Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Costa Concordia. - Page 2
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Costa Concordia.

    Share

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12

    Re: Costa Concordia.

    Post  ema49 on Tue Jan 17, 2012 5:40 pm


    Signori, io la vedo diversamente. Almeno ora. Comprendo l'errore umano, anche se certo non si può giustificare. Ho tolto parecchie garze lasciate dentro il torace di malati operati da altri e sempre ho avuto l'impressione netta di superficilaità, menefreghismo, cialtroneria. Fin quando, pochi mesi fa, è capitato al mio MIGLIORE collaboratore, chirurgo di ottima esperienza, scrupoloso fino all'inverosimile, preciso, puntuale, affettuoso con i malati e parenti. Allora ho capito che, oltre alla cialtroneria, esiste anche un fattore che si chiama stress, disattenzione da superlavoro, errori umanissimi e possibili.

    Diverso è il discorso dell'abbandono della nave. Solo per questo merita sputi e condanne.

    P.S. Abbiamo raccontato la verità alla malata e l'abbiamo rioperata. Non ha fatto nemmeno richiesta di risarcimento, perché ha compreso l'errore fatto da tutti, chirurghi e radiologi. Da allora sono cambiato un po' anch'io..

    Ospite
    Guest

    Re: Costa Concordia.

    Post  Ospite on Tue Jan 17, 2012 5:47 pm

    Diciamo che prima di esprimere giudizi sommari o apparentemente tali, bisogna aspettare che la Giustizia faccia il suo corso. Altrimenti diventano processi di piazza.

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Costa Concordia.

    Post  Massimo on Tue Jan 17, 2012 5:58 pm

    ema49 wrote:
    Signori, io la vedo diversamente. Almeno ora. Comprendo l'errore umano, anche se certo non si può giustificare. Ho tolto parecchie garze lasciate dentro il torace di malati operati da altri e sempre ho avuto l'impressione netta di superficilaità, menefreghismo, cialtroneria. Fin quando, pochi mesi fa, è capitato al mio MIGLIORE collaboratore, chirurgo di ottima esperienza, scrupoloso fino all'inverosimile, preciso, puntuale, affettuoso con i malati e parenti. Allora ho capito che, oltre alla cialtroneria, esiste anche un fattore che si chiama stress, disattenzione da superlavoro, errori umanissimi e possibili.

    Diverso è il discorso dell'abbandono della nave. Solo per questo merita sputi e condanne.

    P.S. Abbiamo raccontato la verità alla malata e l'abbiamo rioperata. Non ha fatto nemmeno richiesta di risarcimento, perché ha compreso l'errore fatto da tutti, chirurghi e radiologi. Da allora sono cambiato un po' anch'io..
    Ema sono d'accordo con te, ma quel comandante aveva in mano la vita di ben 4000 persone, NO COMMENT.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Costa Concordia.

    Post  ema49 on Tue Jan 17, 2012 6:00 pm

    pavel wrote:Diciamo che prima di esprimere giudizi sommari o apparentemente tali, bisogna aspettare che la Giustizia faccia il suo corso. Altrimenti diventano processi di piazza.

    Vero, anche se la Giustizia qualche volta non corrisponde col giusto. Se la malata di cui parlavo avesse sporto denuncia, il collega sicuramente sarebbe stato condannato per negligenza (visto che di imperizia o imprudenza non si può parlare, in questo caso).
    E un eccellente professionista si sarebbe rovinata al vita.
    Qualche volta non sarebbe male rimanere dentro le righe, la mente umana è strana. Fermo restando che, una volta accertate le responsabilità, chi ha da pagare, pagherà.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Edmond
    Sordologo

    Numero di messaggi : 8715
    Data d'iscrizione : 2010-04-17
    Località : Brescia

    Re: Costa Concordia.

    Post  Edmond on Tue Jan 17, 2012 6:04 pm

    Questo però pare essere recidivo, oltre che un po' pieno di sè (con la storia della navigazione manuale...)...



    _________________
    Giorgio
         
     

    Non fateci caso... sono sordo!!! E pure GURU!!! affraid

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Costa Concordia.

    Post  Massimo on Tue Jan 17, 2012 6:05 pm

    Ema, determinate categorie di persone, come quelle che hanno tra le mani la vita di altri esseri umani nel momento in cui sono sotto stress oppure per ragioni proprie non si sentono al 100 per 100, non farebbero meglio a fermarsi ed a prendersi una pausa e muoversi quando si è consci delle proprie azioni?


