come se tu registrassi un master professionale registrando la musica presa da uno smartphone invece che dal vivo.

    In questo forum si parla ad esempio di un meraviglioso ma costosissimo box in vinile ad alta grammatura dell'intera discografia di De Andrè. Un utente si è informato ed ha scoperto che il master non è quello originale ma quello rimasterizzato in digitale nel 2007. Chi se la sente di rischiare 250€ o passa con il rischio di scoprire poi che il vinile del 69 era decisamente meglio ?

    Dimenticavo a me i files in hi-res interessano moltissimo e ne ho parecchi di tutti i generi.


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  RockOnlyRare on Wed Nov 20, 2013 2:52 pm

    Geronimo wrote:Nonostante la mia riluttanza a farlo, a volte mi vedo costretto a ricercare in vinile album che già possiedo in CD, per il semplice motivo che i vinili NON sono mai compressi mentre i CD lo sono molto spesso. Infatti ho appena comprato  "Manifesti" di Garbo in vinile (sigillato), non sopportando più il pessimo remaster CD del 2007.

    Questo perchè mentre la compressione delle prime edizioni in CD è, tranne poche eccezioni, praticamente uguale a quella dei corrispondenti vinili, le edizioni attuali in CD sono molto spesso iper-compresse rispetto al vinile.

    Risulta quindi preferibile o ascoltare direttamente i vinili, per chi usa ancora il giradischi, oppure riversare i vinili in CDR per chi usa solo il lettore CD.

    A prescindere dalla qualità musicale, date un'occhiata ai pazzeschi valori di compressione del CD "The Fame" di Lady Gaga e confrontateli con quelli dell'edizione in vinile. E questo è un esempio fra i tanti.

    http://dr.loudness-war.info/index.php?search_artist=lady+gaga&sort=year&order=asc
    Ho dimenticato la cosa più importante, che è proprio il discorso "a volte"....
    Il problema degli appassionati audiofili è proprio che secondo me non esiste una regola che dice:

    1) il vinile originale è sempre il migliore
    2) il file hi.res è sempre il migliore
    3) il vinile ad alta grammatura della serie OMR o altra serie o etichetta specializzata è sempre il migliore.

    Dato che ognuna di queste affermazione è vera QUALCHE VOLTA, ci vorrebbe un database in cui gli appassionati audiofili potessero segnalare quella che secondo loro è la migliore incisione di un dato disco, e/o dare un voto alle varie edizioni.

    Il sito che misura la dinamica è certamente molto molto interessante, ma sarebbe un errore guardare solo alla dinamica per determinare la qualità, in quanto la dinamica dipende in modo imprescindibile dal tipo di musica incisa.

    E' evidente che se confronti la dinamica di un brano di classica caratterizzato da altissimi e pianissimo, rispetto ad un disco di una band di metal, il paragone sarà impietoso come numeri.
    Anche se per assurdo il disco di classica fosse registrato malissimo e quello di metal benissimo.

    Tempo fa ci fu una polemica sul brano Hotel California in hi-res presa dall'album originale rispetto alla versione su CD tratta dall'antologia in cui compare lo stesso brano. Numeri alla mano, in teoria il brano hi-res sarebbe dovuto essere nettamente peggiore della versione su CD.
    Io li possiedo entrambi e vi assicuro che la versione in CD è una delle peggiori incisioni che abbia mai ascoltato IN ASSOLUTO tanto è piatta e compressa, mentre quella in hi-res si sente benissimo, anche se la versione in vinile ad alta grammatura dello stesso album si fa preferire (ma si parla di sfumature in questo caso).


    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Massimo on Wed Nov 20, 2013 5:49 pm

    microfast wrote:Al di la di quello che combinano negli studi, questa considerazione, tecnicamente parlando fa ridere ...

    Visto che di tutti i media citati nessuno è più dinamicamente limitato dell'LP, tanto è vero che si utilizza l'equalizzazione RIAA per porvi rimedio ( un po', perchè rimane limitato comunque).

