Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Ristilatura testine vintage
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

Ristilatura testine vintage

Franz84
Franz84
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 23.02.18

Ristilatura testine vintage Empty Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Franz84 il Sab Ago 10 2019, 13:17

Carissimi, vorrei condividere con chi ne abbia voglia la mia esperienza in ordine alla ristilatura, o meglio lo definirei restauro, di alcune testine vintage. Da tempo mi chiedevo se alcune vecchie testine top di gamma potessero competere con le attuali produzioni, se riportate a nuovo, e se valesse la pena spendere somme non indifferenti - 500 euro per intenderci - per procedere alla non semplice operazione di sostituzione del cantilever e dello stilo. Inoltre rimaneva il dubbio in ordine allo snaturamento della testina originale. Alla fine, dopo aver individuato l'artigiano secondo me più idoneo, ed essendo in possesso di due datate fr7, ho deciso di far procedere alla sostituzione, per un solo esemplare, del cantilever in duralluminio con cantilever in solid boron e stilo micro ridge. Premetto che il lavoro non e' stato fatto ne' da Torlai ne' da Lucchetti. La scelta di tale materiale non e' stata casuale, ma dettata dal fatto che oggi ikeda monta sulla SAI, testina con shell incorporato da 30 grammi, solid boron e stilo mr. A lavoro finito la testina e' stata integralmente restaurata, con pulizia interna, revisione della sospensione che e' stata girata per consentire l'utilizzo del lato non usurato dai molti anni di lavoro, e sostituzione del cantilever, che ha la stessa identica lunghezza dell'originale, come da foto allegate. Cosa dire... la "nuova" fr7 surclassa la vecchia per velocità dei transienti, altissima definizione , gamma alta,silenziosità, ma mantiene la magia della gamma media che rende questa testina ad avviso di molti unica. Nel confronto con altre testine in mio possesso, tra cui alcune lyra e zyx, si tratta di un risultato davvero notevole. Le bobine in argento avvolte in aria danno grandissima linearita' e neutralita' al suono. La zyx in confronto sembra eufonica e colorita, caratteristiche che non si addicono alle testine di nakatsuka, note per la loro neutralita'. In conclusione secondo me la ristilatura, se eseguita a regola d'arte, migliora nettamente le ns vecchie testine. Purtroppo se l'operazione viene eseguita maldestramente, ed a me capitò con soundsmith, la testina viene modificata radicalmente in peggio. Spesso viene utilizzata colla, che appesantisce la testina e ne muta la massa. Stilo e cantilever in oggetto provengono da Namiki, unico produttore dello stilo micro ridge. Mi piacerebbe conoscere Vs eventuali simili esperienze. Ho fatto eseguire il restauro anche su una monster 1000 ed anche qui il risultato e' stato meraviglioso. Ristilatura testine vintage 20190810
Marcob
Marcob
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 480
Data d'iscrizione : 19.03.10

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Marcob il Dom Ago 11 2019, 08:45

@Franz84 ha scritto:Carissimi, vorrei condividere con chi ne abbia voglia la mia esperienza in ordine alla ristilatura, o meglio lo definirei restauro, di alcune testine vintage. Da tempo mi chiedevo se alcune vecchie testine top di gamma potessero competere  con le attuali produzioni, se riportate a nuovo, e se valesse la pena spendere somme non indifferenti - 500 euro per intenderci - per procedere alla non semplice operazione di sostituzione del cantilever e dello stilo. Inoltre  rimaneva il dubbio in ordine allo snaturamento della testina originale. Alla fine, dopo aver individuato l'artigiano secondo me più idoneo, ed essendo in possesso di due datate fr7, ho deciso di far procedere alla sostituzione, per un solo esemplare, del cantilever in duralluminio con cantilever in solid boron e stilo micro ridge. Premetto che il lavoro non e' stato fatto ne' da Torlai ne' da Lucchetti. La scelta di tale materiale non e' stata casuale, ma dettata dal fatto che oggi ikeda monta sulla SAI, testina con shell incorporato da 30 grammi, solid boron e stilo mr. A lavoro finito la testina e' stata integralmente restaurata, con pulizia interna, revisione della sospensione che e' stata girata per consentire l'utilizzo del lato non usurato dai molti anni di lavoro, e sostituzione del cantilever, che ha la stessa identica lunghezza dell'originale, come da foto allegate. Cosa dire... la "nuova" fr7 surclassa la vecchia per velocità dei transienti, altissima definizione , gamma alta,silenziosità, ma mantiene la magia della gamma media che rende questa testina ad avviso di molti unica. Nel confronto con altre testine in mio possesso, tra cui alcune lyra e zyx, si tratta di un risultato davvero notevole. Le bobine in argento avvolte in aria danno grandissima linearita' e neutralita' al suono. La zyx in confronto sembra eufonica e colorita, caratteristiche che non si addicono alle testine di nakatsuka, note per la loro neutralita'. In conclusione secondo me la ristilatura, se eseguita a regola d'arte, migliora nettamente le ns vecchie testine. Purtroppo se l'operazione viene eseguita maldestramente, ed a me capitò  con  soundsmith, la testina viene modificata radicalmente in peggio. Spesso viene utilizzata colla, che appesantisce la testina e ne muta la massa. Stilo e cantilever in oggetto provengono da Namiki, unico produttore dello stilo micro ridge. Mi piacerebbe conoscere Vs eventuali simili esperienze. Ho fatto eseguire il restauro anche su una monster 1000 ed anche qui il risultato e' stato meraviglioso. Ristilatura testine vintage 20190810

