Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

...esiste un audiofilo felice?


giaiant
MusicAddicted
MusicAddicted

Numero di messaggi : 15332
Data d'iscrizione : 21.08.14

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da giaiant il Sab Mag 04 2019, 15:09

se esiste un audiofilo felice ?
no impossibile fa parte del gioco il vero audiofilo deve cambiare qualcosa sempre
ho visto audiofili cambiare e pentirsi per poi cambiare ancora 
io almeno non ne ho mai conosciuto uno veramente felice se non per poco tempo
giusto il tempo di pensare cosa cambiare.
lizard
lizard
Pop Music Expert

Numero di messaggi : 8993
Data d'iscrizione : 06.11.09
Località : Augusta Taurinorum

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da lizard il Sab Mag 04 2019, 21:21

Io mi chiedo se esiste un Audiofilo,ancora..
Sleep
Admin
Admin
Admin
Admin

Numero di messaggi : 512
Data d'iscrizione : 19.12.08

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da Admin il Sab Mag 04 2019, 22:33

Sul nostro forum Il Gazebo Audiofilo, appunto, "AUDIOFILO" non ha e non deve avere accezzione negativa, audiofilo per noi è un amante della musica riprodotta, nonchè un amante degli strumenti atti a raggiungere questo scopo, e non importa se posso spendere cifre a quattro zeri o poche centinia di euro, che sia con streaming o con vinile, che sia per ascoltare musica classica o metal, quello che conta è il piacere personale che ne traiamo e non da meno il piacere di essere qui a parlarne tutti insieme.

Admin
the Crimson King
the Crimson King
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 3070
Data d'iscrizione : 16.01.13
Località : un po' qui, un po' là, un po' altrove

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da the Crimson King il Dom Mag 05 2019, 09:21

Mi ritengo audiofilo in quanto al ricerca del piacere nell'ascolto della musica, a volte anche non la mia preferita nel senso che, seppur raramente, ascolto anche cose che non mi piacciono ma in cui riconosco una ricerca artistica. Purtroppo mi manca quasi completamente la conoscenza di cosa sia l'esecuzione di musica dal vivo, specialmente non amplificata, e questo fa di me un audiofilo zoppo. Infatti quando cambio un componente lo faccio alla ricerca di un maggior piacere nella riproduzione (come quasi tutti credo) ma il riferimento qual è? Una mia personale idea di come dovrebbe suonare quel disco? Un'ipotesi di come dovrebbe suonare quella musica se fosse eseguita dal vivo lì davanti a me? Credo che il vero audiofilo debba investire una certa parte del proprio tempo in ascolti di musica dal vivo per farsi un cultura dell'ascolto musicale "reale" e da lì, se vuole, fare il meglio che può per ricercare lo stesso piacere a casa. E condividerlo con qualcuno magari... IMHO


_________________
"Coi capelli sciolti al vento io dirigo il tempo, il mio tempo...
là... negli spazi dove Morte non ha domini, dove l'Amore varca i confini..."

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Images11

"Confusion" will be my epitaph...
brizzo
brizzo
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 3887
Data d'iscrizione : 13.02.11
Età : 60
Località : Mestre

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da brizzo il Dom Mag 05 2019, 10:14

proprio dalla mia buona frequentazione di concerti che mi sono formato audiofilmente....... ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 921419

sarà sempre e solo musica riprodotta, oltre un certo livello restano "giochi di portafoglio".... ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 775355

buona musica.....


_________________
saluti Eddie sunny
Spoiler:
...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Giphy11  ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 775355
ispanico
ispanico
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 2862
Data d'iscrizione : 18.08.11
Età : 59
Località : pr. di Padova

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da ispanico il Dom Mag 05 2019, 11:13

Giorno a tutti. 

Da Wiki:

