Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Ogni maledetto venerdì - Pagina 2
Il Gazebo Audiofilo

Human Pleasure HI-END

    Ogni maledetto venerdì


    phaeton
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 11285
    Data d'iscrizione : 27.08.10

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da phaeton Ven Nov 05 2021, 22:13

    sto ascoltando reflections proprio ora, notevole sunny
    mantraone
    mantraone
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2497
    Data d'iscrizione : 17.12.16
    Età : 57
    Località : Bologna

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da mantraone Ven Nov 05 2021, 23:02

    Camelia ha scritto:Salve Gazebini sunny

    Ho creato un file PDF dove ho impaginato lo scritto di Avian se qualcuno avesse piacere a scaricarlo (ZIP dal mio "onedrive") per conservarlo.... lo trovate a questo link:

    https://1drv.ms/u/s!AibF6X8c07vggRTdAcfc3TFMpI5Y


    Fatemi sapere......... Questo tipo di file vi interessa e desiderate che continui a farli???....   Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 98542  Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880



    @Avian Mi concedi il permesso di impaginare il tuo lavoro??..... in caso, se c'è interesse il link potrebbe essere aggiunto alla fine dei tuoi post Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880


    Grazie dell'attenzione   sunny


    Capolavoro!!!

    applausi applausi applausi


    _________________
    Living Voice IBX-R2/Leben CS-600 Finale/Schiit Freya Preamp/Rega Planar P3/Project PhonoBox RS2/Rega Ania MC/Holo Audio Spring3 KTE /Roon Rock PC i5-8GB-SSD256Gb/NAS QNAP TS-231/Holo Red/Cavi: alimentazione Faber's Cables - Segnale Nordost Frey2 e Audioquest Earth / Phono HMS Concertato/ I2s-HDMI by KMOD Silver / Ethernet Faber's Cable Livello2
    Camelia
    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1745
    Data d'iscrizione : 24.12.08
    Località : From Hell

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Camelia Sab Nov 06 2021, 01:18

    mantraone ha scritto:
    Capolavoro!!!

    applausi applausi applausi

    Grazie del riscontro.... sunny  spero che altri possano essere interessati a scaricare gli impaginati da conservare...   Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880  

    Articolo 2° di Avian, impaginato da me .... in questo pdf ci sono anche i link interattivi come sul post di Avian (fatemi sapere se si aprono, grazie)... questo il link:

    https://1drv.ms/u/s!AibF6X8c07vggRUGpLW1zefx_Gh4


    ... al prossimo venerdì Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 1906280700


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Ursill10
    ... Never seen Someone Crazy?!? ---> Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Senza_10
    @mau
    @mau
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 532
    Data d'iscrizione : 10.09.21
    Località : Music first

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da @mau Sab Nov 06 2021, 11:05

    Camelia ha scritto:Salve Gazebini sunny

    Ho creato un file PDF dove ho impaginato lo scritto di Avian se qualcuno avesse piacere a scaricarlo (ZIP dal mio "onedrive") per conservarlo.... lo trovate a questo link:

    https://1drv.ms/u/s!AibF6X8c07vggRTdAcfc3TFMpI5Y


    Fatemi sapere......... Questo tipo di file vi interessa e desiderate che continui a farli???....   Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 98542  Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880



    @Avian Mi concedi il permesso di impaginare il tuo lavoro??..... in caso, se c'è interesse il link potrebbe essere aggiunto alla fine dei tuoi post Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880


    Grazie dell'attenzione   sunny

    sunny Ben fatto sunny


    _________________
    La paura mangia l'anima  
    phaeton
    phaeton
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 11285
    Data d'iscrizione : 27.08.10

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da phaeton Dom Nov 07 2021, 22:27

    Camelia ha scritto:

    Grazie del riscontro.... sunny  spero che altri possano essere interessati a scaricare gli impaginati da conservare...   Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880  

    Articolo 2° di Avian, impaginato da me .... in questo pdf ci sono anche i link interattivi come sul post di Avian (fatemi sapere se si aprono, grazie)... questo il link:

    https://1drv.ms/u/s!AibF6X8c07vggRUGpLW1zefx_Gh4


    ... al prossimo venerdì Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 1906280700

    molto ben fatto, congrats applausi applausi
    Antonio Turi
    Antonio Turi
    Ragnaccio
    Ragnaccio

    Numero di messaggi : 12387
    Data d'iscrizione : 22.03.14
    Età : 56
    Località : Foggia

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Antonio Turi Lun Nov 08 2021, 16:12

    Bello, mi era completamente sfuggito! Buon lavoro  sunny


    _________________
    Spoiler:
    Pinve
    Pinve
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 1440
    Data d'iscrizione : 10.03.20

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Pinve Lun Nov 08 2021, 20:07

    cercavo su TIDAL ma non c'è... Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 1f62c


