Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
Ma quale fedeltà andate cercando? - Page 4
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    Ma quale fedeltà andate cercando?

    Share

    Giordy60
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8671
    Data d'iscrizione : 2011-02-13

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  Giordy60 on Mon Mar 21, 2016 7:35 pm

    Luca58 wrote:Esistono pero' anche Lp digitalizzati che suonano incredibilmente bene .....

    ma gli LP digitalizzati sono tratti da master digitali ?

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  RockOnlyRare on Mon Mar 21, 2016 7:48 pm

    Luca58 wrote:Esistono pero' anche Lp digitalizzati che suonano incredibilmente bene e certamente meglio sia degli Lp precedenti la masterizzazione che dei CD. Un esempio e' la serie DMM dedicata a Maria Callas dalla EMI, quella con le custodie nere.


    fammi capire...... "certamente meglio sia degli Lp precedenti la masterizzazione che dei CD".... immagino che ti riferisca a master digitali in tutti i casi, oppure con Lp precedenti intendi un master analogico da cui è stato successivamente tratto il vinile "digitalizzato"  ?

    In ogni caso tutto è possibile nella musica. Esempio

    1) vinile originale eseguito con scarsa cura tratto da master di buona qualità
    In questo caso è possibile che una successiva versione eseguita "a regola d'arte" suoni meglio del vinile originale.

    (es nel rock = Blind Faith)

    2) vinile originale eseguito con eccellente qualità da un altrettanto buon master.
    In questo caso dubito fortemente che si possano ottenere risultati superiori

    Poi ci sono infinite combinazioni tra i due estremi citati. Purtroppo senza che esiste una regola... con infinite eccezioni.

    Dimenticavo i "remix" fatti con cura, che sono una specie di riedizione dell'album originale, spesso i risultati che si ottengono sono straordinari.
    Però va anche detto che sono diversi dall'originale.
    Esempio lampante quelli dei Genesis, che hanno ridato linfa e qualità ad incisioni ai tempi piatte e confuse. ù
    Ma sono per me incisioni "alternative" all'originale.


    Acutus
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 137
    Data d'iscrizione : 2015-10-24

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  Acutus on Mon Mar 21, 2016 8:37 pm


    Il futuro sarà probabilmente costituito dalla coesistenza dei diversi formati: vinile, sempre al top e in ottima ripresa, non in termini assoluti ma percentuali (per ora), c.d. ridimensionato ma pur sempre il n.1 per disponibilità di titoli (di classica o operistica, per esempio, anche in ristampe si trova poco in vinile) e poi il digitale liquido vario. Non pervenuti dvd audio e super audio c.d.
    A proposito di deriva, la liquida come si configura adesso potrebbe essere già superata. Leggo sul numero di Audio Review di questo mese che ora si punta sullo streaming. Un'altra diavoleria: non ci si accontenta di scippare l'utente del supporto fisico, ma lo si priva anche del diritto di proprietà del file. E' il nulla più assoluto. Navighi, scarichi in streaming, ascolti male e in fretta e poi chi si è visto si è visto. A che ridere... Poi diciamocela tutta scarichi cosa? Bisogna vedere la validità della linea internet. L'utente dunque verrà privato della proprietà e asservito alla linea. Un tempo non ci si affrancava dalla terra, ora succede per internet: dalla servitù della gleba alla servitù del web. In pratica ci sarà l'obbligo dell'adsl, altrimenti si ascolta a scatti. Altro che alta fedeltà.
    Ritornando "a riveder le stelle" e parlando di l.p. bisogna dire che suonano tutti bene. Anche i peggiori, se hai l'impianto giusto suonano bene o comunque meglio del relativo c.d. Poi è chiaro che nel migliore dei mondi possibili sarebbe bello ritornare al tutto analogico. Ma è pura utopia. Con queste rimasterizzazioni questi tecnici (che però non sono anche musicologi) fanno quasi sempre solo dei pasticci peggiorativi dell'originale, però spesso i danni si concretano in piccole sfumature (di solito alzano il volume, comprimono, e aumentano gli estremi banda e riducono un po' il rumore, mangiandosi il dettaglio fine ambientale).
    Portiamo pazienza e nel frattempo cerchiamo di ascoltare buona musica.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  RockOnlyRare on Mon Mar 21, 2016 8:51 pm