Un audiofilo è una persona interessata alla riproduzione sonora ad alta fedeltà.
L'audiofilo valuta tutti gli stadi della riproduzione acustica mediante sistemi elettronici e elettroacustici: la iniziale registrazione sonora, il processo di produzione e la riproduzione che solitamente avviene in ambito domestico.
Il fine ultimo dell'audiofilo è la ricerca morbosa del suono prodotto naturalmente come in un concerto dal vivo e riprodurlo il più fedelmente possibile in ambito domestico. È consolidato il fatto che sia estremamente difficile se non del tutto impossibile raggiungere tale fine.
Quindi mi viene da pensare che una persona che ha un set up tale e quale fin dagli anni 80 non si possa definire "audiofilo" perché non ha mai cambiato nulla e quindi con le nuove tecniche di registrazione/riproduzione non può arrivare al livello di quello che ha un impianto "moderno" e che ha curato ogni parte della catena audio.
Ecco, se non altro gli giova il portafogli ma come si nota si cita la ricerca "morbosa" del Suono riprodotto naturalmente come in un concerto dal vivo per far sì che ciò possa avvenire anche in ambito domestico, ed ecco che ci riconosciamo già di più sotto questa nomenclatura...ma si aggiunge anche che questa ricerca è praticamente impossibile.
Quindi? Siamo spendofili? Musicofili? Malati? (secondo molte mogli/compagne) o che altro? Forse più semplicemente ci piace giocare e cambiare di quando in quando...o no?
Boh  ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 98542 francamente non ci sto più a capire niente!!
O che abbia ragione quello che ci dà degli incurabili  ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 775355


_________________
Saluti da Maurizio
___________________________________________________________________________________________
giaiant
giaiant
MusicAddicted
MusicAddicted

Numero di messaggi : 15332
Data d'iscrizione : 21.08.14
Età : 57
Località : GÖRZ

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da giaiant il Dom Mag 05 2019, 11:30

@brizzo ha scritto:proprio dalla mia buona frequentazione di concerti che mi sono formato audiofilmente....... ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 921419

sarà sempre e solo musica riprodotta, oltre un certo livello restano "giochi di portafoglio".... ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 775355

buona musica.....
gli unici concerti che possono servire a un appassionato audiofilo per prender conoscenza del suono di ogni strumento 
sono i concerti acustici non riprodotti (microfoni/ampli)
in una sala acusticamente perfetta.
i concerti elettrici non servono a niente in campo audiofilo 
ho visto concerti acusticamente osceni dal punto di vista sonoro.
testare un impianto con musica elettrica a un certo livello di qualità e solo un gusto personale ogni impianto per buono che sia suonerà diverso.


_________________
...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Rauche11
.................il mio impianto....................
https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t37554-piccolo-aggiornamento-impianto
brizzo
brizzo
Vip Member
Vip Member

Numero di messaggi : 3887
Data d'iscrizione : 13.02.11
Età : 60
Località : Mestre

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da brizzo il Dom Mag 05 2019, 11:36

non penso ai concerti da stadio o similari, roba del mio passato, la stragrande maggioranza ascoltato/ascolto in pub, teatri ben poco amplificati credimi.....

anche se fossero i Deep Purple, ascoltati, e li volessi riascoltare su un'impianto l'impatto te lo sogni......

ascoltato uno stradivari a un metro....mi ha buttato via la testa, altro che plin plin, e altre amenità hi-end......


_________________
saluti Eddie sunny
Spoiler:
...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Giphy11  ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 775355
carloc
carloc
Moderatore
Moderatore

Numero di messaggi : 21841
Data d'iscrizione : 27.07.11
Località : Busto Arsizio (Motociclista)

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da carloc il Dom Mag 05 2019, 11:38

@brizzo ha scritto:
ascoltato uno stradivari a un metro....mi ha buttato via la testa, altro che plin plin, e altre amenità hi-end......

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 704751 applausi


_________________
Rem tene verba sequentur

https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t3-regolamento

https://www.instagram.com/ilgazeboaudiofilo/?hl=it

https://www.facebook.com/gazeboaudiofilo/
giaiant
giaiant
MusicAddicted
MusicAddicted

Numero di messaggi : 15332
Data d'iscrizione : 21.08.14
Età : 57
Località : GÖRZ

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da giaiant il Dom Mag 05 2019, 12:10

@brizzo ha scritto:non penso ai concerti da stadio o similari, roba del mio passato, la stragrande maggioranza ascoltato/ascolto in pub, teatri ben poco amplificati credimi.....

anche se fossero i Deep Purple, ascoltati, e li volessi riascoltare su un'impianto l'impatto te lo sogni......

ascoltato uno stradivari a un metro....mi ha buttato via la testa, altro che plin plin, e altre amenità hi-end......
si sta parlando di suono dello strumento non dell'inpatto 
appunto uno stradivari a un metro serve per rendersi conto del suono originale .
strumenti anche se per poco amplificati sempre amplificati sono 
che tipo di chitarra che tipo di ampli ?
la stessa chitarra ma con un altro ampli già suona diverso
o viceversa .
vado anche io per locali ad ascoltare gruppi ma l'acustica spesso lascia molto a desiderare
teatri?
stesso discorso .