    _________________
    Garrard 401 + Ortfon TA-210 + Ortofon SPU #1s + SUT Aurorasound AFE 12; Thorens TD125mk1 + Sme 3009s2 + HANA ML; Prephono Aurorasound VIDA; Cambridge audio CXC; Schiit Yggdrasil A2 gen5 (bilanciato); Audio Research Reference 2 Mk2; finale VAC PA 80/80;  Living Voice  R4-IBX ; Behringer Inuke3000DSP + Sub Morel Unico (custom);  Cavi Segnale: Duelund Round silver 26GA  / Audioquest Pahther XLR ;  Cavi Speakers: Duelund in Biwiring (2xDGA16 + 1xDGA20); Cavi alimentazione: Duelund 600v;  Streamer TIDAL Node 2I (via dac).
    Avian
    Avian
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1621
    Data d'iscrizione : 03.11.13
    Località : Roma

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Avian Mar Nov 09 2021, 07:50

    Pinve ha scritto:cercavo su TIDAL ma non c'è... Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 1f62c

    Sì è un peccato. Su qobuz ad esempio ci sono solo dei sample. Ma se uno vuole farsi un'idea su di loro, senza impegno, come detto a phaeton, si trova tutto su bandcamp  Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 625723


    _________________
    E mi ricordo, tra l'altre, che nella Biblioteca Ambrosiana, datomi in mano dal bibliotecario non so più quale manoscritto autografo del Petrarca, da vero barbaro Allobrogo, lo buttai là, dicendo che non me n'importava nulla.
    Avian
    Avian
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1621
    Data d'iscrizione : 03.11.13
    Località : Roma

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Avian Mer Nov 10 2021, 20:28

    Mmm, ho già scritto il pezzo per venerdì. Si vede che era particolarmente sentito  Laughing


    _________________
    E mi ricordo, tra l'altre, che nella Biblioteca Ambrosiana, datomi in mano dal bibliotecario non so più quale manoscritto autografo del Petrarca, da vero barbaro Allobrogo, lo buttai là, dicendo che non me n'importava nulla.
    mantraone
    mantraone
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 2497
    Data d'iscrizione : 17.12.16
    Età : 57
    Località : Bologna

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da mantraone Gio Nov 11 2021, 22:06

    Trovo estremamente interessante che tu proceda per un percorso tuo cje mi pare alquanto "atipico", poco tracciato dalle categorie audiofile che spesso si incontrano. applausi applausi

    ti incoraggio a proseguire liberamente, vai così!! sunny sunny


    _________________
    Living Voice IBX-R2/Leben CS-600 Finale/Schiit Freya Preamp/Rega Planar P3/Project PhonoBox RS2/Rega Ania MC/Holo Audio Spring3 KTE /Roon Rock PC i5-8GB-SSD256Gb/NAS QNAP TS-231/Holo Red/Cavi: alimentazione Faber's Cables - Segnale Nordost Frey2 e Audioquest Earth / Phono HMS Concertato/ I2s-HDMI by KMOD Silver / Ethernet Faber's Cable Livello2
    Avian
    Avian
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1621
    Data d'iscrizione : 03.11.13
    Località : Roma

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Avian Ven Nov 12 2021, 05:44

    mantraone ha scritto:Trovo estremamente interessante che tu proceda per un percorso tuo cje mi pare alquanto "atipico", poco tracciato dalle categorie audiofile che spesso si incontrano. applausi applausi

    ti incoraggio a proseguire liberamente, vai così!! sunny sunny

    Apprezzo moltissimo l'incoraggiamento, ti ringrazio  Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880

    Se la cosa dovesse continuare, presumo che alla fine si abbraccerà un po' tutta la storia del rock e del jazz, piano piano. Non in maniera lineare però.


    _________________
    E mi ricordo, tra l'altre, che nella Biblioteca Ambrosiana, datomi in mano dal bibliotecario non so più quale manoscritto autografo del Petrarca, da vero barbaro Allobrogo, lo buttai là, dicendo che non me n'importava nulla.
    Avian
    Avian
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1621
    Data d'iscrizione : 03.11.13
    Località : Roma

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Avian Ven Nov 12 2021, 11:36

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 A2164495634_10



    Seam – The Problem With Me (Touch & Go, 1993)


    Per chi è incline a quel lirismo languido di alcune produzioni dei primi anni ‘90, zuccherato d’angoscia e in piena combustione, lo slo-core è il genere da cui stare lontani. Ti prende l’anima, la testa, e tutto quello che c’è in mezzo. L’impasto melodico è in grado di cullarti teneramente e, al tempo stesso, di farti prendere quota fino ad altezze che non pensavi esistessero nemmeno.


    Le spirali di Jackson Pollock, i suoi movimenti, ben sintetizzano a mio avviso la musica di cui stiamo parlando.