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Costa Concordia.

    Post  ema49 on Tue Jan 17, 2012 6:11 pm

    Edmond wrote:Questo però pare essere recidivo, oltre che un po' pieno di sè (con la storia della navigazione manuale...)...


    Si vedrà, sai come le notizie vengano manipolate..
    Quando tutto sarà chiarito, potremmo anche decidere di avere comprensione (che non significa giustificare) per quest'uomo.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Costa Concordia.

    Post  ema49 on Tue Jan 17, 2012 6:16 pm

    Massimo wrote:Ema, determinate categorie di persone, come quelle che hanno tra le mani la vita di altri esseri umani nel momento in cui sono sotto stress oppure per ragioni proprie non si sentono al 100 per 100, non farebbero meglio a fermarsi ed a prendersi una pausa e muoversi quando si è consci delle proprie azioni?

    Massimo, lo stress, proprio perché tale e a differenza della stanchezza, spesso non è avvertito dal soggetto.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Costa Concordia.

    Post  Massimo on Tue Jan 17, 2012 7:06 pm

    Non sapevo che lo stress non fosse avveretibile, in genere quando si dice mi sento stressato deve essere qualcos'altro come la stanchezza, con la quale spesso viene confusa.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    DigiDavidex
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 3627
    Data d'iscrizione : 2010-10-18
    Età : 22
    Località : Verso l'infinito ed oltre

    Re: Costa Concordia.

    Post  DigiDavidex on Tue Jan 17, 2012 7:34 pm



    _________________
    Il Saggio coltiva Linux, tanto Windows si pianta da solo...
    Denon PMA-720AE    Denon DCD-720AE    Pioneer TX-100ZL    Pioneer CS-595

    fabiovob
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7461
    Data d'iscrizione : 2009-10-01

    Re: Costa Concordia.

    Post  fabiovob on Tue Jan 17, 2012 8:57 pm

    pavel wrote:Diciamo che prima di esprimere giudizi sommari o apparentemente tali, bisogna aspettare che la Giustizia faccia il suo corso. Altrimenti diventano processi di piazza.


    Purtroppo noi italiani abbiamo questa pessima abitudine, ovvero di far diventare condannati gli indagati.

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Costa Concordia.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue Jan 17, 2012 9:23 pm

    Posso dire una cosa? Io non so se quello che si sta dicendo in queste ore sull'accaduto risponda a verità. Ma se quello che si sente corrisponde a verità, quest'uomo di colpe non ne ha poche, e non per errore o stress, ma per irresponsabilità, vigliaccheria e abbandono del suo posto di responsabilità in un momento di grand eemergenza.

    Facciamo un breve riepilogo del quadro attuale:

    1. Il comandante o chi per lui effettua una manovra folle che - anche se di prassi - mette a rischio la vita di 4000 passeggeri. Questa volta il gioco va male e lo scafo della nave si squarcia sugli scogli. Questo è l'errore che, riferendomi a quanto dice Emanuele, io sarei anche in grado di perdonare e comprendere. Una manovra rischiosa, che per prassi non ha mai prodotto problemi, per una leggerezza in più mette a rischio l'incolumità di 4000 persone. Stanchezza, stress? Possibile. Fatalità? Possibilissimo.

    2. Nella situazione di emergenza che viene a crearsi, dal momento in cui si verifca l'incidente a quando viene avvisata la Capitaneria di Porto passa un'ora intera. Un'ora intera in cui i passeggeri - lasciati senza notizie e con la giustificazione all'accaduto con un guasto elettrico - comincia a farsi prendere dal panico e chiama col cellulare ripetutamente il 118. ma il 118 niente sa dell'accaduto e ripete che la capitaneria di LIvorno sarebbe a dove rintervenire. Peccato che la Capitaneria di livorno niente sappia. In questa ora sarebbe possibilissimo cala re le scialuppe in acqua ed abbandonare la nave, perché il battello non si è ancora inclinato su di un fianco. Perché il Comandante non segnala l'incidente alla Capitaneria? Perché - chiaramente - non vuole assumersi le sue responsabilità difronte alla Capitaneria e cerca a lungo - troppo a lungo - di pararsi il culo con un attendismo inutile. Anche perché dove vuole andare? La sala macchina quasi immediatamente sembra si sia allagata. E qui, scusate, lo stress e l'errore già c'entrano meno. Qui c'è un uomo che in un posto di responsabilità preferisce pensare a sé stesso e non ai 4000 passeggeri che dipendono dalle sue scelte.