_________________
...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Rauche11
.................il mio impianto....................
https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t37554-piccolo-aggiornamento-impianto
yoyo
yoyo
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 418
Data d'iscrizione : 07.11.14
Età : 67
Località : milano

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da yoyo il Dom Mag 05 2019, 15:54

tutto giusto, ma se in un evento musicale acustico cambio posto ascolto un suono diverso, quindi è tutto relativo.
ciao gianni
giaiant
giaiant
MusicAddicted
MusicAddicted

Numero di messaggi : 15332
Data d'iscrizione : 21.08.14
Età : 57
Località : GÖRZ

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da giaiant il Dom Mag 05 2019, 17:02

tutto è relativo anche stare qui a discuterne.
anche per che la domanda iniziale era un'altra
.
..esiste un audiofilo felice ?
.
io non sono un audiofilo quindi non ho di questi problemi.
buoni ascolti a tutti.


_________________
...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Rauche11
.................il mio impianto....................
https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t37554-piccolo-aggiornamento-impianto
lizard
lizard
Pop Music Expert

Numero di messaggi : 8993
Data d'iscrizione : 06.11.09
Località : Augusta Taurinorum

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da lizard il Dom Mag 05 2019, 17:16

@yoyo ha scritto:tutto giusto, ma se in un evento musicale acustico cambio posto ascolto un suono diverso, quindi è tutto relativo.
ciao gianni
io ad esempio quando vado ad un concerto con una gnocca non ascolto neanche la musica.
e sono felice.
Antonio Turi
Antonio Turi
Ragnaccio
Ragnaccio

Numero di messaggi : 11264
Data d'iscrizione : 22.03.14
Età : 53
Località : Foggia

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da Antonio Turi il Dom Mag 05 2019, 17:22

@giaiant ha scritto:tutto è relativo anche stare qui a discuterne.
anche per che la domanda iniziale era un'altra
.
..esiste un audiofilo felice ?
.
io non sono un audiofilo quindi non ho di questi problemi.
buoni ascolti a tutti.

Gigante, amico mio, lo sai, ti voglio troppo bene  sunny però a volte non capisco perché te la prendi se ad alcuni piace discutere di alcune tematiche che magari a te interessano un po' meno...qual'e il problema mi chiedo? È una comunità, siamo tanti, vi è spazio per tutto e per tutti, non credi sia giusto cosi?
Inoltre tutti siamo un po' audiofili qui dentro Alessandro, non è un insulto, anche se abbiamo migliaia di dischi, diversamente ascolteremmo da una radiolina o con Spotify e una cassettina Bluetooth, è un ascolto più che dignitoso anche quello!
Tutto qua, spero con tutto il cuore che tu non te la prenda, dato che per quanto mi riguarda lo scambio è la maggior ricchezza di un Forum, diversamente non sarei qui...
I miei due cents  Embarassed sunny sunny


_________________
Spoiler:
SACD Player Yamaha CD-S3000 + Dat Tascam DA 20 + Server/Streamer Cocktail Audio X45 Pro -> Pre AM Audio AM REFERENCE due telai -> Coppia finali Mono AM Audio A 80 Reference S4 -> Diffusori B&W 802 Nautilus

Oppure,

SACD Player Pioneer PD 70 AE + Server/Streamer Cocktail Audio X45 Pro + Dac Amp Chord Hugo2 + Dap Astell & Kern AK 70 mkII -> Amplificatori Luxman L-590AXII + Icon Audio HP8 MKII/1 x Mullard M 8137 - 2 x RCA 5692  -> Cuffie HifiMan Susvara + Fostex th900 MKII + Sennheiser HD 800 Distributore di rete OEHLBACH XXL Powerstation 909
yoyo
yoyo
JuniorMember
JuniorMember

Numero di messaggi : 418
Data d'iscrizione : 07.11.14
Età : 67
Località : milano

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da yoyo il Dom Mag 05 2019, 17:56

credo che implicitamente ho risposto alla domanda. a volte sono felice perché ascolto bene, alter no perché ascolto male.  a volte basterebbe un cottonfiocc, altre ci vuole un otorino...può bastare?
ciao gianni
aleanimazione1
aleanimazione1
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 767
Data d'iscrizione : 10.09.17
Età : 34
Località : Bergamo

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da aleanimazione1 il Dom Mag 05 2019, 18:10

La metterei per punti: 

- L'Hi-Fi di per sé rappresenta una continua ricerca. In questa forma è una passione, quindi in continua evoluzione. 

- Distinguerei cosa è Hi-Fi e cosa ci piace. Non sempre la quadratura del cerchio riesce. 