    Acutus wrote:
    Il futuro sarà probabilmente costituito dalla coesistenza dei diversi formati: vinile, sempre al top e in ottima ripresa, non in termini assoluti ma percentuali (per ora), c.d. ridimensionato ma pur sempre il n.1 per disponibilità di titoli (di classica o operistica, per esempio, anche in ristampe si trova poco in vinile) e poi il digitale liquido vario. Non pervenuti dvd audio e super audio c.d.
    A proposito di deriva, la liquida come si configura adesso potrebbe essere già superata. Leggo sul numero di Audio Review di questo mese che ora si punta sullo streaming. Un'altra diavoleria: non ci si accontenta di scippare l'utente del supporto fisico, ma lo si priva anche del diritto di proprietà del file. E' il nulla più assoluto. Navighi, scarichi in streaming, ascolti male e in fretta e poi chi si è visto si è visto. A che ridere... Poi diciamocela tutta scarichi cosa? Bisogna vedere la validità della linea internet. L'utente dunque verrà privato della proprietà e asservito alla linea. Un tempo non ci si affrancava dalla terra, ora succede per internet: dalla servitù della gleba alla servitù del web. In pratica ci sarà l'obbligo dell'adsl, altrimenti si ascolta a scatti. Altro che alta fedeltà.
    Ritornando "a riveder le stelle" e parlando di l.p. bisogna dire che suonano tutti bene. Anche i peggiori, se hai l'impianto giusto suonano bene o comunque meglio del relativo c.d. Poi è chiaro che nel migliore dei mondi possibili sarebbe bello ritornare al tutto analogico. Ma è pura utopia. Con queste rimasterizzazioni questi tecnici (che però non sono anche musicologi) fanno quasi sempre solo dei pasticci peggiorativi dell'originale, però spesso i danni si concretano in piccole sfumature (di solito alzano il volume, comprimono, e aumentano gli estremi banda e riducono un po' il rumore, mangiandosi il dettaglio fine ambientale).
    Portiamo pazienza e nel frattempo cerchiamo di ascoltare buona musica.

    Che il futuro dell'ascolto audio-video possa essere lo streaming è assai probabile.
    Poi bisogna vedere in che modo si evolverà.

    In campo audio, se è possibile accedere ad un db immenso di musica in streaming in hi-res, la cui qualità risulti identica al file fisico, e ad un abbonamento mensile dal costo onesto, tutto sommato non la trovo un'idea così balsana.
    Ad esempio c'è l'abbonamento a Spotify che ti permette sia di ascoltare il file in streaming che di scaricarlo in formato criptato accessibile finchè sei abbonato. Oggi ovviamente la qualità e quella del mp3 ma prima o poi faranno la stessa cosa con gli hi-res.

    E prendiamo ad esempio sky ondemand. Il giorno che in una videoteca saranno presenti decine di migliaia di titoli da cui scegliere, why not ?

    Il rischio di questi sistemi sono :
    1) che facciano i furbi spezzettando i contenuti in modo che uno debba fare n abbonamenti a secondo di etichetta etc etc
    2) che se un servizio chiude, perdi tutti i contenuti scaricati.... come del resto se disdici l'abbonamento.
    3) che gli autori meno conosciuti avranno una difficoltà pazzesca ad affermarsi ed essere inseriti in questi DB


    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8276
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  Luca58 on Mon Mar 21, 2016 9:23 pm

    Giordy60 wrote:

    ma gli LP digitalizzati sono tratti da master digitali ?

    Ma se ho detto che prima della digitalizzazione l'Lp suonava peggio, che domanda mi fai...

    Ha sempre meravigliato anche me il fatto che l'Lp DMM, nonostante fosse stato trattato digitalmente e nonostante fosse mono, suonasse uno splendore. Per questo ho poi preso i cofanetti in CD della stessa serie ma farli suonare bene e' difficile; ma questo e' un problema comune a tutto il digitale.

    Comunque credo che questo sia un caso raro perche' gli Lp non puramente analogici in genere non brillano di luce propria.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  RockOnlyRare on Mon Mar 21, 2016 9:42 pm

    Luca58 wrote:

    Ma se ho detto che prima della digitalizzazione l'Lp suonava peggio, che domanda mi fai...

    Ha sempre meravigliato anche me il fatto che l'Lp DMM, nonostante fosse stato trattato digitalmente e nonostante fosse mono, suonasse uno splendore. Per questo ho poi preso i cofanetti in CD della stessa serie ma farli suonare bene e' difficile; ma questo e' un problema comune a tutto il digitale.

    Comunque credo che questo sia un caso raro perche' gli Lp non puramente analogici in genere non brillano di luce propria.

    Beh la domanda era dovuta al fatto che un vinile tratto da un master digitale deve per forza essere digitalizzato, per cui la domanda era se il confronto era tra versione vinile tratta da analogico VS versione vinile tratta da master digitale.