    3. La nave comincia ad inclinarsi. La situazione ora è chiaramente, inequivocabilmente compromessa. Viene avvisata la capitaneria. Tutto l'equipaggio aspetta l'ordine di abbandonare la nave in modo da poter calar e le scialuppe. L'ordine non arriva, e l'inclinazione diviene tale da rendere sempre più difficile calare in sicurezza le scialuppe. IL Comandante è scomparso nel nulla. POi si saprà che è su una delle prime scialuppe che viene calata in acqua, al suo fianco il Comandante in seconda. A questo punto, non arrivando l'ordine ufficiale di abbandono della nave, l'equipaggio è costretto ad ammutinarsi (tecnicamente parlando) e senza ordine diretto del Comandante comincia a calare le scialuppe di salvataggio. O magari avevano visto le prime scialuppe calarsi ed allora ritengono "a braccio" sia ora di cominciare a metetre in salvo i passeggieri.
    Ora spiegatemi: è sempre lo stress a non far ricordare a questo Comandante che è suo onere ed obbligo curare l'evaquazione della nave? Che senza un suo ordine formale l'evaquazione non può cominciare? Che la situazione è tale che si scatenerà il panico e che senza lui come punto di riferimento l'equipaggio non saprà come comportarsi? Scusate, ma a questo punto, questo Comandante che abbandona per primo la nave - ed è una cosa che quest'uomo ha oggettivamente ed inequivocabilmente fatto - mentre i passeggeri innocenti che sono ancora a bordo rischiano di morire (e molti sono morti, anche se sono ancora tecnicamente "dispersi") per me e a questo punto non merita più nessuna pietà e nessuna comprensione.

    4. IL Comandante della Capitaneria di Porto contatta telefonicamente il Comandante che sta cercando di metter ein salvo la pelle mentre il suo equipaggio ed i passeggeri ancora non sanno se sopravvivranno o no. L atelefonata viene registrata ed abbiamo avuto il privilegio di ascoltarla per intero. Il Comandante della Capitaneria chiede ripetutamente e sempre più ferocemente al Capitano della nave di risalire a botrrdo per coordinare l'abbandono della nave, per riferire di quanti sono i morti e quanti i feriti. IL Comandante della nave, campa le scuse più folli per giustificare il fatto che non risale sulla nave. IL Comandante della Capitaneria di Porto gli dice, furioso: "Che vuol fare, vuol lasciare tutto lì ed andarsene a casa?"; "E' suo dovere informarmi dei morti e dei feriti, è suo dovere organizzare l'abbandono della nave, è suo dovere dare soccorso agli eventuali feriti a bordo"; "Cosa fa, si rifiuta formalmente di risalire sulla nave?" "se i passeggeri scendono dalle sscalette lei può risalire sulla nave allo stesso modo, perché dice di non poterlo fare?". E così via.

    Qui vi riporto il collegamento alla magnifica registrazione di questa splendida conversazione, molto molto istruttiva: http://video.it.msn.com/watch/video/la-capitaneria-a-schettino-torni-sulla-nave/192a77r3d

    5. In risposta alle sollecitazioni violente del Comandante della Capitaneria di Porto, il Comandante non salirà mai sulla nave e la scialuppa di salvataggio si dirigerà verso terra. Il comandante si rifugia in un albergo e si mette a dormire, mentre altra gente è restata sulla nave a fare quello che doveva fare lui, mentre altri passeggieri stavano morendo. A causa della sua bravata di cui al punto 1 e di tutte le cazzate vigliacche ed irresponsabili dei punti 2, 3, 4.

    Io non condanno l'uomo che sbaglia. Io condanno - e senza appello - l'uomo che una volta sbagliato (il punto 1) non si fa carico delle sue responsabilità e fa pagare con la vita le proprie cazzate alla gente la cui vita dipende da lui (punti 2, 3, 4, 5).

    E guardate che tutte le cose che ho scritto sono facilmente riscontrabili e documentate (il ritardo di un'ora nel chiamare la Capitaneria, l'abbandono della Nave nella prima fase di evaquazione, le infinite scuse per non risalirvi) e non sottoposte a nessuna revisione possibile, perché sono evidenti come il sorgere del sole.