Ciao, 
Non ho esperienze in merito..... Ma quanto scrivi....è veramente affascinante!!!!!!!
Complimenti.!!!
Marco
Franz84
Franz84
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 23.02.18

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Franz84 il Dom Ago 11 2019, 09:33

Ciao Marco.Mi sembrava interessante condividere questa esperienza. Ci sono tante bellissime testine vintage che se rimesse a nuovo possono competere con quelle attuali, e che comunque, a prescindere dal suono delle attuali mc di fascia alta, sono davvero belle. Io ero sempre stato scettico a procedere alla sostituzione di cantilever e stilo con materiali diversi dall'originale, ma nel caso della 7 e' stata una scelta che non ha snaturato la testina ma l'ha soltanto migliorata, e non di poco. Credevo erroneamente che la lentezza del cantilever in alluminio ed il taglio contact lin dello stilo contribuissero nel caso di specie alla melodiosita' e presenza della gamma media, e invece questa caratteristica e' conseguenza della struttura del motore, che a dispetto dei 40 anni sul groppone, resta innovativa e con ogni evidenza attuale. Mi piacerebbe confrontarmi con chi ha avuto esperienze simili, a prescindere dalla testina usata. Molto in voga è la modifica della denon 103 con stilo in boro, diamante shibata e rimozione del guscio originario. Anche qui sarei curioso di conoscere le differenze riscontrate, e soprattutto se il punch caratteristico della 103 permanga o vada perduto.
Buona domenica
Francesco


_________________
Pre Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Finale Accuphase P500 - Giradischi Technics SL 1200G - Braccio suppletivo Ortofon RMG 212 - Thorens TD 125 - Testine Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - SUT Fidelity Research XG5 - Uesugi UBROS 5 Low - Accuphase DP 55V - Diffusori ProAC 140 MK 2
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Dom Ago 11 2019, 15:05

sulle testine vintage e sugli effetti di una ristilatura ricordo di aver letto alcuni 3D 
uno per tutti  
https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t23308-testine-vintage-di-qualita-passate-nell-oblio?highlight=vintage
ricordo che sull'argomento non c'era accordo
sotto il profilo del collezionismo una testina non originale perde sicuramente fascino (e valore) anche perche', come dici tu, i lavori  non sono sempre riusciti  
in questi casi e' importante mantenere la documentazione dei lavori effettuati. 
Personalmente non sono contrario  a ristilature purche' ben fatte e documentate  
anch'io feci confronti fra testine originali e ristilate
si trattava in particolare di una linn troika, una delle due ristilata da Torlai con cantilever in boron diamante iperellittico  
era migliore l'originale o la ristilata?  
personalmente non avevo preferenze anche se il suono era leggermente diverso
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Dom Ago 11 2019, 15:14

se fai una ricerca digitando vintage nella sezione analogico  
https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t20177-vintage-cartridges?highlight=vintage
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Dom Ago 11 2019, 16:00

non solo linn troika! 
ora che ci penso ebbi contemporaneamente due rohmann, una originale e l'altra by lucchetti  
anche qui c'erano differenze  seppur non eclatanti  
queste prove mi convinsero a ritenere  che cio' che contraddistingue maggiormente il suono della testina siano il motore ed il progetto
carloc
carloc
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 17368
Data d'iscrizione : 27.07.11
Località : Busto Arsizio - Sabaudia (Motociclista)

