Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto

    Share

    mc 73
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6678
    Data d'iscrizione : 2012-12-10

    Re: la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto

    Post  mc 73 on Thu Jan 15, 2015 8:53 am

    confortably numb wrote:

    Detto cosí sembra un problema di riflessioni o di risonanza, non scoraggiarti, certe volte bastano pochi centimetri di differenza per avere risultati notevoli. Io ho notato problemi del genere soprattutto con alcuni cd dei Marillion. Non so come li incidono ma i bassi non finiscono mai.
    secondo me il miglior consiglio gliel'ha dato Nimalone...
    una cassa base reflex posteriore,con 2 woofers da 25 cm..non è fatta x lavorare in quelle condizioni.

    confortably numb
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 563
    Data d'iscrizione : 2013-04-26
    Età : 55
    Località : Brunico (BZ)

    Re: la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto

    Post  confortably numb on Thu Jan 15, 2015 9:01 am

    mc 73 wrote:
    secondo me il miglior consiglio gliel'ha dato Nimalone...
    una cassa base reflex posteriore,con 2 woofers da 25 cm..non è fatta x lavorare in quelle condizioni.



    Ah, certamente, io ero partito dal presupposto che non volesse cambiare diffusori.


    _________________
    Vincent CD-S1.1 - Cayin 220CU - Kudos X2
    Docet 10/D - DT990pro - HD565 - SR60i
    Airtech Alfa - Neutral Cable Mantra 2 - Mogami By Pierpabass

    enzo66
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 980
    Data d'iscrizione : 2013-09-09
    Età : 50
    Località : Savona

    Re: la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto

    Post  enzo66 on Thu Jan 15, 2015 9:10 am

    calibro wrote:

    Qui ne parla.

    http://www.tnt-audio.com/casse/speaktweak.html

    Dice che variando la lunghezza delle cannucce varia anche la frequenza di accordo.
    Sì: variando la lunghezza delle cannucce abbassi la frequenza d'accordo che è inversamente proporzionale alla radice della lunghezza delle cannucce. Pertanto, mettere cannucce lunghe, ad esempio, il doppio della lunghezza del tubo, farebbe diminuire la frequenza d'accordo del 30 % circa. In linea di massima riterrei sconsigliabile variare la frequenza d'accordo con le cannucce: le metterei della stessa lunghezza del tubo per questi motivi:
    - per la cedevolezza meccanica (flessibilità) delle cannucce (la parte di cannucce esterna al tubo, non vincolata dalle pareti del tubo, potrebbe scricchiolare causando distorsione;
    - per una discontinuità della lunghezza in corrispondenza del bordo del tubo nella sezione in cui le cannucce escono dal tubo. Ciò causa due frequenze d'accordo: una principale che corrisponde alla lunghezza delle cannucce e dalla loro sezione; una secondaria che dipende dalla differenza tra la sezione del tubo e la somma delle sezioni delle cannucce.


    Last edited by enzo66 on Thu Jan 15, 2015 2:13 pm; edited 1 time in total


    _________________
    sunny Ciao, Enzo sunny

    "Se le porte della percezione fossero sgombrate, ogni cosa apparirebbe com'è: infinita"   [William Blake]

    .......   "E scusate se è poco"  ............    [Enzo66]

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto

    Post  RockOnlyRare on Thu Jan 15, 2015 2:05 pm

    confortably numb wrote:

    A chi lo dici...
    Quando un po' di anni fa decisi di andare a convivere con la mia attuale compagna, di piazzare un impianto proprio non se ne parlava. 40 mq. in tutto (era una prova di convivenza per fortuna andata bene) e quindi avevo un compattino JVC grande come una scatola da scarpe con cd player, radio e cassette e due diffusori monovia con altoparlante da 11 cm.
    Ora ho cambiato casa ma non é che é abbia una reggia (anche perché si sono aggiunti due figli) ma sono riuscito a sistemare degnamente un impianto che mi soddisfa e non é un pugno in un occhio. Chiaro che se avessi posto prenderei un giradischi e un ampli valvolare per cuffia, ma ce lo facciamo bastare.
    Ho visto il tuo impianto, complimentoni, ma in effetti i cavi sono un problema (come da me del resto) ma li ho dietro il mobile in una matassa indistricabile, se proprio non si va a sbirciare..  
    Ti invidio la quantitá di musica che hai, complimenti, come fai a sapere dove si trova il tal disco? Memoria fotografica?

    No banalissimo ordine alfabetico, con alcuni piccoli accorgimenti del tipo sezione speciale per la musica italiana e nel caso dei cd per quella australiana.... Sole le ultime news ed alcuni album "audiofili di riferimento" sono "a parte" direttamente nella libreria in sala.
    Poi ovviamente un programma multimediale music express che cataloga direttamente i cd in un database insieme a mp3 flac etc etc...
    In tempi ante informatica mi facevo una schedina tipo archivio con tutte le info tra cui non solo titoli brani esecutore etc etc ma anche costo anno di acquisto e via dicendo.... ovviamente li conservo ancora specie per i vinili, anche se con internet molte info le trovi banalmente in rete. Comunque ho un paio di agendine cartacee tipo rubrica telefonica in cui continuo a segnare gli album che acquisto per non rischiare doppioni.... assai raramente ma mi è capitato :)  (ma solo tramite internet, ai tempi dei vinili non capitava perchè le copertine te le ricordi assai più facilemente , e poi 20-30 anni non sono 60..... altra memoria, mi ricordo meglio album in vinile che non ascolto da 20 anni di quelli che ho preso 1-2 anni da ed ascoltato 10 volte)

    A propos, grazie ad aver scritto miglliaia e migliaia di titoli in inglese ho imparato a scriverlo perfettamente (ma non a capirlo) !!!!


