Pls select your own language, using the translator in the left-hand corner
dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18 - Page 5
Il Gazebo Audiofilo

The Italian Forum for HI-FI, Music, DAC, Headphones And Cables

    dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Share

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  aircooled on Mon Mar 14, 2011 9:46 pm

    ti ci stanno pure i frighi

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Mon Mar 14, 2011 9:47 pm

    Si, basta che metta il divano nell'altra stanza... affraid affraid affraid

    aircooled
    Suonologo
    Suonologo

    Numero di messaggi : 32292
    Data d'iscrizione : 2008-12-20
    Località : AIRTECHLANDIA

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  aircooled on Mon Mar 14, 2011 9:50 pm

    ma no basta che metta i frighi senza congelatore e gli c'entrano


    _________________

     
    il meglio va solo con il meglio e non è un caso

    la calunnia disdegna i mediocri e si afferra ai grandi
     

    non discutere mai con un idiota, ti trascina al suo livello e poi ti batte con l'esperienza - ricorda chi sa fa chi non sa insegna
     
    Showroom AIRTECH via XX Settembre 12 San Giuliano Terme PI cell 3393521936 fisso 050818821 dalle 16.00 alle 19.00 dal martedi al sabato
    mail bertini63@virgilio.it

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Mon Mar 14, 2011 10:01 pm

    ... affraid affraid affraid affraid affraid

    Joytoy
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 784
    Data d'iscrizione : 2010-06-24
    Età : 43
    Località : Mantova

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Joytoy on Mon Mar 14, 2011 10:50 pm

    Dragon wrote:Però untumm'hai risposto... mi devi dì la potenza necessaria per il mio ambiente e per i miei diffusori... io i driver te l'ho detto quali sono, ora tocca a te... ft ...

    Dragon,
    non c'e' una regola precisa e mo' te lo spiego.
    Dimentica i datasheet perche' sono totalmente discutibili e mooolto teorici.

    Parliamo di crossover.
    Quando viene realizzato un crossover, normalmente si "livella" tutto in basso...molto in basso.
    Cio' significa che per ricreare la linearita' piu' esasperata, devi accettare dei compromessi.
    Es.: se la risposta del tweeter senza crossover emette max 91dB e woofer senza crossover emette max 88dB, devi attenuare il tweete di >3db, aggiungici l' induttanza che ha una resistenza serie, e abbatti altri dB.
    Ipotizziamo ad essere ottimisti un altro dB. Se poi consideriamo il dettaglio "max" vuol dire che la risposta e' come una montagna russa, cioe' togli un altro dB.
    Pertanto devi portare tutto elettromeccanicamente livellato a 86dB per far riprodurre i soli due driver alla medesima intensita' con ad es. un filtro di second' ordine a 12db in fase a 180°.
    Se invece parliamo di 3 o piu' vie, i dB emessi reali sono ancora meno, perche' il crossover e' ancora piu' spinto per linearizzare la risposta.
    Quindi se ad ogni aumento di 3dB devi raddoppiare la potenza....
    hai voglia di ficcarci Watt (al netto del reale).