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da carloc il Dom Ago 11 2019, 17:55

@alanford ha scritto:non solo linn troika! 
ora che ci penso ebbi contemporaneamente due rohmann, una originale e l'altra by lucchetti  
anche qui c'erano differenze  seppur non eclatanti  
queste prove mi convinsero a ritenere  che cio' che contraddistingue maggiormente il suono della testina siano il motore ed il progetto

Concordo anche se ritengo che utilizzare uno stilo MR a posto di un ellittico o shibata sia un bel passo avanti in quanto alla capacità di estrarre informazioni dal microsolco.


_________________
Rem tene verba sequentur

https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t3-regolamento

https://www.instagram.com/ilgazeboaudiofilo/?hl=it

https://www.facebook.com/gazeboaudiofilo/
Franz84
Franz84
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 23.02.18

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Franz84 il Dom Ago 11 2019, 18:27

Caro Alan, condivido sempre i tuoi interventi e mi fa piacere conoscere la tua esperienza. Mi piacerebbe farti ascoltare la testina in oggetto. Ho letto l'interessante discussione che hai postato, e la "cazziata" all'amico che esaltava la 103, che quoto appieno. Io ne ho 3 di 103, in varie versioni, e quando le metto a confronto con le mie altre testine sembrano sempre rotte, rozze e prive di tanta gamma alta. Detto cio', dopo questo esperimento mi sono convinto anche io che il suono lo fa il motore ed il progetto. La proteus ad esempio ha le bobine tra i magneti, e questo, unitamente al cantilever in boro ed allo stilo ogura pa,caratterizza il suo suono. La fr7, avendo le bobine in argento avvolte in aria,non subisce interferenze ed ha una linearità straordinaria oltre ad una neutralità che mi portano a dire che di vintage non ha proprio nulla. Il cantilever in boro ed lo stilo mr, che non esisteva nel 78, consentono l'estrazione di più informazioni, maggiore velocità e gamma alta mai tagliente. Il micro ridge, insieme all'ogura pa ed al replicant 100 ortofon, è secondo me il meglio che si possa avere. Il problema è l'esecuzione dell'intervento, perché da quel che ho appreso basta inserire un cantilever di pochi millimetri più corto o lungo dell'originale per intaccare negativamente la geomatria della testina e stressare la sospensione. Sulla monster 1000 ho fatto togliere il cantilever in rubino che aveva messo soundsmith - mica l'ultimo arrivato in teoria - e lo stilo fine line, per tornare al suo originale namiki boro e mr. La testina non è semplicemente migliorata, ma suona in modo diametralmente diverso ed esponenzialmente migliore, e su alcuni aspetti supera l'attuale zyx 4d provata, seppur assai simili tra loro. Poi dopo 20/30/40 anni non ci credo che esistano stili non consumati, quindi la ristilatura sarebbe d'obbligo per farle tornare a cantare, il problema e' sempre cosa si mette e come lo si mette. Credevo inoltre che non fosse possibile ottenere stili e cantilever d'ogni tipo, ma mi sono dovuto ricredere, scoprendo che al mondo ci sono solo 3 produttori, namiki, ogura ed un altro in Svizzera, e che si puo' reperire di tutto, tranne alcuni tagli commissionati ad hoc dalle case - come il su citato replicant 100. A questo punto mi intrigherebbe molto far tornare a nuovo una supex 900 di Sugano, e poi confrontarla con una attuale koetsu. Come la vedi?