    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Autumn10

     
    Nelle opere del pittore americano non esistono i margini perché in fondo non bastano. Ciò che conta è il soggetto, o meglio, la sua esplosione cromatica. Il “drip painting” allora, e per farla breve, è un mezzo per il fine: quello di assistere indenni alla deflagrazione di un ordigno. È questa la “distruzione dell’immagine” di Pollock. Ascoltando i Seam, il risultato è il medesimo: è come sedersi davanti a una bomba e vederla detonare a rallentatore. Le loro melodie partono sempre lente, avvolgenti. Sono dissonanze anemiche pronte a “liberarsi”, a tramutarsi in vera e propria dinamite, in un secondo.


    Nell’album “The Problem With Me”, di quel super-trio originario (Lexi Mitchell, basso; Mac McCaughan, batteria; Sooyoung Park, chitarra e canto) proveniente dalla Carolina del Nord, rimase solo Park (il cantante dei Bitch Magnet tra l’altro) e qualche suo assistente.


    Le tracce:
    1. Rafael
    2. Bunch
    3. Road To Madrid
    4. Stage 2000
    5. Sweet Pea
    6. Dust And Turpentine
    7. Something's Burning
    8. The Wild Cat
    9. Autopilot


    Non esistono punti deboli. “Road To Madrid”, “Dust And Turpentine” e “The Wild Cat” sono ballate acid per nostalgici, elegie proto-emo con spruzzate di “maionese” alla Smashing Pumpkins, per intenderci (ma l’ispirazione non sta qui).


    Il canto di Park è puntualmente trattenuto, sussurrato, anche quando gli accordi si fanno veramente strani durante i raptus distorsivi.
    Forse questo disco è la confessione dell’indie-rock tutto, di ciò che nacque con i Codeine e i Galaxie 500, aggiornando così Marc Bolan, Stooges e Black Sabbath al tempo dei Jane’s Addiction.


    Tim Buckley, sono certo, li avrebbe adorati.


    Edizioni:
    Siamo in quelle situazioni dove il dr non conta nulla. Touch & Go americana del 1993: 10, 9, 11, 10, 10, 9, 9, 10, 10. C’è di peggio. Che io sappia non sono state fatte rimasterizzazioni.



    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 E8r3DdmadexRTEZVP2US29rE1mzF21v84qHIOdn72hxJCVJVg__cZa7lfffL6U3scs3ZvxufhDSYdWbIzx4cNV1v0hvAUhu4n80XlxXMX57WIpGEhOwZy6hoY4O8U72mhwj8g_7nmh8

    Codeine – Frigid Stars (SubPop, 1991)


    S’era accennato prima dove stesse l’ispirazione dei Seam, col rischio di ripetermi, ma facciamo ordine.


    Louisville (Kentucky), 1989: scende sulla terra un buco nero chiamato “Tweez”. Si scopre essere stato partorito qualche anno prima da Brian McMahan, Britt Walford, Ethan Buckler e David Pajo. Sono gli Slint, con lo zampino malefico di Steve Albini. Il risultato fu la fagocitazione di un po’ di tutto: progressive, punk, free jazz e acid. La scorpacciata, sappiamo, terminò con “Spiderland”, un capolavoro d’avanguardia che meriterebbe capitoli a parte.


    New York, 1989 e poi Chicago: nascono i Codeine, ma esordirono solo nel 1990, e non fu una coincidenza. Mi è sempre piaciuto pensare che siano spuntati fuori proprio da quella voragine musicalmente controtempo di “Tweez”. Era perciò in atto, mi si dirà, uno svolgimento drammatico dei vecchi generi, a partire dal progressive. Che si trattasse di musica concettuale non c’erano dubbi, ma per andare “fuori”, appunto, dai generi essa doveva farsi rumorosa e nervosa, continuamente in discussione con se stessa. Ancora: l’acid-rock, nella sua forma classica, stava ormai stretto a molti. Bisognava allargarne gli spazi, riversandoci dentro il dolore e gli autori disposti a farlo, di certo, non mancarono (pensiamo per un attimo a Kurt Cobain, al suo grunge inca… arrabbiato).


    Con Frigid Stars, il registro degli orrori è completo:
    1. D 
    2. GravelBed
    3. Pickup Song
    4. New Year's 
    5. Second Chance
    6. Cave-in
    7. Cigarette Machine
    8. Old Things
    9. 3 Angels
    10.Pea


    È possibile che solo adesso si comprenda quella similitudine con le opere di Pollock.