- L'orecchio non tutti i giorni o almeno non a tutte le ore è ugualmente predisposto, almeno il mio, e da lì valutare correttamente ciò che si sta ascoltando...

- Non ci sono regole, né punti saldi ed è vero tutto e il contrario di tutto. Forse sei felice e non lo sai, forse il contrario affraid

- Ok la smetto.


_________________
Alessandro
MacBook Air, TIDAL HiFi, Qed Performance USB Graphite, Pro-Ject DAC Box RS (con Genalex Gold Lion), Qed Performance Audio 40 RCA, Cyrus ONE, QED XT25, KEF Q350, Audio-Technica ATH-M60x
giaiant
giaiant
MusicAddicted
MusicAddicted

Numero di messaggi : 15332
Data d'iscrizione : 21.08.14
Età : 57
Località : GÖRZ

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da giaiant il Dom Mag 05 2019, 19:14

@Antonio Turi ha scritto:

Gigante, amico mio, lo sai, ti voglio troppo bene  sunny però a volte non capisco perché te la prendi se ad alcuni piace discutere di alcune tematiche che magari a te interessano un po' meno...qual'e il problema mi chiedo? È una comunità, siamo tanti, vi è spazio per tutto e per tutti, non credi sia giusto cosi?
Inoltre tutti siamo un po' audiofili qui dentro Alessandro, non è un insulto, anche se abbiamo migliaia di dischi, diversamente ascolteremmo da una radiolina o con Spotify e una cassettina Bluetooth, è un ascolto più che dignitoso anche quello!
Tutto qua, spero con tutto il cuore che tu non te la prenda, dato che per quanto mi riguarda lo scambio è la maggior ricchezza di un Forum, diversamente non sarei qui...
I miei due cents  Embarassed sunny sunny
ti voglio bene anchio
ma guarda che io non me la son presa affatto
giustamente ce spazio per tutti quindi anche per me .
o ce chi può spararle a suo piacimento e chi no ?
non mi sembra di aver offeso nessuno 
.
piuttosto l'argomento di partenza era
..esiste un audiofilo felice ?
.
bacio le mani Antò!


_________________
...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Rauche11
.................il mio impianto....................
https://www.ilgazeboaudiofilo.com/t37554-piccolo-aggiornamento-impianto
Hyppie71
Hyppie71
Member
Member

Numero di messaggi : 51
Data d'iscrizione : 25.04.19
Età : 49
Località : Macherio

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da Hyppie71 il Dom Mag 05 2019, 20:18

Esiste l'audiofilo felice?
credo propio di si. Dipende poi cosa rende felice l'audiofilo nella sua audiofilia...mi spiego, che è meglio Suspect
Sono un amante spassionato del metal e del rock, specie se dal vivo. Ma se la mia felicità di audiofilo fosse ricreare l'evento live nel mio soggiorno dovrei essere un eterno infelice: impossibile ricreare quel muro sonoro e quell'impatto nel mio soggiorno, senza scendere in guerra con il quartiere in cui abito (ammesso e concesso che il mio pietoso impianto me lo consentisse Neutral ).
Pensando, per esempio, ad un impianto live da 50.000 watt quasi tutti i nostri principi audiofili andrebbero a pallino: tolti strumento musicale utilizzato (semplifico il discorso parlando dei chitarristi), ampli valvolare e microfonazione per il resto il segnale passa attraverso almeno due mixer che non hanno nulla a che spartire con quelli degli studi di registrazione. Impianti di alimentazine con batterie di rifasamento/filtro stratosferiche per silenziare i rumori indotti dai generatori di tensione mobili, tassi di controreazione abnormi per ammazzare i rumori indotti dalle induttanze degli impianti di illuminazione, espansori di dinamica per recuperare quella persa in precedenza negli stadi di filtro a monte...e muri di casse ad altissima efficenza (il più delle volte TurboSound mica RCF o JBL) con equalizazioni spinte per correggere l'acustica spesso schifosa degli stadi. Valanghe di processori digitali per ammazzare i ritardi temporali con emisioni in controfase per evitare, per quanto possibile, delay temporali.
Eppure spesso e volentieri l'audiofilo metallaro si trova a godere e battere il piedino a tempo di musica con 30 db in meno di pressione sonora rispetto all'evento originale.
Allora quando sono felice come audiofilo?
Per me la felicità sta nel fatto che su un buon impianto casalingo riesco a sentire musica per ore senza avere mai la voglia di spegnere, mentre su impianti hi-end riesco addirittura ad ascoltare Albano e a trovarlo piacevole.
Boh, per me la musica è un piacere e come ogni forma d'arte deve suscitare emozione.
A volte ho avuto i brividi ascoltando gli Iron Maiden da due cuffiette da 30€ condito da 4 medie di buona birra molto alcolica ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 60777 nel silenzio delle 3 del mattino....