_________________
Pre Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Finale Accuphase P500 - Giradischi Technics SL 1200G - Braccio suppletivo Ortofon RMG 212 - Thorens TD 125 - Testine Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - SUT Fidelity Research XG5 - Uesugi UBROS 5 Low - Accuphase DP 55V - Diffusori ProAC 140 MK 2
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Lun Ago 12 2019, 00:45

@Franz84 ha scritto: A questo punto mi intrigherebbe molto far tornare a nuovo una supex 900 di Sugano, e poi confrontarla con una attuale koetsu. Come la vedi?

premesso che le attuali koetsu non mi risultano di Sugano (padre)

per il resto ho entrambe, originali, di Sugano padre (la rosewood signature e' del primo periodo)

a mio avviso la koetsu e' di un livello decisamente superiore 

ecco una supex long body mi manca........  Ristilatura testine vintage 999153
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Lun Ago 12 2019, 02:04

comunque io preferisco preservare il piu' possibile il carattere sonico originale della testina quindi la sostituzione del cantilever, anche se asseritamente di miglior qualita' rispetto all'originale, se posso lo evito
sul diamante,  sono invece assai piu' disponibile
Franz84
Franz84
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 23.02.18

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Franz84 il Lun Ago 12 2019, 11:49

In partenza volevo evitarla anche io. Ma i diamanti di produzione attuale, compresi i contact line, sono molto più piccoli, ed il foro del cantilever è di conseguenza più grande. Chi mi ha fatto il lavoro ha rifiutato di sigillare il foro con la colla, sostenendo che l'incastonatura dello stilo garantisca un risultato sonico migliore. Comunque l'alluminio è più lento e risonante del boro, che non a caso oggi si trova in tutte le testine di fascia alta, spesso addirittura diamantato. Poi c'e' chi ricerca quella leggera lentezza per caratterizzare il suono, e mi viene in mente il disegnatore delle shelter, ex fidelity research. Per scelta lui persiste nell'utilizzo di duralluminio e tagli contact line, e pure lì è un gran bel sentire. Insomma, come hai ben detto tu sopra, è sempre questione di progetto complessivo, ma secondo me l'attuale ikeda sai non è poi così diversa dalla fr7, come non lo era la musa che però in quanto priva del cantilever era velocissima stile decca. Che sia proprio il cantilever e lo stilo a rendere piu' moderne le attuali ikeda, che hanno steso peso, stessa cedevolezza e stessa impedenza interna - nel caso specifico fr7 e ikeda sai?


_________________
Pre Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Finale Accuphase P500 - Giradischi Technics SL 1200G - Braccio suppletivo Ortofon RMG 212 - Thorens TD 125 - Testine Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - SUT Fidelity Research XG5 - Uesugi UBROS 5 Low - Accuphase DP 55V - Diffusori ProAC 140 MK 2
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7632
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 65
Località : Milano

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da RockOnlyRare il Lun Ago 12 2019, 15:08

Non sono contrario alla sostituzione in particolare se l'alternativa e non poter più usare una testina vintage di qualità, dato che ce ne sono molte che sono in grado di dare enormi soddisfazioni anche se oramai lo stilo originale è introvabile.
Ovviamente se chi fa il lavoro lo fa in modo impeccabile.


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Lun Ago 12 2019, 19:58

la ristilatura va ponderata con attenzione, la mia impressione e' che qualche volta ci si lasci prendere la mano,un po' come avviene con il recapping selvaggio delle elettroniche  Neutral

Il diamante di una testina ben usata (intendo da persona che sappia quello che fa) ha una durata che puo' arrivare anche a 1000 ore ed anche di piu'  
occorre quindi un corretto e rigoroso esame prima di sentenziare che la testina vada ristilata 
oggi esistono diversi tipi di tagli di diamante come Franz ha ricordato, e' ragionevole pensare che il taglio influenzi la durata 

a mio modesto avviso un taglio"moderno" dovrebbe garantire maggior durata  ma qui mi fermo perche' sull'argomento c'e' qualcuno in questo forum ne sa molto piu' di me vero Pietro?  Embarassed
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Lun Ago 12 2019, 20:16

qui addirittura si parla di 5000 ore, forse con una punta di esagerazione  

https://www.fedeltadelsuono.net/172/dnaudio-presenta-la-nuova-testina-virus/
Franz84
Franz84
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 23.02.18

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Franz84 il Mar Ago 13 2019, 18:57