    Parliamo di driver.
    Ogni driver ha una sua caratteristica elettromeccanica specifica.
    L'obbiettivo nostro e' far rendere ogni driver al meglio delle proprie prestazioni.
    Percui, massima accelerazione d' impulso, velocita', prontezza, ecc...ecc...
    Come ottenere questo ?
    Se lo sapessi, avrei scoperto il Sacro Gral e non sarei qui a quaquaraquare.
    Pero' per mettere nelle condizioni di operare al meglio, e' importante fornire l' energia del quale necessita, ne' di piu', ne di meno.
    Ogni altoparlante ha le sue necessita', c'e' quello che vuole piu' energia, altri ne necessitano molta meno.
    Se devi spostare la massa mobile del driver, l' ampli deve avere prontezza ed immediatezza nel soddisfare questa richiesta.
    Piu' accelera velocemente, meglio sarebbe, perche' in condizioni ideali l' impulso diverrebbe istantaneo ...come la velocita' della luce.
    Ma non c'era un tizio che affermava che E = m x C^2 ???
    Vuoi vedere che... si esattamente.
    Il problema e' quello che dissi ieri... cioe' che in presenza di troppa energia, la bobina del driver si surriscalderebbe con il rischio di grippare, ma e' anche vero che elevare troppo i parametri I e V, comporterebbe una maggior distorsione che aumenterebbe esponenzialmente con la maggior potenza erogata.
    Tutto a patto di avere una alimentazione senza collo di bottiglia a monte (ENEL) ed a valle (DRIVERS).
    Perche' l' effetto Joule e' sempre dietro l' angolo.

    Allora la verita' dove sta' ?
    IMHO ...proprio nel MEZZO e nei gusti musicali del singolo.

    Joy!


    _________________
    Stefano
    Appreciation of audio is a completely subjective human experience.
    Measurements can provide a measure of insight, but are no substitute for human judgment.
    Why are we looking to reduce a subjective experience to objective criteria anyway?
    The subtleties of music and audio reproduction are for those who appreciate it. Differentiation by numbers is for those who do not." -- Nelson Pass

    Joytoy
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 784
    Data d'iscrizione : 2010-06-24
    Età : 43
    Località : Mantova

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Joytoy on Mon Mar 14, 2011 11:10 pm

    matley wrote:
    ciao joy...
    il dragone estremizza ruzzando un po'... sono 5x4 però non è regolare anzi....quindi la cubatura è maggiore
    il soffitto nella parte + alta è circa 4.10 nella parte + bassa circa 2.70 (quella in foto è la parte bassa)
    ci sono travi di legno e travetti al soffitto..in terra parquet..grezzo trattamento acustico RPG
    per darti un'idea...

    Il mio intuito funziona ancora, stavo perdendo le speranze...
    Sotto i 2.50 di altezza, avrei avuto grossi dubbi che potesse "suonare" in 15mq.
    Immagino che ti abbia fatto tribulare bene la riflessione posteriore prima del trattamento.
    In ogni caso, esteticamente bell' ambiente rustico come piace a me.
    Vedrei bene un divano relax reclinabile con appoggia piedi in tessuto o microfibra.

    Joy!


    _________________
    Stefano
    Appreciation of audio is a completely subjective human experience.
    Measurements can provide a measure of insight, but are no substitute for human judgment.
    Why are we looking to reduce a subjective experience to objective criteria anyway?
    The subtleties of music and audio reproduction are for those who appreciate it. Differentiation by numbers is for those who do not." -- Nelson Pass

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  matley on Tue Mar 15, 2011 12:33 am

    SI..
    e quando arriva joy..a casa mia dove lo faccio dormire.. Laughing

    haimè piccola la casa è....
    grande il CAMPO fuori... Razz santa santa santa


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Tue Mar 15, 2011 1:37 pm

    Joytoy wrote:
    Allora la verita' dove sta' ?
    IMHO ...proprio nel MEZZO e nei gusti musicali del singolo.

    Joy!

    Perfetto! E' quello che ho sempre sostenuto...

    Joytoy
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 784
    Data d'iscrizione : 2010-06-24
    Età : 43
    Località : Mantova

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Joytoy on Tue Mar 15, 2011 9:58 pm

    matley wrote:SI..
    e quando arriva joy..a casa mia dove lo faccio dormire.. Laughing

    haimè piccola la casa è....
    grande il CAMPO fuori... Razz santa santa santa

    I botoli debbono stare in giardino no ? Laughing


    Joy!