A volte invece di ascoltare la musica c'è chi ascolta l'impianto che riproduce la musica e allora sono ben altri i parametri da ricercare per la felicità dell'audiofilo. Ma la ricerca di questi parametri non sono la felicità per questo tipo di audiofili? io credo di si
In fondo, non è forse vero che l'attesa del piacere è essa stessa il piacere?
tutto IMHO ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 3612222525


_________________
SMSL M100
Sony DVP- S7700
Rotel RCD 06
Pioneer PL112D - Audio Technica AT120E
Rotel RA-980BX
Indiana Line Tesi 661
aleanimazione1
aleanimazione1
Senior Member
Senior Member

Numero di messaggi : 767
Data d'iscrizione : 10.09.17
Età : 34
Località : Bergamo

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da aleanimazione1 il Dom Mag 05 2019, 20:24

@Hyppie71 ha scritto:Esiste l'audiofilo felice?
credo propio di si. Dipende poi cosa rende felice l'audiofilo nella sua audiofilia...mi spiego, che è meglio Suspect
Sono un amante spassionato del metal e del rock, specie se dal vivo. Ma se la mia felicità di audiofilo fosse ricreare l'evento live nel mio soggiorno dovrei essere un eterno infelice: impossibile ricreare quel muro sonoro e quell'impatto nel mio soggiorno, senza scendere in guerra con il quartiere in cui abito (ammesso e concesso che il mio pietoso impianto me lo consentisse Neutral ).
Pensando, per esempio, ad un impianto live da 50.000 watt quasi tutti i nostri principi audiofili andrebbero a pallino: tolti strumento musicale utilizzato (semplifico il discorso parlando dei chitarristi), ampli valvolare e microfonazione per il resto il segnale passa attraverso almeno due mixer che non hanno nulla a che spartire con quelli degli studi di registrazione. Impianti di alimentazine con batterie di rifasamento/filtro stratosferiche per silenziare i rumori indotti dai generatori di tensione mobili, tassi di controreazione abnormi per ammazzare i rumori indotti dalle induttanze degli impianti di illuminazione, espansori di dinamica per recuperare quella persa in precedenza negli stadi di filtro a monte...e muri di casse ad altissima efficenza (il più delle volte TurboSound mica RCF o JBL) con equalizazioni spinte per correggere l'acustica spesso schifosa degli stadi. Valanghe di processori digitali per ammazzare i ritardi temporali con emisioni in controfase per evitare, per quanto possibile, delay temporali.
Eppure spesso e volentieri l'audiofilo metallaro si trova a godere e battere il piedino a tempo di musica con 30 db in meno di pressione sonora rispetto all'evento originale.
Allora quando sono felice come audiofilo?
Per me la felicità sta nel fatto che su un buon impianto casalingo riesco a sentire musica per ore senza avere mai la voglia di spegnere, mentre su impianti hi-end riesco addirittura ad ascoltare Albano e a trovarlo piacevole.
Boh, per me la musica è un piacere e come ogni forma d'arte deve suscitare emozione.
A volte ho avuto i brividi ascoltando gli Iron Maiden da due cuffiette da 30€ condito da 4 medie di buona birra molto alcolica ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 60777 nel silenzio delle 3 del mattino....

A volte invece di ascoltare la musica c'è chi ascolta l'impianto che riproduce la musica e allora sono ben altri i parametri da ricercare per la felicità dell'audiofilo. Ma la ricerca di questi parametri non sono la felicità per questo tipo di audiofili? io credo di si
In fondo, non è forse vero che l'attesa del piacere è essa stessa il piacere?
tutto IMHO ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 3612222525

FRATELLO!