    In sostanza da un lato c'è la versione del vinile tratta dal master analogico da cui di fatto è stata tratta la versione digitalizzata da cui poi è nato l'LP digitalizzato... che suona meglio. Giusto ?

    Chiaro no ???


    oDo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1886
    Data d'iscrizione : 2014-09-23
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  oDo on Mon Mar 21, 2016 9:58 pm

    RockOnlyRare wrote:

    In campo audio, se è possibile accedere ad un db immenso di musica in streaming in hi-res, la cui qualità risulti identica al file fisico, e ad un abbonamento mensile dal costo onesto, tutto sommato non la trovo un'idea così balsana.
    Ad esempio c'è l'abbonamento a Spotify che ti permette sia di ascoltare il file in streaming che di scaricarlo in formato criptato accessibile finchè sei abbonato. Oggi ovviamente la qualità e quella del mp3 ma prima o poi faranno la stessa cosa con gli hi-res.
    ...

    la qualità non è più solo quella.
    Spotify e Apple Music trasmettono in mp3

    Tidal ha anche un abbonamento in qualità cd e un ottimo archivio

    esistono anche gli abbonamenti in cd qualità di Qobuz e Wimp Music, che però non sono disponibili in italia. Qobuz permette di ascoltare in streaming, ovunque ci si trovi, gli album a 24 bit acquistati in precedenza da loro.
    poi c'é anche Deezer, che però è disponibile solo per streamer Sonos.

    al momento integrare Tidal e Roon è forse il modo migliore di ascoltare la musica in streaming (perlomeno in italia). Roon legge dalla propria libreria a da Tidal, fornendo per ogni artista molte informazioni interessanti: biografia, discografia, partecipazioni, date dei concerti, suggerimenti su artisti simili oppure di altri a cui l'artista si è ispirato o ancora che si sono ispirati a lui, ovviamente con la possibilità di ascoltare molti dischi di ciascuno di questi. più molte altre informazioni...volendo è una miniera, ma è da prendere con le pinze per evitare (qui davvero...) il rischio zapping.
    un modo avanzato e divertente di fruire la liquida, anche se ovviamente ha un costo...


    _________________
    paolo

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  iano on Mon Mar 21, 2016 10:18 pm

    Acutus wrote:
    Il futuro sarà probabilmente costituito dalla coesistenza dei diversi formati: vinile, sempre al top e in ottima ripresa, non in termini assoluti ma percentuali (per ora), c.d. ridimensionato ma pur sempre il n.1 per disponibilità di titoli (di classica o operistica, per esempio, anche in ristampe si trova poco in vinile) e poi il digitale liquido vario. Non pervenuti dvd audio e super audio c.d.
    A proposito di deriva, la liquida come si configura adesso potrebbe essere già superata. Leggo sul numero di Audio Review di questo mese che ora si punta sullo streaming. Un'altra diavoleria: non ci si accontenta di scippare l'utente del supporto fisico, ma lo si priva anche del diritto di proprietà del file. E' il nulla più assoluto. Navighi, scarichi in streaming, ascolti male e in fretta e poi chi si è visto si è visto. A che ridere... Poi diciamocela tutta scarichi cosa? Bisogna vedere la validità della linea internet. L'utente dunque verrà privato della proprietà e asservito alla linea. Un tempo non ci si affrancava dalla terra, ora succede per internet: dalla servitù della gleba alla servitù del web. In pratica ci sarà l'obbligo dell'adsl, altrimenti si ascolta a scatti. Altro che alta fedeltà.
    Ritornando "a riveder le stelle" e parlando di l.p. bisogna dire che suonano tutti bene. Anche i peggiori, se hai l'impianto giusto suonano bene o comunque meglio del relativo c.d. Poi è chiaro che nel migliore dei mondi possibili sarebbe bello ritornare al tutto analogico. Ma è pura utopia. Con queste rimasterizzazioni questi tecnici (che però non sono anche musicologi) fanno quasi sempre solo dei pasticci peggiorativi dell'originale, però spesso i danni si concretano in piccole sfumature (di solito alzano il volume, comprimono, e aumentano gli estremi banda e riducono un po' il rumore, mangiandosi il dettaglio fine ambientale).
    Portiamo pazienza e nel frattempo cerchiamo di ascoltare buona musica.
    Ho sempre desiderato possedere la musica che ascolto,ma l'ho sempre considerato anche una strana passione.L'alibi era che così avrei potuto riascoltarla quante volte volevo.
    Sono più contento che no,che mi stiano togliendo questo alibi.Quando ascolti dal vivo è un evento unico e irripetibile,ma richiamabile alla memoria quante volte vuoi,e diventa così quell'evento un pezzo della tua vita,e possiedi così veramente qualcosa.Un bel ricordo,che è meglio di un bel supporto scaffalato.
    Le sorprese,e le emozioni,che condividi con gli altri,e che vivi durante l'evento non sono ovviamente riproducibili.
    Magari con uno streaming random si potrà ricreare un po' di sorpresa in più,magari ascoltando le playlist dei nostri amici di forum.
    Comunque è un illusione pensare che siamo noi a decidere o chi per noi.
    Comprare vecchi LP per salvarli dalla consunzione delle bancarelle resta per me una missione comunque,e la speranza che nuovi giradischi più performanti relativamente meno costosi ci siano riservati in futuro non la considero un'utopia.Non solo un'operazione vintage quindi;un raccogliere vecchi oggetti che ti raccontino vecchie storie,che poi questi te le cantano pure,e,ultimo ma non ultimo,sono fonte di ispirazione per i nuovi musicisti la cui musica scaricheremo in streaming.Che piaccia o no,in questo campo,come in tutti gli altri ,è la impersonale tecnologia che comanda.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  iano on Mon Mar 21, 2016 10:21 pm