    La giustizia farà il suo corso, e la condanna o l'assoluzione verrano da un Tribunale. Ma il buon senso secondo me non fa fare una bella figura a questo bimbo irresponsabile che ha sbagliato 5 volte e per il comportamento del quale molta gente è morta. Il Comandante non lascia la nave fino a che non è evaquata: questo è il suo dovere.

    Io del medico che sbaglia una operazione ho comprensione. Del medico (sia lui o un altro) che una volta scoperto l'errore fa di tutto per coprirlo invece di salvare il paziente no


    Last edited by Pazzoperilpianoforte on Tue Jan 17, 2012 9:35 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: Costa Concordia.

    Post  Dragon on Tue Jan 17, 2012 9:35 pm

    Il tuo ragionamento PPP non fa una piega, ed è inequivocabile l'irresponsabilità e vigliaccheria dimostrata da questo signore...

    Certo mi viene da chiedere: ma come ha fatto ad arrivare al comando di una nave di tale importanza?...


    _________________
    Ai cavalli mettono i paraocchi...noi li abbiamo a corredo fin dalla nascita.

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Costa Concordia.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Tue Jan 17, 2012 9:37 pm

    Giusto. Ed inoltre: quante volte si infrange i regolamenti di navigazione rinunciando alla sicurezza senza che i passeggeri lo sappiano ? Grazie a Dio non lo sanno, perché vuol dire che è andata bene....


    Last edited by Pazzoperilpianoforte on Tue Jan 17, 2012 9:45 pm; edited 1 time in total


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    PARLAPA'
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5155
    Data d'iscrizione : 2009-05-13
    Età : 53
    Località : Torino

    Re: Costa Concordia.

    Post  PARLAPA' on Tue Jan 17, 2012 9:37 pm

    come ho già scritto in altro forum
    semplice opinione senza voler giustificare:


    Premetto che non lo voglio difendere
    Per me ha cercato di salvare il salvabile peggiorando le cose,poi preso dal panico,è andato fuori di testa senza più riuscire a prendere il controllo,non connetteva più
    Si è reso conto di aver combinato una grande c@zzata,ma non ha saputo reagire e nello stesso tempo vigliaccamente ha pensato a salvarsi la pelle


    _________________
    Marco

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: Costa Concordia.

    Post  Dragon on Tue Jan 17, 2012 9:44 pm

    Bèh, questo è stato evidente. Ma è esattamente ciò che NON avrebbe dovuto fare!

    Non ci dimentichiamo che lui èra il comandante!!!


    _________________
    Ai cavalli mettono i paraocchi...noi li abbiamo a corredo fin dalla nascita.

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Costa Concordia.

    Post  ema49 on Tue Jan 17, 2012 9:50 pm

    fabiovob wrote:


    Purtroppo noi italiani abbiamo questa pessima abitudine, ovvero di far diventare condannati gli indagati.


    @ Fabio:..in questo aiutati da qualche signor PM..
    peccato che se io sbaglio, pago. Loro sono quasi immuni. E nel corso della loro carriera possono fare moooolto più danno del comandante della nave affondata.
    Meno male che poi i Giudici rimediano.


    @ Vito: tante volte abbiamo creato mostri. Quello che ha combinato il comandante è talmente sconclusionato che mi fa pensare. E se fosse un incapace di intendere e volere? Aspettiamo, altrimenti qualche imbecille comincia a parlare di pena di morte (vedi il video postato).


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: Costa Concordia.

    Post  Dragon on Tue Jan 17, 2012 9:58 pm

    Certo che dobbiamo aspettare, assurdo pensare alla pena di morte... santa ... ma certamente da quanto ci raccontano i notiziari e...quella telefonata...incredibile!

    Magari è come dici tu...incapace di intendere e di volere... ... guarda caso... Suspect ...


    _________________
    Ai cavalli mettono i paraocchi...noi li abbiamo a corredo fin dalla nascita.

    Massimo
    moderatore
    moderatore

    Numero di messaggi : 31484
    Data d'iscrizione : 2010-06-21
    Età : 61
    Località : Portici (NA)

    Re: Costa Concordia.

    Post  Massimo on Tue Jan 17, 2012 9:59 pm

    Come dicevo in precedenza, al limite si potrebbe perdonare l'errore, non il comportamento dopo che la nave aveva preso lo scoglio.


    _________________
    Quando il dito indica la luna, l'imbecille guarda il dito

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Costa Concordia.