    Saluti
                   Marco    
    affraid affraid affraid affraid affraid 
    Sai come funziona e a che serve la RIAA?
    Scusa la mia risata, ti consiglio di andarti a leggere qualcosa che spiega la funzione della RIAA, che ha poco a che vedere con la dinamica.


    Last edited by Massimo on Wed Nov 20, 2013 5:54 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    microfast
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2010-07-03
    Età : 55
    Località : INVERUNO (MI)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  microfast on Wed Nov 20, 2013 5:53 pm

    Massimo wrote:affraid affraid affraid affraid affraid 
    Sai come funziona e a che serve la RIAA?
    Io si e tu?

    Saluti
    Marco


    _________________
    www.digifastmultimedia.it

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Massimo on Wed Nov 20, 2013 6:00 pm

    La frequenza tracciata dalla curva RIAA  serve solo a riportare le varie frequenze al giusto valore in fase di riproduzione.
    Secondo il valore di precisione della RIAA  sono più o meno rispettati i valori originali.
    Se invece parli dell'amplificazione del segnale,  che può essere variabile asseconda del progetto è detta  scheda gain, insieme alla RIAA che può essere attiva, semi passiva o passiva  è il pre-phono.
    Certo per fare questo lavoro c'è il pre-phono da 50 euro e da 10.000 euro, fanno la stessa cosa, ma il risultato è leggermente diverso.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    microfast
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2010-07-03
    Età : 55
    Località : INVERUNO (MI)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  microfast on Wed Nov 20, 2013 6:24 pm

    Massimo wrote:affraid affraid affraid affraid affraid 
    Sai come funziona e a che serve la RIAA?
    Scusa la mia risata, ti consiglio di andarti a leggere qualcosa che spiega la funzione della RIAA, che ha poco a che vedere con la dinamica.
    A volte le cose sono un po' differenti da come possono a prima vista sembrare o perlomeno essere come in questo caso correlate ....

    Un fruscio riduce il rapporto s/n che è strettamente connesso con la dinamica ed il permettere di riprodurre livelli maggiori di basse frequenze anche persegue lo scopo di una maggiore dinamica, nel senso che segnali a bassa frequenza di livello elevato, senza il trucco dell'enfasi/deenfasi sarebbero problematici, oltre che per una minor durata ( nel senso di minutaggio di riproduzione ), per il funzionamento della testina, che nel tentativo di riprodurli tenderebbe a distorcere se non addirittura a decollare   

    Quindi in soldoni, senza l'eq. RIAA, si dovrebbe comprimere la dinamica ancora di più e tenersi un fastidioso fruscio mascherante per i suoni più lievi.

    Saluti
                              Marco


    _________________
    www.digifastmultimedia.it

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Massimo on Wed Nov 20, 2013 6:32 pm

    Non la pensiamo su tutto allo stesso modo, per il fruscio, per il rapporto s/r  e la dinamica entrano tanti fattori  in gioco come gira, testina, taglio della puntina, braccio, tarature ecc... .
    Però ci tengo a farti vedere il Pre-phono a due telai che ho costruito, dopo aver letto un bel po sulla RIAA.



    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    microfast
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 292
    Data d'iscrizione : 2010-07-03
    Età : 55
    Località : INVERUNO (MI)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  microfast on Wed Nov 20, 2013 6:45 pm

    Sembra fatto, bene anche se così è un po' difficile dare un giudizio sul circuito.

    Anche io mi dilettavo a costruire DAC ed altre cosette del genere, ma ora purtroppo che produco e vendo a marchio "DIGIFAST Multimedia" devo dedicare tutto il mio tempo a questi prodotti.

    Saluti
    Marco


    _________________
    www.digifastmultimedia.it

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: A volte del vinile non se può fare a meno........

    Post  Massimo on Wed Nov 20, 2013 6:48 pm

    Ti occupi di liquida, ecco, ora si spiega, buon lavoro.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

      Current date/time is Sun Dec 04, 2016 9:10 am