Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Consigli per finale valvolare.... - Pagina 4
Il Gazebo Audiofilo

Human Pleasure HI-END

    Consigli per finale valvolare....


    mariovalvola
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3110
    Data d'iscrizione : 19.12.14

    Consigli per finale valvolare.... - Pagina 4 Empty Re: Consigli per finale valvolare....

    Messaggio Da mariovalvola Gio Dic 07 2023, 14:01

    Infatti. Un controllo non può fare che bene. Se prima verifichi la rete luce a casa per spiegare il potenziale problema...
    tubehornguy
    tubehornguy
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 210
    Data d'iscrizione : 25.09.23

    Consigli per finale valvolare.... - Pagina 4 Empty Re: Consigli per finale valvolare....

    Messaggio Da tubehornguy Gio Dic 07 2023, 14:24

    PaoloDM ha scritto:@tubehornguy
    Se proprio vuoi utilizzare un variac e ti ribadisco che non ce ne sarebbe motivo, non prendere una cineseria da pochi euro ma prendi un prodotto ben fatto e semiprofessionale.
    Puoi fare danni.
    Se ti riferisci a me, non è che "voglio" usare un variac...
    Mi è stato consigliato in altro forum per via delle caratteristiche del mio impianto elettrico.
    In sostanza ho una fornitura trifase da 6kw divisa in tre zone monofase, di cui una e la mia casa.
    E' stato progettato cosi dall'elettricista quando ho ristrutturato la proprieta perche nella proprieta ci sono due fabbricati (di cui uno è la mia abitazione) e un viale illuminato lungo circa 150 metri in fondo al quale c'è il cancello elettrico,  e anche perche ho in casa utenze che superano tranquillamente la classica fornitura per uso domestico, per cui grazie al contatore "intelligente" posso utilizzare piu kilowatt su una singola fase dei 2Kw teorici (6kw diviso 3 zone).
    Su un altro forum mi è stato fatto notare che tale tipo di impianto è poco adatto per applicazioni audiofile anche se non ho capito bene il motivo, e se ho un paletto di messa a terra a 1m dalla stanza di ascolto. 
    Onestamente grossi sbalzi di tensione non he ho, a meno che non accendo utenze che assorbono parecchio, tipo Sauna e Bagno Turco, che evito di utilizzare mentre ascolto. Da ieri sto monitorando la tensione ed è stabile tra 220 e 230.
    Qualche disturbo c'è, ad esempio quando accendo/spengo un neon nella sala di ascolto sento un tic nelle casse (in quelle da 100db di sensibilità).
    Mi è stato consigliato un Variac visto che uso amplificazione valvolare. Volevo capire se serve veramente, se aiuta a ridurre i disturbi oltre a stabilizzare la tensione, o se e controproducente (per le ragioni descritte sopra da Mariovalvola).
    Magari mi piacerebbe anche capire perche un impianto disegnato come il mio non sarebbe il massimo per applicazioni "audiophile", visto che non ho avuto alcuna spiegazione sul motivo...


    _________________
    Neuropsychologists & psychiatrists are currently researching suggestibility & its relation to later onset of psychosis. One of the tests comprises a period of white noise to which the subject is exposed after being asked to identify whether an excerpt of Bing Crosby singing "White Christmas" is embedded at the start of the burst or near the end. Such a high proportion of the population make an identification that the test is inadequate for its intended purpose. There is no excerpt of "White Christmas" embedded behind the white noise. The suggestion that there might be causes listeners to imagine that it is there, whether they are prone to psychosis or not.
    PaoloDM
    PaoloDM
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 145
    Data d'iscrizione : 16.10.23

    Consigli per finale valvolare.... - Pagina 4 Empty Re: Consigli per finale valvolare....

    Messaggio Da PaoloDM Gio Dic 07 2023, 14:42

    @tubehornguy
    Assodato che non hai sbalzi di tensione evidenti, il variac non ti serve assolutamente a niente se non a complicarti la vita ed introdurre sulla rete possibili spurie.
    Puoi al limite (io l'ho fatto con evidenti miglioramenti) dotarti di filtri che ti puliscano la corrente, ma da come mi descrivi il tuo impianto non vedo particolari controindicazioni all' utilizzo di un impianto audio.
    Il disturbo che senti all'accensione di un interruttore potrebbe essere un cavo invertito all'interno dello stesso, dovresti andare a tentativi.
    Stai tranquillo e goditi il tuo amplificatore a valvole e ricordati che i tubi sopportano problemi di natura elettrica molto meglio dei transistor che al minimo problema fanno puff....
    mariovalvola
    mariovalvola
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3110
    Data d'iscrizione : 19.12.14
    Località : Brescia

    Consigli per finale valvolare.... - Pagina 4 Empty Re: Consigli per finale valvolare....