Stilo micro ridge ed ogura pa garantiti per 2000 ore, come indicato da zyx per tutte le sue testine. Ma dopo 500 euro le facciate del diamante che toccano i solchi iniziano ad impallidire ed acquisiscono un colore ambrato. Iniziano a squillare gli alti e le sibilanti non vengono più riprodotte correttamente. Tagli shibata, contact line e fine line non arrivano a 2000 ore. 5000 ore e' pura utopia, nel senso che continuano a suonare, ma per nulla come dovrebbero. Spesso leggo dai venditori internazionali che lo stilo di vecchie testine è ok, scrivono sempre shank, peccato però che non sia la punta a leggere i solchi bensì le facciate laterali. Più è piccolo e sfaccettato il diamante, maggiore la superficie di contatto e più lenta l'usura. L'area di contatto ridotta da' luogo ad usura più rapida perché l'area di contatto è più limitata. Chiedo conferma a chi ne sa più di me, ma sono abbastanza certo di tali informazioni. Detto questo, il microscopio non mente, e basta osservare lo stilo per verificarne le ore di usura, chiaramente da parte di chi sa fare questi delicatissimi interventi. Mentre per il cantilever la faccenda è più complessa, per lo stilo la vetustà deteriora drammaticamente le prestazioni soniche, e se eseguito a regola dell'arte non vedo inconvenienti di sorta. Certo, se si ristila una ortofon Anna con microrodge anziché replicant 100 si cambia il suono, e forse in peggio. Idem se una dynavector con contact line pathfinder viene ristilatura con un ogura pa. Per alcune testine purtroppo può intervenire solo la casa. E qui potrebbe farsi una ulteriore riflessione sulla convenienza di comprere sul nuovo solo testine con stili reperibili sul mercato, e non stili esclusivi di singole case. Anche perché che mi risulti non tutte le case adottano la politica del reso a nuovo al solo costo di ristilatura - tra queste sicuramente c'e' audiotechnica del cui catalogo mi affascina solo la.costosa art 1000.


_________________
Pre Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Finale Accuphase P500 - Giradischi Technics SL 1200G - Braccio suppletivo Ortofon RMG 212 - Thorens TD 125 - Testine Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - SUT Fidelity Research XG5 - Uesugi UBROS 5 Low - Accuphase DP 55V - Diffusori ProAC 140 MK 2
heartbreaker
heartbreaker
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 208
Data d'iscrizione : 15.08.15

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da heartbreaker il Mar Ago 13 2019, 22:56

Sono d'accordo con quello che dici. 5000 ore sono veramente tante e non so se in fabbrica abbiano eseguito realmente la prova di durata, cioè abbiano fatto suonare la testina per 208 giorni, 24 ore al giorno!
Per quanto riguarda la "visione" della usura, se ne era già parlato qui: https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t36034-un-microscopio-per-le-nostre-testine.
Guardate cosa dice la Nagaoka a proposito della sua testina migliore: http://www.nagaoka.eu/index.php?item=nagaoka-mp-500&action=article&group_id=10000003&aid=46&lang=en.
Saranno tanto migliori gli stili delle altre testine?
Credo che la operazione di ristilatura sia meglio la faccia il costruttore originale, voglio dire che una Ortofon Anna, la mando alla Ortofon. Esattamente come ha fatto un mio amico che lo ha fatto con una Xpression che gli è ritornata praticamente nuova.
Così pure mi è tornata praticamente nuova la mia Soundsmith Aida( Soundsmith ha un programma di ristilatura delle sue testine a prezzi onestissimi).
Quello che va sottolineato è che oltre allo stilo si "consuma" anche la sospensione della testina( non per Decca e Ikeda), che anzi si altera prima dello stilo, per cui la operazione di ristilatura andrebbe sempre accompagnata  anche dal rinnovamento della sospensione. Cosa che in fabbrica fanno ed è per questo che il costo sale in maniera esponenziale.
Altro è il discorso di testine fuori produzione, di cui il costruttore non garantisce più il supporto. Qui si è costretti a trovare un artigiano veramentre bravo.
Ovviamente non si potranno ritrovare i componenti originali e la testina ristilata non sarà più l'originale. Potrebbe suonare anche molto meglio, solo che non è comunque più la stessa. Inoltre nella sostituzione del sistema cantilever-stilo, si dovrà fare attenzione alle accoppiate fra il metallo del cantilever e il taglio dello stilo. Vedete cosa fa Ledermann ( Soundsmith) per il suo catalogo di testine.
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Mer Ago 14 2019, 00:49