_________________
Alessandro
MacBook Air, TIDAL HiFi, Qed Performance USB Graphite, Pro-Ject DAC Box RS (con Genalex Gold Lion), Qed Performance Audio 40 RCA, Cyrus ONE, QED XT25, KEF Q350, Audio-Technica ATH-M60x
Luca58
Luca58
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 9166
Data d'iscrizione : 15.07.09
Località : Pisa

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da Luca58 il Lun Mag 06 2019, 19:57

Per me anche la musica elettrificata - si citavano i Deep Purple - puo' essere ben riprodotta fino a richiamare alla mente il suono dal vivo. Un amico una volta mi ha fatto sentire un concerto live degli Eagles e l'ho vissuto come fossi li'; e io da adolescente suonavo la chitarra elettrica (con un ampli valvolare santa ) in varie occasioni e il suono me lo ricordo bene, avendo tra l'altro alle spalle gli amplificatori delle tastiere e del basso, per non parlare dei piatti della batteria ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 85816


_________________
Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7886
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 66
Località : Milano

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da RockOnlyRare il Mar Mag 07 2019, 10:31

Premessa: La felicità è uno stato temporaneo e raggiungibile sono certe condizioni e per breve tempo.
Anche perchè se uno fosse perennemente felice di fatto sarebbe sempre "di umore normale".

Limitandoci ovviamente all'aspetto audiofilo, in particolare al proprio impianto, devo dire che io tutto sommato sono assolutamente FELICE dal momento in cui nel lontano 79 dopo 2 anni di risparmio presi quello che è (quasi) tuttora il mio impianto attuale.

La mia felicità ebbe un crollo verticale quando dovemmo cambiare casa e persi la camera di quasi 20 m2 in cui potevo ascoltare l'impianto senza avere nessuno sotto. Dovetti posizionare l'impianto in sala e potevo ascoltarlo in pratica solo quando non c'era nessuno in casa.

Dal 2012 (purtroppo) sono tornato solo e mi sono sistemato al meglio.
E del mio impianto sono contentissimo, certo anche io cerco piano piano di migliorarlo, ma nel complesso ho raggiunto un livello qualità - potenzialità economiche sicuramente molto al di sopra delle mie più rosee aspettative.

Le insoddisfazioni sono casomai nelle troppe incisioni mediocri specie di album dal punto di vista musicale molto validi, e nell'aspetto professionale - economico ma quest'ultimo esula dalla felicità di cui si parla.


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7886
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 66
Località : Milano

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da RockOnlyRare il Mar Mag 07 2019, 10:37

@Hyppie71 ha scritto:Esiste l'audiofilo felice?
credo propio di si. Dipende poi cosa rende felice l'audiofilo nella sua audiofilia...mi spiego, che è meglio Suspect
Sono un amante spassionato del metal e del rock, specie se dal vivo. Ma se la mia felicità di audiofilo fosse ricreare l'evento live nel mio soggiorno dovrei essere un eterno infelice: impossibile ricreare quel muro sonoro e quell'impatto nel mio soggiorno, senza scendere in guerra con il quartiere in cui abito (ammesso e concesso che il mio pietoso impianto me lo consentisse Neutral ).
Pensando, per esempio, ad un impianto live da 50.000 watt quasi tutti i nostri principi audiofili andrebbero a pallino: tolti strumento musicale utilizzato (semplifico il discorso parlando dei chitarristi), ampli valvolare e microfonazione per il resto il segnale passa attraverso almeno due mixer che non hanno nulla a che spartire con quelli degli studi di registrazione. Impianti di alimentazine con batterie di rifasamento/filtro stratosferiche per silenziare i rumori indotti dai generatori di tensione mobili, tassi di controreazione abnormi per ammazzare i rumori indotti dalle induttanze degli impianti di illuminazione, espansori di dinamica per recuperare quella persa in precedenza negli stadi di filtro a monte...e muri di casse ad altissima efficenza (il più delle volte TurboSound mica RCF o JBL) con equalizazioni spinte per correggere l'acustica spesso schifosa degli stadi. Valanghe di processori digitali per ammazzare i ritardi temporali con emisioni in controfase per evitare, per quanto possibile, delay temporali.
Eppure spesso e volentieri l'audiofilo metallaro si trova a godere e battere il piedino a tempo di musica con 30 db in meno di pressione sonora rispetto all'evento originale.
Allora quando sono felice come audiofilo?
Per me la felicità sta nel fatto che su un buon impianto casalingo riesco a sentire musica per ore senza avere mai la voglia di spegnere, mentre su impianti hi-end riesco addirittura ad ascoltare Albano e a trovarlo piacevole.
Boh, per me la musica è un piacere e come ogni forma d'arte deve suscitare emozione.
A volte ho avuto i brividi ascoltando gli Iron Maiden da due cuffiette da 30€ condito da 4 medie di buona birra molto alcolica ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 60777 nel silenzio delle 3 del mattino....