    “Rallentiamo per disfarci, grandiosamente”, questa l’arguzia del disco. La ferita non va nascosta, ma sublimata. Se chiudessimo gli occhi durante “New Year’s” potrebbe addirittura apparire davanti a noi il fantasma della sacerdotessa Nico, a rivelarci i misteri dell’ “underground”. Ci desterebbe in un baleno il rullante di “Cave-in, prima di precipitarci di nuovo nel silenzio. La chicca sta nel fatto che “New Year’s” sia in realtà una cover di un brano scritto in collaborazione proprio con Sooyoung Park dei Seam, il quale la fa comparire nel ’92 (l’anno dopo) nell’album Headsparks.


    Nella tragedia, come da tradizione greca, non manca l’epicità: “Pickup Song” e “Old Things”, per una manciata di minuti, riescono a elevarsi in riff portentosi e taglienti, nonostante i colpi pesantissimi della batteria. Gli schemi adottati sono tanto puri quanto schietta è la concezione nichilista del ‘900. La melodia resta un orpello.
    Frigid Stars è pervaso da un fatalismo invincibile. I Codeine filano lo stame della vita, come novelli Cloto, tra un battito sordo e uno austero, legati da quel destino al quale sarebbe opportuno andare contro, ma non vi riescono, perché in realtà non vogliono.


    Edizioni:
    Nonostante il genere lasci presupporre il contrario, qui il dr del cd SubPop del 1991 può dirsi ottimo: 14, 14, 10, 15, 12, 12, 13, 11, 12, 8. Nel 2012, sempre su licenza SubPop, è uscita in USA, sotto etichetta “The Numero Group”, una ristampa estesa con doppio vinile e cd, ma il master è lo stesso. In questa edizione troviamo, tra le varie demo, la traccia “Summer Dresses”, con la presenza di Park.


    Ultima modifica di Avian il Mer Nov 17 2021, 14:44 - modificato 1 volta.


    _________________
    E mi ricordo, tra l'altre, che nella Biblioteca Ambrosiana, datomi in mano dal bibliotecario non so più quale manoscritto autografo del Petrarca, da vero barbaro Allobrogo, lo buttai là, dicendo che non me n'importava nulla.
    Camelia
    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1745
    Data d'iscrizione : 24.12.08
    Località : From Hell

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Camelia Sab Nov 13 2021, 00:51

    Articolo 3° di Avian, impaginato da me ....  lo trovate da scaricare, in formato ZIP, nel link qui sotto:

    https://1drv.ms/u/s!AibF6X8c07vggRaIjqW0YfGAoV0b


    ... grazie @Avian  Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 3734829163  e alla prossima per continuare la "Raccolta"... Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Ursill10
    ... Never seen Someone Crazy?!? ---> Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Senza_10
    calcatreppola
    calcatreppola
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 885
    Data d'iscrizione : 08.11.19
    Località : udine (Friuli) - Budapest (Ungheria)

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da calcatreppola Sab Nov 13 2021, 06:53

    grazie Avian
    Avian
    Avian
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1621
    Data d'iscrizione : 03.11.13
    Località : Roma

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Avian Sab Nov 13 2021, 07:26

    calcatreppola ha scritto:grazie Avian

    Figurati, per così poco.
    Ho notato che scrivere di musica mi aiuta a continuare ad ascoltarla in quei momenti di black out, quando non vuoi sentire niente   Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 285880


    _________________
    E mi ricordo, tra l'altre, che nella Biblioteca Ambrosiana, datomi in mano dal bibliotecario non so più quale manoscritto autografo del Petrarca, da vero barbaro Allobrogo, lo buttai là, dicendo che non me n'importava nulla.
    calcatreppola
    calcatreppola
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 885
    Data d'iscrizione : 08.11.19
    Località : udine (Friuli) - Budapest (Ungheria)

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da calcatreppola Sab Nov 13 2021, 08:00

    Io comunque aspetto la storia della discografia jazz...

    Mi fa piacere ascoltare generi e bande che non ascolterei altrimenti, ma questi che hai proposto decisamente non sono le musiche che ascolterei per conto mio. Io sono sempre stato vecchio... 

    Comunque non è poco. Sapere condividere anziché continuare a fare tutto per conto proprio o per proprio interesse è un gesto sempre più raro. Certo, se ne hai il carattere è bello, perché – come mi pare stai facendo – si può accompagnare ad una riflessione che ti fa cogliere nuovi aspetti e collocare meglio le cose nella complessità del mondo. Ma non è comunque poco condividere le proprie idee e conoscenze. Per cui grazie per questo tanto che fai. Spero tu possa continuare ancora per un po'!
    phaeton
    phaeton
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 11285
    Data d'iscrizione : 27.08.10

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da phaeton Sab Nov 13 2021, 11:17

    as usual, belle proposte applausi applausi
    i Seam li conoscevo, in alcuni momenti mi ricordano un po' i primi Church, d'altronde il periodo e' quello. godibili.
    Fra
    Fra
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1573
    Data d'iscrizione : 26.10.17
    Località : Zurigo

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Fra Sab Nov 13 2021, 12:00

    Belle proposte davvero, un periodo che conosco ma non molto a fondo, per ragioni più che altro anagrafiche, un po’ un buco tra la musica “ereditata” degli anni settanta e quella conosciuta in prima persona dai novanta in poi.
    Church, Slint, Albini, sì (ma non abbastanza), Codeine e Seam invece non li conosco, ma rimedierò.