@heartbreaker ha scritto:
Guardate cosa dice la Nagaoka a proposito della sua testina migliore: http://www.nagaoka.eu/index.php?item=nagaoka-mp-500&action=article&group_id=10000003&aid=46&lang=en.
Saranno tanto migliori gli stili delle altre testine?

bisognerebbe chiedere a nagaoka se utilizza diamanti sintetici o naturali, dettaglio che normalmente i produttori non pubblicizzano
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Mer Ago 14 2019, 01:03

@heartbreaker ha scritto:
Credo che la operazione di ristilatura sia meglio la faccia il costruttore originale, 

ovvio 
ma a che prezzo? 
la ortofon chiede oltre 1100 euro per una ricostruzione completa di una cadenza black che nuova si trova a 1800 euro
Marcob
Marcob
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 480
Data d'iscrizione : 19.03.10

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Marcob il Mer Ago 14 2019, 09:48

@alanford ha scritto:

ovvio 
ma a che prezzo? 
la ortofon chiede oltre 1100 euro per una ricostruzione completa di una cadenza black che nuova si trova a 1800 euro



...in effetti....oggi....conviene fino a un certo punto...almeno penso per testine in produzione sotto i 2k... 

Per esempio...
L'ultima volta che ho mandato a Studiotechnik per una revisione / ricostruzione la EMT tsd 15 ho speso 720 euri..... Qualche anno prima per la stessa operazione avevo speso circa 500 euro.... 

Nuova la si trova sotto i 1400 euro....pronta consegna.... Io ho atteso circa 3 mesi l'ultima volta!!!
Franz84
Franz84
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 23.02.18

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Franz84 il Mer Ago 14 2019, 11:32

Proprio questo il punto .. non c'è dubbio che la casa garantisca il miglior lavoro di ripristino, ma pochissimi costruttori, tra cui la citata audiotechnica e non la ortofon, applicano la policy di cambio testina al solo costo di ristilatura. Ecco perché forse converrebbe sul nuovo optare per le non poche testine che montano diamanti reperibili in commercio, ogura e namiki. La durata dello stilo nagaoka è assolutamente normale, il fine line a 300 ore inizia a consumarsi sui lati. Comunque sono curiosamente in attesa di altri feedback su testine vintage restaurate :)


_________________
Pre Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Finale Accuphase P500 - Giradischi Technics SL 1200G - Braccio suppletivo Ortofon RMG 212 - Thorens TD 125 - Testine Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - SUT Fidelity Research XG5 - Uesugi UBROS 5 Low - Accuphase DP 55V - Diffusori ProAC 140 MK 2
martin logan
martin logan
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 261
Data d'iscrizione : 18.11.17
Località : Pavia

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da martin logan il Mer Ago 14 2019, 16:36

Il post è molto interessante 🇬🇭Premesso che (così mi hanno detto) il problema per molte vintage si pone pure se sono a km zero (le cosiddette NOS), spesso la sospensione del cantilever è andata ...
Credo che molte testine di medio e alto livello - non più in produzione - possano meritare un accorto intervento, da valutare anche in rapporto al costo. Se poi l'insieme non è più "originale" pazienza.
Anche nel restauro di altri beni d'epoca capita di dover per forza usare parti di progettazione / costruzione attuale, pensiamo alla frizione o alle bielle di un'auto d'epoca.
Nella mia breve esperienza solo una volta mi sono posto il problema, per una Denon DL207. Mi hanno chiesto 300 euro (o poco meno) per una ristilatura, lavoro che a oggi non ho ancora fatto, ma l'ho messo in calendario per il 2020 Ristilatura testine vintage 650957
Franz84
Franz84
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 23.02.18

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Franz84 il Mer Ago 14 2019, 20:05

Una testina vintage nos dovrebbe costare pochi euro .. ad eccezione di rari casi, tra cui forse koetsu e supex, le sospensioni si seccano in conseguenza del mancato utilizzo della testina, spesso in elastomero. Il ripristino della sospensione è intervento costoso e complicato, perché si dovrebbe ripristinare la stessa cedevolezza originaria. Il noto negozio di pandino aveva in vendita una monster 1000 nos per la quale voleva 800 euro. Poiché possedevo già tale testina, decisi di tentare l'acquisto pretendendo però una prova nel loro show room di roma. Il risultato fu che quando tale Sig. Igor installo' la testina su un braccio graham, del quale per inciso ignorava la massa, la testina spancio' clamorosamente, ed il prezioso contilever in boro diamantato, che per intenderci lo monta la lyra sulla atlas, si ruppe. Al nos delle testine vintage per esperienza credo meno di zero ..