A volte invece di ascoltare la musica c'è chi ascolta l'impianto che riproduce la musica e allora sono ben altri i parametri da ricercare per la felicità dell'audiofilo. Ma la ricerca di questi parametri non sono la felicità per questo tipo di audiofili? io credo di si
In fondo, non è forse vero che l'attesa del piacere è essa stessa il piacere?
tutto IMHO ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 3612222525

Grazie per lo splendido intervento che mi sento di condividere pienamente anche io sono un fanatico di rock, magari non metallaro nel senso stretto del termine, però ad esempio dei Metallica ho tutta la discografia ...

Anche a me piace in primis ascoltare la musica. La sola cosa che mi fa arrabbiare come già scritto è quando ci sono album di eccellenti contenuti musicali ma incisi talmente indecentemente male da essere praticamente inascoltabili nell'impianto diciamo hi-end che ha il pregio-difetto di riprodurre l'incisione esattamemente per quello che è, da eccezionale ad assoluta ciofeca a seconda dei casi.
Con che non dico che questi album non li ascolto anzi, ma non riesco a farlo nell'impianto "top".


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7886
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 66
Località : Milano

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da RockOnlyRare il Mar Mag 07 2019, 10:42

@Luca58 ha scritto:Per me anche la musica elettrificata - si citavano i Deep Purple - puo' essere ben riprodotta fino a richiamare alla mente il suono dal vivo. Un amico una volta mi ha fatto sentire un concerto live degli Eagles e l'ho vissuto come fossi li'; e io da adolescente suonavo la chitarra elettrica (con un ampli valvolare santa ) in varie occasioni e il suono me lo ricordo bene, avendo tra l'altro alle spalle gli amplificatori delle tastiere e del basso, per non parlare dei piatti della batteria ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 85816

Indubbiamente anche nel rock ci sono incisioni che suonano bene o addirittura molto bene, difficilmente si raggiunge i livelli di alcuni tra gli album di assoluto riferimento per incisione, ma comunque sono in grado di dare eccezionali soddisfazioni anche ad audioflili sfegatati.

Purtroppo però devo anche dire che la media delle incisioni di rock, specie live, è assai spesso inferiore alla media, con punte frequenti sotto la decenza e se hai un impianto stereo eccellente, il guaio è che è "inevitabilmente eccellente" anche nel rilevare i difetti delle incisioni.


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
RockOnlyRare
RockOnlyRare
Rockzebo Expert

Numero di messaggi : 7886
Data d'iscrizione : 18.05.12
Età : 66
Località : Milano

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da RockOnlyRare il Mar Mag 07 2019, 10:47

@aleanimazione1 ha scritto:La metterei per punti: 

- L'Hi-Fi di per sé rappresenta una continua ricerca. In questa forma è una passione, quindi in continua evoluzione. 

- Distinguerei cosa è Hi-Fi e cosa ci piace. Non sempre la quadratura del cerchio riesce. 

- L'orecchio non tutti i giorni o almeno non a tutte le ore è ugualmente predisposto, almeno il mio, e da lì valutare correttamente ciò che si sta ascoltando...

- Non ci sono regole, né punti saldi ed è vero tutto e il contrario di tutto. Forse sei felice e non lo sai, forse il contrario affraid

- Ok la smetto.

Concordo pienamente con quello che scrivi però, se ho inteso bene il senso dell'argomento, che per me è molto intelliggnte ed interessante, è che ci sono audiofili che sono sempre insoddisfatti alla ricerca insaziabile di una perfezione che come sappiamo è sempre relativa, ed altri che, pure cercando inevitabilmente di migliorare il loro impianto, ne sono, sostanzialmente, totalmente soddisfatti.

In sostanza l'audiofilo felice è colui che riesce a rispettare, nei limiti logici, del vecchio proverbio "chi si accontenta gode".


_________________
http://basta-con-i-tagli-alle-pensioni.over-blog.it/article-le-bugie-sull-aspettativa-di-vita-84948824.html

https://www.indexmundi.com/facts/indicators/SP.DYN.LE00.IN/compare#country=it

(ANSA) - ROMA, 19 LUG - I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima dei 73 anni. È questa la sorte secondo la Cgil che spetta a chi ha avuto un lavoro saltuario e scarsamente remunerato, specie se part time. Nel 2035, spiega il sindacato, per andare prima dei 70 anni, precisamente a 69, saranno necessari almeno 20 anni di contributi e una pensione di importo sopra gli attuali 687 euro.
Antonio Turi
Antonio Turi
Ragnaccio
Ragnaccio