    _________________
    Stefano
    Appreciation of audio is a completely subjective human experience.
    Measurements can provide a measure of insight, but are no substitute for human judgment.
    Why are we looking to reduce a subjective experience to objective criteria anyway?
    The subtleties of music and audio reproduction are for those who appreciate it. Differentiation by numbers is for those who do not." -- Nelson Pass

    Joytoy
    Senior Member
    Senior Member

    Numero di messaggi : 784
    Data d'iscrizione : 2010-06-24
    Età : 43
    Località : Mantova

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Joytoy on Tue Mar 15, 2011 10:15 pm

    Dragon wrote:
    Joytoy wrote:
    Allora la verita' dove sta' ?
    IMHO ...proprio nel MEZZO e nei gusti musicali del singolo.

    Joy!

    Perfetto! E' quello che ho sempre sostenuto...

    Ovviamente anche nei limiti prettamente tecnici delle soluzioni adottate...
    Ci sono delle regole di base che affermano come un suono deve essere riprodotto.
    I singoli driver vengono progettati in funzione di queste regole, non per ricreare immagini abberranti.
    Uscire da queste regole di base, significa ricreare un' alterazione.
    Ovviamente mi sto riferendo alle tue amate Dragonfly...

    Joy!


    _________________
    Stefano
    Appreciation of audio is a completely subjective human experience.
    Measurements can provide a measure of insight, but are no substitute for human judgment.
    Why are we looking to reduce a subjective experience to objective criteria anyway?
    The subtleties of music and audio reproduction are for those who appreciate it. Differentiation by numbers is for those who do not." -- Nelson Pass

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Wed Mar 16, 2011 6:17 am

    Concordo anche su questo Joy.
    Il fatto è che le mie amate Dragonfly hanno una targhetta con su scritta la potenza applicabile consigliata, ed è da 15 a 180 watt, non da 50 a 500 come in altri casi... qualcosa vorrà pur dire?

    matley
    IL "pulcioso"
    IL

    Numero di messaggi : 17268
    Data d'iscrizione : 2008-12-21
    Età : 56
    Località : Colle Val D'Elsa

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  matley on Wed Mar 16, 2011 8:32 am

    vuole dire che TI MANCANO 150WATTINI... Laughing

    meglio tanti...se usati con parsimonia..


    _________________
     
     
    Non seguire una strada...."CREALA!



    "ma se i Cavi non ce-l'hai 'ndo vai..." ?



    Spoiler:
    https://i68.servimg.com/u/f68/13/38/17/01/pre_cj11.jpg

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Wed Mar 16, 2011 8:38 am

    matley wrote:vuole dire che TI MANCANO 150WATTINI... Laughing

    E su questo... di dò ragione sunny

    matley wrote:
    meglio tanti...se usati con parsimonia..


    Ci stiamo attrezzando... ft ...

    Ospite
    Guest

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Ospite on Wed Mar 16, 2011 8:38 am

    Dragon wrote:Concordo anche su questo Joy.
    Il fatto è che le mie amate Dragonfly hanno una targhetta con su scritta la potenza applicabile consigliata, ed è da 15 a 180 watt, non da 50 a 500 come in altri casi... qualcosa vorrà pur dire?

    Vuol dire che per lo stesso motivo, Fiori le fa suonare le sue casse con le sue valvole da 30 watt.......
    Poi ci puoi attaccare anche uno stato solido da 1000 watt monofonici, ma è come se nel freezer di casa che notoriamente è a -18 °, tu abbassi la temperatura a - 60°. Gli alimenti sono sempre congelati, ma se ti piace sapere che hai un freezer che arriva a -60°, nessuno ti dice nulla....

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Wed Mar 16, 2011 8:43 am

    Si Pavel, anche io le faccio suonare con 30watt e suonano bene, anzi direi benissimo, fino ad una certa pressione acustica.
    Il problema è che io ne voglio di più, in certi momenti e con certa musica.
    A quel punto il finale va in crisi; questo ormai l'ho potuto constatare...
    la soluzione ad oggi credo una almeno di averla trovata nei Parasound Halo JC1 che sono si strapotenti, ma anche assai raffinati, e per quel che ho ascoltato, mi piacciono pure assai.
    Altre soluzioni... sarebbero ancora da approfondire...