    RockOnlyRare wrote:
    3) che gli autori meno conosciuti avranno una difficoltà pazzesca ad affermarsi ed essere inseriti in questi DB
    Forse su questo solo punto ti sbagli...per fortuna. sunny
    Forse sono gli artisti affermati,che la gavetta se la sono fatta tutta,a dover temere la novità.
    Gavetta che i nuovi artisti potrebbero saltare,e non è detto che sia un bene.
    Comunque una delle conseguenze positive per noi è che per tirare a campare gli artisti dovranno sgobbare di più sui palchi,che poi è quello che si faceva una volta.
    Cose nuove ci attendono quindi,ma anche nuove vecchie.
    Così come oggi apri il giornale per vedere che film danno,lo stesso si farà per i concerti,al massimo semmai con organici,e pure prezzi quindi,ristretti,magari appunto dentro ai vecchi cinema, sempre più deserti.

    oDo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1886
    Data d'iscrizione : 2014-09-23
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  oDo on Mon Mar 21, 2016 11:12 pm

    iano wrote:
    Ho sempre desiderato possedere la musica che ascolto,ma l'ho sempre considerato anche una strana passione.L'alibi era che così avrei potuto riascoltarla quante volte volevo.
    Sono più contento che no,che mi stiano togliendo questo alibi.Quando ascolti dal vivo è un evento unico e irripetibile,ma richiamabile alla memoria quante volte vuoi,e diventa così quell'evento un pezzo della tua vita,e possiedi così veramente qualcosa.Un bel ricordo,che è meglio di un bel supporto scaffalato.
    Le sorprese,e le emozioni,che condividi con gli altri,e che vivi durante l'evento non sono ovviamente riproducibili.
    Magari con uno streaming random si potrà ricreare un po' di sorpresa in più,magari ascoltando le playlist dei nostri amici di forum.
    Comunque è un illusione pensare che siamo noi a decidere o chi per noi.
    Comprare vecchi LP per salvarli dalla consunzione delle bancarelle resta per me una missione comunque,e la speranza che nuovi giradischi più performanti relativamente meno costosi ci siano riservati in futuro non la considero un'utopia.Non solo un'operazione vintage quindi;un raccogliere vecchi oggetti che ti raccontino vecchie storie,che poi questi te le cantano pure,e,ultimo ma non ultimo,sono fonte di ispirazione per i nuovi musicisti la cui musica scaricheremo in streaming.Che piaccia o no,in questo campo,come in  tutti gli altri ,è la impersonale tecnologia che comanda.

    fava
    bel post, molto equilibrato e condivisibile.
    non so davvero se lo streaming potrà/saprà creare un effetto sorpresa. probabilmente non sarà l'ottava meraviglia dell'hifi (e poi quali sono le altre sette?) e occorrerà imparare ad usarlo con oculatezza per non perdersi, che gli archivi a disposizione sono veramente enormi e probabilmente lo saranno sempre di più, ma come giustamente tu dici "è un'illusione pensare che siamo noi a decidere".
    In ogni caso penso che sarebbe ora di superare questa apparente diatriba da forum tra analogisti e "liquidisti" e che fa sì che i primi vengano spesso considerati dei dinosauri e i secondi unicamente degli esseri iper-tecnologici e per qualcuno un po' algidi.
    Questo forum è piano di utenti che ascoltano indifferentemente vinile e liquida e lo fanno con piacere in entrambi i casi. Usano la liquida con soddisfazione, ma vanno spesso e volentieri ad emozionarsi ai concerti, talvolta si divertono a  spulciare tra vecchi e polverosi vinili sulle bancarelle o alle fiere di hifi e allo stesso modo acquistano files ad alta risoluzione sul web; magari invece non usano affatto il vinile, ma come gli altri cercano di ottenere il top perché amano la buona musica. non fanno zapping nevrotico, ma cercano di godersela.
    ciascuno poi sia libero di decidere quale sia la "buona musica", io su questo sono assolutamente libero.
    non tutti lo sono ed è un peccato.