    Post  ema49 on Tue Jan 17, 2012 9:59 pm

    Sarei poi curioso di sapere se queste persone vengano controllate periodicamente con test psicoattitudinali, così come avviene per i piloti. Sono d'accordo con Marco (Parlapà) se proprio devo dire la mia. Quest'uomo è andato fuori di testa.
    Aspettiamo. Nessuno vuole salvarlo o giustificarlo. Men che mai me.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

    Fausto
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 5904
    Data d'iscrizione : 2010-10-09
    Età : 51
    Località : LAND OF HOPE AND DREAMS

    Re: Costa Concordia.

    Post  Fausto on Tue Jan 17, 2012 10:13 pm

    Pazzoperilpianoforte wrote:Giusto. Ed inoltre: quante volte si infrange i regolamenti di navigazione rinunciando alla sicurezza senza che i passeggeri lo sappiano ? Grazie a Dio non lo sanno, perché vuol dire che è andata bene....

    Non sono "uomo di mare"....
    Veramente "funziona" così?
    Non posso credere che sia, o possa intendersi, prassi....
    Sei proprio sicuro?
    Per quale motivo verrebbero infranti i regolamenti?
    Sinceramente: non capisco....
    Navigano in molti ma con responsabilità....
    E' uguale: non tutti "sfrecciano" a 200 km/h sulle autostrade....


    fabiovob
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 7461
    Data d'iscrizione : 2009-10-01

    Re: Costa Concordia.

    Post  fabiovob on Tue Jan 17, 2012 10:37 pm

    Sono contrario a fare ascoltare in TV parti di atti giudiziari rilevanti, come ad esempio la telefonata intercorsa tra il comandante Schettino ed il Comandante De Falco.

    Questo potrebbe e dovrebbe accadere solo dopo il termine del processo di primo grado.

    Ed in ogni caso ritengo che una persona debba essere condannata dalla giustizia per i reati commessi, ma ciò non significa che debba essere messa alla pubblica gogna.

    Siamo e restiamo un popolo di giustizialisti figli dell'inquisizione.


    Giusto per la cronaca, gli indennizzi per ingiusta detenzione sono passati da 5 milioni di euro del 2003 ad 85 milioni di euro del 2011 - Fonte Ministro di Grazia e Giustizia.

    Questo deve darci la dimensione di quanti errori giudiziari commettano gli avvocati dello Stato, senza MAI pagare nulla.



    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21546
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Costa Concordia.

    Post  pluto on Wed Jan 18, 2012 9:09 am

    Credo che la realtà che è emersa a poco a poco sia incontestabile. Quest' uomo ha commesso una follia, ma vorrei dire che non è stato il solo a commetterla visto che aveva ufficiali e guardie che non si sono accorte di nulla e quindi esiste senz'altro una scala di responsabilità che verrà (forse) accertata dalla magistratura.

    Dico forse xchè non mi pare che si sia mai accertato nulla x l'episodio di Livorno dove morirono tutti o quasi - per favore non mi parlate di giustizialismo. Se aveste avuto parenti tra le vittime del traghetto Moby, sono certo che le idee sarebbero diverse....

    Tornando a Costa:

    Quest'uomo aveva una sola possibilità di redimersi di fronte alla più grande cazzata della sua vita: un atto nobile aiutando tutti e dirigendo come un comandante deve fare fino all'ultimo. Ha fallito anche questa opportunità scappando come un codardo e mentendo spudoratamente come ampiamente dimostrato dalle testimonianze.

    La giustizia seguirà il suo corso. Poi se volete ne parliamo un attimo di questa giustizia ( x esempio ca il pilota del Dornier che è atterrato lungo a Genova finendo in mare - morirono in 5/6 mi pare).

    Anch'io come PPP posso perdonare l'errore umano di una persona che poi si nobilita - in questo caso no.

    E nel caso prospettato da Ema, comunque il medico che ha sbagliato deve quanto meno risarcire il danno e prodigarsi se vuole perdono e comprensione - non basta dire "sorry ero sotto stress". Questo deve essere ben chiaro a tutti
    Solo che purtroppo x la legge italiana la vita umana e le parti del corpo umano non valgono gran che. Chi di voi s'intende di assicurazioni sa cosa intendo.


    Amuro_Rey
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 9840
    Data d'iscrizione : 2009-01-20
    Età : 47
    Località : Italia

    Re: Costa Concordia.