    Ospite
    Guest

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Ospite on Wed Mar 16, 2011 8:56 am

    Dragon wrote:Si Pavel, anche io le faccio suonare con 30watt e suonano bene, anzi direi benissimo, fino ad una certa pressione acustica.
    Il problema è che io ne voglio di più, in certi momenti e con certa musica.
    A quel punto il finale va in crisi; questo ormai l'ho potuto constatare...
    la soluzione ad oggi credo una almeno di averla trovata nei Parasound Halo JC1 che sono si strapotenti, ma anche assai raffinati, e per quel che ho ascoltato, mi piacciono pure assai.
    Altre soluzioni... sarebbero ancora da approfondire...

    Vai in mono con 30watt......Oppure se ne hai spasmodico bisogna l'alternativa Parasound (.....ricordi che ti avevo consigliato di ascoltarli????? sunny sunny sunny ), mi sembra un bel salto. Non tanto qualitativo ma quantitativo. Ma come sempre dico puoi fare del tuo impianto ciò che vuoi. Io per quel che ho sentito a casa tua con 30watt e la traccia da me portata di Peter Gabriel (The Rhythm of the heat)....non mi sembrava avessi bisogno di più pressione. Magari un po più di tridimensionalità. Ma è altresì vero che i cavi lavoravano praticamento da 0 ore......quindi sarebbe stato da risentire a rodaggio finito.

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Wed Mar 16, 2011 9:07 am

    Quanto a tridimensionalità ed anche tante altre cose, adesso, con l'inserimento del nuovo Pre... Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes Poi adesso i cavi ci sono tutti, mentre al tempo che ascoltasti tu, ne avevo solo uno di alimentazione ed una coppia di segnale, per cui... rispetto ad ora...non hai sentito niente... per questo ti ho invitato a riascoltare sunny

    Resta comunque il fatto che, in alcuni (molto pochi a dire la verità) momenti e con certa musica, il finale fa fatica.

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Wed Mar 16, 2011 9:09 am

    I Parasound, si mi hai consigliato di ascoltarli e non sei stato il solo...

    Molto caldeggiati anche da Edmond... e, devo dire, con ragione!

    Ospite
    Guest

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Ospite on Wed Mar 16, 2011 9:15 am

    Dragon wrote:Quanto a tridimensionalità ed anche tante altre cose, adesso, con l'inserimento del nuovo Pre... Rolling Eyes Rolling Eyes Rolling Eyes Poi adesso i cavi ci sono tutti, mentre al tempo che ascoltasti tu, ne avevo solo uno di alimentazione ed una coppia di segnale, per cui... rispetto ad ora...non hai sentito niente... per questo ti ho invitato a riascoltare sunny

    Resta comunque il fatto che, in alcuni (molto pochi a dire la verità) momenti e con certa musica, il finale fa fatica.

    Se dici che il finale fa fatica, non ho motivo di dubitarne. A me non sembrava, ma tant'è che se tu ritieni giusto aumentare la potenza del finale, non vedo il motivo per il quale tu non debba provare a farlo. A me ripeto.....e non per farti un "piacere" il tuo impianto piaceva così com'era, se non per la cavetteria come ricorderai discutemmo. Comunque, appena arriva la primavera, il progetto (previa tua disponibilità) è di venire da te insieme ad Alberto. E' l'occasione per ascoltare le news del tuo impianto e soprattutto di rivederci. Nell'occasione ti porterò un altro mio set-up di cavi : segnale (in carbonio) alimentazione del cdp (in argento) e potenza (in argento). Per l'aria che ci sarà intorno al tuo impianto, dovrai avvisare la protezione civile del tuo paese, di dare massima allerta per le trombe d'aria.... sunny



    Last edited by pavel on Wed Mar 16, 2011 9:17 am; edited 1 time in total

    Ospite
    Guest

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Ospite on Wed Mar 16, 2011 9:17 am

    Dragon wrote:I Parasound, si mi hai consigliato di ascoltarli e non sei stato il solo...