    Il mondo cambia ed è sempre più flessibile, ma spesso gli audiofili da forum dimostrano invece di essere un po' troppo statici ed elefantiaci.
    Non è  una questione di età media piuttosto alta, è innanzitutto un problema di attitudine mentale

    ecco perchè ho apprezzato molto il tuo post, equilibrato e aperto

    oDo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1886
    Data d'iscrizione : 2014-09-23
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  oDo on Mon Mar 21, 2016 11:16 pm

    RockOnlyRare wrote:
    3) che gli autori meno conosciuti avranno una difficoltà pazzesca ad affermarsi ed essere inseriti in questi DB


    iano wrote:Forse su questo solo punto ti sbagli...per fortuna. sunny
    ....

    si, Bandcamp è un esempio.

    Artisti più o meno sconosciuti. Album a prezzo minimo (flac, qualità cd) o addirittura ad offerta libera.
    Un buon modo per farsi conoscere. Ovviamente non è tutto bello, ma ci sono cose interessante ed è un buon canale per farsi conoscere.

    iano
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1774
    Data d'iscrizione : 2010-02-13
    Età : 60
    Località : genova

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  iano on Tue Mar 22, 2016 3:03 am

    A proposito di zapping ubriacante.Come fare ad evitarlo...
    Vai alla sezione del Gazebo "la nostra musica" dove potrai trovare consigli per lo streaming,già bellesselezionati.
    Basta trovare il forumer che ha i tuoi stessi gusti e sei a posto.
    Discussione appena aperta,perché mi pare mancasse.O no? sunny

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  RockOnlyRare on Tue Mar 22, 2016 11:29 am

    iano wrote:
    Ho sempre desiderato possedere la musica che ascolto,ma l'ho sempre considerato anche una strana passione.L'alibi era che così avrei potuto riascoltarla quante volte volevo.
    Sono più contento che no,che mi stiano togliendo questo alibi.Quando ascolti dal vivo è un evento unico e irripetibile,ma richiamabile alla memoria quante volte vuoi,e diventa così quell'evento un pezzo della tua vita,e possiedi così veramente qualcosa.Un bel ricordo,che è meglio di un bel supporto scaffalato.
    Le sorprese,e le emozioni,che condividi con gli altri,e che vivi durante l'evento non sono ovviamente riproducibili.
    Magari con uno streaming random si potrà ricreare un po' di sorpresa in più,magari ascoltando le playlist dei nostri amici di forum.
    Comunque è un illusione pensare che siamo noi a decidere o chi per noi.
    Comprare vecchi LP per salvarli dalla consunzione delle bancarelle resta per me una missione comunque,e la speranza che nuovi giradischi più performanti relativamente meno costosi ci siano riservati in futuro non la considero un'utopia.Non solo un'operazione vintage quindi;un raccogliere vecchi oggetti che ti raccontino vecchie storie,che poi questi te le cantano pure,e,ultimo ma non ultimo,sono fonte di ispirazione per i nuovi musicisti la cui musica scaricheremo in streaming.Che piaccia o no,in questo campo,come in  tutti gli altri ,è la impersonale tecnologia che comanda.

    Do per scontato che prima o poi esisterà un mezzo per ascoltare la musica in streaming o altro modo alla stessa qualità dei migliori hi-res, magari ci vorranno un po' di anni, ma non è difficilie ipotizzare un futuro di questo tipo.