    Post  Amuro_Rey on Wed Jan 18, 2012 10:38 am

    Purtroppo siamo in Italia quindi i responsabili di tragedie del genere non verrano mai MAI trovati con certezza, chi ha avuto danni o peggio perdite se verrà risarcito sarà risarcito tra anni e con cifre ridicole
    Il comendante farà da capro espiatorio, qualche mese di carcere e poi tutto nel dimenticatoio, tragedia, rimborsi, etc etc etc
    Anche i media si dimenticheranno della cosa
    CC continuerà a vendere crociere, continuerà a mettere al comenado personale "probabilmente2 NON addestrato in modo consono, continuerà a mettere personale che non parla una parola di Italiano e NON addestrato e via e chi lo avrà preso in quel posto saranno come sepre que poveretti che magari hanno risparmiato una vita per togliersi almeno una volta uno sfixio o convinti di passare una decina di gionri di spensieratezza
    E via sempre più sputtanata l'immagine dell'Italia allestero (basta leggere tutti i giornali stranieri in questi giorni)

    cheers WWW l'Italia WWW cheers


    _________________
    Per sempre  P I R A T A       

    Pazzoperilpianoforte
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 5316
    Data d'iscrizione : 2009-01-12
    Età : 48
    Località : Firenze

    Re: Costa Concordia.

    Post  Pazzoperilpianoforte on Wed Jan 18, 2012 11:11 am

    Massimo wrote:Come dicevo in precedenza, al limite si potrebbe perdonare l'errore, non il comportamento dopo che la nave aveva preso lo scoglio.

    E' esatto. L'errore per me è umano. E' la mancanza di assunzione di responsabilità a seguito dell'errore che è terribile.... comunque la rabbia e le invettive con riferimenti alla pena di morte sono ancora più terribili.

    E' giusto quello che dice Gian. Io sono rimasto colpito dalla testimonianza di una donna che si è vista morire il marito sotto gli occhi. L'uomo le ha passato l'unico salvagente che avevano in due, glielo ha fatto indossare, poi visto che lei non si buttava in acqua (per paura) si è tuffato prima di lei - quindi senza salvagente - perché sapeva che in questo modo lei sarebbe stata costretto a seguirlo.

    La donna infatti si è buttata in acqua, ma il marito non lo ha visto più, è scomparso in mare. Ecco, se per un attimo ti immedesimi con questa donna, se pensi che possa essere il tuo compagno o la tua compagna a morire in modo simile, ti rendi conto che è difficile provare comprensione.

    PS: Amuro, almeno speriamo che la gente cominci a disertare la CC.... sarebbe la più giusta conseguenza per un fatto simile.


    _________________
    Vito Buono
    __________
    Accuphase DP-500 + Stax SR-009 + Stax SRM 600 Limited
    oppure
    Graaf GM-50 rivalvolato Telefunken/Valvo Amburgo/EI KT90 + ProAc D 25
    ... e tantissima musica!

    ema49
    Musicofilo

    Numero di messaggi : 6951
    Data d'iscrizione : 2010-03-12
    Età : 67

    Re: Costa Concordia.

    Post  ema49 on Wed Jan 18, 2012 11:41 am

    pluto wrote:
    E nel caso prospettato da Ema, comunque il medico che ha sbagliato deve quanto meno risarcire il danno e prodigarsi se vuole perdono e comprensione - non basta dire "sorry ero sotto stress". Questo deve essere ben chiaro a tutti
    Solo che purtroppo x la legge italiana la vita umana e le parti del corpo umano non valgono gran che. Chi di voi s'intende di assicurazioni sa cosa intendo.


    Tralascio il caso Concordia essendo le opinioni del tutto inconciliabili.
    Per il caso del collega è bene sapere che il risarcimento avviene su richiesta del malato, in seguito ad esposto alla magistratura civile o penale. Non per nulla frotte di avvocati aprono mini-studi davanti ai luoghi di cura proponendo ai malati insoddisfatti delle cure ricevute il patrocinio gratuito salvo buon fine. E così si aprono migliaia di procedimenti civili o penali per un punto di sutura suppurato o un cheloide sulla ferita Laughing Laughing Per la legge italiana il malato è più che tutelato, dato che nei paesi anglosassoni non esiste un procedimento penale per i casi di malasanità (salvo i casi di omicidio volontario Laughing ), ma soltanto richieste di risarcimento che ritengo giuste e doverose e che normalmente vengono risolte con accordi tra i legali delle parti lese e delle cliniche. Nei paesi più civili Laughing esistono invece i reati medici di imprudenza, imperizia e negligenza. Ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate se non fosse una faccenda estremamente seria.