    Molto caldeggiati anche da Edmond... e, devo dire, con ragione!

    In un mondo di ciechi...............beato chi ha un occhio!!!!!

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Wed Mar 16, 2011 9:27 am

    pavel wrote:
    Se dici che il finale fa fatica, non ho motivo di dubitarne. A me non sembrava, ma tant'è che se tu ritieni giusto aumentare la potenza del finale, non vedo il motivo per il quale tu non debba provare a farlo. A me ripeto.....e non per farti un "piacere" il tuo impianto piaceva così com'era, se non per la cavetteria come ricorderai discutemmo. Comunque, appena arriva la primavera, il progetto (previa tua disponibilità) è di venire da te insieme ad Alberto. E' l'occasione per ascoltare le news del tuo impianto e soprattutto di rivederci.

    Non occorre che ti/vi confermi la mia disponibilità, è sempre un piacere incontrarvi! sunny

    pavel wrote:
    Nell'occasione ti porterò un altro mio set-up di cavi : segnale (in carbonio) alimentazione del cdp (in argento) e potenza (in argento). Per l'aria che ci sarà intorno al tuo impianto, dovrai avvisare la protezione civile del tuo paese, di dare massima allerta per le trombe d'aria.... sunny

    Quel giorno metterò in cappotto... anche se saremo in primavera...

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8285
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Luca58 on Wed Mar 16, 2011 9:49 am

    Joytoy wrote:Ci sono delle regole di base che affermano come un suono deve essere riprodotto.
    I singoli driver vengono progettati in funzione di queste regole, non per ricreare immagini abberranti.
    Uscire da queste regole di base, significa ricreare un' alterazione.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Wed Mar 16, 2011 9:53 am

    Le regole di base, di solito le scrivono... da 15 a 180 watt . sunny

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8285
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Luca58 on Wed Mar 16, 2011 9:57 am

    Non faccio riferimenti specifici, ma solo un discorso generale: a meno che il riferimento, ma solo per certi parametri, sia l'alta efficienza con triodi d.o.c., la potenza (a meno che si assembli un impianto assurdo o che l'ampli sia una schifezza, ma questo vale anche per i piccoli valvolari) fa aumentare SEMPRE la qualita' del suono, dalla timbrica, alla dinamica, allo stage, alla fermezza del suono, alla dolcezza degli alti, all'estensione e precisione del basso... L'ho verificato con lo ss e le torri, ma anche con le LS3/5a pilotate da elettroniche CJ; infatti in molte discussioni ho letto che chi settava ad esempio il finale CJ MV55 a triodi con minore potenza, dopo un po' lo rimetteva a pentodi con maggiore potenza e lo lasciava cosi'.

    Sarei davvero curioso di sentire l'impianto di chi afferma il contrario, in modo da capire meglio.


    Last edited by Luca58 on Wed Mar 16, 2011 10:40 am; edited 2 times in total


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Luca58
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8285
    Data d'iscrizione : 2009-07-15
    Località : Baracchina bianca

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Luca58 on Wed Mar 16, 2011 10:01 am

    Dragon wrote:Le regole di base, di solito le scrivono... da 15 a 180 watt . sunny

    E secondo te una diffusore rende allo stesso modo con 15 o 180 W? Io diffido di tutti i progettisti che dichiarano che i loro diffusori suonano bene con un range di potenza cosi' grande (ProAc incluso, che dichiara valori minimi di potenza molto bassi). Se poi dichiarano non che suonano bene ma che suonano, cioe' che si sente uscire il suono, allora e' diverso...ma mica lo specificano per scritto.