    Io pur pur amando la tecnologia sono della generazione che ha scoperto il rock album per album, le emozioni di mettere per la prima volta sul piatto APPENA USCITI NEI NEGOZI dopo settimane se non mesi di attesa album come Zepp IV, made in Japan, Dark Side, o Wish you compresa la scoperta della cover sigillata in una busta nera. E poi la prima volta che ho ascoltato i Genesis, o l'uscita di The Lamb, passando da folgorazioni come gli Utopia, i Dire Straits, i Wall of voodoo, i Police, Stan Ridgway per finire con i recenti Walking Papers !!! Sensazioni che non potrai mai provare semplicente con un ascolto online o di un file scaricato, e che inter nos sono inferiori quando metti il cd sul piatto rispetto al vinile.... è questione di DNA !!!!
    Sensazioni di cui ti ricordi per tutta la vita come fossero ieri, come del resto quelle dei live "memorabili" a cui hai avuto la fortuna di assistere.... Solo chi ha provato queste emozioni sa a cosa mi riferisco.


    pluto
    Moderatore - discobolo

    Numero di messaggi : 21504
    Data d'iscrizione : 2010-10-05
    Età : 58
    Località : Genova

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  pluto on Tue Mar 22, 2016 11:40 am

    Ma xché dover scegliere obbligatoriamente? Fare classifiche, guerre di religione etc?

    Non è meglio usare tutti i mezzi a disposizione oggi? Non è divertente seguire le novità, la tecnologia e comunque godere di Caruso con un Grammofono, dei Beatles con il vinile fino ad arrivare allo streaming?

    Io non ci vedo nessuna bestemmia. Anzi ora vado pure ad accendermi un po' la radio..

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  RockOnlyRare on Tue Mar 22, 2016 11:42 am

    oDo wrote:




    si, Bandcamp è un esempio.

    Artisti più o meno sconosciuti. Album a prezzo minimo (flac, qualità cd) o addirittura ad offerta libera.
    Un buon modo per farsi conoscere. Ovviamente non è tutto bello, ma ci sono cose interessante ed è un buon canale per farsi conoscere.

    Mi sa che mi sono espresso un po' male, internet offre possibilità illimitate a chi vuole farsi conoscere, anche se per l'enorme offerta è altrettanto più difficile emergere dall'anonimato

    Ci sono un sacco di ottimi siti che si dedicano a musica alternativa, ieri era E-music (non so se ci sia ancora, l'enorme difetto erano i files pessimi solo mp3 a costi non certo popolari) oggi Bandcamp o gli stessi siti dell'artista.

    Ma io mi riferisco ad un eventuale servizio musicale in streming.
    Del tipo anno 2020 : 10€ al mese (magari !!! più facile 20€) per ascoltare via streaming files in 36 bit -384 khz o DSD da scegliere da un database contenente 1 milione di album di ogni genere stile e nazione possibile.

    Il rischio è
    1) poca disponibilità di dischi "alternativi" che bisognerà andare a reperire nei siti alternativi con ulteriore esborso.
    2) frammentazione dell'offerta su più abbonamenti, del tipo un abbonamento alla RCA uno alla Atlantic etc etc... (ognuno con un proprio database che contiene solo una parte degli artisti più importanti "in esclusiva" !!

    Come del resto oggi sta accadendo in tv con al guerra tra sky e mediaset......


    colombo riccardo
    Archivista Liquidatore

    Numero di messaggi : 3557
    Data d'iscrizione : 2010-05-27
    Età : 53

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  colombo riccardo on Tue Mar 22, 2016 12:35 pm

    io sono all'antica

    ma quale streaming a pagamento !!!!!

    io voglio la musica nel mio hard disk sunny sunny

    se streaming deve essere allora che si parta dai miei hard disks

    ciao
    Riki

    bongo-exe
    JuniorMember
    JuniorMember

    Numero di messaggi : 155
    Data d'iscrizione : 2015-11-20
    Località : Lugano (est)

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  bongo-exe on Tue Mar 22, 2016 12:38 pm

    colombo riccardo wrote:io sono all'antica

    ma quale streaming a pagamento !!!!!

    io voglio la musica nel mio hard disk sunny sunny

    se streaming deve essere allora che si parta dai miei hard disks

    ciao
    Riki



    _________________
    Nad

    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  RockOnlyRare on Tue Mar 22, 2016 12:51 pm

    colombo riccardo wrote:io sono all'antica

    ma quale streaming a pagamento !!!!!

    io voglio la musica nel mio hard disk sunny sunny

    se streaming deve essere allora che si parta dai miei hard disks

    ciao
    Riki

    Anche io sarei all'antica... ma se si trova una formula per legalizzare il tutto non sarebbe male..
    Inoltre alcuni di questi servizi (es spotify) permettono anche l'uso offline a patto di avere l'abbonamento attivo. In futuro è ipotizzabile che si possa fare lo stesso anche con contenuti hi-res, senza contare che quando non sei a casa hai comunque a disposizione lo stesso il database.
    Io ho lo streaming via Amazon degli album acquistati, (con possibilità anche di scaricare files nel hd), al momento ovviamente si parla ancora di mp3, ma quando sei in giro o in auto o in vacanza o in ufficio è un gran bel servizio.