Numero di messaggi : 11264
Data d'iscrizione : 22.03.14
Età : 53
Località : Foggia

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da Antonio Turi il Mar Mag 07 2019, 10:50

Fermo restando che l'alta fedeltà, come scritto da molti, resta una chimera per i motivi già benissimo spiegati da altri, io sono mo!to contento del mio impianto e attualmente non lo cambierei con null'altro. Nei miei primi interventi non sono stato così chiaro perché può sembrare che io creda di avere il meglio del mondo, ma non è affatto così. Piuttosto io ho il meglio che potevo assemblare con le mie potenzialità economiche, ho impiegato circa 18 anni per arrivare a questo, stanza compresa, avevo le idee chiare ed alla fine sono giunto a quello che volevo, ripeto, non il meglio del meglio, quello che volevo! Per cui, capisco perfettamente chi è sempre in cerca e non lo critico, anzi, comprendo e so che questa passione ha migliaia di sfaccettature, la continua ricerca anche spasmodica è una di queste ed io non sono nessuno per criticarlaio, anzi, grazie a loro magari posso avere informazioni che un negoziante non mi darebbe mai.
Ma....si, esiste, io sono un audiofilo felice...  Embarassed sunny sunny


_________________
Spoiler:
SACD Player Yamaha CD-S3000 + Dat Tascam DA 20 + Server/Streamer Cocktail Audio X45 Pro -> Pre AM Audio AM REFERENCE due telai -> Coppia finali Mono AM Audio A 80 Reference S4 -> Diffusori B&W 802 Nautilus

Oppure,

SACD Player Pioneer PD 70 AE + Server/Streamer Cocktail Audio X45 Pro + Dac Amp Chord Hugo2 + Dap Astell & Kern AK 70 mkII -> Amplificatori Luxman L-590AXII + Icon Audio HP8 MKII/1 x Mullard M 8137 - 2 x RCA 5692  -> Cuffie HifiMan Susvara + Fostex th900 MKII + Sennheiser HD 800 Distributore di rete OEHLBACH XXL Powerstation 909
madmax
madmax
Hi-End Member
Hi-End Member

Numero di messaggi : 7491
Data d'iscrizione : 18.04.10
Età : 54
Località : Cerignola (FG)

...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 Empty Re: ...esiste un audiofilo felice?

Messaggio Da madmax il Mar Mag 07 2019, 11:17

@Antonio Turi ha scritto:Fermo restando che l'alta fedeltà, come scritto da molti, resta una chimera per i motivi già benissimo spiegati da altri, io sono mo!to contento del mio impianto e attualmente non lo cambierei con null'altro. Nei miei primi interventi non sono stato così chiaro perché può sembrare che io creda di avere il meglio del mondo, ma non è affatto così. Piuttosto io ho il meglio che potevo assemblare con le mie potenzialità economiche, ho impiegato circa 18 anni per arrivare a questo, stanza compresa, avevo le idee chiare ed alla fine sono giunto a quello che volevo, ripeto, non il meglio del meglio, quello che volevo! Per cui, capisco perfettamente chi è sempre in cerca e non lo critico, anzi, comprendo e so che questa passione ha migliaia di sfaccettature, la continua ricerca anche spasmodica è una di queste ed io non sono nessuno per criticarlaio, anzi, grazie a loro magari posso avere informazioni che un negoziante non mi darebbe mai.
Ma....si, esiste, io sono un audiofilo felice...  Embarassed sunny sunny
Sarei felice anche io con il tuo impianto  Rolling Eyes ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 650957 ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 775355 ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 775355 ...esiste un audiofilo felice? - Pagina 2 625723


_________________
Spoiler:

Analogico: Technics SL1200 MKII
Sorgente:Cambridge Azur 851N/Le-k-tor- CDP 3T SPS Reference 
Sorgente audio/video:Marantz UD7007
Dac :Topping D90 MQA
Meccanica CD:Cyrus Audio CD T/Tascam CD200
Ampli:TpAudio IEL3-KT120/Yarland M 84 Limited(for Hifiman HE6)
Ampli Cuffia:Auralic Taurus MKII/Topping A90/TpAudio CF-OTL6080 (modificato Aurion Audio)                                                                                             
Diffusori:Klipsh Heresy III
Cuffie:Audeze LCD3F portento/Hifiman HE-6 Invictus/Sennheiser HD800 Airtech/Spirit Labs Grado MMXVI/Ollo s4x Invictus
Multipresa:Oehlbach PowerSocket 907

    La data/ora di oggi è Sab Gen 16 2021, 16:17