_________________
Pre Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Finale Accuphase P500 - Giradischi Technics SL 1200G - Braccio suppletivo Ortofon RMG 212 - Thorens TD 125 - Testine Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - SUT Fidelity Research XG5 - Uesugi UBROS 5 Low - Accuphase DP 55V - Diffusori ProAC 140 MK 2
martin logan
martin logan
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 261
Data d'iscrizione : 18.11.17
Località : Pavia

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da martin logan il Gio Ago 15 2019, 08:25

Ciao Franz - mi avevano proposto QUELLA testina Monster, citando (per correttezza) l'accaduto in suolo romano. Erano disposti a una prova su uno dei miei giradischi; visto che stavo comprando un prePH ho rinunciato, e preso una normalissima Denon (nuova).
Per fortuna non sono in grado si spendere grosse somme nelle testine, quindi il mio "fattore rischio" è tutto sommato limitato.
Una delle poche NOS è una Ortofon VMS20 E MkII (che cazzo di sigla Ristilatura testine vintage 650957 ): l'ho presa da un appassionato di musica e hifi che ne aveva comprate 2 (una sul gira e una di scorta - non si sa mai). La sto provando sul Rega, che dovrebbe avere un braccio di massa medio alta, e sembra OK. Stiamo ovviamente parlando di oggetti che costano una frazione di quelli elencati nel post, ma non credo che serva essere milionari in euro (come quello di Lodi, che culo !!!) per divertirsi ascoltando buona musica.
Franz84
Franz84
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 140
Data d'iscrizione : 23.02.18

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da Franz84 il Gio Ago 15 2019, 19:43

Non mi meraviglia facciano cose di questo tipo. Non oso immaginare come sia stata accroccata dopo il cedimento delle sospensioni e la lesione del cantilever .. la ortofon mm da te citata dovrebbe essere ad alta cedevolezza per andare bene sul rega rb, bracci di bassa massa e non medio alta come da te indicato - 8 / 9 grammi ma con shell incorporato. Comunque concordo con te che non serva un patrimonio per avere un buon impianto, anche se mi piacerebbe sfatare il mito della economicita' della denon 103, una testina che costa poco ma che per suonare bene abbisogna di bracci ad alta massa - costosi o rari - e del suo step up, dall'au 103 al Au 1000,passando per l'au s1. Tutti componenti costosi. Comunque le sigle indicano molto cose, nel tuo caso e sta per ellittico, il taglio dello stilo, mk2 la seconda versione della testina. Hai avuto modo di confrontarla con la mitica shure v15 ?


_________________
Pre Convergent SL1 Ultimate MK2 Phono - Finale Accuphase P500 - Giradischi Technics SL 1200G - Braccio suppletivo Ortofon RMG 212 - Thorens TD 125 - Testine Fidelity Research FR7 - FR1 MK2 - FR1 MK3F - Monster Alpha Genesis 1000 - Denon DL 103R - Denon 103 - Denon 304 - Lyra Titan I - Zyx 4D - SUT Fidelity Research XG5 - Uesugi UBROS 5 Low - Accuphase DP 55V - Diffusori ProAC 140 MK 2
alanford
alanford
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 1681
Data d'iscrizione : 03.06.12
Località : monza

Ristilatura testine vintage Empty Re: Ristilatura testine vintage

Messaggio Da alanford il Ven Ago 16 2019, 02:24

la sospensione della testina e' sicuramente un aspetto critico soprattutto per le testine vintage  anche se, nel mio caso, mi e' successo una sola volta di restituire una testina per evidenti problemi di sospensione  a fronte di numerosi acquisti vintage e non.
Tra l'altro, come ha riferito Franz, se c'e' un problema del genere ci si accorge in fretta
Non possiamo accorgerci in modo empirico se la sospensione si e' "ammorbidita" nel corso degli anni ma penso sia possibile verificarlo calcolando la frequenza di risonanza tenendo conto della compliance ufficiale e verificando il tutto con un disco test

    La data/ora di oggi è Sab Set 21 2019, 21:13