    Cricetone
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 6589
    Data d'iscrizione : 2008-12-22
    Località : catanzaro

    Re: la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto

    Post  Cricetone on Thu Jan 15, 2015 9:34 pm

    La principale risonanza che fa vibrare l'arredo e ogni sportello e pannello di una stanza, sta intorno a 100-140hz,che è proprio la frequenza pompata che trovi in tutti i minidiffusori,nelle finte torri e nei diffusori una unz.scarica un cd con frequenze test,metti in repeat ogni singola frequenza,e scopri da dove viene la risonanza.poggiapielop di una mano sopra a ciò che risuona e noterai che smette.bloccato in qualche modo e risolvi.girando per la stanza noterai che vi sono punti in cui senti un rumore terribile,quelli sono i nodi di risonanza.dove invece non li senti,sono proprio i punti in cui di solito ti fermi ad ascoltare quando stai in piedi


    _________________
     38.000+ foto dei circuiti interni di elettroniche e diffusori hifi, av e professionali.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5707
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto

    Post  RockOnlyRare on Sun Jan 18, 2015 10:16 pm

    Cricetone wrote:La principale risonanza che fa vibrare l'arredo e ogni sportello e pannello di una stanza, sta intorno a 100-140hz,che è proprio la frequenza pompata che trovi in tutti i minidiffusori,nelle finte torri e nei diffusori una unz.scarica un cd con frequenze test,metti in repeat ogni singola frequenza,e scopri da dove viene la risonanza.poggiapielop di una mano sopra a ciò che risuona e noterai che smette.bloccato in qualche modo e risolvi.girando per la stanza noterai che vi sono punti in cui senti un rumore terribile,quelli sono i nodi di risonanza.dove invece non li senti,sono proprio i punti in cui di solito ti fermi ad ascoltare quando stai in piedi

    interessante...


    atnoi
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 118
    Data d'iscrizione : 2012-11-14
    Età : 60
    Località : napoli

    Re: la famigerata distanza dei diffusori dagli angoli della stanza di ascolto

    Post  atnoi on Mon Jan 19, 2015 9:34 pm

    Cricetone wrote:La principale risonanza che fa vibrare l'arredo e ogni sportello e pannello di una stanza, sta intorno a 100-140hz,che è proprio la frequenza pompata che trovi in tutti i minidiffusori,nelle finte torri e nei diffusori una unz.scarica un cd con frequenze test,metti in repeat ogni singola frequenza,e scopri da dove viene la risonanza.poggiapielop di una mano sopra a ciò che risuona e noterai che smette.bloccato in qualche modo e risolvi.girando per la stanza noterai che vi sono punti in cui senti un rumore terribile,quelli sono i nodi di risonanza.dove invece non li senti,sono proprio i punti in cui di solito ti fermi ad ascoltare quando stai in piedi

    fatto.
    mi sono procurato un sw freeware (VB_Generator_standalone) con il quale è possibile generare suoni sinusoidali con frequenza selezionabile a piacere.
    ho collegato l'uscita audio del pc ad un ingresso dell'amplificatore (all'inizio con caute e volume bassissimo) ed ho cominciato a impostare verie frequenze per vedere che succedeva.
    ovviamente la prova l'ho fatta solo con l'ausilio del mio udito...quindi sicuramente non ho potuto con accuratezza apprezzare la "linearità" della risposta in frequenza dell'insieme ampli+casse+stanza, però la prove è stata sicuramente "rigorosa" per individuare le risonanze dell'arredamento.
    infatti:
    - intorno ai 160 hz una mensola di legno interna di un mobile vibrava all'impazzata!!! (soluzione temporanea :bloccata con un cuscino incastrato dentro)
    - 190 hz vibrava la porta (feltrini sui battenti e via....)
    - 225 hz non ho capito cosa faceva vibrare un controsoffitto con faretti.. qui devo indagare perchè è tutto chiuso e non so su cosa intervenire
    - 230 hz un soprammobile: spostato oppure posso mettere un feltrino...

    insomma ho "grossomodo" silenziato la stanza.

    ora quello che resta è il rimbombo per bassa distanza tra casse e muri...ma qua potrò fare ben poco (che però si sente solo con la musica e non con le singole frequenze, chissà perchè). le cannucce sembrano interessanti ma l'intervento è complicato. proverò con i tappi di spugna e vi farò sapere.

    una piacevole sorpresa: i 20 hz si udivano benissimo. ovviamente il suono, come dichiarato dalla stessa casa, sarà stato sicuramente attenuato perchè la risposta in frequenza dichiarata della cassa non arriva a quei livelli, però c'era, eccome!!! a conferma che comunque le rf7 hanno, secondo me, da questo punto di vista, un eccezionale rapporto qualità prezzo.  

    altro fenomeno notevole è la presenza dei nodi di risonanza. non immaginavo che potessero essere così evidenti.

      Current date/time is Tue Dec 06, 2016 1:05 pm