    Imperizia: se un chirurgo deve imparare il mestiere, bisogna che un giorno o l'altro cominci ad operare, pur se guidato da un tutor. Ma qualche volta i danni causati da un operatore in apprendimento sono irrimediabili ed il malato muore. E' per questo motivo (i dati bisognerebbe conoscerli..) che nei paesi anglosassoni le complicanze (compresa la mortalità) per asportazione di un polmone sono nettamente superiori a quelle riscontrate in Italia, ove per contro sono in vertiginoso aumento le denunce per mobbing da parte di chirurghi contro i primari che, a parer loro, non li fanno operare. Si accettano suggerimenti su quello che deve fare il responsabile di un reparto; ma non si venga a dire che c'è una via di mezzo: quì o è bianco o è nero.

    Imprudenza: sono stato molte volte imprudente, lo confesso. Ma se io reputo che il rischio è accettabile, procedo e me ne fotto altamente del reato connesso (d'altro canto esiste un consenso informato). Molte, molte persone mi hanno ringraziato per questo. Qualcuno mi aspetta nell'aldilà con un nodoso bastone e qualcuno mi ha denunciato. Cinque volte in tribunale, 4 assoluzioni ed una condanna (andata in prescrizione) per una malata operata da un altro chirurgo di asportazione della colecisti (!!!!). Condannato in quanto primario Laughing Laughing ad interim anche della chirurgia generale, in un periodo di vacatio dirigenziale. Guarda sul web, visto che conosci il mio cognome e leggi la mia replica..
    Esiste un modo per evitare questo reato: la medicina di difesa, quanto di più ripugnante possa esistere in campo chirurgico. Sapevi che nel nostro campo siamo abituati a giudicare il valore di un chirurgo dal numero di procedimenti penali ai quali è stato sottoposto per imprudenza? Sapevi che un famosissimo chirurgo fiorentino, Carlo Massimo, è stato condannato a SETTE anni per omicidio preterintenzionale per questo motivo? Abbiamo fatto ridere l'universo intero, il primo ed unico caso al mondo.. Laughing Laughing Questo grandissimo Chirurgo è scappato all'estero, dove sono stati ben lieti di offrirgli la direzione di una grande clinica. E all'estero è morto, circa due anni fa.

    Negligenza: stendiamo un pietoso velo. Il mio collaboratore, negligente.. affraid Tanto negligente che nemmeno la parte lesa si è sentita di sporgere denuncia o richiedere danni in sede civile.


    Ora, io non nego affatto che esiste in Italia un elevatissimo numero di cialtroni, tantissime mani strappate all'agricoltura (con tutto il rispetto per gli agricoltori, è un modo di dire), cioccolattai come dicono a Firenze, squallidi individui che vivono aspettando il 27..e che provocano danni a non finire. Ma, invece di introdurre un reato penale, perché non li prendono a calci in culo e non vengono licenziati? Io l'ho fatto (leggi nel web) e mi sono beccato un processo (un altro.. Laughing Laughing ) durato anni ed anni, davanti a TRE giudici, che mi è costato un patrimonio e dal quale sono stato assolto con formula piena. Ma che ha lasciato i suoi segni, dato che ho ritenuto opportuno dimettermi da primario e direttore del dipartimento chirurgico del più prestigioso centro siciliano (leggi sul web), abbandonando una carriera già all'apice. In compenso faccio tanti soldini in casa di cura.. Che schifo.

    In Italia, caro Gianni, il malato è amplissimamente tutelato. Sono i medici che lavorano onestamente a non essere affatto tutelati. Quegli stessi medici che hanno portato il livello della qualità chirurgica italiana ai primissimi posti dell'intero pianeta.
    E il mio collaboratore non deve chiedere perdono, deve chiedere scusa, cosa che ovviamente ha già fatto. Non deve risarcire nulla, se la parte lesa nulla richiede.
    Cerchiamo di esprimere concetti in maniera corretta e con giusta cognizione di causa.


    _________________


    "Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola." Paolo Borsellino (19/1/40-19/7/92).

      Current date/time is Wed Dec 07, 2016 3:24 pm