    Altra domanda da ignorante in materia, cosa è il “dr” che riporti per le varie edizioni?
    phaeton
    phaeton
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 11285
    Data d'iscrizione : 27.08.10

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da phaeton Sab Nov 13 2021, 12:12

    dynamic range, in pratica l'escursione dinamica di quel brano. e' uno strumento utile, ma occorre interpretarlo bene, ad esempio un brano estremamente compresso potrebbe avere un DR simile se non migliore di un brano assolutamente non compresso ma con un tono continuo (organo, synth, etc..).
    https://dr.loudness-war.info/

    per foobar c'e' un plugin che calcola il DR, credo ci sia un equivalente anche per altri sw
    Fra
    Fra
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1573
    Data d'iscrizione : 26.10.17
    Località : Zurigo

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Fra Sab Nov 13 2021, 12:28

    Ah, d sta per dynamic, chiaro, grazie!
    È probabile sia la causa della sorpresa che mi sono preso col remaster di So, di Peter Gabriel, che suona molto ma molto più compresso del cd originale.


    _________________
    Cuffie: Audio-gd R27 - Spirit Torino Radiante - Spirit Torino Twin Pulse
    Impianto diffusori: Graaf Venticinque - Seidenton ST1 - Rotel RCD-06 - Cocktail Audio N15D
    Cuffie in mobilità: Chord Mojo - Cayin RU-6 - Meze 99 Neo - Mangird Tea - Unique Melody Mest MKII
    Sorgenti Liquida: Roon + HQPlayer + Qobuz
    Avian
    Avian
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1621
    Data d'iscrizione : 03.11.13
    Località : Roma

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Avian Dom Nov 14 2021, 12:14

    Come dice phaeton, il dr è un valore che da solo non spiega il problema della loudness war, anche perché non vi è una definizione precisa di "gamma dinamica", che tutt'al più può essere intesa come rapporto segnale/rumore. Sulla qualità di una incisione molto condiziona la variabilità rms e quella di volume.

    Sai phaeton, in passato m'ero formato leggendo questo articolo famoso su wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Loudness_war

    Poi ho letto qui https://www.soundonsound.com/sound-advice/dynamic-range-loudness-war

    E' uno scritto molto tecnico, quindi io neanche avrei i mezzi per comprenderlo fino in fondo. Mi piacerebbe che tu possa dargli una letta, per un parere, a tempo perso ovviamente. Dà delle spiegazioni in controtendenza rispetto a quanto comunemente creduto in tema loudness war, con degli spunti abbastanza illuminanti.


    _________________
    E mi ricordo, tra l'altre, che nella Biblioteca Ambrosiana, datomi in mano dal bibliotecario non so più quale manoscritto autografo del Petrarca, da vero barbaro Allobrogo, lo buttai là, dicendo che non me n'importava nulla.
    phaeton
    phaeton
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 11285
    Data d'iscrizione : 27.08.10

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da phaeton Dom Nov 14 2021, 16:42

    Avian ha scritto:
    ....
    Poi ho letto qui https://www.soundonsound.com/sound-advice/dynamic-range-loudness-war
    ....

    e' in effetti una bella disamina tecnica teorica. sono molto d'accordo ad esempio sul discorso della "finestra di osservazione" della gamma dinamica, e' un discorso che affrontai tempo fa ma non ebbe molto successo visti i dogmi assoluti che vigono oramai nella cultura dell'uno vale uno e della verita' assoluta internettiana.

    per quanto riguarda l'approccio, credo che (almeno nella teoria dei segnali) il fattore di cresta relativo ad una finestra da decidere sulla base del tipo di segnale (non esiste solo l'audio  Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 999153 ) sia l'approccio giusto, ma anche qui ovviamente ci possono essere idee discordanti. ad esempio io credo che l'RMS da usare nel fattore di cresta sia anch'esso da calcolare in una finestra "locale" alla finestra di calcolo del fattore di cresta e non integrando tutto il segnale. insomma due moving windows, una inclusa e molto minore dell'altra

    tornando all'articolo, per quanto mi riguarda pero' manca un po' il confronto con l'esperienza. in ogni esperimento scientifico si parte da una osservazione, si ipotizza un modello, si cala il modello sulla realta' (che poi sarebbe l'esperimento vero e proprio) e poi si confronta in cieco con la realta' fattuale (quanto piu' oggettivamente possibile). ecco, in questo caso, manca l'ultima parte. mi spiego: prendi Brothers in Arms, edizione originale e ascoltalo. poi prendi Brothers in Arms, edizione seguente e ascoltalo. quale delle due piu' ti piace? (fase di confronto al di la della teoria). per me la risposta e' univoca, ed e' la stessa con tutte le riedizioni compresse di questi utlimi anni. poi, ovvio, non esiste una verita' assoluta soprattutto quando si parla di sensazioni piu' che altro soggettive, per cui qualcuno del tutto lecitamente potra' gradire maggiormente la riedizione compressa.