    Nel caso dei movie, oltre ad evidenti problemi legali, non c'è assolutamente paragone tra la qualità (audio in particolare) che da ad esempio sky rispetto ai films pirati che personalmente detesto nel modo più assoluto.


    oDo
    Vip Member
    Vip Member

    Numero di messaggi : 1886
    Data d'iscrizione : 2014-09-23
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  oDo on Tue Mar 22, 2016 1:10 pm

    pluto wrote:Ma xché dover scegliere obbligatoriamente? Fare classifiche, guerre di religione etc?

    Non è meglio usare tutti i mezzi a disposizione oggi? Non è divertente seguire le novità, la tecnologia e comunque godere di Caruso con un Grammofono, dei Beatles con il vinile fino ad arrivare allo streaming?

    Io non ci vedo nessuna bestemmia.  Anzi ora vado pure ad accendermi un po' la radio..


    ben detto, coinvolgimento e divertimento totale!

    io tra poco torno in ufficio e, rotture permettendo, mi sparo qualcosa da Tidal

    colombo riccardo
    Archivista Liquidatore

    Numero di messaggi : 3557
    Data d'iscrizione : 2010-05-27
    Età : 53

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  colombo riccardo on Tue Mar 22, 2016 1:23 pm

    RockOnlyRare wrote:

    Anche io sarei all'antica... ma se si trova una formula per legalizzare il tutto non sarebbe male..
    Inoltre alcuni di questi servizi (es spotify) permettono anche l'uso offline a patto di avere l'abbonamento attivo. In futuro è ipotizzabile che si possa fare lo stesso anche con contenuti hi-res, senza contare che quando non sei a casa hai comunque a disposizione lo stesso il database.
    Io ho lo streaming via Amazon degli album acquistati, (con possibilità anche di scaricare files nel hd), al momento ovviamente si parla ancora di mp3, ma quando sei in giro o in auto o in vacanza o in ufficio è un gran bel servizio.

    Nel caso dei movie, oltre ad evidenti problemi legali, non c'è assolutamente paragone tra la qualità (audio in particolare) che da ad esempio sky rispetto ai films pirati che personalmente detesto nel modo più assoluto.

    chi sta offrendo musica in streaming a pagamento non sta viaggiando in acque facili

    leggiti l'articolo di Audioreview di questo mese

    io non voglio dipendere da internet per ascoltare musica.

    ciao
    Riki

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6358
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  lizard on Tue Mar 22, 2016 1:45 pm

    iano wrote:
    Ci sono anche libri con CD a corredo,dove libro e CD per l'autore hanno lo stesso peso.
    Ma  a me ,più che il libretto manca la copertina degli LP,che ho sempre considerato come un opera d'arte a sé,che si integra con la musica.
    Cosa impedirebbe oggi di vendere una copertina (magari tipo quadro da appendere) con un codice che ti permette di scaricare la musica?
    Recentemente a Milano c'è stata una mostra di quadri di John Lurie,che è un grande musicista,convinto che la sua musica serva solo a descrivere i suoi quadri,che invece proprio belli non mi sembrano.I casi di grafici e fumettisti,e persino scultori,che hanno sentito il bisogno di integrare le loro opere con la musica sembra in continua crescita.
    Non posso negare che certi LP li compro esclusivamente per la copertina.
    Per quanto riguarda la qualità degli LP poi è molto varia,e sicuramente non esiste peggiore supporto di un pessimo LP.
    Per quanto riguarda i migliori,bisogna andare purtroppo in là con gli anni,e li stampavano in USA,perlopiù.
    Più che migliore l'LP è diverso e ha quindi ancora una sua ragione di esistere e avrebbe anche una sua ragione di progredire,al minimo per tornare agli standard passati,e poi magari superarli.
    Io non so più dove stivarli gli LP.Meditavo appunto di appenderli alle pareti.

    lizard
    Pop Music Expert

    Numero di messaggi : 6358
    Data d'iscrizione : 2009-11-06
    Località : Augusta Taurinorum