    Messaggio Da mariovalvola Ven Dic 08 2023, 11:27

    PaoloDM ha scritto:
    Stai tranquillo e goditi il tuo amplificatore a valvole e ricordati che i tubi sopportano problemi di natura elettrica molto meglio dei transistor che al minimo problema fanno puff....
    Io sono convinto che un forum possa contribuire a diffondere consapevolezza solamente se si forniscono informazioni precise, corrette e ben documentate. Non affermazioni prive di argomentazioni e un tanto al chilo. Quella sul funzionamento dei trasformatori di alimentazione, è emblematicamente comica. affraid
    Il fatto che i tubi presentino una rusticità maggiore delle stato solido, vuole dire poco o nulla. Penso sia importante capire cosa succede ai tubi quando sono usati male, fuori dai limiti come spesso capita in tanti amplificatori commerciali.
    Perché è importante? semplicemente perché i tubi raramente "fanno puff" ( anche se proprio Jadis era famosa in passato per aver distrutto interi lotti di KT88 Gold Lion NOS), ma la loro durata e le loro prestazioni soniche sono figlie di come si impiegano. Oltretutto, i tubi NOS hanno prezzi da gioielleria e i tubi moderni, pur costando non poco, sono molto più delicati.
    I costruttori originari dei tubi, con i datasheet disponibili in rete, forniscono accurate informazioni. Basta saperle leggere e/o avere la voglia e i neuroni non calcificati in ipotetiche certezze.
    Dichiarano i limiti massimi di tensione anodica, corrente totale, dissipazione anodica e di g2, massima differenza di potenziale tra catodo e filamento (spesso trascurata sui tubi di segnale.... fonte di rumori molesti), massima variazione tollerata della tensione di accensione.
    Di solito, un lieve incremento della tensione anodica, non crea enormi problemi ( altrimenti, molti VTL, sarebbero sempre con i tubi da sostituire). Purtroppo, tutto quello che invece riguarda la corretta accensione dei tubi impatta sulla loro durata e anche sulla loro affidabilità.
    Ovviamente i casi polari riguardano i tubi a riscaldamento diretto magari in torio tungsteno, dove è importantissima la corretta tensione di accensione e la corrente di accensione a freddo. Se non rispetti i limiti il filamento diviene più fragile e rischia la rottura oppure ti ritrovi una durata molto, molto inferiore al previsto ( questo è documentato anche da Thomas Mayer per le sue costosissime Elrog). La dissipazione anodica, se superata, peggiora permanentemente la qualità del tubo. La durata, alla lunga, scende. Anche con i filamenti a base di ossidi, la corrente di accensione a freddo e la tensione di accensione è importante anche se, tranne alcune eccezioni, risultano più robusti di quelli in torio tungsteno. Comunque, Molti costruttori moderni, forniscono accurate informazioni su cosa bisogna non fare.
    Per quanto riguarda i tubi a riscaldamento indiretto come le 6550 e le EL34 per fare due esempi, la corretta alimentazione degli elettrodi fa la differenza. Ricordiamoci la mostruosa transconduttanza delle EL34. minime variazioni alla tensione di griglia portano enormi variazioni di corrente circolante. Questo vale anche se aumenti la temperatura del catodo sovralimentando il filamento. Con le NOS, di solito, durano semplicemente meno e suonano peggio. Con le nuove, un calo rapido dei parametri. Per questi motivi, è importante verificare il rispetto dei limiti dichiarati dal costruttore dei tubi ( non dell'ampli ).
    Per concludere, mi ripeto: Consiglio all'opener di effettuare una verifica comunicando al tecnico la tensione di rete che ti ritrovi a casa . Una verifica agli elettrolitici e una loro più che probabile sostituzione, non può che fare bene e, con poca spesa, hai maggiori garanzie di durata. 
    un acefalo riferimento a ipotetici margini senza cognizione, è solo disinformazione e così si fa appello solo alla buona sorte. Un appassionato che si avvicina ai tubi, merita un livello di informazioni migliore anche solo per evitare spiacevoli rotture facilmente evitabili.
    Zio Jo
    Zio Jo
    Member
    Member

    Numero di messaggi : 58
    Data d'iscrizione : 26.03.22
    Località : Pistoia

    Consigli per finale valvolare.... - Pagina 4 Empty Re: Consigli per finale valvolare....

    Messaggio Da Zio Jo Ven Dic 08 2023, 18:15

    Ben ritrovati e buona festività, per quel che ne rimane. Il primo suggerimento attuato è stato quello di comprare un voltmetro per monitorare la tensione....in queste poche ore di utilizzo è rimasta in un range di 229/232 Volt, vedremo nei prossimi giorni. Ora lo step più delicato sarà quello di trovare un bravo tecnico capace di misurare tutti i parametri da voi citati ed eventualmente sostituire i componenti non più idonei. Se avete un riferimento in Toscana sarà gradito. Comunque l'ampli funziona e ne sono soddisfatto, rimane la curiosità di sapere quali sono i margini di miglioramento attuabili.
    Vi ringrazio per il tempo dedicatomi........Buona musica. Giovanni.Consigli per finale valvolare.... - Pagina 4 Voltme10
    mariovalvola
    mariovalvola
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3110
    Data d'iscrizione : 19.12.14
    Località : Brescia

    Consigli per finale valvolare.... - Pagina 4 Empty Re: Consigli per finale valvolare....

    Messaggio Da mariovalvola Ven Dic 08 2023, 18:40

    se rimane su quei valori sei abbastanza tranquillo.
    Il tecnico, se lo trovi, ti potrà aiutare per controllare gli elettrolitici e, al limite inserendo  resistenze di frazioni di Ohm  sui secondari dei filamenti per centrare la tensione di alimentazione corretta. Potresti anche fare controllare lo stato dei tubi.
    Trovare delle 6550 NOS, penso sia davvero molto oneroso. 
    Ti sconsiglio di provare a caso la sostituzioni di tubi. Chiedi a chi te lo controlla come procedere.

      La data/ora di oggi è Sab Mar 02 2024, 02:08