    Poi spendendo un capitale si puo' in parte compensare, ma il rapporto q/p va a farsi fottere.

    O', secondo me eh?

    Io sto molto attento al rapporto q/p perche' per me l'impianto non e' un fine ma il mezzo per ascoltare la musica; siccome la resa di (quasi) qualunque impianto resta troppo lontana dal live, per me superare certi impegni economici non ha senso.

    In un solo caso, tra tutti quelli che mi sono capitati di ascoltare, ho avuto la sensazione di ricostruzione del live (davvero, non solo mentalmente richiamato come sanno fare le LS3/5a) e cioe' col cdp Maestro SE (credo settato a 44.1 kHz)+integrato Maestro 200 (>300W)+Vienna Beethoven Concert Grand, ma l'ascolto e' stato purtroppo fugace.


    _________________
    Keep your ears honest: Listen to live, unamplified music every week.

    Dragon
    Hi-End Member
    Hi-End Member

    Numero di messaggi : 8562
    Data d'iscrizione : 2008-12-23
    Età : 51
    Località : Pisa (Motociclista)

    Re: dopo qualche ascolto...ho scelto le ProAc D18

    Post  Dragon on Wed Mar 16, 2011 11:53 am

    Luca58 wrote:
    E secondo te una diffusore rende allo stesso modo con 15 o 180 W? Io diffido di tutti i progettisti che dichiarano che i loro diffusori suonano bene con un range di potenza cosi' grande (ProAc incluso, che dichiara valori minimi di potenza molto bassi). Se poi dichiarano non che suonano bene ma che suonano, cioe' che si sente uscire il suono, allora e' diverso...ma mica lo specificano per scritto.

    Io credo che molto dipenda invece da come noi vogliamo e/o ci piace ascoltare. Per cui potrebbe essere che un determitato soggetto possa trovare immensa soddisfazione nell'ascolto un impianto che utilizza la minima potenza dichiarata dal costruttore ed un'altro invece l'opposto. In entrambi i casi non credo possiamo parlare di Live o di ascolto "vero", ma sicuramente di ascolto appagante per ciascuno dei due soggetti.

    Luca58 wrote:
    Poi spendendo un capitale si puo' in parte compensare, ma il rapporto q/p va a farsi fottere.

    O', secondo me eh?

    Verissimo, come in tutte le cose, quando si superano certi parametri, per avere "poco" (che per alcuni può essere tanto, tantissimo o addirittura determinante),bisogna spendere molto; e non pensare al rapporto q/p, altrimenti la miglior cosa potrebbe essere prendere un bel compattone.
    Il discorso torna sempre su un punto: dipende da cosa si vuole, da cosa si può e/o si intende investire.

    Luca58 wrote:
    Io sto molto attento al rapporto q/p perche' per me l'impianto non e' un fine ma il mezzo per ascoltare la musica; siccome la resa di (quasi) qualunque impianto resta troppo lontana dal live, per me superare certi impegni economici non ha senso.

    E' una rispettabile idea, come dicevo prima tutto dipende...

    Luca58 wrote:
    In un solo caso, tra tutti quelli che mi sono capitati di ascoltare, ho avuto la sensazione di ricostruzione del live (davvero, non solo mentalmente richiamato come sanno fare le LS3/5a) e cioe' col cdp Maestro SE (credo settato a 44.1 kHz)+integrato Maestro 200 (>300W)+Vienna Beethoven Concert Grand, ma l'ascolto e' stato purtroppo fugace.

    Bene, allora hai trovato il modo di superare i limiti che ti sei imposto, o meglio hai trovato l'impianto che per te ha una riproduzione veritiera e assimilabile al live. Sei fortunato, ti basta andare da Air e staccare l'assegno, per poter godere della tua musica preferita a go/go. sunny

      Current date/time is Tue Dec 06, 2016 10:53 pm