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  lizard on Tue Mar 22, 2016 1:50 pm

    iano wrote:
    Ho sempre desiderato possedere la musica che ascolto,ma l'ho sempre considerato anche una strana passione.L'alibi era che così avrei potuto riascoltarla quante volte volevo.
    Sono più contento che no,che mi stiano togliendo questo alibi.Quando ascolti dal vivo è un evento unico e irripetibile,ma richiamabile alla memoria quante volte vuoi,e diventa così quell'evento un pezzo della tua vita,e possiedi così veramente qualcosa.Un bel ricordo,che è meglio di un bel supporto scaffalato.
    Le sorprese,e le emozioni,che condividi con gli altri,e che vivi durante l'evento non sono ovviamente riproducibili.
    Magari con uno streaming random si potrà ricreare un po' di sorpresa in più,magari ascoltando le playlist dei nostri amici di forum.
    Comunque è un illusione pensare che siamo noi a decidere o chi per noi.
    Comprare vecchi LP per salvarli dalla consunzione delle bancarelle resta per me una missione comunque,e la speranza che nuovi giradischi più performanti relativamente meno costosi ci siano riservati in futuro non la considero un'utopia.Non solo un'operazione vintage quindi;un raccogliere vecchi oggetti che ti raccontino vecchie storie,che poi questi te le cantano pure,e,ultimo ma non ultimo,sono fonte di ispirazione per i nuovi musicisti la cui musica scaricheremo in streaming.Che piaccia o no,in questo campo,come in  tutti gli altri ,è la impersonale tecnologia che comanda.
    paganini ripete


    Giordy60
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8671
    Data d'iscrizione : 2011-02-13
    Età : 56
    Località : prov.Cremona

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  Giordy60 on Tue Mar 22, 2016 2:51 pm

    RockOnlyRare wrote:

    Ma io mi riferisco ad un eventuale servizio musicale in streming.
    Del tipo anno 2020 : 10€ al mese (magari !!! più facile 20€) per ascoltare via streaming files in 36 bit -384 khz  o DSD da scegliere da un database contenente 1 milione di album di ogni genere stile e nazione possibile.


    Enrico, hai visto Blade Runner recentemente ?

    ...uno streaming 32/384 o DSD ?????



    _________________
    la mente è come un paracadute, funziona solo se si apre ( cit. di Albert Einstein )
    Spoiler:

    io ascolto così : Mac-mini + HQPlayer in ramdisk, o WaveLab 7 o izotope RX4 =>cavo di rete =>TP-link mc110cs =>cavo monomodale =>TP-link  mc110cs =>cavo di rete =>Mini PC-Fitlet-b, con WS2012R2, NAD in ramdisk =>interfaccia USB =>nuprime DAC-10 =>monitor attivi Klein+Hummel o410 + sub Neumann Kh o810


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  RockOnlyRare on Tue Mar 22, 2016 4:38 pm

    pluto wrote:Ma xché dover scegliere obbligatoriamente? Fare classifiche, guerre di religione etc?

    Non è meglio usare tutti i mezzi a disposizione oggi? Non è divertente seguire le novità, la tecnologia e comunque godere di Caruso con un Grammofono, dei Beatles con il vinile fino ad arrivare allo streaming?

    Io non ci vedo nessuna bestemmia.  Anzi ora vado pure ad accendermi un po' la radio..

    con me sfondi una porta aperta....


    RockOnlyRare
    Rockzebo Expert

    Numero di messaggi : 5698
    Data d'iscrizione : 2012-05-18
    Età : 62
    Località : Milano

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  RockOnlyRare on Tue Mar 22, 2016 4:40 pm

    Giordy60 wrote:

    Enrico, hai visto Blade Runner recentemente ?

    ...uno streaming 32/384 o DSD ?????


    Beh se tanto mi da tanto nel 2020 non ne sarei sorpreso ..... magari sarà nel 2023-23 !!!!



    tra l'altro era un cover relativamente fedele dell'originale , anche se il 2023 è troppo vicino e le previsioni oggi fanno un po' ridere.... o piangere, l'originale è più "furbo" perchè parte direttamente dal 2525....



    Però di questo brano bellissima la cover di Ian Brown degli Stone Roses  !!!!



    gciraso
    Moderatore strizzacervelli

    Numero di messaggi : 3601
    Data d'iscrizione : 2013-06-06
    Età : 61
    Località : Padova

    Re: Ma quale fedeltà andate cercando?

    Post  gciraso on Sun Apr 24, 2016 10:55 pm

    bongo-exe wrote:
    Devo dire che riguardo al fatto che con la musica liquida non hai "niente in mano" sono pienamente d'accordo, perchè sinceramente avere in salone una bella libreria stracolma di cd e vinili è una cosa proprio bella !
    La liquida può risultare comoda solo in pochi aspetti, dove non c'è possibilità di avere la buona cara libreria porta-dischi...

    Magari anche quando non sai più dove metterli gli Lp ed i CD

    Per questo farei una follia:



    _________________
    Giovanni

    E leggetelo 'sto regolamento!!!

    ze inutile ragionar coi mussi, te perdi tempo e te infastidissi la bestia

      Current date/time is Sat Dec 03, 2016 3:27 am