    e' indubbio che la crescente diffusione di una compressione esagerata nasca non da necessita' audio, ma dall'evolversi della modalita' di consumazione di musica registrata da parte del grande pubblico. non e' un caso che e' partita da un certo tipo di musica. e' altresi' vero che un certo tipo di musica e' "intrisecamente" compressa, sento spesso parlare di dinamica delle chitarre distorte, o del basso elettrico. in ambo i casi si tratta tipicamente di una falsa concezione. una chitarra acustica suonato in fingerpicking ha una dinamica molto piu' ampia, cosi' come un un pizzicato di contrabbasso.

    in sostanza, il tutto e' molto difficile da catalogare in ua categoria definita e modellizabile, ma - sempre facendo attenzione a considerare bene il tipo di musica come scritto nel post precedente - in genere il DR da una ottima indicazione. un DR sopra i 10 e' un ottimo segnale di una buona registrazione (almeno a livello dinamico). un DR sotto i 4 e' per la mia esperienza e per come piace ascoltare a me, segno di una registrazione al limite dell'inascoltabile.
    Avian
    Avian
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1621
    Data d'iscrizione : 03.11.13
    Località : Roma

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Avian Ven Nov 19 2021, 20:24

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 R-498730-1277913345.jpeg

    Sugarsmack – Top Loader (Invisible, 1993)

    Nello scorso appuntamento abbiamo parlato dello slo-core, di come si sia imposto sui vecchi generi in crisi, psichedelia e progressive in primis, in virtù di un fenomeno complesso come quello dei costumi sociali in continuo divenire. Siamo sempre nei primi anni ’90: da un lato abbiamo il moto “industriale”, che preme e fagocita tutto quello che gli capita a tiro, dall’altro persiste uno sperimentalismo che non vuole e non può (per fortuna) mollare, adattandosi ai tempi. Nello slo-core, in particolare, si è trattato di uno sperimentalismo espressionista, del quale non solo i maschietti si sono resi protagonisti.

    Il passo successivo, in questo gioco dell’oca, è il fox-core, per certi versi più divertente e libero (a parità di anno), quasi sempre festoso, ma non meno violento del compare dai cromosomi XY.   

    Chiamare in causa Hope Nicholls, con la sua ciurma ben addestrata, apre un parco di divertimenti che difficilmente si riesce a trovare altrove (nel genere): funky, hip-hop, heavymetal, sono le attrazioni di un carnevale eversivo, con cenni d’avanguardia.

    “Top Loader” è un album spettacolare per la sua compattezza innovativa. Va oltre il mero punk delle “Babes In Toyland”. Prendiamo, ad esempio, la traccia “Swindle”: un blues-rock da valle dei vampiri, con un rintocco di chitarra che ti farebbe ondeggiare dal tramonto all’alba, se non fosse che dura “solo” 5 minuti.

    Hope Nicholls è una Patti Smith arrabbiata al cubo, una streghetta che incuterebbe timore persino a Joan Jett. I suoi registri sono davvero eterogenei: li modula a piacimento, e quando parte è un tour de force.

    La prima jam, “Hey Buddy Boy”, si dimena in un boogie sensuale. Le chitarre singhiozzano e distorcono, accompagnando un cicalare che da solo lascia intuire il rap a venire della Nicholls, nella successiva “Boomerang”.  

    Mentre “B.L.A.S.T.” ci scaglia nella matrix meccanizzata, ad alto dosaggio di trick industriali, “Bring On The Ufo’s” ci mette in guardia dagli alieni, col solito duetto chitarristico scalmanato.  

    “Pokey” mostra il lato da ragazzina della cantante. È una traccia acutissima, che mischia danze rituali, una inaspettata voce maschile ammiccante, e tutta la forza propulsiva dei folksinger.

    “Seven Seas” rappresenta il ponte (teniamolo a mente, che poi il concetto va ripreso) con la vecchia psichedelia. Una pausa disorganica, indice di una metamorfosi in atto, o forse già compiuta.

    Momenti thriller, parentesi di thrash house e veemenze alla Fugazi li troviamo invece rispettivamente in “Baby Snake Eyes”, “Freak” e “Pissed Off”.

    Le scampagnate canore di Nicholls sono pari a quelle delle rhythm-box più indiavolate. È il canto del fox-core, piaccia o non piaccia, e qui non sbaglia di una virgola.

    Edizioni:
    Non credo siano state fatte rimasterizzazioni, pertanto dobbiamo basarci sull’unica edizione Invisible del ’93, che tra l’altro è quella presente nei vari servizi di streaming.
    Il dr non lascia dubbi circa la bontà dell’incisione: 12, 14, 13, 12, 13, 12, 12, 11, 12, 13, 13.

    Track Listing


    Sample
    Title/ComposerPerformer
    Time
    Stream
    1Hey Buddy Boy
    Sugarsmack
    Sugarsmack03:21Spotify Amazon
    2Boomerang
    Sugarsmack
    Sugarsmack02:33Spotify Amazon
    3B.L.A.S.T.
    Martin Atkins / Sugarsmack / Mark Walk
    Sugarsmack02:13Spotify Amazon
    4Bring on the UFOs
    Sugarsmack
    Sugarsmack04:03Spotify Amazon
    5Pokey
    Sugarsmack
    Sugarsmack03:05Spotify Amazon
    6Seven Seas
    Sugarsmack
    Sugarsmack05:37Spotify Amazon
    7Swindle
    Sugarsmack
    Sugarsmack04:54Spotify Amazon
    8Pissed Off
    Sugarsmack
    Sugarsmack02:29Spotify Amazon
    9Freak
    Martin Atkins / Sugarsmack / Mark Walk
    Sugarsmack04:26Spotify Amazon
    10Baby Snake Eyes
    Sugarsmack
    Sugarsmack06:56Spotify Amazon
    11My Monster
    Sugarsmack
    Sugarsmack03:25Spotify Amazon
     
     
    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 1433908299-gravitar

    Gravitar – Now The Road Of Knives (Charnel, 1997)

    S’è accennato in precedenza a un ipotetico ponte, ma verso cosa? Una domanda sensata perché se la bozza di mosaico, in questi giorni proposta, voglia per forza di cose seguire una linea temporale, allora altro non si potrebbe affermare che l’evoluzione di tutto ciò che ci siamo detti sia stata il gotico. Un genere di non facile inquadramento, anche in ambito letterario.

    Primi anni ’90: in Michigan s’aggirava indisturbata una band sconosciuta ai più, abbastanza misteriosa. L’aveva sentita qualche addetto ai lavori durante alcuni live di stremante improvvisazione. I pochi temerari erano dovuti addirittura scappare via per il fracasso. “C'è stata una volta alla Green Room di Ypsilanti dove il tecnico del suono ci ha misurato a 116 decibel mentre stavamo provando", raccontò una volta Geoff Walker, uno dei chitarristi. “Siamo stati grandi quella notte. Abbiamo eliminato completamente il pubblico. Pensavo se ne fossero andati perché non piacessimo, ma quando siamo usciti nella notte, Jay Heikes (che ha realizzato la copertina di Now the Road of Knives) disse: ‘È stato fantastico!’ Io gli risposi che non aveva sentito niente perché se n’era andato. E lui: 'No! Eravamo tutti qui ad ascoltare! Era troppo rumoroso lì dentro, dovevamo uscire, ma suonavi alla grande.'”

    Il resto della band era composta da Harold Richardson (l’altra chitarra) ed Eric Cook (batteria). Richardson non è però presente in quest’album (il terzo in ordine discografico). Venne sostituito da Michael Walker, il fratello di Geoff.

    Stando a quanto si dice in giro, le prove venivano effettuate in ripostigli dalle pareti metalliche, vuoti, tre metri per dieci. Cook una volta ammise che non era certo di che tipo di danno causassero all’orecchio le loro “prove”.

    Si tratta pertanto di solo rumore? No, è lo stato dell’arte del free jazz, che tende la mano alla psichedelia, e da qui giunge al gothic.

    L’opera è quasi interamente strumentale. Scavare qui dentro è pericoloso: ci trovi percussioni a perdifiato (disumane), riff magnetici, dub distorto, interludi riflessivi, eruzioni bollenti di Kosmische e un efferato, quanto sconsiderato, uso di delay, pedali fuzz e whammy, come mai si sia sentito in quest’ambito.

    Siamo per caso davanti all’ “ecocardiogramma” di un incubo? Eppure in quest’album, ad essere pignoli, non c’è improvvisazione. I ragazzi sono andati in studio stavolta. Il sound è meticolosamente editato, anche se non sembra. Moltiplicate la velocità dei Chrome per due. Immaginate Jimi Hendrix quadruplicarsi. Il risultato è il caos, perché solo i cavalieri dell’apocalisse potremmo aspettarci con i 14 minuti di “Real II”. È musica “assoluta”, che prende forza da se stessa e la risputa ad altissimo voltaggio. Della melodia, a quei tre, interessa poco. Addentano gli arrangiamenti e ci giocano, esasperandoli.

    Non a caso inaugurammo questa rubrica con i Neu! Ricordate il “motorik beat”? Con i Gravitar assistiamo alle sue estreme conseguenze. Stavolta ci ha messo lo zampino Warren Defever, mago dell’elettro-acustica, che li ha aiutati nel definire il loro abisso sonoro. La sofisticazione, a mio avviso, c’è, ma non si vede. Per Michael Walker era eccitante scatenare l’inferno: un Ade sintetizzato, i cui anfratti sono percorsi da sibili, esplosioni e squarci di riff concatenati in buchi neri. È solo l’inizio.

    “Leelanau” è la metafisica del riff, dell’orgia percussiva. In verità sono le stesse leggi della fisica a cedere di fronte alla batteria marziale di Cook. Il clarinetto poi ci pone l’ennesimo interrogativo: il caos stesso può essere melodia?

    Le tracce senza titolo colgono i tentativi dadaisti dell’opera, ma il momento più intenso, o spaventoso se vogliamo, va rintracciato in “Catadrone”, il loro nadir, o zenit, dipende dai punti di vista.

    Buon bombardamento!

    Edizioni:
    Anche qui, non dovrebbero esserci state rimasterizzazioni. Il dr della first press Charnel del '97 rispecchia quanto abbiamo detto: 9, 7, 11, 7, 9, 6, 7, 9, 8, 10, 7, 10, 10, 5, 11, ma alzate il volume, ne vale la pena.

    Track Listing

     
    Sample
    Title/ComposerPerformer
    Time
    Stream
    1MeloyGravitar04:01
    2Real IIGravitar14:23Amazon
    3LeelanauGravitar09:11Amazon
    4[Untitled Track]Gravitar01:28Amazon
    5NellcotteGravitar04:50Amazon
    6[Untitled Track]Gravitar00:52Amazon
    7CatadroneGravitar05:17Amazon
    8[Untitled Track]Gravitar00:33Amazon
    9I KnowGravitar08:13Amazon
    10Brain CircusGravitar03:44Amazon
    11G's DubGravitar01:23Amazon
    12[Untitled Track]Gravitar01:26Amazon
    13Sleep Not With Those Ugly Shakes, But Steal the Diamond Form Her ShaGravitar02:47Amazon
    14Christmas Only Comes Once, EverGravitar03:11Amazon
    15+LEE+19357-039Gravitar10:38Amazon


    _________________
    E mi ricordo, tra l'altre, che nella Biblioteca Ambrosiana, datomi in mano dal bibliotecario non so più quale manoscritto autografo del Petrarca, da vero barbaro Allobrogo, lo buttai là, dicendo che non me n'importava nulla.
    Camelia
    Camelia
    CG Artist

    Numero di messaggi : 1745
    Data d'iscrizione : 24.12.08
    Località : From Hell

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da Camelia Sab Nov 20 2021, 04:09

    Ecco fatto.... Articolo 4° di Avian, impaginato da me ....  lo trovate da scaricare, in formato ZIP, nel link qui sotto:

    https://1drv.ms/u/s!AibF6X8c07vggRdO0gHrifzyp9Ia


    P.S.: i link interattivi che cliccando sulle immagin/copertine portano alle tracce su Spotify, mi sono impazzita per risolvere Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 75961 ma purtroppo si aprono solo da PC...

    P.P.S.: se a qualcuno funziona su Smartphone o Tablet mi faccia sapere modello e OS.... Grazie della collaborazione  sunny


    _________________
    Camelia @}->---

    «I'm Still There with You...»  
    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Ursill10
    ... Never seen Someone Crazy?!? ---> Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Senza_10
    madmax
    madmax
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8062
    Data d'iscrizione : 18.04.10
    Età : 57
    Località : Cerignola (FG)

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da madmax Sab Nov 20 2021, 06:13

    Uno dei thread più interessanti mai visto da quando frequento i vari forum  Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 588790

    Complimenti Avian  applausi applausi applausi applausi applausi

    E anche a Camelia per la collaborazione  applausi applausi

    Continuate così  Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 625723

    Ps. un plauso a Mike per le considerazioni tecniche  sunny Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 625723


    _________________
    Spoiler:
    calcatreppola
    calcatreppola
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 885
    Data d'iscrizione : 08.11.19
    Località : udine (Friuli) - Budapest (Ungheria)

    Ogni maledetto venerdì - Pagina 2 Empty Re: Ogni maledetto venerdì

    Messaggio Da calcatreppola Sab Nov 20 2021, 06:30

    grazie Avian
    grazie Camelia

      La data/ora di oggi è Mar Mag 21 2024, 15:01